Connect with us
Monterosi Tuscia, Menichini: "Per vincere a Castellammare devi giocare bene"

La nostra prima pagina

Monterosi Tuscia, Menichini: “Per vincere a Castellammare devi giocare bene”

Pubblicato

:

Lega Pro

Nella giornata di ieri, il Monterosi Tuscia ha ottenuto un’inaspettata vittoria sul campo della Juve Stabia. Il club laziale si è imposto per 1-3, in virtù delle reti di Della Pietra, Piroli e Carlini. Importante passo in avanti della squadra, che supera Gelbison e Turris nella zona playout.

Al termine della partita, il tecnico Leonardo Menichini ha rilasciato queste dichiarazioni in conferenza stampa.

“La Juve Stabia è una squadra forte, ha fatto una mezz’ora importante e ci concedeva poco. Gli episodi decidono le gare e se Santos segnava il rigore poteva cambiare l’esito del match. Nonostante il gol subito non ci siamo persi d’animo e la squadra ha giocato con personalità.

Per vincere a Castellammare devi giocare bene altrimenti non esci vivo da questo campo. Con Colucci ci siamo salutati a fine partita. È stato un signore come l’ho sempre conosciuto. Ma nella prima mezz’ora ci hanno messo in difficoltà con giocatori rapidi davanti. Siamo stati bravi a restare in gara e a capovolgerla.

Della Pietra ha fatto un’ottima gara. Ha bisogno di giocare per trovare la migliore condizione ma ha fatto un’ottima prestazione. Sono arrivati Santoro, Forte e Tonin. Non ci sono richieste particolari per il mercato ma se capita qualche occasione vedremo. Sono abituato a giocare con i giocatori a disposizione. Ci voleva una vittoria per sbloccare ulteriormente i ragazzi.

Abbiamo vinto una bella partita ma bisogna prepararsi a domenica prossima per un’altra gara importante col Crotone. Questo è un campionato che si deciderà nelle ultime gare. Carlini ha avuto problemi personali gravi ma oggi ho rivisto il Carlini dei tempi migliori. È rimasto fuori un mese e ha dimostrato che quando c’è classe e orgoglio si possono fare grandi cose.

E’ entrata una proprietà forte nel Monterosi, la Maury’s, e ci tengono a fare bella figura e a portare avanti il loro marchio. Stanno facendo esperienza per capire cosa serve alla squadra nel quotidiano per andare sempre meglio”.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Diez allo stadio

Nicola: “Non giochiamo per la salvezza, conta l’obiettivo finale”

Pubblicato

:

Il tecnico dell’Empoli Davide Nicola ha parlato in conferenza stampa dopo il match giocato dai suoi contro il Sassuolo. Di seguito le sue parole raccolte direttamente dalla sala stampa del Mapei Stadium.

VITTORIA CONTRO IL SASSUOLO“Credo che vincere faccia piacere a chiunque, vincere ti permette di fare un passo importante. Non può bastare ciò che abbiamo fatto, ma è chiaro che vincere contro un avversario di qualità, che sa mettere in difficoltà gli avversari aiuta. I ragazzi sono stati bravi a interpretare i due modi di stare in campo, senza pensare troppo al modulo. Noi oggi avevamo bisogno di darci la convinzione che quello che stiamo facendo sta producendo qualcosa oltre ai punti. Siamo alla seconda vittoria fuori casa consecutiva, e questa settimana abbiamo dovuto fare a meno di diversi giocatori. Quei venti giocatori hanno dimostrato che un gruppo di lavoro è importante quando ha tante risorse. Faccio una citazione particolare a Bastoni perché l’ho visto lavorare e sarà una grande risorsa. A forza di insistere sui calci piazzati, i gol arrivano”.

CAMBIAMENTI DOPO L’ARRIVO DI NICOLA“Io spero che abbiano capito il mio gioco, in funzione di una sperimentazione tattica. Per me contano i comportamenti, e questo fa la differenza. Stanno capendo questo e possiamo ancora migliorare. Non conta la singola partita, ma l’obiettivo finale. Non mi esalto troppo, per me l’equilibrio è fondamentale. Noi non giochiamo per la salvezza, vogliamo fare più punti possibili a prescindere dalla squadra che incontriamo”.

