Connect with us
Matteo Pessina, la sicurezza di Gasperini

La nostra prima pagina

Matteo Pessina, la sicurezza di Gasperini

Pubblicato

:

In casa Atalanta il caso mediatico più chiacchierato di questi ultimi tempi è sicuramente quello della rottura fra l’allenatore Gian Piero Gasperini e il Papu Gomez, capitano della Dea. Rottura che ha portato l’esclusione dell’argentino dalla lista dei convocati delle ultime partite e che ha fatto accendere anche il mercato per assicurarsi il talento del Papu. Ma ad averci guadaganato da questa clamorosa esclusione sono sia l’Atalanta, che ha portato una serie di risulati fra vittorie e pareggi ( ritrovando anche il miglior Josip Ilicic ) e l’allenatore dei nerazzurri, che ha dimostrato che questa scelta ha comunque pagato. Inoltre, un giocatore che sta diventando imprescendibile per i bergamaschi è un ragazzo che piano piano si è guadagnato il posto da titolare. Il calciatore in questione è il trequartista Matteo Pessina.

DALL’ ALLIEVO AL MAESTRO

Agli albori della sua carriera, il giovane Pessina cresce nel vivaio del Monza per poi venire acquistato dal Milan, che però non crederà mai in lui, cedendolo sempre in prestito. Dopo vari prestiti come Lecce, Catania, Como e Spezia, viene ceduto per 1 milione e 650 mila euro all’Atalanta. Dopo un prestito allo Spezia, il centrocampista resta a Bergamo dove trova l’esordio in Serie A e ben 12 presenze nel 2018/2019. Poi si presenta la squadra che lo farà conoscere a tutta l’Italia come uno dei giovani più interessanti del nostro campionato: l’Hellas Verona guidato da Ivan Juric.

( Fonte img: Instagram @hellasveronafc )

Il tecnico croato deve riscattarsi dalle brutte esperienza al Genoa, che hanno sempre portato ad un esonero o ad una non riconferma. Ma a Verona è tutta un’altra storia. Ispirato al suo maestro Gasperini, porta lo stesso modulo e lo stesso modo di giocare dei bergamaschi. Risultati come la vittoria contro la Juventus o grandi prestazioni contro grandi squadre ne sono un esempio e la squadra sfiora comunque l’Europa in una stagione dove l’obbiettivo era quello di salvarsi. Uno dei tanti giocatori del Bel Verona di Juric è proprio Pessina.

“Pessina deve rimanere per forza, non posso immaginare che non ci sia… “

 Ivan Juric sul’addio di Pessina verso l’Atalanta.

( Fonte img: Instagram @pessinamatteo )

Il giocatore si trova perfettamente nei meccanismi di gioco dei veronesi. Segna all’esordio con la maglia dell’Hellas contro il Lecce e a fine campionato il suo bottino personale sarà di 7 reti. E l’ultima rete segnata nelle ultime partite di campionato coi Mastini sarà proprio contro la squadra che lo stava per riaccogliere…

“…Se un giocatore arriva a una grande squadra sono contentissimo per lui, come ad esempio Pessina, che oggi ha segnato. Io poi li sento, è un grande piacere se fanno dei passi avanti nella carriera. “

LA SORPRESA A BERGAMO

Matteo torna alla base, ma sa che nell’Atalanta bisogna sudare e lavorare sodo per guadagnarsi un posto nella formazione di Gasperini. Gomez, Ilicic, Pasalic, Malinovskyi e il nuovo acquisto Alksey Miranchuk dalla Lokomotiv Mosca si giocheranno un posto per la trequarti campo, anche se il classe ’97 può comunque ricoprire il ruolo di centrocampista centrale nel 3-4-2-1 designato dall’allenatore. Il suo esordio non arriva in campionato ma nella sfida di Champions contro il Midtjylland, subentrando al minuto 80. Complice un infortunio al ginocchio è costretto a saltare le prime cinque partite di campionato e l’esordio arriva contro il Crotone, solo al minuto 89. E’ chiaro che la strada è complicata ma il ragazzo ne è consapevole.

