Dove trovarci
Napoli Lazio

Archivio generico

Napoli tritatutto, niente da fare per la Lazio

Napoli tritatutto, niente da fare per la Lazio

Un Napoli nel segno di Maradona batte in scioltezza la Lazio e ottiene il primato solitario in testa alla Serie A. Gli Azzurri giocano un calcio spumeggiante e divertente, lasciando poche alternative alla squadra dell’ex Sarri e onorando l’anniversario della scomparsa dell’immortale Diego.

Nello stadio intitolato al campione argentino, il Napoli va subito in vantaggio con Zielinski.
Gli azzurri iniziano bene la partita e al 6′ minuto il polacco segna dopo una mischia nell’area della Lazio.
Neanche il tempo di celebrare il vantaggio che arriva rapidamente il raddoppio del Napoli.
Al 10′ minuto Insigne riceve palla sulla fascia sinistra innescando Mertens con un bell’esterno. Il folletto belga mette a sedere Acerbi e Patric, infilando Reina senza troppe preoccupazioni con un tiro imprendibile.

Dopo il secondo gol il Napoli gioca sul velluto dettando i ritmi con un avvolgente gioco di prima che non lascia ai Biancocelesti il tempo e il modo di organizzarsi.

La Lazio  passa i primi 15 minuti del primo tempo schiacciata nella propria metà campo, messa all’angolo dal Napoli.

Il primo squillo degli ospiti arriva con Immobile che con un break offensivo arriva fino all’area di Ospina tirando con le ultime energie una palla che il colombiano manda in corner.
Il Napoli però spinge ancora. Al 24′ Insigne continua a essere tra i più in forma e si rende pericoloso con un passaggio sul secondo palo che Acerbi appoggia su Reina.

Sulla stessa azione arrivano le occasioni più clamorose della Lazio nel primo tempo. Milinkovic innesca Luis Alberto che lascia partire una bomba disinnescata da Ospina. Dall’angolo provocato Acerbi spizza di testa ma la palla sbatte sul legno, mancando in un minuto la seconda grande occasione per la squadra di Sarri.
Al 28′ il Napoli segna il gol del cappotto. Gli Azzurri vanno sul risultato di 3-0 e Mertens segna il gol numero 139 per il Napoli. Ruiz apre con una sventagliata su Lozano che di prima tocca per Mertens. Dries ancora una volta fredda Reina con una traiettoria imprendibile.

La Lazio chiude in crescita il primo tempo affacciandosi nella metà campo avversaria. La difesa del Napoli però si fa trovare sempre pronta difendendo in maniera ordinata, complice anche l’imprecisione degli avversari. A fine primo tempo la partita si è giocata ad una sola porta.

Nella seconda parte i ritmi calano inevitabilmente ma nonostante il risultato netto, il Napoli inizia la seconda frazione con lo stesso piglio della prima giocando un calcio offensivo e propositivo.
Il primo intervento di Reina è al 57′. Lo spagnolo risponde presente ad un destro potente di Mario Rui.

Al 63′ Spalletti regala a Mertens la standing ovation del Maradona, sostituendo il belga per Petagna.

Sarri prova a mischiare senza successo le carte. Il tecnico toscano inserisce Lazzari, Zaccagni e Basic ma nessuno riesce davvero ad incidere.
Il secondo tempo scorre senza troppe emozioni, con i padroni di casa che abbassano i ritmi e giocano con più tranquillità dato il risultato consolidato.
Dopo quaranta senza nulla da segnalare, ci pensa Fabian Ruiz a calare il poker. All’85’ Di Lorenzo passa palla allo spagnolo che dalla trequarti piazza la palla sull’angolo lontano e infligge una punizione pesantissima alla Lazio.

Il Napoli chiude 4-0, battendo nettamente una Lazio mai in partita.
L’assenza di Osimhen, fuori fino all’anno prossimo, sembra non aver pesato ai Partenopei che stasera hanno giocato probabilmente una delle loro migliori partite di questa stagione.

La squadra di Spalletti si trova adesso in testa alla classifica a +3 dal Milan secondo. La squadra di Sarri subisce una brusca battuta d’arresto e non riesce ad approfittare delle sconfitte di Fiorentina e Juventus, rivali nella corsa all’Europa.

 

Immagine in evidenza da: Licenze Google Creative Commons

 

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Archivio generico