La stagione è alle porte, e il Milan di Stefano Pioli sta ormai incorporando gli ultimi innesti. Dopo aver coperto il centrocampo e la trequarti, le ultime due grandi lacune rimaste ai rossoneri sono in difesa. In primis il terzino destro, il Milan infatti cerca un salto di qualità rispetto al deludente tandem Conti-Calabria, ma fino alla cessione di uno dei due non sarà possibile operare sul mercato. Subito dopo nell’agenda di Maldini e Massara c’è la ricerca di un centrale difensivo che possa entrare nella rotazione con Romagnoli e Kjaer; infatti già all’esordio ufficiale contro lo Shamrock Rovers il Milan si troverà scoperto visto l’infortunio del capitano, e Duarte e Musacchio si sono più volte dimostrati inaffidabili in caso di lungo infortunio di uno dei titolari; e in questa zona il nome prediletto dai dirigenti rossoneri e da Stefano Pioli è quello di Nikola Milenkovic.

fonte: profilo Instagram @milenkovicn_4

Il centrale serbo infatti è ormai da mesi un nome incandescente per la retroguardia rossonera; data la sua giovane età e i suoi margini di crescita è il profilo perfetto per l’oculato Gazidis, mentre sul piano tecnico si è già dimostrato pienamente all’altezza della maglia rossonera. Inoltre Stefano Pioli ritroverebbe così uno dei suoi pupilli, lanciato contro il Cagliari nell’ormai lontano 2017. Ma ad oggi Commisso è categorico, Milenkovic non si muove. Il patron viola vuole infatti dare un chiaro segnale all’ambiente, e mostrare a tutti le ambizioni della sua Fiorentina.

L’ASSE MILANO-FIRENZE E’ PIU’ FREDDO CHE MAI

Come se non bastasse poi, al momento, i rapporti fra i gigliati e il club di via Aldo Rossi sono ai minimi storici. L’ultima operazione fra i due club risale infatti all’Agosto 2017, momento del passaggio di Nikola Kalinic dal viola al rossonero. Ma erano un’altro Milan e un’altra Fiorentina, il fugace Milan cinese e la Fiorentina dei Della Valle. Dall’inizio delle gestione Elliot non c’è poi mai stata un’operazione fra i due club, anzi, tutti i tentativi del Milan di acquistare un calciatore viola sono finiti con un buco nell’acqua.

Ma negli ultimi giorni potrebbe esserci stata la goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso fra i due club, l’acquisto di Ante Rebic. Infatti, nonostante ad oggi le cifre dell’accordo fra Milan ed Eintracht Francoforte siano rimaste segrete, i maggiori giornali tedeschi e nostrani parlano di acquisto di Rebic a zero in cambio dell’acquisto da parte dei teutonici di Andre Silva più un conguaglio di circa 9 milioni. Questo sarebbe un’enorme smacco ai danni della Fiorentina, che ha infatti diritto al 50% del ricavato dalla cessione del croato e che si ritroverebbe così a mani vuote.

INTANTO SPUNTA CHIESA

Intanto, mentre si attendono le cifre dell’operazione Rebic e lo sblocco dell’affare Milenkovic è emersa una pista inedita, quella che porta a Federico Chiesa. Infatti, secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, la Fiorentina avrebbe proposto a Maldini e Massara il talento gigliato. Il Milan ci pensa, anche perché, nonostante la considerazione di Chiesa sia lievemente ridimensionata rispetto allo scorso anno, il ventiduenne rimane uno dei più importanti prospetti del panorama nostrano, e il suo prezzo di circa 40 milioni fa indubbiamente gola al club rossonero. Inoltre al contrario della scorsa estate, con Inter e Juve impegnate sul fronte spagnolo, il Milan non avrebbe praticamente rivali nell’arrivare al figlio d’arte, e per quest’ultimo potrebbe essere un’interessante habitat per fare il definitivo salto di qualità in ottica europeo.

fonte: profilo Instagram @fedexchiesa

CHIESA NELLO SCACCHIERE ROSSONERO

Come già accennato con Milenkovic, anche con Chiesa Pioli ritroverebbe uno dei suoi pupilli. Sotto la gestione dell’emiliano infatti Chiesa ha trovato la sua definitiva affermazione, mettendo a referto 18 gol e 9 assist fra campionato e Coppa Italia. Nelle gerarchie milaniste il ventiduenne andrebbe ad occupare presumibilmente il posto di Samu Castillejo; infatti, nonostante Chiesa sia capace di spaziare lungo tutto il fronte offensivo, è proprio sulla fascia destra che ha storicamente dato il meglio di sé. Chiesa metterebbe così la sua esplosività al servizio della causa milanista,  e potrebbe rappresentare un partner d’attacco ideale per Zlatan Ibrahimovic, capace sia di servire cross per il suo metro e novantacinque, e sia di avventarsi in velocità sulle sue sponde. All’occorrenza l’attuale attaccante viola potrebbe poi anche ricoprire il ruolo di esterno sinistro o, come in parte quest’anno con Iachini, di seconda punta in un attacco a due.

fonte: profilo Instagram @milenkovicn_4

La sua enorme versatilità e soprattutto il suo indubbio talento fanno di Chiesa un affare ghiotto per Maldini&co e un passaggio per arrivare poi anche a Milenkovic. Ad oggi la leggenda rossonera  smentisce, ma il Diavolo potrebbe andare a fare shopping a Firenze.

Fonte immagine in evidenza: profilo Instagram @milenkovicn_4