Connect with us
Monza-Inter 2-2, le pagelle: Caldirola gela i nerazzurri

Flash News

Monza-Inter 2-2, le pagelle: Caldirola gela i nerazzurri

Pubblicato

:

Altra frenata per l’Inter di Inzaghi che non riesce ad andare oltre al pareggio contro il Monza, a condannare i nerazzurri è stato l’ex Luca Caldirola al 93° su calcio d’angolo.

Primo tempo ricco di emozioni. Il Monza parte forte ma è l’Inter a passare in vantaggio con Darmian al decimo minuto. Neanche il tempo di festeggiare che Ciurria pareggia i conti con un colpo da biliardo, infilando la palla nell’angolino più lontano. La squadra di Palladino continua a spingere e va vicino al vantaggio con Petagna, ma i nerazzurri sono spietati: Lautaro approfitta di una disattenzione di Pablo Mari, gli ruba palla in area e insacca il gol del 2-1.

Nel secondo tempo la gara è molto più equilibrata: l‘Inter segna un gol ma viene annullato e colpisce un palo con Lautaro, nei minuti di recupero però Caldirola gela i nerazzurri.

Di Gregorio 5,5: si fa trovare pronto in più occasioni, di fronte ai goal dei nerazzuri può fare poco.
Marlon 5.5: prestazione incolore, senza troppe sbavatura ma soffre parecchio la spinta di Dimarco. (Dal 45° Caldirola 7: copre benissimo Lukaku e segna il gol del 2-2 allo scadere, cambio azzeccatissimo).
Pablo Mari 4,5: il secondo gol dell’Inter è soprattutto per causa sua, Lautaro gli toglie la palla in area e Di Gregorio può solo osservarla andare in rete.
Izzo 6: lavora bene in fase di possesso e non fa sbavature in difesa.
Birindelli 6: gioca una partita senza infamia e senza lode, prestazione sufficiente. (Dal 73° Colpani 6: entra bene, cerca di rendersi pericoloso e contribuisce alla vittoria della squadra)
Pessina 6,5: è suo il passaggio mostra lo specchio della porta a Ciurria per il gol del pareggio, amministra bene il centrocampo.
Machin 6: non ha un compito facile, in mezzo al campo è una lotta ma se la cava bene. (Dal 66° Ranocchia 6: gioca una partita pulita, senza commettere errori)
Carlos Augusto 5.5: soffre tantissimo il confronto con Darmian e perde la marcatura in occasione del primo gol. Nel secondo tempo gioca meglio ma ci si aspetta di più da lui.
Ciurria 7.5: si inventa una traiettoria imprendibile per Onana e segna il gol del pareggio, non si accontenta e realizza l’assist per il 2-2. Il migliore dei suoi.
Mota 6,5: crea più volte il panico nella difesa nerazzura durante il primo tempo, si spegne un po’ nella seconda frazione ma la sua partita è più che sufficiente.
Petagna 5: rimane troppo nell’ombra dei tre colossi interisti, va vicino al gol nel primo tempo ma crea troppo poco. (Dal 66° Gytkjaer 6: prova a rendersi pericoloso ma non è facile, aiuta la squadra a creare superiorità).

