Connect with us

Flash News

Milan, il pensiero di un ex storico sulla vittoria dello scudetto!

Pubblicato

:

Milan

Dopo la grande stagione dei rossoneri, sono arrivati i complimenti di moltissimi ex giocatori del club. In particolare, Serginho, che in Italia si è legato indissolubilmente al Diavolo (dal 1999 al 2008), durante un’intervista a Tuttosport ha espresso parole di grande elogio.

Al centro del discorso, gli elogi a mister Pioli e al binomio Maldini-Massara. Secondo lui infatti il loro lavoro è stato eccezionale perché sono riusciti a vincere pur avendo una squadra giovane e acerba, ma contraddistinta dalla grinta. Il Milan, con la sua età media di 25,8 anni, è la squadra campione d’Italia più giovane nell’era dei tre punti.

Queste le parole di Serginho:

“E’ un successo meritato? Molto. Nel calcio si vince in campo e nello spogliatoio. Si vede che Pioli, insieme a Maldini e Massara, hanno svolto un grandissimo lavoro, scoprendo nuovi talenti e facendo rendere al massimo questi ragazzini anche nei momenti di difficoltà. Complimenti a loro per quanto costruito. Puntare sui giovani, e vincere, deve essere stato davvero soddisfacente”.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

VIDEO – Lukaku furioso a fine partita: la sua reazione spopola sul web

Pubblicato

:

Lukaku

Ha fatto scalpore la prestazione di Romelu Lukaku contro la Croazia. Il pareggio per 0-0 tra le due nazionali ha portato il Belgio fuori dal Mondiale in Qatar e i numerosi errori di Big Roma pochi passi dalla porta hanno sicuramente influito. Stando a quanto riportato da Sky Sport, nessun giocatore ha sbagliato più di 4 occasioni, ovvero quelle mancate da Lukaku.

Un video che sta girando negli ultimi minuti, inoltre, ha già fatto il giro del web. Il giocatore dell’Inter appare deluso e sconsolato, talmente infuriato da rompere il plexiglass di sostegno ad una zona della panchina, con un pugno. Il belga, in un secondo momento, è poi scoppiato in lacrime tra le braccia di Thierry Henry, assistente del ct belga Martinez.

Continua a leggere

Flash News

Qatar 2022, il Marocco è agli ottavi: non succedeva da quasi quarant’anni

Pubblicato

:

Marocco

Una prova davvero memorabile quella della nazionale marocchina che, alla prima occasione buona, chiude la pratica qualificazione. Grazie alle due reti nel primo tempo di Ziyech e di En-Nesyri, il Marocco è riuscito nell’impresa nel qualificarsi agli ottavi della Coppa del Mondo. La compagine di Hakimi ha scavalcato la Croazia fermata sullo 0-0 dal Belgio centrando il primo posto del girone.

Come riporta OptaPaolo con un tweet sul proprio account ufficiale, il Marocco ha superato la fase a gironi per la seconda volta nella sua storia: l’unico precedente risaliva a Messico ’86; inoltre, la nazionale nord-africana è la prima squadra del medesimo continente a concludere il proprio girone al primo posto, solo dopo la Nigeria nel mondiale del 1998.

 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Le pagelle di Croazia-Belgio 0-0, le pagelle: Belgio eliminato, Croazia seconda

Pubblicato

:

Belgio

Ecco le pagelle di CroaziaBelgio, sfida che ha decretato l’eliminazione dei Diavoli rossi dal Mondiale. La partita, pur concludendosi senza reti, è stata molto avvincente e soprattutto intensa. Nel primo tempo i belgi creano di più ma non riescono a superare Livakovic.

Nel secondo tempo partono subito forte i vice campioni del mondo uscenti, ispirati da un Modric decisamente ispirato. Nel finale un vero e proprio assedio disperato del Belgio a caccia del gol qualificazione. Purtroppo gli errori di Lukaku non permettono di andare oltre lo 0-0. Sancendo, dunque, la clamorosa eliminazione di De Bruyne e compagni.

LE PAGELLE DELLA CROAZIA

Livakovic 5,5: Più che altro è vitale l’aiutato da Lovren e Gvardiol, che gli permettono di rimanere imbattuto. Un po’ impreciso nelle uscite, rischia in paio di occasioni, graziato solo dall’imprecisione di Lukaku.

Juranovic 6,5: Attento sui dribling dei velocissimi esterni del Belgio e attivo anche in fase offensiva. Decisivo nel murare Carrasco, giunto a tu per tu contro il portiere.

Lovren 6,5: Mette in gioco tutta la sua esperienza e non si lascia superare dagli attaccanti avversari. Se Gvardiol è un muro, neanche lui è da meno.

Gvardiol 7,5: Il migliore in campo. Ormai le sue prestazioni non fanno più notizia. Trossard, De Bruyne e Mertens sbattono contro lui e Lovren. Alle doti difensive aggiunge anche qualche pericolosa sgroppata nella trequarti del Belgio, creando grandi pericoli per Vertonghen e compagni.

Sosa 6: Un buonissimo primo tempo per il terzino dello Stoccarda, soprattutto in fase di cross. Tiene perlopiù la posizione arretrata nel secondo tempo, limitandosi a un lavoro di copertura.

Brozovic 6: Mette intensità e qualità in tutte le sue giocate. Impreciso solo in pochissime occasioni, per il resto del match è un’assoluta garanzia sia in fase di impostazione che in fase di fase difensiva e di pressing.

