Connect with us
Matthew "Le God" Le Tissier: il magnifico Diez dimenticato

Alla Ricerca del Diez

Matthew “Le God” Le Tissier: il magnifico Diez dimenticato

Pubblicato

:

 

L’ideale supremo di tutti gli artisti dovrebbe essere: diventare anonimi

La frase appartiene alla penna di Massimo Bontempelli, uno dei principali esponenti del realismo magico in Italia. Un nome piuttosto raro nei libri di letteratura del liceo, ma il cui pensiero è fondamentale per introdurre uno dei Diez più talentuosi degli ultimi 30 anni.

L’anonimato come stile di vita, il genio assoluto, la magia che incontra l’amore sconfinato per il pallone, l’irresistibile richiamo verso il nido, Southampton, senza la necessità di migrare altrove. Matthew “Le God” Le Tissier è stato questo e tanto altro. Un fenomeno improvviso, un regalo divino mai apprezzato pienamente, una manna celeste rimasta fedele ai Saints nonostante il richiamo di lidi più blasonati.

 

BENVENUTI NELLA CASA DI DIO

“Benvenuti nella casa di Dio”. Un cartello al di fuori del The Dell, la storica casa del Southampton prima che venisse sostituita dall’attuale St Mary’s Stadium, accoglieva con queste parole i tifosi biancorossi. Una religione cittadina, con un luogo di culto e un Dio da venerare. Le God è stato per la città dell’Hampshire un sogno avverato, una possibilità di redenzione e una continua dimostrazione di cosa significhi fare arte applicata al gioco del calcio.

Non ha mai vinto un trofeo, alzato coppe o trofei individuali. Paradossalmente, ha collezionato appena otto presenze in nazionale, subentrando cinque volte e senza mai partecipare a Mondiali o Europei. Ha vissuto nell’oblio, sinonimo di libertà, respirata ogni volta che gli scarpini calpestavano il terreno di gioco.

Fonte: Dailyecho

Matthew Le Tissier nasce nell’Isola di Guernsey, a Saint Peter Port, il 14 ottobre 1968. Un lembo di terra circondate dalle acque del Canale della Manica, davanti alle coste francesi, sotto il controllo della Corona Britannica. Come si evince dal cognome, le origini sono franco-normanne. Gli ingredienti per una storia assurda, unica e irripetibile ci sono tutti.

L’approccio di Matthew allo sport è con il cricket. Presto, però, si rende conto che il fascino del cuoio è irresistibile. Innamorarsi del pallone è facile, fare innamorare il pallone di lui, ancora di più. Nel 1981, durante un camp alla Saints Soccer School, il suo talento viene notato dall’Oxford United. Il provino, tutto sommato, non convince i dirigenti e Matt rimane sull’isola. Nel maggio 1985, finalmente, la chiamata della vita. Il Southampton decide di puntare su quel ragazzino poco aggraziato e morbido nelle forme.

 

DESTINAZIONE SOUTHAMPTON

Fonte: The Guardian

Il Southampton non ha vinto quasi nulla nella sua storia, eccezion fatta per la F.A. Cup del 1976. Tante promozioni, salvezze, retrocessioni e buoni piazzamenti. I tifosi, assiepati sulle storiche tribune del The Dell, hanno avuto pochi momenti di ebbrezza calcistica. L’arrivo di Le God cambia tutto, provocando un terremoto epocale. La bacheca dei Saints rimane intatta, ma le emozioni aumentano esponenzialmente, la goduria si moltiplica e il ricordo delle gesta del ragazzo sbarcato dall’isola sopravvivranno al tempo.

Per certificare il suo status di futuro monumento basta poco. L’esordio è datato 4 novembre 1986. La partita, di Coppa di Lega, è contro il Manchester United, a Old Trafford. Le Tissier firma una doppietta nel 4-1 finale, inaugurando la sua leggenda in biancorosso. Nonostante l’inizio folgorante, Matthew non gioca con continuità. I suoi 18 anni spingono Chris Nicoll, manager della squadra, a utilizzarlo a spizzichi e bocconi. Il campo lo vede poco, raramente. Le opportunità, però, le capitalizza nel miglior modo possibile. Il 7 marzo 1987 è il giorno in cui sceglie di gridare al mondo del calcio d’oltremanica il proprio nome, realizzando la sua prima tripletta in un 4-0 inflitto al Leicester City.

