Connect with us
Monza-Juventus 1-2, le pagelle: Gatti all'ultimo respiro, Carboni illude

La nostra prima pagina

Monza-Juventus 1-2, le pagelle: Gatti all’ultimo respiro, Carboni illude

Pubblicato

:

rabiot

MONZA-JUVENTUS PAGELLE – In un freddo venerdì sera di Monza si apre la 14ª giornata di Serie A con la sfida tra Monza e Juventus. Pochissimi posti vuoti all’U-Power Stadium per una partita che si prospetta ricca di emozioni e spettacolo. E infatti la gara si accende subito: dopo 8′ Cambiaso viene atterrato in area da Kyriakopoulos. Sul dischetto si presenta Vlahovic, ma Di Gregorio è miracoloso con una doppia parata. Sugli sviluppo del corner successivo, la Juve passa comunque in vantaggio grazie allo stacco imperioso di Rabiot. Dopo un inizio importante, la partita scorre via sui binari dell’equilibrio per 90′. Le due squadre trovano un gol a testa nel recupero, rendendo il finale altamente emozionante.

LE PAGELLE DEL MONZA

Di Gregorio 7.5: para il rigore, ma soprattutto la ribattuta con un riflesso impressionante. Respinge bene anche una conclusione da fuori di Rabiot. Prestazione strepitosa.

Caldirola 6: buon lavoro in fase di contenimento su Chiesa. Sbaglia in un uno contro uno su Gatti, ma poi rimedia con diversi palloni recuperati.

Marì 6: in generale una discreta partita. Sempre pulito in marcatura su Vlahovic, difficilmente gli permette di essere pericoloso. (Dal 66′ Carboni 5.5: non riesce a contenere la furia di Rabiot in occasione del gol finale).

D’Ambrosio 5.5: macchia una buona prestazione con l’errore sul gol del definitivo 1-2: nell’occasione, infatti, è lui a perdersi Gatti.

Gagliardini 5.5: si perde Rabiot in occasione del gol ed è l’episodio più importante della gara. Oscurato dalla buona prestazione del centrocampo avversario.

Pessina 6: riesce a gestire molti più palloni del compagno e spesso lo fa bene. Dovrebbe accelerare di più la manovra per trovare più varchi.

Kyriakopoulos 5: prova da dimenticare, tra rigore provocato e diversi errori, anche in fase di possesso. Pienamente insufficiente. (Dal 66′ Pereira 6: fa un recupero importantissimo su Kean involato che salva la sua prestazione dall’insufficienza).

Birindelli 5.5: ripropone la prova del compagno sull’altra fascia, con la differenza (importante) che non ha la colpa di provocare un rigore. (Dal 46′ Colombo 6: la squadra prende fiducia quando entra, affidandogli spesso il possesso offensivo. L’unico in grado di creare qualche occasione).

Ciurria 5.5: nella posizione più avanzata non è per nulla a suo agio, oggi poco presente e la squadra ne risente.

Machin 5.5: pochi palloni toccati, senza risultare particolarmente incisivo anche nelle rare occasioni in cui può farlo. (Dal 46′ Mota 5.5: praticamente inesistente da quando entra, sbaglia anche una buona chance a poco dal termine).

Colpani 5.5: oggi fa fatica a trovare le sue giocate mancine, spesso sinistre per le squadre avversarie. (Dal 76′ Carboni 7: l’unico in grado di saltare l’uomo con facilità. Questa grande abilità lo porta a trovare il gol, anche con un po’ di fortuna, del momentaneo pareggio).

All. Palladino 6: i suoi giocano un brutto primo tempo, ma si riprendono poco alla volta nel secondo. Bravo a indovinare il cambio di Carboni, anche se sfortunato nel finale.

LE PAGELLE DELLA JUVENTUS

Szczesny 6: praticamente inoperoso per tutta la partita. Prende davvero tanta pioggia in testa e qualche buona palla alta. Sul gol può poco.

Bremer 6: attento per gran parte della partita, anche se una disattenzione lo costringe a spendere il giallo. Prestazione comunque solida.

Gatti 6: si divora un gol dalla linea di porta, anche se in condizione di equilibrio precario. Difensivamente perfetto. Ha il merito, dopo aver clamorosamente mancato il pallone, di trovare il gol vittoria all’ultimo respiro.

Alex Sandro 6.5: buona prestazione inaspettata. Pesca Cambiaso in area in occasione del rigore e si rende protagonista di buone giocate, sia difensive sia offensive.

Cambiaso 6.5: guadagna il rigore con un grande inserimento. Episodio che gli dà fiducia e gli permette di giocare diversi palloni interessanti anche in zona centrale. (Dall’86’ Locatelli sv)

Nicolussi Caviglia 6.5: gestisce bene, recupera meglio e fa assist. Oggi prestazione davvero di alto livello, con tante buone azioni in ogni fase del campo, soprattutto con pericoli creati da palla inattiva. (Dal 70′ Danilo 6: entra per tenere il vantaggio e riesce nell’intento).

