Connect with us
Milan-Atletico Madrid U19 2-0, le pagelle: Milan in semifinale!

Calcio Internazionale

Milan-Atletico Madrid U19 2-0, le pagelle: Milan in semifinale!

Pubblicato

:

Milan-Bologna U19 pagelle

MILAN-ATLETICO MADRID, LE PAGELLE – Milan e Atletico Madrid si affrontano ai quarti di finale di Youth League, dopo aver eliminato rispettivamente Rukh Lviv e Genk agli ottavi. La squadra di Abate affronta i colchoneros, guidati dal suo ex compagno Fernando Torres, con l’obiettivo di centrare una storica qualificazione alle semifinali. Proprio l’attuale allenatore dell’U19 del Milan ha servito l’assist per l’unico gol di Torres in rossonero, contro l’Empoli di Sarri nel settembre 2014.

Parte meglio l’Atletico, grazie ad alcune accelerazioni degli attaccanti. Il Milan difende bene per i primi 10′ e riesce a colpire alla prima occasione: Stalmach, pescato bene da Bakoune al 12′, non può sbagliare la conclusione da distanza ravvicinata. Dopo il gol, il canovaccio non cambia: i colchoneros continuano a pressare, mentre i rossoneri difendono e ripartono in velocità. La squadra di Torres preme forte anche nel secondo tempo, ma non riesce a trovare il pareggio nonostante i numerosi tentativi. Il Milan riesce a trovare respiro e al 67′ raddoppia grazie all’autogol di Iturbe. Da quel momento, i rossoneri mantengono di più il possesso nella metà campo avversaria. Ragazzi di Abate bravi a mantenere il vantaggio fino alla fine senza troppa sofferenza. Milan in semifinale di Youth League.

 

LE PAGELLE DEL MILAN

Nava 6.5: sicurezza importante per tutto il pacchetto difensivo. Impegnato soprattutto in alcune uscite e in qualche intervento non troppo complicato, si fa sempre trovare pronto.

Bakoune 6.5: in fase difensiva da rivedere, ma quando si tratta di spingere è devastante. Suo l’assist per il gol di Stalmach.

Coubis 6.5: sempre preciso quando deve intervenire. Fa sentire la sua voce e la sua leadership nei momenti di difficoltà.

Simic 6.5: deve ancora imparare qualcosa dal compagno di reparto, ma è altrettanto importante quando si tratta di difendere il vantaggio.

Bozzolan 6.5: recupera tanti palloni e riesce a riciclarli in maniera utile per la sua squadra. Prova tante accelerazioni sulla corsia, anche se ogni tanto rischia troppo.

Zeroli 6: bravo nell’azione che porta all’1-0, poi alterna buoni momenti ad altri in cui esce dalla gara. Tanti palloni recuperati e giocati bene.

Stalmach 7.5: equilibratore. Recupera, gestisce e detta i tempi. Trova anche il gol del vantaggio, che consente al Milan di respirare. (Dal 73′ Malaspina 6: frizzantino dal suo ingresso, importante per mantenere il risultato).

Eletu 6.5: con il passare del tempo, aumenta il suo apporto alla gara. Nel secondo tempo è perfetto sia in fase di recupero che nelle ripartenze.

Traoré 6.5: quando il Milan deve ripartire in contropiede si affida spesso a lui. Inoltre, si fa anche trovare pronto quando si tratta di arretrare il raggio d’azione e difendere. (Dal 78′ Sia sv)

Cuenca 6: inizia bene, non a caso il gol arriva dalla sua corsia. Non chiude benissimo la prima frazione, ma si riprende con il passare dei minuti. (Dal 78′ Alesi sv).

El Hilali 6.5: gioca molto per la squadra, ma spesso si trova a galleggiare nella zona mediana del campo. Bellissimo il suo tiro a giro, che termina sul palo e finisce in rete dopo la sfortunata deviazione di Iturbe. (Dall’84’ Nsiala sv).

All. Abate 7: urla per tutta la partita, perché capisce la difficoltà e l’importanza dell’incontro. Dà una grande spinta ai suoi ragazzi.

LE PAGELLE DELL’ATLETICO MADRID

Iturbe 6: può fare davvero poco sul gol avversario. Importante in un’uscita fuori dall’area nella ripresa. Sfortunato in occasione dell’autogol.

