Connect with us
Pagelle Mondiali - Iran 7: brilla soprattutto Taremi, nel segno delle donne Iraniane

Calcio Internazionale

Pagelle Mondiali – Iran 7: brilla soprattutto Taremi, nel segno delle donne Iraniane

Pubblicato

:

Azmoun

Alla terza partecipazione consecutiva ad un Mondiale per la nazionale persiana, il sogno era di riuscire nell’impresa solo sfiorata in Russia nel 2018: il passaggio del turno. Quattro anni fa in un girone proibitivo, con Portogallo, Spagna e Marocco (tutte nazionali che anche in questo Mondiale hanno scritto pagine interessanti della competizione), quest’anno invece si sono ritrovati contro l’Inghilterra, detentrice di fatto della rosa con valore economico più alto di tutto il torneo, gli Stati Uniti, nazione in cui il calcio sta gradualmente prendendo sempre più posizione di spicco, e il Galles, trascinato dalla last dance di due giocatori di livello internazionale come Gareth Bale e Aaron Ramsey. Un girone molto complicato, in cui l’Iran avrebbe potuto anche fare il ruolo della Cenerentola, della squadra cuscinetto dei tre punti sicuri.

LE PARTITE DEL GIRONE

E per come è iniziato il Mondiale della formazione persiana, questo sembrava il giusto presagio: un netto 6-2 contro la nazionale dei tre leoni, che nel segno della bella gioventù di talenti cristallini come Jude Bellingham e Bukayo Saka ha totalmente imposto la propria filosofia di gioco sugli avversari, che hanno invece affrontato la sfida in maniera fin troppo passivo. Si è salvato solo Taremi, talentuoso attaccante del Porto classe ’92, che in questo Mondiale ha ben figurato giocando egregiamente in tutte e tre le partite del girone, dando prova delle sue qualità. Prima di Qatar 2022 tutt’al più avevano un ricordo (brutto) di lui i tifosi Juventini, che ben ricorderanno il suo gol dopo solo due minuti negli ottavi di finale di Champions League, all’Estádio do Dragão. Assieme a lui l’altro faro di questa selezione Iraniana, Azmoun, ex Zenit e ora al Bayer Leverkusen, seconda punta di qualità, che nel corso di questo Mondiale si è visto frenato da qualche problema fisico. Subentrato solo al minuto 77, per ragioni che diventano ovvie nel momento in cui ci si ricorda la sua posizione decisa e perentoria nella questione femminile nel suo paese, ideologia che poteva costargli addirittura l’esclusione dalla lista dei convocati di mister Queiroz. Una partita giocata dunque da squadra dominata, subordinata alla furia inglese, ed un Mondiale che dopo 90 minuti sembrava già compromesso. Serve una scossa, una prestazione di livello, portata avanti con caparbietà e ostinazione.

Tutto questo si è visto nella seconda partita del girone, contro la nazionale Gallese, all’Ahmed bin Ali Stadium. L’Iran deve lanciare il cuore oltre l’ostacolo, e sperare in una vittoria che consentirebbe di sognare quel tanto agognato passaggio agli ottavi di finale, che scriverebbe il nome dei giocatori e di quella nazionale nella storia. Il possesso palla sterile del Galles è un dato ininfluente, se confrontato con la mole di gioco creata dai ragazzi di Queiroz, che arrivano al tiro con una facilità disarmante, eppure la porta sembra stregata, con il risultato fisso sullo 0-0 al 90′. Eppure il calcio, si sa, è imprevedibile, è emozione allo stato puro, adrenalina che scorre al posto del sangue nei giocatori in campo, e nel pubblico allo stadio e quello da casa. E così, il “miracolo, che poi miracolo non è, si compie, e al minuto 98 Cheshmi mette in porta il gol dell’1-0. ed ecco che subito è festa grande sugli spalti. Un intero paese, di certo non abituato a questo tipo di vittorie, si lascia andare al trasporto di tre punti in una classifica che, forse, non ha ancora verdetti da dare. La partita sembra aver detto la sua, ma non ha fatto i conti con la voglia rabbiosa di vincere dell’Iran. 90+11 segna il tabellino, gol del 2-0 uscito dal tocco morbido di Rezaeian, professione non attaccante ma terzino destro. Una prestazione corale, di squadra, dove il vero ed unico protagonista è stato il gioco di squadra, insieme alla voglia di rivalsa.

