Dove trovarci

Calciomercato

Milan, caccia al difensore: le opzioni migliori per Maldini e Massara

Milan, caccia al difensore: le opzioni migliori per Maldini e Massara

Dopo l’infortunio di Fikayo Tomori, che resterà fuori per circa un mese, il Milan sembra non avere fretta di premere l’acceleratore per l’acquisto del nuovo centrale che rimpiazzi Simon Kjaer. L’assenza di Romagnoli, ancora fuori causa Covid, costringe i rossoneri a poter contare solamente due centrali di difesa che finora hanno disputato ottime prestazioni: Gabbia e Kalulu. Così, Maldini e Massara stanno sondando diversi profili per acquistare un solo difensore centrale (e non due dopo l’infortunio di Tomori) da consegnare alla gestione di Stefano Pioli.

 

SVEN BOTMAN

Il centrale olandese del Lille classe 2000 possiede un ottimo senso della posizione e può giocare sia come centrale di destra che di centro-sinistra in una difesa a 4. Botman è un mancino naturale che sa gestire molto bene il pallone anche con il destro. La sua velocità lo ha contraddistinto come un difensore pulito negli interventi e negli anticipi. L’altezza, che supera 190 cm, lo rende pericoloso anche nell’area avversaria sulle palle aeree, complice anche un passato da prima punta. Per il modo di difendere della squadra di Pioli, aggressivo e diretto ad anticipare l’avversario di testa, l’inserimento dell’olandese sarebbe perfetto per le sue qualità tecniche. Tuttavia le esigenze rossonere si scontrano con il muro eretto dal Lille che chiede almeno 40 milioni e non sembra intenzionato a cederlo a gennaio. Queste infatti le parole di ieri del presidente della squadra francese Olivier Letang:

“Siamo stati sollecitati già l’estate scorsa per Sven, ma siamo stati chiari: per questa stagione abbiamo bisogno di lui. Stiamo facendo un percorso anche in Champions League, dove ci siamo qualificati agli ottavi da primi del girone. Ci sono degli obiettivi importanti per questa seconda parte di annata, pertanto Botman resterà con noi per perseguirli fino a fine stagione”.

BAILLY E DIALLO

I due centrali in esubero del Manchester United e PSG sono entrambi impegnati in Coppa d’Africa e potrebbero eventualmente essere disponibili solo da febbraio. Bailly è considerato come una “roccia insuperabile” da Manolo Marquez, che lo ha allenato in passato all’Espanyol. Diallo invece è molto forte fisicamente, rapido e con un’ottima visione di gioco che gli consente di essere impiegato come mediano. Tuttavia le poche presenze disputate in stagione (4 in Premier League per l’ivoriano e 9 in Ligue 1 per il senegalese) non giocano a loro favore. Maldini e Massara infatti cercano un giocatore giovane ma già nelle condizioni fisiche per disputare diverse partite con personalità nel campionato italiano.

 

GLEISON BREMER

Per questo motivo allora l’opzione migliore per i rossoneri è sicuramente quella di Bremer, centrale del Torino forte fisicamente, abile nel gioco aereo e dotato di buon senso della posizione. Il 24enne brasiliano possiede duttilità, affidabilità e velocità, ma soprattutto conosce bene il campionato italiano e tutti i meccanismi delle squadre rivali rossonere. Anche in questo caso, però, la volontà del Milan si deve scontrare con un iniziale rifiuto del presidente del Torino Urbano Cairo. Con la squadra piemontese però Maldini potrebbe mettere sul piatto altre contropartite per convincere a cedere il difensore già a gennaio. Uno su tutti Tommaso Pobega, centrocampista già in prestito ai granata, che piace molto a Ivan Juric, il quale vorrebbe trattenerlo anche nella prossima stagione. Un’altra pedina di scambio potrebbe essere Pietro Pellegri, il quale verrebbe riscattato in anticipo dal Monaco per essere girato ai granata se l’operazione Bremer si dovesse sbloccare.

LE ALTERNATIVE SULLO SFONDO

Infine sullo sfondo troviamo anche alcuni difensori meno pronti nell’immediato ma ottime prospettive per il futuro come Anel Ahmedhodžić, centrale classe ’99 nazionale bosniaco che quest’anno ha affrontato la Juve in Champions League con la maglia del Malmo FF, ma anche Senesi e Szalai. Infine va monitorata anche alla pista Nicolò Casale del Verona, al quale il Milan ha chiesto informazioni negli scorsi giorni. Il mercato è ancora lungo e vedremo se e come il Milan sceglierà di intervenire per far fronte alle numerose assenze.

 

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in Calciomercato