Onana 6: può fare poco sui due gol del Monza e si fa trovare pronto nel momento del bisogno, prezioso.
Bastoni 6.5: realizza l’assist in occasione del primo gol di Darmian e lavora bene in difesa, buona partita.
Acerbi 6: lascia pochi spazi a Petagna e Gytkjaer, segna anche un gol ma viene annullato. Prestazione solida.
Skriniar 6: non è solita super prestazione dello slovacco, si fa scappare un paio di volte Mota ma gioca comunque una gara sufficiente.
Darmian 6.5: ottima partita di un calciatore estremamente sottovalutato, segna il primo gol della gara e copre benissimo Carlos Augusto. (Dal 80° Dumfries 4.5: in poco più di dieci minuti si fa saltare sopra da Caldirola e devia il suo colpo di testa che finisce alle spalle di Onana. Stagione, ad oggi, da dimenticare).
Mkhitaryan 5,5: non si rende pericoloso in attacco ma lotta per 90°, prestazione macchiata da un cartellino giallo.
Calhanoglu 6: non una partita facile per lui in impostazione, il Monza pressa tanto ma riesce comunque a giocare una buona gara. (Dal 55° Asllani 6: entra con personalità, realizza anche un assist su punizione ma viene annullato il gol)
Barella 6: tanta corsa, aiuta tanto la squadra in entrambe le fasi. (Dal 63° Gagliardini 5.5: non riesce ad entrare bene in partita, con questo cambio l’Inter perde tanto a centrocampo)
Dimarco 6: ormai una certezza, sempre pericoloso palla al piede e sui calci piazzati. (Dall’80° Gosens SV).
Lautaro 6.5: la sua prestazione è riassumibile con due parole, grinta e fame. Lotta su ogni pallone, crea il secondo goal da solo e colpisce un palo, “Il Toro” non a caso.
Dzeko 5.5: aiuta tanto la squadra in entrambe le fasi, non ha grandissime occasioni per rendersi pericoloso. (Dal 55° Lukaku 5: tocca pochi palloni e quelli che controlla sono ancora meno, mai pericoloso).

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Dionisi in conferenza: “Berardi ci sarà, Muldur no. Il Milan non ha perso niente”

Pubblicato

:

Domani alle 12:30, a San Siro, andrà in scena Milan-Sassuolo, match valido per la ventesima giornata di Serie A. É un partita davvero complicata per entrambe le parti, che arrivano a questo match con una grande voglia di rinascere dopo quest’ultimo periodo che ha visto le due squadre soffrire a causa degli infortuni e soprattutto a causa di un enorme calo di attenzione. La squadra di Pioli avrà dalla sua il sostegno dei tifosi rossoneri che proveranno a dare una scossa ai giocatori. I rossoneri arrivano a questo match da due vittorie nelle ultime cinque di campionato, mentre i neroverdi sono reduci da un pareggio e quattro sconfitte nelle ultime cinque.

Alla vigilia del match, Alessio Dionisi, tecnico del Sassuolo, ha parlato in conferenza stampa. Di seguito le sue parole.

SUL MOMENTO DI CRISI – “Noi abbiamo fatto il primo punto del 2023 alla quarta partita e se è successo questo è stato per nostro demerito anche. Veniamo da una partita fatta bene dove potevamo tirare fuori anche di più, siamo leggermente migliorati ma non siamo guariti. Servono continuità e atteggiamento, poi ci sono gli avversari che sono i campioni d’Italia, giocano in casa e sono feriti come noi. La spunterà chi avrà l’atteggiamento migliore. La qualità, che loro hanno più di noi, conta ma non è l’unica cosa”.

SUL MILAN – Il Milan ha perso qualche partita, non ha perso identità, non ha perso niente. Fa le cose e si riconosce in quello che fa. Dovremo essere bravi perché a livello prestativo lo siamo stati domenica. Possiamo fare meglio nel gioco, dovremo cercare già domani di crescere, ma in questo momento la compattezza, la volontà e la determinazione devono andare di pari passo e non è scontato”.

SUGLI INFORTUNATI – Consigli in settimana si è allenato, sono contento che possa rientrare: se starà al 100% giocherà, altrimenti ci sarà Pegolo che ha fatto bene e merita ed è una bandiera come Magnanelli, se sta al 100% come sembra giocherà Consigli, altrimenti Pegolo. Rogerio non ha avuto problemi alla spalla. Ci alleniamo oggi, Rogerio sarà disponibile. Berardi si è allenato e ci sarà. Per Muldur mancano un paio di settimane per sapere se sarà disponibile. Domani non ci sarà, nemmeno con l’Atalanta, vedremo da quella dopo“.

SUL DUALISMO OBIANG-LOPEZ – “Pedro è un uomo e in questa squadra abbiamo bisogno di uomini, di qualità e personalità. Rispetto a Maxime sa leggere meglio le situazioni, aiuta la squadra in maniera diversa in fase difensiva, Maxime alza il livello del gioco e della qualità ma in questo momento non possiamo rinunciare a Pedro, non escludo che possano giocare insieme. Abbiamo 7 centrocampisti ora, dobbiamo migliorare nell’interscambiabilità dei ruoli“.