E poi, il momento decisivo, l’ultima partita del girone, l’ultima delle danze, due partite decisive per tutte e quattro le squadre. L’Inghilterra contro il Galles ha, se non la certezza matematica, la coscienza di poter tranquillamente passare il turno. Il pareggio per 0-0 contro gli USA non ha portato strascichi. Il risultato è 3-0, l’Inghilterra è agli ottavi. In contemporanea, l’Iran si gioca la sua chance di entrare, con due piedi, di diritto, nella storia dei mondiali, centrando un passaggio del turno che diverrebbe storico. Basta un solo punto per passare il turno, mentre gli avversari devono vincere per forza. E forse sono proprio queste situazioni di dentro o fuori, dove ci si gioca il tutto per tutto, che si vede l’esperienza e la fame di prendersi un risultato così importante. Il primo tempo, complici anche le scelte di Queiroz, è disastroso, si salvano solamente i soliti due, Taremi e Azmoun. Il primo è un guerriero vero anche nel secondo tempo, ma non riesce a trasmettere la sua voglia di arrivare a quel gol che profuma di storia e di impresa ai compagni; il secondo, per scelta tecnica o per un problema fisico, viene lasciato negli spogliatoi alla fine dei primi 45 minuti.

Con una sola prestazione di tenacia e coraggio non si arriva lontano in un girone del genere, e l’eliminazione ai gironi è inevitabile e sacrosanta. Il gol di Pulisic al minuto 38 è decisivo. E se i due giocatori top sono stati ampiamente citati, l’unico flop è stato Mohammadi, che ha collezionato due presenze disastrose sia nella prima sia nell’ultima partita del girone, salvandosi solo col Galles, dove ha tenuto a bada una versione di Ramsey molto opaca rispetto a quello che conosciamo. Il Mondiale dell’Iran è sicuramente sufficiente, e pure qualcosa di più visto che per la seconda volta, una squadra inferiore alle avversarie sulla carta è arrivata a giocarsi la qualificazione agli ottavi fino alla fine. Eppure non potevamo che premiare quelli che, ancora prima di essere composta da giocatori, ha dimostrato di essere un gruppo di uomini, coraggiosi e fieri delle proprie idee.

IL MONDIALE COME RISCATTO SOCIALE

Si è giocato un Mondiale sporco sotto vari punti di vista, che ha visto stadi costruiti sulle vite umane, e che resteranno probabilmente inutilizzati dopo la competizione, il numero di morti che supera i minuti giocati e giornalisti morti misteriosamente nel corso delle settimane. In mezzo al mare di ombre Qatariota, c’è stata una forte luce di speranza, talmente abbagliante che lo stato Iraniano ha provato a soffocarla in tutti i modi, si dice addirittura minacciando con le armi della morte e della tortura le famiglie di giocatori e staff tecnico. Questa luce è la squadra dell’Iran, che ha ribadito la propria posizione di protesta durante la partita contro l’Inghilterra, evitando all’unisono di cantare l’inno. Ed in questo caso, come nell’amichevole contro il Senegal, dove i giocatori hanno coperto lo stemma della nazionale con i giubbotti in segno di dissenso verso la situazione del diritto femminile nello stato Iraniano, il messaggio è stato fortissimo, tanto da mobilitare il cinismo e la follia del potere politico Iraniano, che in caso di ripetizione di un evento simile ha, come detto precedentemente, minacciato i familiari dei componenti della nazionale. Hanno fatto sognare un popolo intero, hanno fatto sognare bambini che forse hanno visto più morte e devastazione che palloni da calcio, e hanno mostrato al mondo cosa vuol dire avere coraggio, quello vero. E sono usciti ai gironi, a testa alta, con l’appoggio e la simpatia da parte delle altre nazioni. Nella speranza che il messaggio di pace e di progresso, per il quale hanno rischiato la vita, risulti efficace.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Ibrahimovic non farà parte della lista Uefa del Milan

