Connect with us
Modena-Reggiana 2-1, le pagelle: Bozhanaj l'ha rifatto bellissimo, Antiste ci prova

Diez allo stadio

Modena-Reggiana 2-1, le pagelle: Bozhanaj l’ha rifatto bellissimo, Antiste ci prova

Pubblicato

:

modena

Dopo il pareggio di Parma, torna a vincere il Modena e lo fa nel secondo derby consecutivo contro la Reggiana. La sblocca subito la squadra di Bianco con la rete di Manconi, su assist di Diego Falcinelli.

A inizio ripresa parte bene la Reggiana, che trova la rete del pari con un colpo di testa perfetto di Antiste. Il Modena torna poi a fare la partita e dopo una grande occasione, è Bozhanaj a segnare il gol del vantaggio. Il trequartista dei canarini calcia dal limite dell’area e mette la palla sotto alla traversa, dove Bardi non può arrivare.

Numero Diez era presente in tribuna stampa e vi fornisce le pagelle della sfida.

LE PAGELLE DEL MODENA

Seculin 6.5: sul pareggio di Antiste non si tuffa neanche, compie un altro miracolo su Sampirisi, salvando i canarini.

Ponsi 6: molto più propositivo rispetto al solito e lo fa in quella che non è la sua fascia di competenza.

Pergreffi 6: dopo un primo tempo senza pericoli, nella ripresa serve anche l’esperienza del capitano per portare a casa la vittoria.

Zaro 5.5: oggi non è perfetto in fase difensiva, come dimostrano i diversi errori in fase di lettura e i diversi falli in ritardo commessi.

Cotali 6.5: in copertura non sbaglia mai, e lascia la fase offensiva all’altra fascia, dove Ponsi spinge molto bene.

Palumbo 6.5: ancora impiegato al posto di Gerli, è sempre attento in entrambe le fasi, anche se giocando più indietro si fa vedere meno in zona offensiva.

Magnino 6: molto più presente in fase di spinta rispetto che in difesa. Sfiora anche il gol nella ripresa, ma il suo tiro viene salvato praticamente sulla riga.

Tremolada 5.5: probabilmente non è nelle migliori condizioni al momento, perché anche la prestazione di oggi è ben lontana da quelle a cui ci aveva abituato nella passata stagione (dal 63’ Bozhanaj 7: dopo Catanzaro, l’ha rifatto bellissimo. Ancora da fuori area, ancora imprendibile per il portiere avversario. Un altro gol dopo una stagione difficile, il secondo del suo campionato).

Duca 6.5: sempre tra i migliori dei suoi. Il giocatore del mese di novembre per il Modena fa partire l’azione del gol del vantaggio.

Falcinelli 6: serve l’assist a Manconi per la rete dell’1-0, e ha diverse occasioni per creare pericoli a Bardi, ma non le sfrutta a dovere.

Manconi 7: neanche il tempo di iniziare ed è lui che sblocca il risultato con un destro che non lascia scampo a Bardi. (dal 90′ Oukhadda sv).

All. Bianco 7: il suo Modena torna alla vittoria dopo il pareggio di Parma, ed era importante mandare un segnale alla classifica in un altro derby. Il match parte nel migliore dei modi per i suoi, che poi sono bravi a ritrovare la rete del vantaggio nella ripresa. La decide lui dalla panchina, facendo entrare Bozhanaj al posto di uno spento Tremolada.

LE PAGELLE DELLA REGGIANA

Bardi 6: incolpevole sul primo gol del Modena, compie un vero e proprio miracolo su una conclusione di Manconi.

Sampirisi 5.5: ci si poteva aspettare di più in fase offensiva da un giocatore come lui, ma così non è. (dall’88’ Fiamozzi sv).

Rozzio 5.5: la prestazione dei centrali della Reggiana, così come la sua, non è eccellente, come dimostrano i numerosi pericoli creati dal Modena.

Marcandalli 6: in fase difensiva i granata soffrono abbastanza, ma nel secondo tempo c’è una crescita generale della squadra, e salva un gol già fatto sulla riga di porta.

Pieragnolo 6: suo il cross al bacio per il gol del pareggio, dando seguito al suo ottimo periodo di forma. Si fa espellere a tempo scaduto per evitare il 3-1.