Modric 7: Sembra di essere ancora ai Mondiali di Russia 2018. Per il centrocampista del Real Madrid gli snni non sembrano passare. Sul campo sembra essere dovunque ed è il pericolo numero uno per la retroguardia dei belgi.

Kovacic 6: Indispensabile con i suoi passaggi ma anche con i suoi recuperi. Non appariscente quanto il suo collega Modric è comunque vitale per la sua nazionale (dal ’90 Majer sv).

Kramaric 6,5: Sulla fascia destra crea tanto. Ben coadiuvato da Modric e Juranovic gioca un buonissimo primo tempo, venendo chiamato spesso in causa dai compagni. Cala un po’ nel secondo e viene quindi sostituito. (Dal 65′ Pasalic 6: Messo nel secondo tempo al posto di Kramaric, non crea però molti pericoli alla porta di Courtois).

Perisic 7: Un motorino instancabile sulla fascia destra (e a volte anche sulla sinistra). In moto perpetuo, lo si vede difendere nella propria area di rigore e subito dopo guidare la manovra offensiva dei suoi.

Livaja 5,5: Per l’ex Inter una prestazione sottotono rispetto a quella dei compagni. Schierato come “boa” è però troppo impreciso negli appoggi e non crea troppi pericoli alla retroguardia belga (dal 65′ Petkovic 6: Decisamente meglio di Livaja nel gioco di sponda, non riesce però neanche lui a segnare al portiere del Real Madrid).

LE PAGELLE DEL BELGIO

Courtois 6,5: Sventa molti pericoli, soprattutto all’inizio del secondo tempo, dove mura le occasioni dei croati in più occasioni in pochi minuti. Rimane imbattuto, ma non basta a permettere la qualificazione.

Alderweireld 6: Se il Belgio viene eliminato non è certo per causa sua. Per lui si chiude così la sua esperienza in nazionale, e si chiude con una partita molto attenta in fase difensiva.

Vertonghen 6,5: Probabilmente al suo ultimo Mondiale, esce a testa altissima dal campo sventando innumerevoli pericoli per la propria porta.

Castagne 6: Più pericoloso nel primo tempo, si spegne nel secondo è non crea più nessun pericolo sulla fascia protetta da Juarnovic.

Meunier 6: Gara di corsa per il terzino belga. Pur trovandosi contro un Perisic in forma strabiliante fa una bella figura contro di lui. Si fa vedere spesso anche in avanti e gioca un partita in moto continuo fino alla fine. (dal ’87 E.Hazard sv).

Dendoncker 6: La sua è nel complesso una buona gara. Dà quantità alla mediana belga e si fa vedere a volte anche in avanti.  Spreca anche un importante cartellino giallo per fermare una ripartenza dei croati. (Dal ’72 Tielemans 6:

Witsel 6: Metronomo di centrocampo del Belgio, smista a destra e a sinistra molti palloni, nessuno dei quali riesce viene però realizzato dal reparto avanzato.

Carrasco 5,5: Sulla fascia destra Martinez si affida alla sua tecnica e alla sua abilità nel saltare l’uomo. Viene purtroppo surclassato dalla coppia Juranovic-Lovren, che lo murano quasi sempre. (dal ’72 Doku 6: Riesce a dare un certo dinamismo alla manovra dei suoi, ma il suo contributo non gli fa ottenere più della sufficienza).

De Bruyne 6: Primo tempo sottotono per il centrocampista del Manchester City. Decisamente più attivo nel secondo tempo, dove è il faro che illumina gli attacchi del Belgio. Purtroppo per lui, non trova compagni in giornata e nessuno riesce a realizzare i suoi assist.

Trossard 5,5: Cerca di dare un’opzione in più alla manovra dei Diavoli rossi, muovendosi sia sulla fascia che sulla zona centrale. Ma non riesce comunque a essere incisivo. (Dal 58′ T.Hazard 5,5: Non riesce a incidere e il suo contributo consiste solo in un paio di cross che non riescono a impensierire Livakovic).

Mertens 5,5: Partita difficile per Ciro contro i giganti Lovren e Gvardiol. Non riesce a essere incisivo e sbaglia anche una grande occasione da gol nel primo tempo. (Dal 45′ Lukaku 4,5: Entra per dare peso a un attacco sterile nel primo tempo. Riesce però a sprecare incrdedibilmente ben quattro occasioni che dovevano essere finalizzate da uno come lui. Purtroppo l’eliminazione del Belgio è anche causa sua).

Continua a leggere

Flash News

Inter, si ferma ancora Correa: nuovo infortunio per il Tucu!

Pubblicato

:

Inter, Correa si ferma ancora

Joaquin Correa, attaccante dell’Inter, non sta passando un ottimo momento nè con l’Argentina nè con i nerazzurri. Il calciatore argentino, a suo malgrado, ha dovuto dare forfait alla vigilia del Mondiale a causa di un’infiammazione ai tendini d’Achille. A questo danno si aggiunge anche un’ulteriore beffa. Infatti, questi deve rinunciare anche al ritiro a Malta con i compagni non presenti a Qatar 2022, o non qualificatisi alla fase successiva del torneo iridato, a causa di un’infiammazione ai tendini d’Achille.

Il 2022, in generale, non è stato un anno fantastico per il Tucu; infatti, l’ex attaccante della Lazio ha segnato solo 7 gol, fornendo prestazioni altalenanti e non garantendo sicurezza alla squadra di Inzaghi.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969