Boñar 6: in fase difensiva diventa un braccetto della difesa a tre, ma si fa vedere soprattutto quando c’è bisogno di spingere.

Kostis 6.5: poco lavoro in fase di recupero, bravo quando si tratta di impostare e far salire i suoi.

Martinez Moreno 5.5: il capitano non riesce a dare la spinta giusta alla squadra. La sua prestazione è ben rappresentata dal giallo per proteste arrivato nel primo tempo. (Dal 60′ Mbomio 5.5: da quando entra, il Milan inizia a creare diversi pericoli dalla sua parte).

Gonzalez Campos 6.5: Patisce un po’ Cuenca e Bakoune quando riescono a uscire, ma li fa soffrire allo stesso modo quando è lui a sgasare sulla corsia. (Dal 60′ Diaz 6.5: ricopre alla perfezione il ruolo del compagno, creando diversi grattacapi agli avversari).

Santamaria de Blas 6.5: presente in fase difensiva, ma molto bravo nel creare problemi agli avversari. (Dal 67′ Vasiljevic 5.5: spinge poco e non riesce nemmeno a sostenere i suoi quando si tratta di difendere).

Gismera 5.5: riesce a gestire pochi palloni e non si fa trovare abbastanza per poter strappare una sufficienza.

Muñoz 6.5: bravo nello smistare il possesso. Arriva più volte alla conclusione, risultando spesso pericoloso.

El Jebari 6.5: grande tecnica e buoni guizzi. Riesce spesso a trovare la giocata giusta per impensierire gli avversari.

Niño Heredia 7: crea svariati pericoli alla retroguardia avversaria. Quando ha lui il pallone, costringe spesso la difesa a indietreggiare. (Dal 67′ Urzain 6.5: entra e prende benissimo il posto del compagno. Prepotente quando accelera sulla corsia, mette in grande difficoltà gli avversari).

Raihani 6.5: Porta una pressione asfissiante per tutta la partita e provoca diversi errori dei difensori avversari, soprattutto nel secondo tempo.

All. Torres 5.5: la sua squadra propone gioco solo grazie a giocate individuali, che arrivano grazie alle grandi abilità tecniche degli attaccanti.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio Internazionale

Lautaro si tiene dietro Mbappé e mette nel mirino Kane: El Toro sogna la Scarpa d’Oro!

Pubblicato

:

Lautaro Martinez, calciatore dell'Inter - Serie A, Coppa Italia, Supercoppa italiana, Champions League

LAUTARO SCARPA D’ORO – L’Inter procede spedita verso la conquista della seconda stella e il simbolo più importante della cavalcata in questa stagione è senz’altro Lautaro Martinez. Il Toro di Bahia Blanca sta letteralmente trascinando i suoi allo scudetto, tant’è vero che il 34% dei gol segnati dai nerazzurri portano la sua firma. Lautaro, infatti, è ora a quota ventitre reti, è al comando della classifica dei marcatori e ha ipotecato il titolo di capocannoniere: il secondo goleador della Serie A, che è Vlahovic insegue a quota quindici. Ma non è finita qui. Mai come quest’anno, infatti, Lautaro Martinez ha la chance concreta di aggiudicarsi anche la Scarpa d’Oro, premio che spetta al miglior realizzatore in Europa al termine della stagione.

A oggi, in testa alla classifica c’è, neanche a dirlo, Harry Kane, autore di ventisette gol. Lautaro, come ricordato prima, è a ventitré, ma deve guardarsi anche alle spalle, perché c’è un avversario molto pericoloso. Si tratta di Kylian Mbappe, che finora ha timbrato il cartellino in ben ventuno volte.

Insomma, al momento, Lautaro è diviso tra due fuochi e per superare Kane dovrà segnare più goal possibili e guadagnare più punti possibili. La classifica della Scarpa d’Oro, in effetti, viene stilata assegnando un coefficiente di difficoltà legato al campionato in cui vengono realizzati i gol. Nei primi cinque campionati continentali (Premier League, Liga, Serie A, Bundesliga e Ligue 1, ndr) le reti vengono moltiplicate per due, negli altri 1.5.