Portanova 6: è tra i più brillanti dei suoi, e prova a mettere in difficoltà la retroguardia del Modena con i suoi spunti, senza però riuscirci molto (dall’81’ Lanini sv).

Bianco 6: fa vedere qualche spunto interessante, soprattutto nella prima frazione, anche sulla trequarti avversaria.

Da Riva 5.5: soffre i duelli a centrocampo contro gli avversari e lascia il campo a inizio ripresa. (dal 45’ Crnigoj 5: si fa ammonire poco dopo il suo ingresso, condizionando il resto del match).

Girma 5: partita priva di spunti la sua, che si conclude con un cambio dopo l’ammonizione. (dal 72’ Varela 6: non porta gli effetti sperati dal suo tecnico).

Melegoni 5.5: fa fatica a incidere dietro ad Antiste e non brilla come si aspettava il suo tecnico.

Antiste 6.5: pareggia con una gran girata di testa, dopo un primo tempo non così brillante. (dall’88’ Pettinari sv).

All. Nesta 5,5: continua a non vincere la Reggiana di Nesta, che gioca una partita molto attendista, soprattutto nel primo tempo. Trova la rete del pareggio nella ripresa, ma i suoi faticano a creare pericoli alla retroguardia avversaria.

Foto: profilo Facebook Modena FC

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Diez allo stadio

Il postpartita di Ascoli-Brescia, le parole di Bocchini, Maran, Dickmann e Falzerano

Pubblicato

:

Al Del Duca Ascoli e Brescia si sono divisi la posta in palio. Al rigore di Mendes ha risposto il gran gol di Dickmann che ha fissato il punteggio sull’1-1.

Dopo la gara i due allenatori Bocchini (in sostituzione di Castori) e Rolando Maran sono intervenuti in sala stampa. Con loro il terzino delle Rondinelle Lorenzo Dickmann e il calciatore bianconero Marcello Falzerano.

Ecco le loro parole.

LE PAROLE DI BOCCHINI

SUL GOL SUBITO – “Il calcio è semplice e bisogna fare fallo. Abbiamo avuto un paio di situazioni per farlo. Non l’ho rivisto, ma è un gol della domenica, è un jolly che pesa nella partita. Il fallo fa parte del calcio e andava usato”.

SULLA PARTITA – “Il nostro tipo di partita è stare avanti sia nel proporre che nel non far proporre. La squadra ha fatto una prestazione importante. Siamo mancati nella tempistica della rifinitura, abbiamo tardato un po’ nel cercare di mettere la palla in mezzo alla difesa impreparata. Nel secondo tempo abbiamo cercato di dare tutto. Abbiamo un’ottima condizione fisica e nervosa. Se perdi l’attimo nella rifinitura, avvantaggi gli avversari”.

COSA SERVE? – “Possiamo parlare di prestazione perchè ci dà energia, ma è chiaro che abbiamo raccolto solo un punto. Questo risultato deve scatenarci nervoso sano, questo è il nostro modo di fare calcio”.

GIOCO SULLE FASCE MANCATO? – “Abbiamo cercato i quarti, ma loro ci chiudevano la possibilità e ci sporcavano il controllo orientato. Loro a centrocampo erano uno in più. Con continui inserimenti abbiamo provato a colpire, ma è mancato il gol”.

SU DURIS – “Duris sta crescendo perchè quando è arrivato non era in condizione. Ha avuto l’influenza e abbiamo dovuto ritardare un po’ con lui. Noi lo abbiamo scelto. Quando è entrato si è impegnato, ma poteva dare di più con una condizione mentale migliore. Ha fatto un passo in avanti e tanti sacrifici”.

SUL RIGORE NEL FINALE – “Per me è rigore netto, è inutile discutere. Ci devono spiegare perchè e non lo ha fatto. Dobbiamo avere rammarico perchè quel rigore cambiava tutto. D’Uffizi ha tentato di restare in piedi. Parlarne non ci porta a nulla, ma fa parte del calcio”.

LE PAROLE DI MARAN

SULLA PARTITA – “Era una partita non nelle nostre corde. C’è stata lotta e non potevamo pressare in avanti perchè ci scavalcavano. A me è piaciuta la squadra per come ha interpretato la sfida. Dovevamo fare quel tipo di partita, in una gara di rimbalzi. Abbiamo lottato su ogni pallone e abbiamo meritato il punto”.