Pubblicato

:

Milan

A concludere la giornata calcistica c’è la lista Uefa del Milan. I 25 giocatori che potranno essere convocati negli ottavi di Champions League contro il Tottenham, in realtà, non sono ancora stati annunciati in via ufficiali, ma iniziano a trapelare diverse indiscrezioni.

Quelle di Fabrizio Romano, in particolare, assomigliano a delle anticipazioni di quello che sarà. Sul suo profilo Twitter, infatti, il giornalista italiano afferma con sicurezza alcuni importanti assunti. In primo luogo non ci sarà Zlatan Ibrahimovic, che – a discapito delle tante voci di questi giorni – non verrà incluso da Pioli. Scelta di rilievo, poi, quella di lasciar fuori Serginho Dest, rimpiazzato da Malick Thiaw.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Firmino resta al Liverpool? Le parole dell’agente

Pubblicato

:

Firmino

Roger Wittmann, agente di Roberto Firmino, ha rilasciato un’intervista a Sky Sport Deutschland, parlando del futuro dell’attaccante del Liverpool in scadenza a giugno 2023 ed accostato anche all’Inter: Siamo sulla buona strada per il rinnovo di contratto, a febbraio sapremo anche come andrà a finire il viaggio. Stiamo discutendo davvero bene, questo è un club eccezionale”.

Secondo Sky Sport Deutschland, il brasiliano dovrebbe firmare un rinnovo fino a giugno 2025.

Dovrebbe quindi restare al Liverpool uno dei possibili svincolati più interessanti in vista dell’estate 2023.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Stangata per Verratti: 3 giornate di squalifica, ma ci sarà con il Marsiglia

Pubblicato

:

Verratti

La commissione disciplinare della Lega Calcio francese ha squalificato Marco Verratti per 3 giornate, di cui una sospesa. Il centrocampista italiano era stato espulso nel match della scorsa domenica contro il Reims. Il numero 6 del Psg, dopo non aver partecipato al match di ieri contro il Montpellier, salterà dunque anche la sfida interna contro il Tolosa.

Sarà comunque a disposizione di Galtier per il Derby di Francia Psg-Marsiglia, match valevole per gli ottavi di finale di Coppa di Francia, in programma mercoledì 8 febbraio alle ore 21:10.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Nuova avventura per Cuper: ufficiale la sua nomina alla guida di una Nazionale

Pubblicato

:

Cuper

Si apre un nuovo capitolo nella carriera da allenatore di Hector Cuper. L’ex allenatore di InterValencia tra le altre è pronto ad una nuova esperienza che lo vedrà vestire i panni da ct di una nazionale per la quinta volta in carriera.

È infatti ufficiale il suo approdo sulla panchina della Siria, così come comunicato dai vertici della Federcalcio siriana. Cuper aveva chiuso la sua ultima esperienza da allenatore lo scorso agosto, dopo la fine della parentesi sulla panchina della nazionale della Repubblica Democratica del Congo. Oltre a svariate esperienze da allenatore sulle panchine di squadre di club, tra cui spiccano le 109 panchine nella Milano nerazzurra a cavallo tra il 2001 e il 2003, l’argentino conta una lunga esperienza da consulente tecnico di diverse nazionali. La prima panchina internazionale assoluta risale al 2008 in qualità di ct della Georgia. Da lì in poi diverse nazionali si affideranno alle sue capacità, come testimoniato dagli incarichi alla guida di Egitto, Uzbekistan e la già citata Repubblica Democratica del Congo.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969