Fonte: Footyfair

La consacrazione è vicina. Il 1989/90 è la stagione del volo definitivo. Venti reti totali in stagione e premio di PFA Young Player of The Year, miglior giovane giocatore dell’anno. Le grandi squadre d’Inghilterra iniziano a fare la corte al ragazzo di Saint Peter Port. La prima a presentarsi alle porte del The Dell è il Liverpool. Le God dice no, rifiutando per la prima volta le avance di una super potenza. Southampton è casa sua e da lì non vuole muoversi.

 

ARTE APPLICATA AL CALCIO

La stagione 1991/91 è transitoria. Un ponte che collega la vetusta First Division alla nascente Premiership. I Saints cambiano allenatore, Jan Branfoot, e Le Tissier vede la propria posizione di star indiscussa indebolirsi. I risultati sono deludenti, salvati parzialmente dalla finale di Coppa di Lega raggiunta e persa per mano del Nottingham Forest. L’annata successiva, la prima della nuova divisione, è ricordata per un fatto curioso, unico e irripetibile. Non è retorica, bensì verità.

Il 24 marzo 1993 a Southampton arriva il Forest. Una partita come le altre, un normale incontro di un mercoledì sera qualunque. Calcio di rigore, sul dischetto si presenta Le Tissier. Mark Crossley, estremo difensore del Nottingham, si tuffa alla sua destra e intercetta il pallone. Il The Dell ammutolisce, è incredulo. Le God ha appena sbagliato il primo rigore della sua carriera. Incredibilmente, sarà anche l’unico. A fine carriera ne avrà segnati 48 su 49.

Fonte: Calciovecchio

Il 1994/95 è la stagione che lo rende immortale. Segna trenta volte tra campionato e coppa. Le reti sono tutte, o quasi, di una bellezza abbacinante. Trova la via della porta con una facilità estrema, fuori dal comune, da ogni posizione e nei modi più incredibili.

L’emblema è il gol con cui, il 9 dicembre 1994, punisce il Blackburn di Alan Shearer, campione d’Inghilterra a fine maggio. Matthew, partito da centrocampo, salta due avversari, inebriandoli con un dribbling maestoso e concludendo con un tiro da oltre trenta metri che si infila sotto l’incrocio dei pali. Il gol viene premiato come migliore della stagione.

 

IMMORTALITÀ

Gli anni passano, gli acciacchi aumentano e la parabola di Le God inizia a conoscere la fase discendente. La magia e il prodigio, fortunatamente, non scemano, regalando ancora momenti di estasi calcistica, come quando, il 26 ottobre 1996, segna con un pallonetto da fuori area contro lo United.

L’apoteosi, l’attimo esatto in cui Matthew Le Tissier si consegna ai posteri, innalzandosi a un livello celestiale, irraggiungibile per gli altri, è in un pomeriggio del 19 maggio 2001. Il campionato è giunto al termine, manca una sola partita. Il Southampton sta giocando per l’ultima volta tra le mura del The Dell, che presto sarà abbattutto. Il risultato è fermo sul 2-2, Le Tissier è in panchina.

Fonte: Premier League

A pochi minuti dal termine, finalmente, Stuart Gray, subentrato in panchina a Glen Hoddle, lo butta nella mischia. Non ha ancora segnato in campionato, ha giocato appena sette partite. Il 90′ scocca e la storia si scrive da sola, in maniera automatica. Su rinvio del portiere, il pallone finisce nell’area di rigore dell’Arsenal, rotolando tra i piedi di Le Tissier. Le God controlla di destro, si gira e calcia di contro balzo con il sinistro. Pallone sotto l’incrocio e stadio in delirio. Chi altro avrebbe potuto dire addio alla casa di un popolo follemente innamorato di quei colori? Solo lui, il proprietario.

Matthew Le Tissier è stata una manifestazione improvvisa, un inno alla bellezza calcistica, un rivoluzionario che ha fatto del talento cristallino l’arma prediletta. Un Don Chisciotte contemporaneo, visionario, consapevole di vedere un mondo diverso, percepito solo parzialmente dagli altri. Un fenomeno anonimo, dimenticato, ma presente negli occhi e nel cuore di chi ne ha apprezzato le gesta.