( Fonte img: Instagram @pessinamatteo )

Dopo la sfida contro l’Inter dove il trequartista subentra ancora una volta dalla panchina, la presenza di Pessina in campo con l’Atalanta risulta quasi perenne, tranne che contro l’ex squadra, l’Hellas, che andrà a vincere in casa della Dea. La svolta arriva anche grazie alla questione del Papu Gomez, come detto in precedenza messo ai margini da Gasperini che si affida invece al numero 32. E il gol non tarda a venire. Nella strabiliante partita vinta per 5-1 a contro il Sassuolo di De Zerbi, segna la sua prima rete con la casacca nerazzurra. Per il ragazzo è una grande conquista. Dopo anni di incertezza sa che adesso ha una squadra fissa ed un allenatore che crede in lui.

“È un giocatore molto utile. Si sta adattando bene, aiuta molto la squadra. Con lui abbiamo trovato il giusto equilibrio. Pessina ha ottime capacità e l’anno con Juric è stato determinante per fargli trovare sicurezza e continuità. E’ anche molto duttile, per affinarlo è stato fatto un grande lavoro nella sua stagione in prestito”.

Gian Piero Gasperini

Si può dire, infatti, che l’Atalanta ha trovato il suo sostituto in casa, senza guardare da altre parti ed il suo nome è Matteo Pessina.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Pioli cambia volto al Milan: c’è la svolta tattica!

Pubblicato

:

Pioli

In vista del derby di domani sera, il tecnico del MilanStefano Pioli, potrebbe cercare di sorprendere l’Inter schierandosi con una disposizione tattica inedita.

Sky Sport, riporta della possibilità di vedere una difesa a tre composta da KaluluKjaer Gabbia. Centrocampo folto con Calabria sulla fascia di destra, Theo Hernandez su quella di sinistra, mezze ali Messias Krunic, mentre come play ci sarà quasi certamente Tonali. Davanti coppia Giroud-Origi, con il belga volenteroso di ripetersi dopo il grande gol realizzato contro il Sassuolo. Tra i pali confermato, ancora una volta, Tatarusanu.

Milan (3-5-2): Tatarusanu; Kalulu, Kjaer, Gabbia; Calabria, Messias, Tonali, Krunic, Theo Hernandez; Giroud, Origi. All. Pioli.

 

Continua a leggere

Flash News

Dionisi: “Siamo stati bravi e fortunati. Il rosso? Tacchetto sulla tibia è espulsione”

Pubblicato

:

Dionisi

Ai microfoni di DAZN, le parole di Alessio Dionisi, allenatore del Sassuolo, che ha manifestato tutta la sua gioia dopo la vittoria sull’Atalanta:

LA RINASCITA DEL SASSUOLO – La medicina del Sassuolo è il gruppo, la motivazione, lo spirito, la corsa, e poi la qualità. Perché di quella ne abbiamo, ma la mettiamo spesso al primo posto e non ce lo possiamo permettere per gli obiettivi che abbiamo. Ormai nessuna squadra può pensare di vincere le partite con la sola qualità. Oggi, come nella partita precedente, i ragazzi sono stati premiati perché non è un caso che l’episodio va a nostro favore piuttosto che contro“. 

L’OBIETTIVO DEL SASSUOLO E L’ANALISI DELLA PARTITA – “A me vincere contro le big non interessa. A me interessa di più far punti. Baratterei una vittoria a San Siro con 6 punti, invece che 3. Poi magari non sono tutti d’accordo, ma alla fine si guardano i risultati e la classifica. Nella scorsa partita siamo stati bravi e fortunati negli episodi, oggi nella partita abbiamo messo tutto quello che serviva. Nel primo tempo stavamo facendo bene, poi ad un certo punto abbiamo rallentato. Nel secondo tempo l’abbiamo gestita noi. I ragazzi sono stati veramente bravi“.

LA CHIAVE DELLA VITTORIA CONTRO L’ATALANTA – Non è facile motivare i ragazzi a Sassuolo se non hanno motivazioni intrinseche. Recuperare i giocatori più importanti è fondamentale per alzare il livello. Poi non sempre riusciremo a vincere contro squadre forti come l’Atalanta. Siamo stati agevolati dalla superiorità numerica“.

TRESSOLDI E IL RESTO DEL GRUPPO – Tressoldi ha qualità diverse e importanti rispetto agli altri. Sono contento di lui e di tutti i giocatori che ho a disposizione“.

