Dove trovarci
Napoli

Calcio e dintorni

Troppo Napoli, poco Cagliari: gli Azzurri volano in classifica

Troppo Napoli, poco Cagliari: gli Azzurri volano in classifica

Il Napoli vince 2-0 contro il Cagliari allo stadio Diego Armando Maradona e prosegue la sua corsa inarrestabile di inizio stagione.
Con la vittoria contro i Sardi, sono 18 i punti in 6 partite ottenuti dai Partenopei che ora si trovano al primo posto e a due lunghezze dal Milan secondo.

 

SUPER OSIMHEN

L’avversario di stasera è a dir poco modesto ma la squadra di Spalletti mette in scena un’ottima prestazione che non permette mai al Cagliari di rendersi pericoloso in avanti.

I padroni di casa giocano per tutta la partita con più carattere e convinzione rispetto agli ospiti senza però sbilanciarsi o creando occasioni chiarissime.
Alla prima vera chance, però, il Napoli passa in vantaggio. Zielinski serve Osimhen che da pochi passi segna e sblocca la partita: l’attaccante nigeriano va a segno nella sua quarta partita di fila in tutte le competizioni e mette a registro il suo quinto gol in Serie A.
L’espulsione alla prima giornata aveva spaventato i tifosi Azzurri ma la giovane punta sta dimostrando a suon di gol di meritare la maglia.

 

LA DECIDE INSIGNE

La reazione del Cagliari alla rete subita è praticamente inesistente. Se la squadra dell’ex Mazzarri non produce nulla,  il Napoli dal canto suo tiene tanto la palla senza cercare davvero la via della porta: a fine primo tempo i ragazzi di Spalletti avranno quasi il 70% di possesso con solamente due tiri in porta.

Le più grande occasioni partono dai piedi di Osimhen e di Ruiz, sempre lontani dalla porta di Cragno.

Il secondo tempo offre lo stesso registro, con il Cagliari che cerca di difendersi come può dalle incursioni di Insigne e Osimhen, sempre una spina nel fianco della difesa cagliaritana.

L’altro momento chiave del match è creato proprio da Osimhen. Godin, che fino a quel momento aveva contenuto come meglio poteva l’avversario, stende il nigeriano in una zona inoffensiva della propria area con un tackle assolutamente inutile.

Sul dischetto va Lorenzo Insigne che sigilla la partita con il gol del definitivo 2-0. Dopo due buone prestazioni contro Sampdoria e Udinese, il capitano ritrova il gol che gli mancava da più di un mese.
Il rigore del Napoli taglia definitivamente le gambe ad un Cagliari mai in partita e che esce mestamente dal Maradona così come ci era entrato: con due punti e la peggiore difesa della Serie A.
Mazzarri avrà tanto lavoro da fare per cercare di tirare fuori un filotto di risultati positivi dai buoni elementi che ha in squadra.

Il mese di settembre invece ha sorriso a Spalletti. Il Napoli volta pagina dopo 30 giorni in cui si è affermata come capolista ed è uscita vincitrice dallo scontro diretto contro la Juventus. Aver ritrovato un Osimhen in formato bomber sarà importantissimo per la corsa ai primi posti.

 

Immagine in evidenza da: Licenze Google Creative Commons

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in Calcio e dintorni