Connect with us
Chi è Musah, il talento statunitense con passaporto italiano

Calcio Internazionale

Chi è Musah, il talento statunitense con passaporto italiano

Pubblicato

:

Musah Milan

CHI È MUSAH – Lo statunitense Yunus Diomara Musah, nato a New York il 29 novembre 2002, è un giovane talento del Valencia. Il suo ruolo naturale è quello di centrocampista, ma può anche essere posizionato come trequartista o ala destra. Il classe 2002 ha cittadinanza inglese e passaporto italiano.

Per andare alla scoperta di questa nuova leva ci affidiamo alle parole di José Bordalas, che ha fatto crescere Musah al Valencia, nell’intervista a La Gazzetta dello Sport, parla così del prodigio statunitense: “Potente, molto forte fisicamente e con buona tecnica individuale. E incredibilmente polivalente. Io l’ho usato a centrocampo in diverse posizioni, ma anche sulla fascia e persino come seconda punta. Ha fatto bene ovunque, e questi cambi di posizione sono serviti per farlo migliorare nell’aspetto difensivo”. Ha anche aggiunto: “Tocca benissimo la palla, ha un buon tiro, ha una grande accelerazione ed è bravo nell’uno contro uno, cosa che unita alla sua potenza lo rende prezioso perché è in grado di saltare le linee difensive avversarie”. Infine ha aggiunto che il calciatore: “Ha davanti a sé un grandissimo futuro”.

Musah, cresciuto nelle giovanili dell’Arsenal, si è trasferito al Valencia B nell’agosto del 2019, per poi passare alla prima squadra nell’estate del 2020. Tuttavia la sua carriera calcistica è iniziata nel 2008 con il Giorgione calcio, dal momento che la sua famiglia di origini ghanesi si era trasferita da New York a Castelfranco Veneto, quando Yunus aveva pochi mesi d’età. Dopodiché nel 2012 si trasferirà con la famiglia a Londra e inizierà a giocare per i gunners. Dopo essere stato acquistato dal club spagnolo ha esordito nella Liga il 14 settembre 2020, partendo titolare nel match vinto 4-2 contro il Levante, diventando in questo modo il primo giocatore statunitense a vestire la maglia del club. Il primo novembre 2020 segna il suo primo gol con la maglia del Valencia contro il Getafe, gara poi terminata 2:2.

Nel 2016 è stato convocato da una rappresentativa giovanile inglese, pur essendo eleggibile anche per Ghana, Stati Uniti e Italia. Il 4 novembre 2020 viene convocato per la prima volta dalla nazionale maggiore degli Stati Uniti, debuttando nell’amichevole, terminata 0-0 contro il Galles. Ad oggi, risulta tra i 26 convocati di Gregg Berhalter, ct degli USA, per il Mondiale in Qatar. Proprio per questa convocazione potremmo definirlo come “l’unico italiano che andrà ai Mondiali“.

Negli ultimi giorni il nome di Yunus Musah si è fatto molto caldo, attirando l’attenzione in particolare dell’Inter. Il club milanese, infatti, desidera aggiungere una pedina al centrocampo, date le probabili partenze di Gosens e Gagliardini e la difficoltà di adattamento di Asllani. La sua forza fisica e la dirompenza nelle progressioni palla al piede hanno convinto Simone Inzaghi a sceglierlo per il centrocampo dell’Inter del futuro. Inoltre la sua buona tecnica di base, che lo rende efficace nell’impostazione del gioco, potrebbe farlo diventare il vice-Brozovic.

Come riporta Transfermarkt il suo valore attuale si aggira sui 25 milioni di euro; ma l’obiettivo di Marotta e di Ausilio, rispettivamente amministratore delegato e direttore sportivo dell’Inter, è quello di prenderlo in prestito per poi riscattarlo a una cifra più bassa. La missione non sarà facile: al momento, ingaggiarlo sembra molto complicato; Sportmediaset spiega il perché in questi termini: “Si registra una frenata su Musah: abbiamo fatto verifiche in mattinata, il Valencia non vuole privarsi del giocatore a gennaio, nemmeno con la formula del prestito con diritto. La sua valutazione è poi di 20 milioni, difficile che l’Inter riesca a reperirli dal mercato e anche da autofinanziamento“.

Negli ultimi giorni si è aggiunta alla corsa per il talento statunitense anche la Juventus di Massimiliano Allegri. Stando ad indiscrezioni provenienti dalla Spagna, e confermate da Relevo, il club iberico sarebbe disposta a trattare la cessione del cartellino del ragazzo solo ed esclusivamente in cambio di 30 milioni di euro. Anche il Milan, sarebbe sulle tracce del giocatore; i rossoneri devono inseguire: nerazzurri e bianconeri sono in vantaggio su questo talentino. Anche se bisogna dire che l’Interal momento, si trova in pole position per portare a casa il calciatore statunitense.

 

 

Calcio Internazionale

I convocati del Brasile per i match di fine marzo: Danilo unico “italiano”

Pubblicato

:

Richarlison, giocatore del Brasile

Il nuovo Brasile di Dorival Júnior è arrivato. Le convocazioni dell’ex allenatore del Sao Paulo sono state rese pubbliche quest’oggi, 23 giorni prima dell’amichevole contro l’Inghilterra di Southgate. Dopo il match di Wembley, i verdeoro affronteranno anche la Spagna al Santiago Bernabeu. Due impegni da non sottovalutare per il Brasile che potrà iniziare a capire il proprio livello in vista della Copa America di quest’estate. Tra i convocati ci sono diversi nomi interessanti, ma la nostra Serie A porta soltanto Danilo della Juventus. Di seguito le convocazioni del Brasile per le amichevoli di fine marzo.