SI POTEVA FARE MEGLIO? – “Oggi il pallone è stato in aria e concedevamo molti centimetri. Abbiamo avuto ottimo temperamento. Ora dobbiamo fare partite diverse perchè nessuno lascia spazio in queste gare. Vanno interpretate per quello che possiamo fare. I ragazzi sono encomiabili perchè sono sempre in partita. L’Ascoli ha fatto una partita allucinante, ma abbiamo tirato fuori un gol importante. Va preso il buono da questa gara, non vogliamo lasciare nulla”.

SUGLI ASSENTI – “Questa squadra a livello di insieme può dare tanto, stiamo recuperando gli infortunati che sono tanti. Stiamo cercando di far si che non ci si accorga degli assenti. Se vogliamo essere belli lo facciamo, ma se vogliamo il risultato è così”.

SULLE PROSSIME GARE “Oggi è stato un grandissimo risultato perchè abbiamo tenuto dietro una diretta concorrente. Ora abbiamo partite toste, dobbiamo risistemarci  e andare a cercare punti. Se dopo la sosta potremo andare a divertirci lo vedremo”.

SU AVELLA – “Avella ha fatto bene, sono contento per lui, sta dimostrando di essere da gara per la tranquillità messa. Sta dando il suo contributo riuscendo a gestire bene. In questa squadra riescono ad entrare tutti ed è il merito che abbiamo”.

LE PAROLE DI DICKMANN

SULLA PARTITA – “Questo campo è difficile, abbiamo preparato la partita in due giorni, è un punto d’oro, di carattere, dobbiamo continuare a lavorare. Non siamo mai andati in difficoltà nonostante fosse una partita difficile, fisica. Non è mai facile giocare contro Castori, ma siamo arrivati preparati e dobbiamo continuare con questi risultati”.

SUL GOL – “Sono riuscito a liberarmi e ho provato a calciare, non lo faccio spesso e per fortuna ci ho provato”.

SULL’OBIETTIVO – “Dobbiamo fare più punti possibili per arrivare alla salvezza. Lo scorso anno sono retrocesso e qui sono arrivato dicendo che dovevamo rimetterci tutti in discussione. L’importante è il risultato”.

LA DEDICA? – “Dedico il gol a mia moglie e mio figlio, voglio che il Brescia mi riscatti e lavoro al massimo per quello”.

LE PAROLE DI FALZERANO

SULLA TANTA CORSA – “Una delle mie qualità è sempre stata la corsa facile, cerco di metterla in campo. Con me ci sono anche i miei compagni e il mister ci allena per questo. Dobbiamo portare a casa più punti, ma ci crediamo”.

SUL GOL DEL BRESCIA – “Il gol del Brescia si doveva fare fallo, purtroppo quando giochi a uomo perdi una marcatura e rischi di prendere queste giocate, è stata l’unica azione loro della partita. Quando un giocatore tira da quella distanza 9 volte sui 10 non segna, invece lui ha segnato e gli faccio i complimenti”.

SUL PAREGGIO – “Il valore di questo pareggio dipende dal prossimo risultato. Dobbiamo pensare al percorso e sono speranzoso, ci credo al 100%”.

SUI TIFOSI – “I tifosi ci aiutano e per noi sono il dodicesimo uomo in campo, ne siamo grati e diamo tutto per loro, per noi e per portare a casa la salvezza”.

Continua a leggere

Diez allo stadio

Ascoli-Brescia 1-1, le pagelle: Dickmann risponde al rigore di Mendes

Pubblicato

:

Ascoli Cittadella

Al Del Duca Ascoli e Brescia si dividono la posta in palio. Dickmann risponde al calcio di rigore trasformato da Mendes e fissa il risultato sull’1-1.

L’Ascoli è aggressivo, ma è il Brescia che dopo appena trenta secondi prova a sorprendere Viviano con una conclusione di Bertagnoli. Al 19′ arriva il primo squillo bianconero sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Mendes. Avella non è sicuro nell’intervento, ma viene salvato dalla traversa scheggiata da Botteghin. Il primo tempo va avanti con lo stesso canovaccio e scorre via senza particolari acuti tra il tentativo senza troppe pretese di Valzania l’inserimento di Rodriguez che trova solo l’esterno della rete. Al 35′ arriva l’episodio che svolta il match. Papetti tocca con il braccio largo all’interno dell’area di rigore. Massimi viene richiamato al monitor e concede il penalty. Mendes dagli 11 metri è glaciale e sigla il suo undicesimo gol stagionale. L’Ascoli sembra poter portare il vantaggio all’intervallo, ma la rete di Dickmann dalla lunghissima distanza fissa il punteggio sull’1-1.