ESPULSIONE A MAEHLE – Il rosso? Tacchetto sulla tibia è espulsione. C’è poco da dire. Secondo me è poco commentabile“.

BERARDI – Berardi inizia a star bene. Quando un giocatore sta fuori quattro mesi non è facile acquisire continuità di prestazioni. Domenico è indiscutibile, potrebbe stare benissimo in qualsiasi squadra“.

Continua a leggere

Flash News

L’Inter può diventare americana: l’indiscrezione

Pubblicato

:

In un momento di grande difficoltà per il calcio italiano, soprattutto dal punto di vista economico, l’Inter potrebbe aver trovato dei nuovi investitori. Come riporta il quotidiano La Stampa, infatti, ci sarebbe un fondo dagli Stati Uniti che vorrebbe entrare in società.

Tale situazione potrebbe essere molto gradita all’attuale presidente Steven Zhang che vede avvicinarsi sempre più la scadenza del rifinanziamento del debito con Oaktree (2024).

Tuttavia, per ora si tratta solo di voci, si vedrà nelle prossime ore se qualcosa si concretizzerà o meno.

Continua a leggere

Flash News

Sassuolo-Atalanta 1-0, le pagelle: l’ingenuità di Maehle costa caro alla Dea

Pubblicato

:

Il Sassuolo batte l’Atalanta 1-0 e sale a 23 punti in classifica. Dopo il trionfo di “San Siro”, dunque, i neroverdi battono un’altra big e prendono le distanze dalle zone calde della classifica. A decidere la gara è Laurienté, autore del gol-vittoria con un pregevole destro a giro imprendibile per Musso. Da segnalare l’espulsione diretta di Maehle al 30′, decretata da Marcenaro dopo un consulto al VAR, per un pericoloso fallo su Berardi: in inferiorità numerica i nerazzurri faticano a creare occasioni pericolose. Il Sassuolo regge bene e, anzi, in un paio di circostanze va anche vicino alla rete del raddoppio: il castello neroverde regge anche nei minuti di recupero, all’ultimo arrembraggio dell’Atalanta. Con questa vittoria la squadra di Dionisi sale a 23 punti in classifica, i bergamaschi restano a 38.

LE PAGELLE DEL SASSUOLO

Consigli 6: nel primo tempo non viene mai interpellato dal reparto offensivo dell’Atalanta. Rischia su due retropassaggi horror di Rogerio, rimediando in fallo laterale. Nella seconda frazione risponde presente sul tentativo di Koopmeiners da palla inattiva.

Zortea 6: dal suo piede nasce l’occasione di Defrel dopo pochi minuti. Attento in fase difensiva, potrebbe spingere di più sul suo lato.

Erlic 6: contiene alla grande gli spunti nello stretto di Lookman. Quando Hojlund ha campo diventa difficile fermarlo: talvolta l’ex Spezia rimedia con interventi rudi, ma efficaci.

Tressoldi 6: il duello con Hojlund è intrigante: il difensore nonostante le difficoltà non molla mai la presa.

Rogerio 5.5: rischia di combinare due pasticci nel giro di pochi minuti, con due palloni velenosi verso Consigli che Hojlund per poco non intercetta. Prende un giallo evitabile per un ingenuo fallo di mano. Sostituito da Dionisi all’intervallo. (dal 46′ Marchizza 6: tocca pochissimi palloni. In fase di non possesso, argina bene l’ex di turno Boga.

Frattesi 6.5: in mezzo al campo De Roon e Koopmeiners faticano a contenerlo. Va vicino al gol nel secondo tempo, ma Djimsiti si immola sul suo tiro.

Obiang 6: si sente la sua presenza in mezzo al campo. Fa valere il suo fisico nei duelli (dall’87’ Harroui s.V.).

Berardi 6.5: dai suoi piedi passano tutte le azioni del Sassuolo. Il 10 neroverde inventa e crea: va vicino al gol in più situazioni. Ispirato.

Henrique 6: l’intesa con Berardi sembra buona. Da uno scambio tra i due arriva il tiro del brasiliano, che però non sorprende Musso sul suo palo. Si muove molto, svariando da un fronte all’altro. (dal 67′ Bajrami 5.5: va vicino al gol al 73′ ma Scalvini gli nega la prima gioia in neroverde. All’82’ potrebbe chiudere la partita, ma si fa ipnotizzare da Musso).