CONVOCAZIONI BRASILE, DANILO C’È

Ecco la lista dei convocati del Brasile per le amichevoli di marzo contro Inghilterra e Spagna:

Portieri:

Bento – Athletico-PR (BRA)

Ederson – Manchester City (ING)

Rafael – São Paulo (BRA)

Difensori:

Danilo – Juventus (ITA)

Yan Couto – Girona (SPA)

Ayrton  Lucas – Flamengo (BRA)

Wendell – Porto (POR)

Beraldo – PSG (FRA)

Gabriel Magalhães – Arsenal (ING)

Marquinhos – PSG (FRA)

Murilo – Palmeiras (BRA)

Centrocampisti:

André – Fluminense

Andreas Pereira – Fulham (ING)

Casemiro – Manchester United (ING)

João Gomes – Wolverhampton (ING)

Bruno Guimarães – Newcastle (ING)

Douglas Luiz – Aston Villa (ING)

Lucas Paquetá – West Ham (ING)

Pablo Maia – São Paulo (BRA)

Attaccanti:

Endrick – Palmeiras

Rodrigo  – Real Madrid (SPA)

Gabriel Martinelli – Arsenal (ING)

Raphinha – Barcelona (SPA)

Richarlison – Tottenham (ING)

Savinho – Girona (SPA)

Vinicius Junior – Real Madrid (SPA)

Continua a leggere

Calcio Internazionale

“CAMBIO IL MILAN” – La Rassegna del Diez

Pubblicato

:

La rassegna stampa è senza alcun dubbio il miglior modo per iniziare la giornata. Ecco quindi le prime pagine dei principali quotidiani sportivi internazionali per la giornata di oggi.

LA GAZZETTA DELLO SPORT

CORRIERE DELLO SPORT

TUTTOSPORT

L’EQUIPE

MIRROR SPORT

DAILY MAIL SPORT

MARCA

SUN

AD SPORTWERELD

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Coppa del Re, l’Athletic Bilbao schianta l’Atletico Madrid con un 3-0

Pubblicato

:

coppa del re

COPPA DEL RE – È l’Athletic Bilbao a raggiungere la finale di Coppa del Re. Al San Mames i Rojiblancos di Ernesto Valverde stendono l’Atletico Madrid con un netto 3-0, dopo lo 0-1 della gara di andata giocata il 7 febbraio al Civitas Metropolitano. Le reti nel primo tempo dei fratelli Williams, Inaki al 13′ e Nico al 42′, indirizzano la sfida, che poi viene chiusa al 61′ da Guruzeta. Un Atletico, l’unica big che era ancora in corsa nella competizione, totalmente sottotono e mai realmente in partita, soccombe sotto i colpi di un Athletic molto più vivo e grintoso. Che il 6 aprile, nella finalissima, se la vedrà con il Mallorca, che martedì ha superato ai calci di rigore la Real Sociedad.

ATLETICO, STAGIONE FLOP: FUORI DA TUTTO A FEBBRAIO?

Brutto ko, questo, per gli uomini del Cholo Simeone, che devono dire addio alla Coppa del Re e con ogni probabilità anche alle speranze di conquistare un trofeo in questa stagione. In campionato, infatti, i Colchoneros sono quarti con 52 punti all’attivo, distantissimi – a -13 – dai cugini del Real Madrid, primi in classifica con 65 lunghezze. In Champions League, invece, l’Atletico ha perso l’andata degli ottavi di finale in casa dell’Inter per 1-0. Un risultato assolutamente recuperabile, ma non per niente sarà facile prima eliminare la corazzata creata da Simone Inzaghi e poi, eventualmente, tentare di alzare al cielo di Wembley la Coppa dalle Grandi Orecchie.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Mourinho: “Ho pianto solo una volta nella mia carriera dopo una sconfitta”

Pubblicato

:

Empoli-Roma

José Mourinho, esonerato la scorsa sessione di mercato dalla Roma dopo due stagioni e mezzo come allenatore giallorosso, ha rotto il silenzio ed è tornato a parlare della sua carriera. Il tecnico portoghese ha concesso un’intervista su Prime Video Sport, in cui ha parlato di un retroscena che risale ai tempi del Real Madrid. Si tratta di un momento molto doloroso, che fino ad oggi non era mai stato raccontato e che risale ai tempi del Real Madrid.

Dopo aver salutato il mondo Inter al termine di una straordinaria cavalcata conclusasi con la vittoria della Champions League e dello storico Triplete, il tecnico lusitano ha abbracciato una nuova avventura. Quindi ecco l’arrivo dello Special One nel campionato spagnolo, che lo ha dunque visto protagonista nelle stagioni a seguire con la regina del calcio europeo. Grandi momenti di gioia trascorsi a Madrid, ma anche episodi difficili da accettare ed emotivamente forti: le parole di José Mourinho.

LE PAROLE DI MOURINHO

SEMIFINALE DI CHAMPIONS CON IL BAYERN“C’è stata una sola notte nella mia carriera da allenatore in cui ho pianto dopo una sconfitta. Lo ricordo bene. Mi riferisco all’annata 2011/12 quando il Real Madrid venne eliminato a rigori dal Bayern Monaco in semifinale di Champions League.”

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969