Connect with us
Napoli, parla Demme: "Ambientamento da sogno"

Flash News

Napoli, parla Demme: “Ambientamento da sogno”

Pubblicato

:

Arrivato in punta di piedi, Diego Demme si è preso in poco tempo tutto il peso della squadra sulle proprie spalle, conquistando fin dai primi tocchi il pubblico del San Paolo. Già, proprio quello stadio che tante emozioni gli ha regalato fin dal primo ingresso in campo. A raccontarlo è lo stesso Demme, nell’intervista rilasciata al quotidiano “Sport Bild”.

“IL GIORNO DELLA FIRMA…”

L’approdo a Napoli è stato speciale fin dai primi istanti, ancor prima di venire a contatto con il cuore della città: i tifosi partenopei. Demme si è già affezionato a tutto l’ambiente napoletano, oggetto spesso di critiche da parte di giocatori corteggiati in passato da De Laurentiis:

“Quando camminavo per Lipsia, al massimo, mi capitava di fare qualche selfie. A Napoli, sin dall’inizio sono stato riconosciuto sempre. Nella mia prima settimana non potevo quasi andare al supermercato. Anche mentre ordinavo le cose dietro al bancone, gli impiegati uscivano per fare le foto con me. Qui sono davvero pazzi per il calcio”.

Il Napoli necessitava di un metronomo a centrocampo, dopo l’addio di Jorginho che ha inevitabilmente lasciato un vuoto in quella zona del campo. Gattuso aspettava Demme più di qualsiasi altro giocatore, cosi la fiducia del tecnico è stata percepita fortemente dall’ex capitano del Lipsia:

“Il tecnico mi ha lanciato fin da subito a centrocampo e tutto è andato per il meglio. È ovviamente un onore che abbia creduto in me immediatamente. Lui e Pirlo sono stati sempre i miei modelli di riferimento. Che Gattuso in persona mi volesse è ovviamente incredibilmente bello. La cosa buona è che la sua idea di gioco è molto simile a quella di Julian Nagelsmann. Entrambi vogliono avere molto possesso e lasciare correre l’avversario”. 

Demme ha poi raccontato un aneddoto rappresentativo di quanto Napoli entri dentro il cuore dei giocatori, e non solo, fin da subito:

“Mio padre ha pianto appena ho firmato il contratto con il Napoli. La prima volta che sono entrato al San Paolo, per me, è stato molto commovente. Il mio ambientamento l’avevo sognato proprio così”. 

Parole da chi ambisce a diventar grande con e per il Napoli, parole che danno fiducia e speranza a tutto l’ambiente.

Fonte immagine copertina: profilo IG @diegodemme

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Il ds dell’Empoli commenta la cessione di Bajrami: “Opportunità delle ultime ore”

Pubblicato

:

Bajrami

Il direttore sportivo dell’Empoli Pietro Accardi ha parlato ai microfoni in conferenza stampa. Tante le tematiche trattate: dal mercato appena concluso e, nello specifico, la cessione di Bajrami. Di seguito le dichiarazioni.

LE CAUSE DELLA CESSIONE DI BAJRAMI – ” La sua cessione nasce appunto da un’opportunità delle ultime ore, abbiamo deciso di accontentare il giocatore perché dopo lo scorso campionato sicuramente le sue aspettative erano diverse. Abbiamo ritenuto opportuno che questa fosse la giusta chiusura per un ragazzo che ha dato tanto“.

IL GIUDIZIO AL MERCATO APPENA CONCLUSO – “Abbiamo ragionato prettamente su questa stagione. C’è ancora tanta strada da fare e abbiamo cercato di mettere dentro giocatori funzionali per quello che è il calcio del nostro allenatore”.

Continua a leggere

Coppa Italia

Polemiche dopo Roma-Cremonese: la Sud rifiuta le scuse dei giocatori!

Pubblicato

:

Roma

A volte, scusarsi non basta. Chiedere conferma ai giocatori della Roma. Tutta la squadra, infatti, dopo la brutta eliminazione dalla Coppa Italia per mano della Cremonese, si è diretta sotto la Curva Sud per scusarsi con i propri tifosi. Proprio a causa del match non particolarmente brillante, la tifoseria non ha accettato il tentativo di riavvicinamento da parte dei calciatori, che sono stati prontamente allontanati e cacciati.

Al termine di questo episodio, i tifosi hanno ricominciato a cantare il classico coro “Ale Roma Ale”. Il tutto per dimostrare il loro attaccamento alla maglia, anche dopo una partita così triste. A riportarlo è VoceGiallorossa.

Continua a leggere

Flash News

Rashford senza limiti: solo un giocatore ha fatto meglio di lui!

Pubblicato

:

Rashford

Marcus Rashford sta vivendo una stagione da sogno. Dopo alcune stagioni altalenanti, l’attaccante inglese si è ripreso il Manchester United a suon di gol e prestazioni sontuose.

In quest’annata il classe 1997 ha preso parte a 25 gol in tutte le competizioni (18 gol, 7 assist), il secondo numero più alto dopo Erling Haaland tra i giocatori della Premier League. In questo momento Marcus Rashford è tra i giocatori più dominanti del pianeta e lo sta dimostrando ogni volta che scende il campo. I red devils stanno vivendo la migliore stagione dopo l’addio di Sir Alex Ferguson e, gran parte di questi successi, vanno attribuiti alla stella inglese.

Continua a leggere

Flash News

Lukaku mette nel mirino il derby con un occhio al Porto a fine mese

Pubblicato

:

Lukaku

Romelu Lukaku punta a tornare definitivamente nelle gerarchie di Simone Inzaghi. Ieri è stato schierato titolare nel match di Coppa Italia vinto con l’Atalanta, anche se sembra ancora lontano dalla sua miglior forma. La nota positiva, però, sono i minuti messi nelle gambe nelle ultime settimane, fondamentali per arrivare pronto nella parte cruciale della stagione.

Domenica 5 febbraio, giorno del derby tra Milan e Inter, potrebbe partire di nuovo dal 1′ minuto. Secondo quanto riportato da Andrea Paventi di Sky Sport, sempre molto vigile sulle questioni dei nerazzurri, oltre al derby della Madonnina, la partita importante sarà quella con il Porto in Champions League. Queste le parole del giornalista.

Non c’è molto tempo per recuperare la migliore condizione. Lui ha bisogno di giocare tanto per mettere tanta benzina nei suoi muscoli, ma anche tanta condizione mentale. Simone Inzaghi gli darà più spazio possibile quando sarà possibile. Ovvio che per il derby lui sia in ballottaggio con Edin Dzeko e Lautaro Martinez, ma al momento i favoriti sono loro. Comunque la sensazione è che, gestendo bene il suo minutaggio, il belga possa arrivare in condizione per la gara con il Porto di fine mese. Lui quindi ha bisogno di giocare ma le esigenze della squadra vengono prima. Il suo secondo tempo contro l’Atalanta è stato molto confortante, Lukaku è apparso in crescita minuto dopo minuto”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969