La ripresa vede una sostituzione per parte in avvio. D’Uffizi e Bjarnason rilevano Caligara e Van de Looi. L’Ascoli è sempre più aggressivo, ma non riesce a trovare la zampata vincente. All’ora di gioco si fa rivedere il Brescia con Moncini che calcia alto. Sull’altro versante Avella disinnesca l’ottimo diagonale di Mendes, che ci riprova qualche minuto più tardi, ma trova l’esterno della rete sull’ottimo servizio di Celia. Nel finale l’Ascoli prova con le forze fresche ad ottenere i tre punti, ma non accade più nulla, se non le proteste per un atterramento di Bjarnason su D’Uffizi. Ascoli-Brescia termina 1-1.

Di seguito le pagelle della gara.

LE PAGELLE DELL’ASCOLI

Viviano 5,5: non ha la spinta giusta sulla rete di Dickmann, ma il pallone era ben indirizzato sotto l’incrocio dei pali.

Botteghin 6,5: nel primo tempo è sfortunato e scheggia la traversa. In difesa è sempre deciso e pulito.

Bellusci 6,5: stessa pagella di Botteghin, non sbaglia nulla.

Mantovani 6,5: la sua forma statosferica permette a Castori di girare gli interpreti in difesa. Anche oggi si conferma affidabile.

Falzerano 5,5: è poco brillante anche per la marcatura stretta di Fares, anche se quando prende palla prova ad inventare. Cresce nel secondo tempo. (dal 79′ Zedadka s.v.)

Valzania 6: aiuta Di Tacchio in costruzione e trasmette serenità ai compagni. (dal 79′ Giovane s.v.)

Di Tacchio 6: con l’aiuto di Valzania gestisce la manovra con più tranquillità.

Celia 6: solita gara di sacrificio e corsa. (dall’ 86′ Bayeye s.v.)

Caligara 6: non tocca tanti palloni, ma la sua posizione crea un problema di interpretazione al Brescia, che è costretto a far abbassare Van de Looi. (dal 46′ D’Uffizi 6,5: come al solito entras e  spacca la partita con un ottimo approccio).

Mendes 7: con Rodriguez c’è intesa, oggi sembra più isolato del solito tra Adorni e Papetti, ma la gara la sblocca lui guadagnando e trasformando il rigore.

Rodriguez 6: è l’attaccante che dà vivacità alla manovra offensiva. (dal 79′ Duris s.v.)

All. Bocchini 6,5: l’Ascoli è aggressivo, brillante e trova l’episodio per sbloccarla. Solo un gran gol di Dickmann non permette di ottenere la seconda vittoria consecutiva.

LE PAGELLE DEL BRESCIA

Avella 5,5: nel primo tempo non blocca un pallone sanguinoso sul calcio di punizione di Mendes.

Dickmann 7: è protagonista indiscusso della gara con una rete bellissima, oltre alla prestazione sempre importante sulla fascia destra.

Adorni 6,5: attento in marcatura, sbaglia poco o nulla.

Papetti 5: parte bene, ma l’ingenuità (o la sfortuna) in occasione del calcio di rigore costa cara.

Fares 6: Maran lo sceglie per limitare Falzerano e lo fa bene, è sempre puntuale nelle diagonali difensive e si fa vedere anche in avanti. (dal 58′ Jallow 5,5: entra in un momento difficile e fa fatica a contenere le sgroppate di Falzerano).

Bisoli 6: è il primo uomo nel pressing, la sua gara può essere giudicata solo nel buon lavoro senza palla.

Van de Looi 5,5: crea la gabbia intorno a Caligara, ma non riesce a prendere in mano l’impostazione della manovra. (dal 46′ Bjarnason 5,5: gioca più avanti rispetto al compagno, ma fa fatica ad entrare definitivamente in partita).

Bertagnoli 6: la sua gara è composta da ottimi inserimenti e tanta corsa senza palla.