GOL SEGNATI E PIANO PARTITA“Per come stavamo tenendo in campo ho sempre pensato che potessimo essere molto pericolosi. Sapevo che se avessimo passato troppo tempo in difesa avremmo pagato dazio. La necessità di alternare i pressing doveva essere molto veloce e non protratto nel tempo. I numeri sono chiari, l’Empoli ha cercato di vincerla e non ha mai rinunciato ad attaccare. Sono tre volte che noi segniamo tre gol, l’unico fatto è il gol subito su calcio piazzato.”.

Continua a leggere

Diez allo stadio

Sassuolo-Empoli 2-3, le pagelle: Pinamonti lucido, Bastoni decisivo

Pubblicato

:

Andrea Pinamonti, calciatore del Sassuolo - Serie A, Coppa Italia

SASSUOLO-EMPOLI PAGELLE – A sbloccarla è il capitano della squadra di Nicola: Luperto colpisce di testa da posizione ravvicinata e fa 1-0 per l’Empoli. Il primo tempo si conclude con i toscani in vantaggio.

Nella ripresa succede di tutto. Prima Pinamonti pareggia dal dischetto, poi poco dopo Niang si guadagna un penalty dall’altra parte. Il numero 10 di Nicola non perdona Consigli e riporta avanti gli azzurri. A pareggiarla però è il capitano del Sassuolo Ferrari, che gira perfettamente di testa su un cross di Bajrami. Nel finale è Bastoni a mandare in paradiso l’Empoli, che vince al Mapei Stadium.

Numero Diez era presenta in tribuna stampa e vi fornisce le pagelle del match.

SASSUOLO-EMPOLI PAGELLE, I GIUDICI SUL SASSUOLO

Consigli 6: imperfetto in molte occasioni, e sul gol poteva fare meglio in uscita. Salva il possibile gol del doppio vantaggio nel secondo tempo su Niang.

Pedersen 5.5: fatica a contenere le azioni di un acceso Cambiaghi, e non si fa trovare molto pronto quando c’è bisogno di attaccare.

Ferrari 6: dopo un’altra partita traballante in difesa, trova il gol del pareggio con una girata perfetta di testa.

Tressoldi 5.5: sbaglia meno rispetto al solito, anche se il rigore dell’Empoli nasce da un calcio d’angolo regalato dal brasiliano.

Doig 6: molto presente in fase offensiva, si rende anche pericoloso con diversi cross non sfruttati dai compagni.

Matheus Henrique 6.5: detta lui i tempi di gioco, come accade di solito. Ci prova anche più volte dalla distanza, senza un grande successo.

Boloca 5: la sua partita inizia male con un’ammonizione dopo pochi minuti. Per il resto tantissimi errori in fase di costruzione. Non il Boloca che abbiamo ammirato nella prima parte di campionato. (dal 46’ Bajrami 6.5: è suo il cross perfetto che finisce sulla testa di Ferrari sul gol del secondo pareggio).

Volpato 5.5: prova a fare tutto da solo in diverse circostanze, e riesce a crearsi delle iniziative che potevano diventare pericolose. Troppo poco per arrivare alla sufficienza. (dal 68’ Mulattieri 6: gioca soprattutto spalle alla porta, senza creare pericoli agli avversari).

Thorstvedt 6: agisce tra le linee nel primo tempo ma non incide. Nella ripresa arretra ed è più presente nella manovra. (dall’88 Defrel sv).

Laurienté 5.5: è il più pericoloso dei suoi nel primo tempo, ma non arriva mai vicino alla porta. Pochi dribbling riusciti, che confermano una stagione che è lontana parente della scorsa. (dall’88 Racic sv).

Pinamonti 7: dopo un primo tempo opaco, si riscatta trasformando il rigore. Non semplice per lui tornare sul dischetto dopo Bergamo.