Fonte: giocopulito

Fonte immagine in evidenza: Esquire

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Alla Ricerca del Diez

I 5 migliori marcatori U21 della Serie A nel 2023

Pubblicato

:

zirkzee

I 5 MIGLIORI MARCATORI U21 DELLA SERIE A NEL 2023 – Il 2023 è stato un altro anno in cui la Serie A ha scoperto nuovi talenti, che si sono messi in mostra nel nostro campionato. I nomi sono tanti: dall’MVP Khvicha Kvaratskhelia, passando per tutta la leggiadria mostrata da Joshua Zirkzee, senza dimenticare Rasmus Højlund, ora al Manchester United. Se dovessimo tirare le somme dell’anno 2023 in Italia, chi sarebbero i migliori marcatori under 21 della Serie A nell’anno solare?

I 5 MIGLIORI MARCATORI U21 DELLA SERIE A NEL 2023 – KHVICHA KVARATSKHELIA

L’MVP dell’ultima Serie A ha avuto un impatto straripante sul nostro campionato, contribuendo attivamente alla stagione strepitosa del Napoli di Spalletti. Bisogna considerare che nella seconda parte della scorsa annata ha fatto fatica, e i numeri sono calati notevolmente, ma nonostante questo il georgiano è l’U21 (nato a febbraio 2001) che ha segnato di più nel 2023 in Serie A. Sono ben 11 le reti messe a segno da gennaio fino a questo momento, cinque solo nella stagione attuale. Kvaratskhelia è stato un colpo di mercato incredibile da parte del Napoli, che in estate ha deciso di tenerlo per provare il back-to-back, traguardo che al momento appare abbastanza lontano.

I 5 MIGLIORI MARCATORI U21 DELLA SERIE A NEL 2023 – RASMUS HØJLUND

Parliamo adesso di chi ha lasciato la Serie A, ovvero Rasmus Højlund. Il centravanti danese si è trasferito a Manchester, sponda United, per una cifra che supera i 70 milioni di euro. I Red Devils hanno deciso di puntare su di lui dopo una seconda parte di stagione stellare con la maglia dell’Atalanta. Nel 2023 con la Dea, Højlund ha segnato 8 reti in A, un ottimo dato se si considera i sei mesi giocati in maglia nerazzurra. In questa stagione ha segnato appena una rete in Premier League, nel Boxing Day, ma è attualmente il capocannoniere della Champions League, nonostante lo United sia già fuori dalla competizione. L’Atalanta è comunque riuscita a sostituirlo con diversi acquisti, ma il giocatore ammirato nella prima parte di 2023 è senza dubbio un calciatore già di livello mondiale, ma con ampi margini di miglioramento.

I 5 MIGLIORI MARCATORI U21 DELLA SERIE A NEL 2023 – JOSHUA ZIRKZEE

Zirkzee è un giocatore che ha sorpreso un po’ tutti. Nella passata stagione aveva mostrato diversi lampi del suo talento, ma il dato sui gol messi a segno nel 2023 mostrava una sola rete. Nella seconda parte del 2023, ovvero nella stagione attuale, sono già 7 i gol del gigante olandese. Nell’anno solare sono dunque 8 in tutto, ma per capire l’impatto di Zirkzee è necessario andare anche oltre i gol. Parliamo di un centravanti di oltre 1,90 m, che gioca il pallone come un trequartista e che delizia il Dall’Ara con giocate fuori dal comune per un calciatore di questa stazza. I gol messi a referto in questo anno solare sono senza dubbio destinati ad aumentare già in vista della fine di questo campionato, che vede il Bologna nei primi quattro posti della classifica.

I 5 MIGLIORI MARCATORI U21 DELLA SERIE A NEL 2023 – MATIAS SOULÉ

Classe 2003, argentino, mancino, non ha ormai più bisogno di presentazioni. Dopo aver trovato la sua prima rete in Serie A il 12 marzo contro la Sampdoria, Matias Soulé è stato mandato in prestito dalla Juventus al Frosinone. L’esplosione del ragazzo di Mar del Plata è sotto gli occhi di tutti, dato che in questa stagione sono già 7 le reti messe a segno. Un talento cristallino che con tutta probabilità la Juventus riporterà a casa già nella prossima stagione, sperando magari che possa continuare a offrire prestazioni di questo livello anche all’inizio del 2024.

