Connect with us
Milan-Juventus, un match dai mille volti

Generico

Milan-Juventus, un match dai mille volti

Pubblicato

:

Allo stadio San Siro di Milano questa sera andrà in scena il big match del Wednesday night di questo turno infrasettimanale. In campo la squadra più in forma del campionato, il Milan, che dopo il successo esterno per 0-2 a Benevento vuole dare un altro segno della propria forza. Di fronte troverà una Juventus in cerca di continuità reduce dal 4-1 inflitto all’Udinese. Incontro caratterizzato dalle tante assenze da entrambe le parti a causa della positività da coronavirus e diversi infortuni. Una partita che vale molto anche se siamo alla 16a giornata; se il Milan dovesse vincere sarebbe ancora più lanciato in fuga dalle inseguitrici, per la Juventus sarebbe un buon tassello da aggiungere alla rimonta verso i vertici della classifica, aspettando il recupero della partita contro il Napoli.

Milan-Juve: Probabili formazioni | L'ARENA del CALCIO

(Fonte: l’ARENA del CALCIO)

LE ASSENZE

Continuano ad aumentare i contagi all’interno delle due compagini, ultimi quelli di Rebic e Krunic che causano ulteriori difficoltà al tecnico Stefano Pioli sull’undici titolare da schierare. I due giocatori si aggiungono all’ assente per eccellenza, Zlatan Ibrahimovic, fuori per un fastidio muscolare, oltre a Alexis Saelemakers e Sandro Tonali, assente per squalifica. Tra le fila bianconere sarà indisponibile Alvaro Morata, fuori per infortunio, oltre a Juan Cuadrado e Alex Sandro risultati positivi ai tamponi negli scorsi giorni. In dubbio la presenza di Paulo Dybala colpito da un lieve attacco febbrile dopo la gara con l’Udinese. Insomma non una gara semplice anche per Andrea Pirlo, alla prima sulla panchina della Juventus contro la sua ex squadra.

Infortunio Ibrahimovic, il Milan non forzerà il recupero

Zlatan Ibrahimovic (fonte: Fantacalcio)

LE PROBABILI FORMAZIONI

Il Milan scenderà in campo con il solito 4-2-3-1 schierando Gianluigi Donnarumma tra i pali; le due frecce esterne saranno Dalot preferito al rientrante Conti e Theo Hernandez. Guideranno la difesa Simon Kjaer e Alessio Romagnoli. A centrocampo posto assicurato per Frank Kessie e probabilmente verrà schierato Davide Calabria al suo fianco, già impegnato in questo ruolo ai tempi della primavera. A sostegno della punta Rafeal Leao ci saranno Castillejo, Calhanoglu e Hauge.

(Fonte: Corriere dello Sport)

La Juventus invece risponderà con il suo solito 3-5-2, causa assenze di Cuadrado e Alex Sandro, Andrea Pirlo dovrà giocarsi al meglio le carte che ha a disposizione. In porta il solito Wojcech Szczesny; difesa a tre composta da De Ligt, l’ex Bonucci e probabilmente Demiral che in fase difensiva farà il terzino destro. A centrocampo da sinistra verso destra Danilo, anche lui coprirà il ruolo di terzino, Bentancur, Rabiot, Ramsey che alternerà fase offensiva a quella difensiva e a destra Chiesa, che sta prendendo fiducia. Davanti il solito Ronaldo affiancato da Dybala che in caso di forfait verrebbe sostituito da Kulusevski.

(Fonte: Fantacalcio)

PIOLI E PIRLO: I DUE EX

Sarà una partita speciale per il valore delle due squadre e per l’importanza di ottenere punti, ma sarà anche speciale per i tecnici delle due squadre: Andrea Pirlo e Stefano Pioli. Il primo, ha vestito la maglia rossonera per 10 anni vincendo, 6 campionati e due Champions League. Pioli invece ha vestito la maglia della Juventus per tre anni vincendo un campionato e la fatidica Champions League del 1985 all’ Heysel contro il Liverpool.

Tanti protagonisti per un match che può valere la stagione, le sorprese sono dietro l’angolo.

Andrea Pirlo e Stefano Pioli (fonte: Sky Sport)

(Fonte immagine in evidenza: Eurosport)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Generico

ULTIM’ORA – Ansia Sassuolo: Berardi esce per infortunio contro il Verona

Pubblicato

:

Sassuolo berardi

Sfortunatissimo Domenico Berardi in Hellas Verona-Sassuolo. Il fuoriclasse neroverde è rientrato oggi da un lungo infortunio che gli aveva fatto saltare sei gare, ma è stato costretto al cambio per un nuovo infortunio. Dopo un rilancio errato di Montipò, Berardi ha controllato il pallone con il petto, ma ha poggiato male il piede al terreno e ha subito chiesto il cambio. La paura più grande è che si tratti di un problema al tendine d’Achille. Chiaramente serviranno accertamenti.

Continua a leggere

Generico

Le parole di Baroni e Carnevali prima di Verona-Sassuolo

Pubblicato

:

Marco Baroni, allenatore dell'Hellas Verona - Serie A

Tra le partite più delicate di questo 27° turno di Serie A c’è indubbiamente il lunch match tra Verona Sassuolo, appaiate in classifica, ma con stati d’animo profondamente differenti. Nel pre-gara, ai microfoni di Sky Sport, si sono espressi al riguardo Marco Baroni, allenatore dei gialloblù, e Giovanni Carnevali, amministratore delegato dei neroverdi.