All. Dionisi 5.5: i neroverdi la perdono nel finale, come successe all’Empoli all’andata. Dopo un primo tempo in cui ha tenuto il possesso, i neroverdi riescono a pareggiare per due volte nella ripresa. Una prestazione positiva dal centrocampo in su per il Sassuolo, che però in difesa continua a fare fatica.

SASSUOLO-EMPOLI PAGELLE, I GIUDIZI DELL’EMPOLI

Caprile 6: sul rigore può poco, per il resto del match compie un grande intervento su un tiro dalla distanza di Doig.

Ismaijli 5.5: contiene molto bene Laurienté, che non entra in partita grazie al suo lavoro di copertura in difesa. Colpevole di causare il rigore che aveva permesso al Sassuolo di pareggiare.

Walukiewicz 6: buona prestazione del difensore polacco, che non commette errori degni di nota in una discreta partita difensiva da parte dell’Empoli.

Luperto 6.5: sfrutta una difesa del Sassuolo non perfetta per sbloccare il risultato per i suoi di testa. Si fa anche male, ma non molla.

Kovalenko 6: non si vede molto in un centrocampo molto attendista come quello di Nicola. La prestazione è comunque positiva, nonostante non abbia brillato. (dall’80’ Bastoni 6.5: la decide lui di testa, con un inserimento da attaccante vero).

Marin 6.5: disegna un cross perfetto per il primo gol dell’Empoli. Gioca un’ottima partita in fase di costruzione, come ha fatto anche nelle ultime uscite.

Maleh 6: cerca di inserirsi fra le linee come gli piace fare di solito, ma non ha l’efficacia di altre partite.

Cacace 6: si fa trovare spesso al posto giusto quando deve attaccare, mentre in fase difensiva gli spazi lasciati sono tanti. (dall’88’ Destro sv).

Cancellieri 5: troppo poco per un giocatore del suo talento. Qualche accelerazione per disorientare Doig, ma senza lasciare il segno. (dall’88’ Pezzella sv).

Cambiaghi 5.5: prova a incidere con la sua qualità, ma va perdendosi con il passare dei minuti. Ancora zero gol in campionato per l’ex Atalanta. (dall’88 Bereszyński sv).

Cerri 5: nettamente il peggiore dei suoi. Non riesce a proteggere un pallone contro una difesa tutt’altro che sicura. (dal 55’ Niang 6.5: appena entrato si guadagna il rigore che riporta il vantaggio l’Empoli, trasformato dallo stesso numero 10).

All. Nicola 6: il suo Empoli gioca una partita probabilmente troppo difensiva. Dopo il gol la sua squadra si chiude e fatica a ripartire. Il rigore li aveva rimessi in vantaggio, ma poi il copione non cambia. Ci si poteva aspettare qualcosa di più.

Continua a leggere

I Nostri Approfondimenti

Dove vedere Lecce-Inter in TV e streaming

Pubblicato

:

Inter, in foto: Hakan Calhanoglu, Denzel Dumfries, Nicolò Barella, Stefan De Vrij, Carlos Augusto, Lautaro Martinez, Marcus Thuram, Benjamin Pavard Serie A Champions League

DOVE VEDERE LECCE-INTER IN TV E STREAMING – In quest’ultimo fine settimana di febbraio passerà agli archivi la ventiseiesima giornata del campionato di Serie A. Domenica 25 febbraio alle ore 18:00, allo Stadio Via del Mare di Lecce, Lecce e Inter si affronteranno in una sfida che potrebbe regalare diverse emozioni e spettacolo. Andiamo a vedere nel dettaglio come arrivano le due formazioni alla partita.

DOVE VEDERE LECCE-INTER IN TV E STREAMING – COME ARRIVAMO LE DUE SQUADRE

DOVE VEDERE LECCE-INTER IN TV E STREAMING – I padroni di casa del Lecce arrivano alla gara in un periodo di piena crisi. I punti raccolti nelle ultime dieci partite dalla squadra allenata da Roberto D’Aversa sono appena sette. Questo bottino è frutto di due vittorie, un pareggio e ben sette sconfitte che hanno visto sprofondare i salentini al quattordicesimo posto. La zona retrocessione è diventata, con il passare delle settimane, sempre più un incubo da scacciare via e, seppur ci sia un minimo margine di quattro punti, anche il Lecce è da considerare nel vortice delle squadre a rischio. La gara di domenica può significare solamente due cose: vittoria e punto di svolta oppure sconfitta e ulteriore tracollo.