I 5 MIGLIORI MARCATORI U21 DELLA SERIE A NEL 2023 – LORENZO COLOMBO

Meno considerato magari rispetto agli altri citati in questa lista, Lorenzo Colombo si è ritagliato uno spazio importante in questa classifica. L’attaccante di proprietà del Milan ha giocato con due squadre diverse (Lecce e Monza), ma con entrambe è riuscito a incidere. Sono 5 i gol di Colombo nell’anno solare 2023 (3 con il Lecce e 2 con i brianzoli), ma i tifosi salentini se ne ricorderanno bene uno in particolare. Il 28 maggio Colombo ha segnato il gol decisivo per la salvezza del Lecce, proprio sul campo del Monza, trasformando un rigore al 101′. Una rete che è rimasta ancora oggi nel cuore dei tifosi giallorossi, che ha permesso all’attaccante classe 2002 di scrivere una piccola pagina di storia del club.

 

Continua a leggere

Alla Ricerca del Diez

10 giovani da tenere d’occhio in Bundesliga nel 2024

Pubblicato

:

Chi è Bynoe-Gittens

10 GIOVANI DA TENERE D’OCCHIO IN BUNDESLIGA NEL 2024 – La Bundesliga è da sempre un campionato che sforna talenti cristallini per il calcio europeo e anche in questa stagione sono diversi i calciatori che si sono messi in mostra. Oggi andremo a vedere quali sono i 10 giovani principali su cui porre la propria attenzione in vista del 2024, con alcune sorprese.

10 GIOVANI DA TENERE D’OCCHIO IN BUNDESLIGA – JAMIE BYNOE-GITTENS

L’esterno inglese del Borussia Dortmund è probabilmente tra i talenti più puri del calcio tedesco e sta progressivamente trovando continuità con la maglia giallonera. Bynoe-Gittens è il sostituto naturale di Sancho, ora in enorme difficoltà al Manchester United, e sta provando a seguire le sue orme in Germania. Esterno d’attacco classe 2004 dotato di ottimo dribbling e grande velocità. Un gol e un assist in questo inizio di Bundesliga, ma anche una rete, la prima della sua carriera, in Champions League.

10 GIOVANI DA TENERE D’OCCHIO IN BUNDESLIGA – FARÈS CHAÏBI

Parliamo di un trequartista classe 2002 nato in Francia ma di nazionalità algerina, cresciuto nel settore giovanile del Tolosa. Ora Chaïbi gioca all’Eintracht Francoforte ed è diventato un punto fermo della squadra. Un gol in campionato, contro il Borussia Dortmund, e uno anche in Conference League, decisivo contro l’HJK Helsinki. Quello che stupisce però è la capacità di servire i compagni: parliamo di un giocatore che ha già raggiunto quota 8 assist tra Bundesliga e Conference League, un dato che dimostra tutto il suo potenziale.

10 GIOVANI DA TENERE D’OCCHIO IN BUNDESLIGA – GRANT-LEON RANOS

Il Borussia Mönchengladbach l’ha prelevato dalle giovanili del Bayern Monaco in estate e Ranos sta piano piano guadagnando minuti in Bundesliga. Punta centrale di 1,80 m dall’ottimo potenziale, destinato ad una seconda parte di stagione importante. Il 2003 armeno ha segnato due reti con la seconda squadra del Borussia Mönchengladbach e con la prima squadra ha trovato il suo primo gol in DFB Pokal contro il TuS Bersenbrück.

10 GIOVANI DA TENERE D’OCCHIO IN BUNDESLIGA – FABIO CHIARODIA

Un altro giocatore del Borussia Mönchengladbach, ma questa volta parliamo di un difensore centrale italiano. Chiarodia è ancora giovanissimo (2005) ma sta macinando minuti con la maglia della prima squadra e il 2024 potrebbe veramente essere il suo anno. Centrale di 1,86 m che può giocare anche da terzino o da mediano, che è diventato già un punto fermo della Nazionale Under 19. Chiarodia va tenuto d’occhio, e potrebbe diventare titolare anche nel Borussia Mönchengladbach entro la fine della stagione.

10 GIOVANI DA TENERE D’OCCHIO IN BUNDESLIGA – TOM BISCHOF

Tom Bischof è un trequartista tedesco del 2005 che si sta mettendo in mostra con la maglia dell’Hoffenheim. 8 presenze in Bundesliga da inizio stagione e un assist messo a referto. Per dimostrare la sua leadership, Bischof è già il capitano della Germania Under 19, con la quale ha segnato 5 gol in 7 presenze. Un potenziale altissimo per il centrocampista offensivo tedesco, che si prepara a prendere in mano l’Hoffenheim e provare a portarlo in Europa, dato che si trova al settimo posto in classifica in questo momento.