McKennie 6: propositivo con alcuni palloni messi in mezzo, anche se non riesce a creare grandi pericoli. Tanta quantità in mezzo al campo.

Rabiot 7.5: colpo di testa fantastico per spezzare immediatamente il possibile momento negativo dopo il rigore sbagliato da Vlahovic. Ci prova anche più avanti con una conclusione da fuori. Mette anche la palla a Gatti per il vantaggio definitivo.

Kostic 6: la corsia di sinistra è sua, anche a causa di prestazioni avversarie sottotono. Non riesce, però, nella giocata che può farlo emergere.

Chiesa 6: nel primo tempo tocca pochi palloni, non riuscendo a rendersi protagonista. Ci prova già di più nel secondo, anche se la difesa lo scherma bene. (Dal 76′ Kean 6: potrebbe sgasare di più quando il Monza lascia spazi, ma quando il pallone è tra i suoi piedi è pericoloso).

Vlahovic 5: sbaglia il rigore e la successiva ribattuta, rischiando di rovinare la partita. Fortunato perché i suoi compagni rimediano subito. Nonostante questo, prestazione davvero opaca, con pochi lampi. (Dal 70′ Milik 6: centravanti perfetto per mantenere il vantaggio. Fa giocare la squadra, che può respirare con la palla).

All. Allegri 6.5: la sua squadra la vince nel finale con il cuore e la voglia di chi non molla e di chi vuole prendersi ancora la vetta della classifica.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash News

Milan, Giroud vicino all’addio: la MLS nel suo futuro

Pubblicato

:

Olivier Giroud attaccante Milan Champions League, Europa League Serie A Francia MLS

L’allenatore dei rossoneri, Stefano Pioli, dovrà fare i conti, da qui alla fine della stagione, con una notizia che riguarda il futuro di Olivier Giroud. Il bomber francese, arrivato in rossonero nella stagione 2021/2022, è un punto fisso della formazione di Pioli, per il Milan, rappresenta un leader da seguire all’interno dello spogliatoio e in campo: in 30 presenze stagionali il trentasettenne ha collezionato 13 reti e 9 assist. Nel prossimo impegno dei rossoneri, la gara in programma contro l’Atalanta, lo stesso Giroud tornerà a prendersi il suo posto al centro dell’attacco. Ma, come riportato da Il Corriere della Sera, forse lo farà ancora per poco.

La stagione in corso, infatti, potrebbe essere l’ultima con la maglia del Milan. L’attaccante, corteggiato dalla MLS americana, starebbe pensando ad un trasferimento a fine stagione. E tra pochi mesi, verso marzo o aprile, dovrà annunciare la sua scelta definitiva. Tuttavia il focus rimane sui rossoneri: l’obiettivo da portare a termine per Giroud sono i 20 gol stagionali. Un obiettivo das perseguire in questa stagione, con ancora tante gare a disposizione, sia in campionato che in Europa League. Giroud vuole esserci, e ci sarà, almeno fino al prossimo 30 giugno. Poi, le sue strade e quelle del Milan potrebbero dividersi.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Dramma in Bordeaux-Guingamp: Elis è in coma farmacologico

Pubblicato

:

Alberth Elis Bordeaux Ligue 1

Al 10′ di gioco di Bordeaux-Guingamp, partita valida per il 26° turno della Ligue 2 – la serie B francese – 2023/24, il mondo si è fermato. In quel momento sono cresciute paura ed apprensione per Alberth Elis. Lala destra honduregna classe 1996 dopo uno scontro di gioco con Donatien Gomis del Guingamp, ha riportato un trauma cranico.

Le condizioni del calciatore sono diventate critiche col passare delle ore, come anche dichiarato dal club. Infatti il calciatore è stato portato fuori dal campo in barella, per poi essere trasportato al Pellegrin, un ospedale situato a Bordeaux. In quel momento era cosciente. Poi però le sue condizioni si sono aggravate, tanto che i medici hanno escluso la prima ipotesi di frattura facciale e lo hanno messo in coma farmacologico.

Nel mentre Elis lottava tra la vita e la morte, la sfida continuava il proprio corso. Il Bordeaux ne esce vincitore da essa. La sfida si è conclusa col risultato di 1-0. A segnare il gol decisivo è stato al 40′, Žan Vipotnik. Con questa vittoria, i girondini raggiungono proprio il Guingamp in classifica. Infatti ambedue le squadre si trovano a pari punti in 11ª posizione, assieme anche al Paris FC, che ieri ha pareggiato 0-0 contro il Rouen. 

Il Bordeaux però, assieme a tutti i suoi sostenitori, guardano meno la classifica ma monitorano anche loro le condizioni di Alberth Elis, sperando che migliorino.