SUL MERCATO – “L’allenatore deve pensare alla squadra, poi a queste cose ci pensa la società. Credo che la cosa più importante, è una mia convinzione, che per questi colori nero verdi debbano giocare giocatori che hanno la voglia e la volontà di farlo, che hanno la voglia di ambire a giocare con questa maglia, giocatori che vogliono non che debbano indossare quella maglia. Non abbiamo giocatori in esubero, ma meglio pochi ma buoni. Troppo pochi no, ma gente che abbia la volontà di indossare la maglia neroverde”.

Continua a leggere

Calciomercato

L’allenatore del Fulham sul mercato e Lukic: “Siamo vicini a definire qualcosa”

Pubblicato

:

Lukic

Saša Lukić, dopo cinque anni al Torino, è pronto a fare il salto di qualità traferendosi in Premier League sponda Fulham. La trattativa era ben avviata da molti giorni e, adesso, sembra essere giunta al traguardo. La società inglese ha presentato un conguaglio economico pari a circa 9.5 milioni di euro e il presidente Urbano Cairo sembra propenso ad accettare.

Inoltre, a proposito di questo possibile trasferimento, ne ha parlato il tecnico dei Cottagers, Marco Silva, in conferenza stampa. Di seguito riportiamo le sue parole

SU LUKIC Siamo vicini a definire qualcosa, speriamo possano arrivare due giocatori prima della fine del mercato”.

Continua a leggere

Calciomercato

Empoli ad un passo da Filippo Alessio, giovane bomber del Vicenza

Pubblicato

:

L’Empoli di Paolo Zanetti è una squadra che alterna giocatori di esperienza a giocatori molto giovani capaci di fare quella giocata che nessuno si aspetterebbe. L’allenatore vicentino è a conoscenza delle potenzialità che hanno i suoi giovani e alla prima possibilità disponibile li schiera sempre titolari. Gli azzurri non sono partiti con il piglio giusto in questo campionato ma, con l’inserimento di giovani di talento, quali Baldanzi e Fazzini tra i tanti, la squadra sembra aver cambiato mentalità. É una squadra più propositiva, che gioca senza aver paura delle big, vedi la vittoria di San Siro contro l’Inter con gol vittoria proprio di Baldanzi.

L’Empoli ha grandi talenti in casa e nelle ultime ore è iniziata una trattativa per portare in maglia azzurra Filippo Alessio, attaccante classe 2004 del Vicenza. É un calciatore di cui si dice un gran bene. Nelle scorse settimane c’è stato un grande interessamento da parte di due club di Serie A, ovvero Roma e Sassuolo, ma l’Empoli sembra aver superato la concorrenza ed è vicino ad aggiudicarsi le prestazioni sportive del giovane bomber.

É dotato di una grande prestanza fisica data anche la sua altezza, 187cm. É un’attaccante da area di rigore capace di trasformare le palloni sporchi in giocate pericolose. Freddissimo sotto porta e alle spalle ha tanti gol con le giovanili. L’Empoli sta ragionando con il Vicenza sulla formula e sui bonus che andrebbero ai biancorossi. Nelle prossime ore la trattativa si potrebbe scaldare e potrebbero arrivare le firme.

Continua a leggere

Flash News

Un minuto di silenzio per Tavecchio: la decisione della FIGC

Pubblicato

:

La FIGC, Federazione Italiana Giuoco Calcio, ha disposto un minuto di silenzio per ricordare Carlo Tavecchio, che ne è stato presidente dal 2014 al 2017, scomparso questa mattina. All’inizio di tutti i match dei campionati nazionali in questo weekend, posticipi inclusi, si attenderà un minuto in silenzio per ricordare l’ex-presidente.

La stessa FIGC ha reso nota la propria decisione con questo comunicato ufficiale: “La FIGC ha disposto che prima di tutte le partite dei campionati nazionali previste per il weekend (compresi i posticipi di lunedì) venga osservato un minuto di raccoglimento per ricordare Tavecchio. In segno di lutto, inoltre, le bandiere del palazzo di Via Allegri – sede della Federazione – e del Centro Tecnico Federale di Coverciano sono tenute a mezz’asta”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969