10 GIOVANI DA TENERE D’OCCHIO IN BUNDESLIGA – NOAH MBAMBA

In questo caso parliamo di una scommessa, perché Noah Mbamba gioca nella squadra che sta sorprendendo un po’ tutti. Il Bayer Leverkusen è probabilmente una delle squadre che gioca meglio in Europa e per questo motivo farà fatica a trovare minutaggio nella seconda parte di stagione, quando si entrerà nel vivo. Mbamba ha giocato appena due spezzoni in Bundesliga, ma ha segnato anche la sua prima rete con la prima squadra in Europa League, contro il Molde. Il mediano classe 2005 proverà a convincere Xabi Alonso in allenamento, e magari mettendosi in mostra nelle giovanili, dato che ha tutte le carte in regola per giocare nel Leverkusen.

10 GIOVANI DA TENERE D’OCCHIO IN BUNDESLIGA – CASTELLO LUKEBA

Castello Lukeba è già una certezza di una delle squadre più forti di Germania, il Lipsia. Il club Red Bull l’ha acquistato dal Lione in estate e da quel momento è sempre stato titolare. Un gol contro il Bayern Monaco e prestazioni di livello altissimo per il roccioso centrale francese. Il 2024 dovrà essere l’anno della conferma, e poi magari potrebbe arrivare l’occasione in un club ancora più grande. Il percorso potrebbe ricordare quello di un altro grande difensore francese come Upamecano e magari se le sue prestazioni dovessero mantenersi su questo livello, una big europea potrebbe bussare alla porta del Lipsia.

10 GIOVANI DA TENERE D’OCCHIO IN BUNDESLIGA – UMUT TOHUMCU

Il secondo centrocampista dell’Hoffenheim in questo approfondimento, ma questa volta parliamo di un 2004 di origini turche. Tohumcu ha saltato la preparazione estiva a causa di un problema alla caviglia, ma sta tornando in condizione e nelle ultime settimane sta ritrovando la continuità che sperava. Nell’anno nuovo ci si aspetta che diventi un punto fermo del centrocampo dell’Hoffenheim, che in questa stagione ha anche ambizioni europee.

10 GIOVANI DA TENERE D’OCCHIO IN BUNDESLIGA – EREN DINKÇI

Una delle sorprese di questa prima parte di stagione è senza dubbio Eren Dinkçi, ala offensiva dell’Heidenheim. Un impatto sorprendente sul campionato tedesco, con 6 gol in 15 presenze con la maglia rossoblù. Parliamo di un 2001, arrivato in prestito dal Werder Brema, che sta dimostrando tutto il suo talento in un club che ha senza dubbio meno pressioni. Il prossimo anno tornerà alla base e bisognerà capire se resterà o se una squadra più importante farà un tentativo. Intanto però l’Heidenheim se lo gode, come dimostra la posizione di classifica (nono posto).

10 GIOVANI DA TENERE D’OCCHIO IN BUNDESLIGA – MENZIONE D’ONORE – XAVI SIMONS

Per chiudere, una certezza, ma che ne ha dovuta fare di strada per arrivare fino a qui. Xavi Simons è sotto i riflettori di tutto il mondo fin da quando è bambino, e dopo l’arrivo al PSG il suo nome sembrava destinato a scomparire progressivamente dal mondo del calcio. L’anno in prestito al PSV ha però cambiato le carte in tavola: una stagione straripante, in cui è esploso definitivamente. In estate era tornato a Parigi, ma il desiderio di giocare l’ha portato in Germania, al Lipsia. C’erano molti dubbi sul suo rendimento in un campionato molto più complesso, ma il fantasista olandese ha risposto ancora una volta presente. 4 gol e 7 assist in Bundesliga, con anche due reti in Champions League. Questo è il bottino di Xavi Simons dopo la prima parte di stagione, e nella seconda parte è lecito aspettarsi un ulteriore miglioramento, perché stiamo parlando di un giocatore di appena 20 anni.