Continua a leggere

Flash News

Buongiorno sta per tornare: “Ci siamo quasi, torno presto”

Pubblicato

:

Alessandro Buongiorno Torino Serie A Coppa Italia

Alessandro Buongiorno ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport. Il difensore del Torino, capitano dei granata, è attualmente infortunato alla spalla. Ma sta svolgendo delle terapie, nel segno di una vera e propria corsa contro il tempo per recuperare e tornare in campo al più presto. Nel frattempo, si racconta alla Rosea.

LE PAROLE DI BUONGIORNO

MOMENTO PIU’ BELLO – “Il momento più bello, più intenso della mia esperienza qui al Toro è stato quando, a Superga, il capitano Rodriguez mi ha detto che avrei letto io i nomi dei giocatori, delle vittime di quella tragedia. In quel momento ho vissuto il punto più alto di un’appartenenza che sento molto. Essere del Torino non è come essere di un’altra squadra, con tutto il rispetto. Noi siamo stati grandi, abbiamo vinto molto, ma abbiamo anche sofferto tanto. Il fato si è accanito con noi cancellando dalla faccia della terra la squadra più forte di quel tempo, quella di capitan Mazzola, e poi il giocatore più significativo, più simbolico, degli anni Sessanta, Gigi Meroni. Noi siamo dolore e gioia, siamo tragedia e festa. Noi siamo il Torino. Mentre leggevo quei nomi, sentivo il peso e l’onore di questa identità”

RINNOVO – “Abbiamo parlato molto in quei giorni, il presidente Urbano Cairo e io, e ci è sembrato che restare fosse la scelta più giusta. Per me e spero anche per la squadra. Io qui sto bene, sono contento. Noi sappiamo di dover far leva sul collettivo, sul senso di squadra. Siamo un’orchestra, non un gruppo di solisti”.

RITORNO DALL’INFORTUNIO – “Ci siamo quasi, torno presto. L’infortunio alla spalla per fortuna mi ha consentito comunque di allenare le gambe, di correre. Ma non ce la faccio più. Durante le terapie ogni tanto ho calciato una palletta di gomma. Mi manca il campo, stare con i compagni e tornare a giocare”

Continua a leggere

Flash News

Le probabili formazioni di Milan-Atalanta: torna Leao titolare

Pubblicato

:

Rafael Leao, calciatore del Milan - Serie A, Coppa Italia, Champions League, Europa League

LE PROBABILI FORMAZIONI DI MILAN-ATALANTA – A chiudere la domenica di Serie A, ci sarà la sfida Milan-Atalanta. La sfida è valevole per il 26° turno di Serie A 2023/24 ed in ballo c’è un posto per accedere alla prossima edizione della Champions League. Fischio di inizio previsto per le ore 20:45.

QUI MILAN

Il Milan, terzo in classfica con 52 punti raccolti, vorrà tornare alla vittoria in campionato dopo lo stop esterno subito contro il Monza nel turno precedente. Rispetto alla sfida contro il Monza, l’allenatore rossonero Stefano Pioli cambia molte unità.

La difesa dovrebbe modificarsi di due sole unità. Si tratta del ballottaggio a destra tra Calabria e Florenzi col primo favorito sul secondo; ma anche dei dubbi su chi affiancherà Gabbia. A contendersi quel posto ci saranno Thiaw e Kjaer. 

A centrocampo ballottaggio tra Adli e Bennacer, al fianco di Reijnders. Invece cambierà profondamente, rispetto alla sfida del U-Power Satdium, il reparto offensivo. Loftus-Cheek unico confermato, al suo fianco ci saranno Pulisic e Leao. I tre sosterranno la punta Giroud, che sostituirà lo squalificato Jovic.

QUI ATALANTA

L‘Atalanta è in un momento positivo. Stasera la Dea vorrà ottenere la sesta vittoria consecutiva così da rimanere ancora in gioco per conquistare il 4° posto, che le consentirebbe un posto per la prossima Champions League.

Gian Piero Gasperini procede per il mantenimento di 9/11 della squadra che ha giocato titolare contro il Sassuolo settimana scorsa. Dovrebbero cambiare infatti, solo l’esterno a sinistra, dove Ruggeri sembra in vantaggio su Zappacosta, ed una pedina a centrocampo, perchè chi affiancherà Ederson sarà molto probabilmente il rientrante Marten De Roon.

Ancora titolare l’ex della sfida, Charles De Keteleare, che giocherà come prima punta. Alle sue spalle, il solito Koopmeiners e Miranchuk. Panchina, quindi, per Scamacca. Così come non ci sarà Lookman, ancora in ripresa dalle fatiche di Coppa d’Africa.

LE PROBABILI FORMAZIONI

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Thiaw, Gabbia, Theo Hernandez; Reijnders, Bennacer; Pulisic, Loftus-Cheek, Leao; Giroud. All. Stefano Pioli

ATALANTA (3-4-1-2): Carnesecchi; Scalvini, Djimsiti, Kolasinac; Holm, De Roon, Ederson, Ruggeri; Koopmeiners, Miranchuk; De Ketelaere. All. Gian Piero Gasperini

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969