Laurienté 7: isolato per buona parte di gara, si accende in un attimo nel secondo tempo. Al 55′ riceve da posizione defilata, punta Hateboer e fa partire un destro imprendibile per Musso. In contropiede serve a Bajrami un palloone delizioso sulla corsa, che l’ex Empoli spreca (dall’87’ Thorstvedt s.V.).

Defrel 6: cerca di disorientare Toloi e Djimsiti muovendosi su tutto il fronte d’attacco. Spende intelligentemente un cartellino giallo, fermando Boga in ripartenza. (dal 77′ Alvarez s.V.)

Dionisi 6.5: dopo aver sbancato “San Siro” con 5 gol realizzati, la sua squadra batte un’altra big ottenendo tre punti fondamentali per la classifica. I cambi del tecnico sono giusti: l’Atalanta, complice l’inferiorità numerica, fatica a fare male alla porta di Consigli.

LE PAGELLE DELL’ATALANTA

Musso 6.5: nel primo tempo si fa trovare pronto sui tentativi di Defrel ed Henrique. Non può nulla sul gol di Laurienté, reattivo nell’uno contro uno con Bajrami. Tiene in vita la Dea fino all’ultimo.

Toloi 6: ruvido nei duelli corpo a corpo, il difensore respinge di testa vari cross di Berardi.

Djimsiti 6: suo il compito di marcare Defrel. Il centravanti non è particolarmente pericoloso e l’albanese copre bene gli spazi.

Scalvini 6: oggi Berardi è in formissima, e il classe 2003 ne risente. In fase di possesso palla è sempre pulito e ordinato. Ha il merito di salvare quasi sulla linea un tiro a botta sicura di Bajrami.

Hateboer 5.5: la sua spinta sul lato destro è del tutto assente o quasi, anche prima dell’espulsione di Maehle. Concede il tiro di destro a Laurienté: l’esterno ringrazia e colpisce la Dea. (dal 66′ Pasalic 6: aumenta la velocità della manovra dell’Atalanta).

De Roon 6: combatte contro il reparto offensivo del Sassuolo. Dopo il cartellino rosso è, di fatto, un difensore aggiunto.

Ederson 6: la sua presezna in mezzo al campo dà respiro alla manovra nerazzurra. Viene sostituito al 30′ dopo l’espulsione di Maehle. (dal 31′ Ruggeri 5.5: ingresso difficile per l’ex Salernitana. Riceve pochissimi palloni che non sempre gestisce bene. Gasperini lo sostituisce a 10 minuti dalla fine. Dall’80’ Muriel s.V.)

Maehle 5: si fa espellere alla mezz’ora, lasciando i suoi in dieci uomini. L’intervento su Berardi è in ritardo e pericoloso: giusta la decisione di Marcenaro di estrarre il cartellino rosso.

Koopmeiners 5.5: il centrocampista olandese va in affanno sugli inserimenti di Frattesi. Impegna Consigli da calcio di punizione.

Lookman 5.5: oggi fa fatica a ingranare. I difensori del Sassuolo riescono spesso ad anticiparlo, negandogli gli spazi per attaccare la profondità. Gasperini lo sostituisce dopo 45′. (dal 46′ Boga 5.5: le azioni dell’Atalanta si sviluppano spesso da sinistra, mentre lui da subentrato copre l’altro lato del campo. Sbaglia qualche scelta di troppo).

Hojlund 6: partita di sacrificio dell’attaccante danese. Si abbassa per ricevere il pallone, specialmente dopo l’espulsione di Maehle. (dal 66′ Zapata 6: fa a sportellate con i due difensori del Sassuolo, portando a casa qualche palla inattiva).

Gasperini 5.5: costretto a cambiare modulo in corsa, opta per Ruggeri al posto di Ederson. Ma a dieci minuti dalla fine, torna sui suoi passi e sostituisce il terzino. Oggi la sua Dea paga caro l’intervento scellerato di Maehle: l’inferiorità numerica mette i nerazzurri in seria difficoltà. Prova a riequilibrarla con i cambi, che però non danno la giusta scossa al resto della squadra: l’Atalanta perde a Reggio Emilia dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969