Galazzi 6: non tocca tanti palloni anche se quando lo fa prova a dare una scossa ai suoi. (dal 69′ Huard 6: Il Brescia stava soffrendo sulla sinistra, Huard riesce a coprire meglio).

Bianchi 5,5: in avvio crea l’occasione di Bertagnoli con un recupero su Falzerano, ma la sua gara tra le linee si spegne con il passare dei minuti. (dall’ 88′ Olzer s.v.)

Moncini 5,5: resta un isolato nella morsa difensiva e tocca pochi palloni. (dal 69′ Borrelli 6: entra per tenere palloni in avanti, guadagna qualche calcio di punizione).

All. Maran 6: è un Brescia troppo difensivo quello che si presenta ad Ascoli, ma riesce a strappare un punto su un campo difficile.

Continua a leggere

Diez allo stadio

Ascoli-Brescia, le formazioni ufficiali: tutto confermato per Castori, si rivede Fares

Pubblicato

:

Ascoli Cittadella

A tre giorni dalla vittoria pesantissima di Piacenza contro la Feralpisalò l’Ascoli torna in campo. Al Del Duca arriva il Brescia che vuole svoltare dopo un periodo di tre gare senza vittoria per continuare a sperare nei playoff.

Nei bianconeri qualche problema per mister Castori, oggi squalificato, che deve fare a meno di Masini il match winner del Garilli. L’assenza è pesante vista l’importanza che il centrocampista riveste nello scacchiere tattico dell’allenatore marchigiano. Torna Valzania dopo la squalifica con Di Tacchio e Caligara, pronti a rifornire il tandem Mendes-Rodriguez.

Dall’altro lato le Rondinelle devono rinunciare allo squalificato Paghera e agli infortunati Cistana, Fogliata e i due portieri Andrenacci e Lezzerini. In porta va Avella, subentrato contro la Reggiana. Davanti Maran, tornato in panchina dopo la squalifica, sceglie Bianchi e Galazzi a sostegno di Moncini.

LE FORMAZIONI UFFICIALI

ASCOLI (3-4-1-2): Viviano; Botteghin, Bellusci, Mantovani; Falzerano, Valzania, Di Tacchio, Celia; Caligara; Mendes, Rodriguez. All. Bocchini.

BRESCIA (4-3-2-1): Avella; Dickmann, Papetti, Adorni, Fares; Bisoli, Van de Looi, Bertagnoli; Galazzi, Bianchi; Moncini. All. Maran.

Continua a leggere

Diez allo stadio

D’Angelo: “Volevamo fare una partita più fisica, abbiamo ruotato tanto”

Pubblicato

:

D'Angelo

L’allenatore dello Spezia Luca D’Angelo ha parlato in conferenza stampa al termine della sfida tra i liguri e il Modena. Di seguito le sue parole raccolte direttamente dalla sala stampa dello Stadio Braglia.

LE PAROLE DI D’ANGELO

ESPULSIONE E PIANO PARTITA“Sull’espulsione c’è un po’ di ingenuità, ma è giovane e ci sta. Nel primo tempo il Modena aveva il predominio, noi volevamo fare una partita più fisica. A parte il colpo di testa di Gliozzi non avevamo rischiato, e nel secondo tempo abbiamo sofferto. La squadra si è difesa bene, lasciava il cross sapendo che in area eravamo forti di testa.

PUNTO GUADAGNATO“Questo risultato è importante, perché dal punto di vista mentale la squadra ha giocato una grande partita. Il Modena ti mette in difficoltà, ma l’abbiamo giocata in maniera giusta sia prima dell’espulsione sia dopo”.

MODENA E DIFESA“Abbiamo ruotato tanto perché molti giocatori sono reduci da infortuni. Oggi la squadra si è comportata bene contro una squadra molto organizzata. Bisogna fare i complimenti a mister Bianco perché il Modena si giocherà i playoff.

DE ROSSI “Io credo che le occasioni vadano sfruttate se ti vengono date. De Rossi è molto preparato e può fare molto bene. Ha questa opportunità e mi auguro che la sfrutti”.

SCELTE DI FORMAZIONE“La formazione non era pensata per il turnover, volevo giocare la prima ora con una squadra più strutturata per poi sfruttare i nostri giocatori nella seconda parte. Elia ha avuto crampi”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969