Continua a leggere

Alla Ricerca del Diez

Chi è Lewis Miley, il 2006 che ha segnato con il Newcastle

Pubblicato

:

newcastle

CHI È LEWIS MILEY, IL 2006 CHE HA SEGNATO CON IL NEWCASTLE – La settimana scorsa, Jack Hinshelwood è diventato il marcatore più giovane nella stagione attuale di Premier League. Dopo appena dieci giorni, il record è stato battuto: ci ha pensato Lewis Miley del Newcastle. Il centrocampista classe 2006 ha trovato la sua prima rete in carriera in Premier League nella partita contro il Fulham, diventando il più giovane marcatore nella storia del campionato inglese da Federico Macheda.

CHI È LEWIS MILEY – LE CARATTERISTICHE TECNICHE E LA CARRIERA

Lewis Miley è un centrocampista classe 2006, alto 1,88, che si prepara a diventare un pilastro del Newcastle già in questa stagione. Miley ha esordito in Premier League nell’ultima giornata dello scorso campionato contro il Chelsea, e da quel momento è entrato nel giro della prima squadra. Quella contro il Fulham è stata la prima rete in Premier League e sicuramente non sarà l’ultima. La squalifica di Tonali ha permesso a Howe di promuoverlo sempre di più in prima squadra, e non la lascerà più. Cinque partite da titolare nelle ultime sei di Premier League, con un gol e un assist a referto per lui dovrebbero farci capire tutte le sue potenzialità. Al Newcastle da quando ha appena sette anni, Miley ha anche già esordito in Champions League nella sfida del 7 novembre contro il Borussia Dortmund.

CHI È LEWIS MILEY – LA PARTITA CONTRO IL MILAN

Lewis Miley è stato tra i protagonisti della partita contro il Milan. Il giovane centrocampista ha infatti messo a referto un assist, per la rete di Joelinton. Con il passaggio vincente, Miley è diventato il più giovane assistman inglese nella storia della Champions League. Una vera e propria rivelazione quella del 2006, di cui sentiremo sicuramente parlare in futuro ma anche nel presente.

 

Continua a leggere

Alla Ricerca del Diez

Chi è Jusef Erabi, l’attaccante classe 2003 seguito dal Genoa

Pubblicato

:

Chi è Jusef Erabi

CHI È JUSEF ERABI, IL RAGAZZO SEGUITO DAL GENOA – Il Genoa è pronta a continuare sulla via della linea verde. Proprio in quest’ottica va visto l’interessamento del Grifone per Jusef Erabi, giovane attaccante classe 2003.

CHI È JUSEF ERABI: CARRIERA

Nato a Stoccolma l’8 giugno 2003, Jusuf Erabi è un attaccante svedese classe 2003. Attualmente milita in Allsvenskan con la maglia dell’Hammarby. Questa è stata anche la squadra in cui è cresciuto sin dalle giovanili. Prima di arrivare in prima squadra infatti ha fatto tutta la trafila delle giovanili riuscendo a mostrare a tutti il suo talento.

L’esordio nella massima serie del calcio svedese è arrivato nel 2021, all’età di 18 anni, nel match contro l’Elfsborg. L’exploit, invece, c’è stato nella scorsa stagione, quando ha realizzato 11 reti e un assist tra campionato e coppa in 29 presenze. Al momento, invece, il campionato svedese ancora non è iniziato ma in questa stagione Erabi ha già segnato una rete nel secondo turno dei preliminari di Conference League contro il Twente.

CHI È JUSEF ERABI: NAZIONALE

In nazionale, invece, ha militato fino all’Under 21. L’esordio in questa categoria è arrivato lo scorso 19 giugno contro Gibilterra, match in cui ha realizzato anche la sua prima e unica rete finora. Ultimamente non è stato convocato dalla Svezia a causa di un infortunio al piede che lo terrà fuori fino a fine anno.

CHI È JUSEF ERABI: CARATTERISTICHE TECNICHE

Alto 183 cm, Erabi gode di buone doti tecniche, caratteristica essenziale per una prima punta come lui, che grazie a quanto fatto finora ha attirato su di sé i riflettori di vari club.

CHI È JUSEF ERABI: L’INTERESSAMENTO DEL GENOA

Secondo quanto riportato da Fabrizio Romano, il Genoa ha aperto i colloqui con l’Hammarby per Jusef Erabi. Al momento la sua valutazione si aggira intorno ai due milioni di euro e ciò lo rende un profilo molto appetibile. Infatti, è seguito anche da altri club come Reims, Nantes e Slavia Praga.

Fonte immagine di copertina: profilo Instagram Jusef Erabi

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969