DOVE VEDERE LECCE-INTER IN TV E STREAMING – La capolista Inter, allenata da Simone Inzaghi, arriva a questa gara carica di entusiasmo. La recente vittoria nella sfida degli ottavi d’andata di Champions League contro l’Atletico Madrid ha rincarato la dose di fiducia nell’ambiente e ha cambiato la visione di quella che potrebbe essere la gara contro il Lecce. Per la delicata trasferta, infatti, il tecnico dei nerazzurri opterà, molto probabilmente, per diversi cambi nello scacchiere principale, offrendo una chance importante a chi ha visto meno il campo nelle ultime settimane. I salentini rappresentano per l’Inter un primo ostacolo nel lungo tour de force che li aspetta: i nerazzurri, infatti, scenderanno in campo per ben sei volte in appena ventidue giorni. Fatta questa doverosa premessa, andiamo a svelare dove vedere Lecce-Inter.

DOVE VEDERE LECCE-INTER IN TV E STREAMING

DOVE VEDERE LECCE-INTER IN TV E STREAMING – Il match del Via del Mare tra Lecce e Inter, in programma domenica 25 febbraio alle ore 18:00, sarà visibile in tv e streaming sui canali e sulle piattaforme di DAZN.

LE PROBABILI FORMAZIONI

LECCE (4-3-3): Falcone; Gendrey, Touba, Baschirotto, Gallo; Kaba, Ramadani, Oudin; Almqvist, Krstovic, Banda. All. D’Aversa.

INTER (3-5-2): Audero; Bisseck, De Vrij, Carlos Augusto; Dumfries, Barella, Calhanoglu, Frattesi, Dimarco; Lautaro, Arnautovic. All. S.Inzaghi.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Tare incorona Inzaghi: “È simile ad un altro grandissimo allenatore”

Pubblicato

:

Igli Tare Lazio

L’ex direttore sportivo della Lazio, Igli Tare ha parlato ai microfoni di Radio Deejay, affrontando diversi temi. Tra questi, emergono le sue parole riguardanti il profilo di Simone Inzaghi, allenatore che ha avuto alla Lazio durante la sua lunga epopea da dirigente. Con i biancocelesti, l’attuale tecnico dell’Inter ha scritto pagine importanti della loro storia, conquistando tre coppe in cinque anni: una Coppa Italia nel 2018-2019 e due Supercoppe italiane nel 2017 e nel 2019. Inoltre, grazie al suo passato da giocatore con la Lazio, dove aveva già vinto sul campo le due predette competizioni nazionali, è diventato l’unico biancoceleste a vincere entrambi i trofei sia da calciatore che da tecnico. Senza dimenticare lo scudetto del 2000, che ha caratterizzato l’apoteosi della sua avventura laziale.

E proprio partendo dal suo passato nel calcio giocato Tare ha espresso un parere sull’attuale allenatore dell’Inter, per cui ha riservato un paragone di tutto rispetto: quello con Pep Guardiola. Di seguito, riveliamo le parole dell’ex DS della Lazio.

TARE SU INZAGHI: LE SUE DICHIARAZIONI

GUARDIOLA E INZAGHI –Già da giocatore si intravedeva qualcosa di speciale, lo stesso si poteva asserire su Guardiola: avevano qualcosa in più. Simone inganna apparentemente: è sempre solare, ma, in realtà, è molto profondo e cura ogni piccolo particolare. Lui parte dal primo minuto della mattina e arriva fino all’ultimo della sera, curando tutto in modo maniacale. Ha qualcosa in più rispetto agli altri nell’instaurare un rapporto con la squadra e a livello individuale”

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969