A 20 anni si è preso la copertina del calciomercato invernale del Milan.

Mohamed Simakan ha voglia di spaccare il mondo e soltanto con due colori addosso. Non lo ha di certo nascosto su Instagram con un messaggio criptato – le treccine rossonere con la scritta “Loading” – che sa tanto di segnale forte e chiaro.

Per il ragazzotto francese non è più una questione di club ma soltanto di tempo, quello che serve al club meneghino per trovare la quadratura sulle cifre con lo Strasburgo. Nell’attesa, lui si immagina l’ingresso alla “Scala del Calcio” con il rossonero non più solo sulla testa.

Fonte foto: profilo Instagram Mohamed Simakan

Un sogno che sta facendo innamorare i tifosi milanisti, che in merito a recenti investimenti per il futuro fatti da Maldini & C. hanno una buonissima memoria.

OLTRE LE DIFFICOLTA’

L’arrivo nel calcio professionistico di Mohamed Simakan è d’insegnamento per tutti i ragazzi che sognano di legare la propria vita professionale a una sfera. Il francese, nato a Marsiglia il 3 maggio 2000, inizia a muovere i primi passi a 6 anni in una società del territorio, al Vivaux Marronniers. Dopo la parentesi di una stagione al FC Rouguière, per lui arriva la prestigiosa chiamata del Marsiglia.

Un’avventura formativa terminata 5 anni più tardi perchè il club francese decide di non puntare sul ragazzo. Simakan va oltre, così come fa con la sindrome di Osgood-Schlatter – un malessere che gli causa l’infiammazione e il rigonfiamento del ginocchio.

Dopo aver perso l’opportunità di entrare nel grande calcio dalla porta di un top club europeo, però, riparte dal basso.

Passa alcuni mesi al JO St Gabriel e poi si trasferisce all’Air Bel, dove si ferma per due stagioni. Esperienze con le quali Simakan si fa strada fino a conquistare la chiamata dello Strasburgo, che lo inserisce inizialmente nella seconda squadra. La sfortuna mette ancora alla prova il 2000 francese, che nel 2018 si rompe i legamenti del ginocchio.

Una botta terribile dopo il problema del passato, quasi il segno di un destino che non lo vuole nel calcio professionistico. Ciò varrebbe per tanti, naturalmente, tranne che per un lottatore nato come lui, che ancora una volta va oltre.

A luglio l’infortunio, a novembre torna a correre, a gennaio il ritorno in campo.

Il ragazzo riparte dal percorso di crescita che aveva lasciato in sospeso e si riprende tutto con gli interessi. Nel mese di luglio dello stesso anno, 12 mesi dopo l’infortunio, esordisce con la prima squadra in occasione del secondo turno di qualificazione ai gironi di Europa League. Conquista in quella partita contro il Maccabi Haifa il posto da titolare e non lo lascia più.

Con 43 apparizioni in un anno e mezzo attira l’attenzione di Paolo Maldini, che di difesa se ne intende non poco.  La storia di chi ha tutte le carte in regola per diventare un campione in futuro.

CARATTERISTICHE TECNICHE

L’obiettivo di mercato del Milan è un difensore dalla notevole prestanza fisica, che gli permette di essere letteralmente dominante negli uno contro uno. Si tratta di un giocatore roccioso, esplosivo fisicamente, che francobolla l’avversario chiudendogli di fatto ogni spazio possibile. Considerata la giovane età, stupisce il modo in cui riesce a indebolire la pericolosità delle iniziative offensive avversarie fino a permettergli di riconquistare palla o chiudere l’azione.

Sul posto è difficilmente superabile – ne sanno qualcosa Mbappè e Neymar, abili a saltare l’uomo – per la sua attenzione difensiva e la potenza fisica. Simakan, però, risulta scorbutico per gli avversari anche quando si fa trovare fuori posizione, recuperando con la corsa per arrivare a contrasto anche alle spalle del portatore di palla.

Circostanza, quest’ultima, che si verifica spesso quando viene impiegato da terzino destro, ruolo che ha ricoperto con maggiore frequenza nella scorsa stagione. Con qualità e un buon atletismo sa adattarsi sulla fascia avanzando in fase offensiva per accompagnare l’azione, arrivando anche al cross oppure offrendo l’ultimo passaggio. Non un terzino che spinge, certamente, ma che se la sa cavare.

In fase di impostazione, fa notare la sua abilità a giocare con i piedi, mostrando anche una grande personalità sia nel portare palla sia nell’eludere il pressing avversario con il dribbling. Il gioiellino dello Strasburgo è dotato di un piede efficace e potente con il quale ha la capacità di eseguire passaggi lunghi a dettare la profondità o ad aprire il gioco sulle fasce.

La sua stazza fisica – 1.87 m d’altezza per 82 kg – gli consente di essere molto forte anche sul gioco aereo. Proprio con un colpo di testa – in anticipo, sul primo palo – ha messo a segno il suo primo gol in Ligue 1, lo scorso 13 dicembre contro il Metz.

PROFILO DA SERIE A

Il profilo tecnico della giovane promessa dello Strasburgo ben si adatta al calcio italiano, caratteristico per il tatticismo e la cura della fase difensiva. Simakan, inoltre, può costruire anche l’azione dal basso, aspetto al quale il Milan di Pioli non rinuncia. Nella sua ancora breve carriera e in campo il classe 2000 ha esibito anche una certa personalità, fondamentale per integrarsi in un nuovo Paese ed entrare in un gruppo squadra già molto ben formato.

Nella stessa rosa rossonera c’è l’esempio tracciato da Theo Hernandez, un giocatore giovane che dopo un breve adattamento è diventato una certezza del Diavolo. Spostandosi più al centro – seppur le caratteristiche siano diverse – si potrebbe citare anche quello di Matthijs De Ligt, che dopo aver appreso una nuova cultura e un nuovo tipo di calcio per alcuni mesi è poi divenuto una colonna portante della Juventus.

Fonte foto: Direct Racing

I numeri di questo suo primo anno e mezzo tra i professionisti – nella Ligue 1 2020/21 è finora il giocatore che ha recuperato più palloni (120) – sono quelli di chi ha avuto un impatto deciso. Per questo motivo, l’impressione è che il difensore con le treccine non abbia bisogno di troppo tempo per inserirsi nella nuova realtà e mettere la propria qualità al servizio della squadra.

Sulle orme del treno che staziona sulla fascia sinistra, la roccia dai piedi buoni è pronta a conquistare San Siro.

 

Fonte immagine di copertina: profilo Instagram Mohamed Simakan