LE PAROLE DI BARONI

MASSIMA ATTENZIONE – “Dovremo affrontare tutti insieme questa partita, sia coloro che partono titolari, sia quelli che entreranno a gara in corso. Servirà un’attenzione massima per cento e passa minuti, il Sassuolo è conscio del momento che sta vivendo, ma rimane una squadra con grandi possibilità tecniche”.

TUTTE FINALI – “Da qui a maggio tutte le nostre partite saranno delle finali, e la squadra dovrà essere capace di restare sempre dentro la gara, mostrando compattezza anche mentale. Match come questi si risolvono spesso per le piccole cose, e dovremo essere in grado di curare anche i minimi dettagli”.

RESTARE IN PIEDI E CORRERE – “La squadra ha creato le condizioni per restare in piedi in un momento non facile. Adesso dobbiamo iniziare a correre per raggiungere ciò che sembrava impossibile”.

LE PAROLE DI CARNEVALI

BALLARDINI – “In un momento di difficoltà come quello che stiamo vivendo, Ballardini è il profilo adatto per dare la scossa giusta. La squadra ha dei valori, ma indubbiamente ha anche delle carenze; siamo fiduciosi nel fatto che il nuovo allenatore riuscirà a portarci ciò che è mancato prima”.

SERENITÀ – “Continuerò a presenziare agli allenamenti senza stravolgere nulla. Dobbiamo mantenere la serenità e l’equilibrio che non devono mancare in momenti come questo”.

BERARDI – “In undici stagioni di Serie A ci era già capitato un momento come questo, e chiamando Iachini quest’ultimo riuscì a portarci qualcosa di importante. Il ritorno in campo di Berardi può darci tanto anche all’interno dello spogliatoio, è il nostro campione ed è con lui che abbiamo portato a casa risultati e punti. Speriamo rientri in condizione nel miglior modo possibile”.

Continua a leggere

Generico

Tempo di rinnovi in casa Genoa: si lavora per Bani e Badelj

Pubblicato

:

Mattia Bani Genoa Serie A

Il Genoa continua a lavorare sul fronte rinnovi, per blindare i suoi uomini più importanti e confermare la spina dorsale della squadra a disposizione di Alberto Gilardino. Domani sera i rossoblù sono attesi dal crash test di nome Inter. Il Grifone, tuttavia, è nella ristretta élite di squadre che sono riuscite a fermare i nerazzurri in questa stagione. Ma ora l’Inter è in piena ascesa e sembra inarrestabile.

Gilardino tenta l’azzardo e lo farà con due giocatori freschi di rinnovo. Johan Vasquez, importante difensore mancino, e Morten Frendrup, tuttocampista dedito al sacrificio, hanno recentememte rinnovato. Rispettivamente il messicano fino al 2027 e il danese fino al 2028. Dopo queste nuove leve (Vasquez è classe 1998, Frendrup è 2001), i liguri pensano anche allo zoccolo duro di maggiore esperienza. I prossimi nomi sul tavolo, infatti, sono quelli di Badelj e Bani (classe 1989 e 1993), che rappresentano la componente esperta della squadra.

Tuttosport spiega che con Bani è pronto già un accordo fino al 2026. Mentre con Badelj si dovrà ancora discutere, in previsione di giugno 2025 o 2026. Sono da valutare, inoltre, anche le situazioni di Ekuban e Strootman, in scadenza il prossimo giugno. La cosa certa è che il Genoa prosegue sulla strada della continuità di uomini, dopo la promozione dello scorso anno e il buonissimo lavoro che il Grifone sta facendo in questa stagione.

Continua a leggere

Generico

LeBron James nella leggenda: superati i 40.000 punti in carriera

Pubblicato

:

LeBron James Los Angeles Lakers

LeBron James sempre più una leggenda del basket mondiale. Il numero 6 dei Los Angeles Lakers, nella notte italiana, ha infranto un altro record diventando il primo cestista nella storia dell’NBA a superare i 40.000 punti in carriera.

Nel corso della scorsa stagione, contro gli Oklahoma City Thunder è diventato il migliore marcatore della storia della Lega, superando Kareem Abdul-Jabbar e fissando il nuovo tetto di punti momentaneo a 38.390. Questa notte, contro i Denver Nuggets campioni in carica, LeBron James ha infranto la barriera dei 40.000 punti. Al termine dei 48′ di gara, infatti, il suo range è di 40.017.

Tutto il mondo si sta complimentando con questa icona sempreverde e leggendaria dell’NBA, che alla sua 21ª stagione da professionista e dopo aver superato da poco i 39 anni (è nato il 30 dicembre 1985), continua a fare scuola.

Inutile dire che questa statistica sembra a sua volta irraggiungibile. E, ad ora, sembra davvero impossibile pensare ad un cestista che possa superarlo. Tuttavia, a primo impatto sembrava esserlo anche il record di Abdul-Jabbar. Record rimasto invalicato per quasi 40 anni: dall’aprile 1984 fino al febbraio 2023, prima che LeBron James lo agganciasse.

Per ora, King James si riserva un posto in solitaria nel club di tutti coloro che hanno fatto 40.ooo o più punti in NBA. Cioè soltanto lui nella storia.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969