LAUTARO SCARPA D’ORO, LA CLASSIFICA FINORA

Questa la classifica della Scarpa d’Oro aggiornata ad oggi:

  1. Kane – 27 gol; 54 punti (moltiplicatore x2)
  2. Martinez – 23 gol; 46 punti (moltiplicatore x2)
  3. Mbappe – 21 gol; 42 punti (moltiplicatore x2)
  4. Adams – 23 gol; 36.5 punti (moltiplicatore x2)
  5. Guirassy – 18 gol; 36 punti (moltiplicatore x2) – Pellegrino – 22 gol; 36 punti (moltiplicatore x1.5)

 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Altro gesto “osceno” per Cristiano Ronaldo: arriva la squalifica!

Pubblicato

:

Cristiano Ronaldo, calciatore dell'Al-Nassr - Saudi Pro League

Nell’ultimo turno di Saudi Pro League è andata in scena la gara tra l’Al-Shabab e l’Al-Nassr, vinta dagli ospiti per 2-3 con la rete decisiva di Talisca a qualche minuto dal termine. Questa partita, però, sta facendo parlare di sé per quanto accaduto tra Cristiano Ronaldo e la tifoseria di casa, che aveva preso di mira il portoghese per tutti i novanta minuti. La scintilla definitiva è scoppiata nel momento in cui il pubblico di casa ha iniziato a intonare cori a favore di Lionel Messi, reagendo con un grave e ripetuto gesto volgare nei loro confronti. Il risultato? Ronaldo dovrà saltare la prossima gara contro l’Al-Hazem in programma oggi per squalifica e dovrà inoltre pagare una multa da 80.000 dollari.

L’ex giocatore della Juventus non è nuovo a gesti di questo tipo da quando è sbarcato nel campionato saudita. Ronaldo, infatti, aveva rischiato già una squalifica lo scorso aprile, dopo un altro brutto gesto nei confronti della tifoseria dell’Al-Hilal. Vedremo, dunque, se questa punizione sarà abbastanza per evitare che il fenomeno portoghese sia di nuovo protagonista di fatti simili, con il video dell’accaduto che ha spopolato ed è diventato virale in tutto il mondo. Sicuramente non si tratta di un bello spot per il giocatore e per il campionato saudita.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Retroscena sul passaggio di Mudryk al Chelsea: ecco cosa avrebbe fatto l’ucraino poco prima di approdare ai Blues

Pubblicato

:

Mykhailo Mudryk è potenzialmente uno dei giocatori più talentuosi emersi negli ultimi anni però, al Chelsea, non è mai riuscito ad esprimersi al meglio. In questa stagione si sono visti sprazzi delle sue qualità ma la sensazione è che il giocatore ucraino non sia ancora sbocciato del tutto. Arrivato al Chelsea nel gennaio del 2023, Mudryk avrebbe potuto vestire la maglia di un altro club londinese, quella dell’Arsenal ma le cose sono andate diversamente.

Secondo il The Atheltic infatti Mudryk, una volta capito che l’affare con i Gunners era sfumato, avrebbe chiamato i dirigenti dell’Arsenal in lacrime mentre si avviava all’aeroporto in direzione Londra sponda Blues.

É ancora molto presto per parlare di un grande “what if”  ma chissà cosa sarebbe successo se invece di andare al Chelsea, in questo periodo storico molto confuso e privo di soddisfazioni per i Blues, fosse andato nell’Arsenal di Arteta che riesce a migliorare e di parecchio gli esterni offensivi. In un contesto funzionale il talento ucraino forse sarebbe riuscito ad esprimersi al meglio.

Mudryk ha ancora tutta la carriera davanti, essendo appena un classe 2001, ma anche molto da dimostrare: i soli tre gol segnati con la maglia del Chelsea sono una cifra davvero troppo bassa per un giocatore di quel talento. Chissà se e quando riusciremo a vedere quel giocatore che aveva incantato tutti ai tempi dello Shakhtar.

 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

“INTER MERAVIGLIA” – La Rassegna del Diez

Pubblicato

:

rassegna

La rassegna stampa è senza alcun dubbio il miglior modo per iniziare la giornata. Ecco quindi le prime pagine dei principali quotidiani sportivi internazionali per la giornata di oggi.

LA GAZZETTA DELLO SPORT

rassegna

CORRIERE DELLO SPORT

rassegna

TUTTOSPORT

rassegna

L’EQUIPE

MIRROR SPORT

DAILY MAIL SPORT

MARCA

MUNDO DEPORTIVO

AD SPORTWERELD

rassegna

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969