Connect with us

Generico

Ultimatum

Pubblicato

:

Napoli

“C’arripigliamm tutto chell che è o nuostr” recitava Don Pietro Savastano, inconfondibile personaggio di Gomorra. È probabilmente il motto anche di un suo sosia, quel Maurizio Sarri che sta comandando il Napoli capolista in Serie A ma incerto in Champions League. La priorità del Napoli è sempre stato il campionato, ma una prematura uscita in un girone tutto sommato abbordabile genererebbe un imbarazzo non da poco. Dunque contro lo Shakhtar dei brasiliani bisognerà fare bottino pieno con alcuni gol di scarto per salvare la faccia.

PECCATO DI PRESUNZIONE

L’andata è stato il primo indizio delle intenzioni finali del Napoli, tradito forse da una presunzione che in Champions League non è accettabile. Quel piccolo turnover ha fatto capire che gli obiettivi erano altri. Nel frattempo Taison e Ferreyra puniscono i ragazzi di Sarri. Quella partita ha segnato da subito il cammino del Napoli, costretto a pregare per un passo falso degli ucraini con il Feyenoord e, nel mentre, provare a strappare qualche punto a un Manchester City schiacciasassi. Niente di questo è accaduto, il Manchester City ha macinato punti seppur il Napoli fosse riuscito a tenerci testa. Gli olandesi hanno provato a fermare lo Shakhtar ma senza grandissimi risultati. La situazione attuale mostra i minatori a nove punti a +6 dal Napoli.

POSSIBILITÀ

La vittoria degli ultimi due incontri è ovviamente l’essenziale per snocciolare tutto il discorso sull’ipotetica qualificazione degli azzurri. Nel contempo lo Shakhtar dovrà perdere anche contro il Manchester City che, non perdendo contro il Feyenoord, sarebbe già certo del primo posto. Proprio i Citizens saranno decisivi. Guardiola dovrà decidere se optare di nuovo per il turnover oppure rischiare i titolari, nonostante il derby contro Mourinho da disputare questo weekend. Nel più roseo dei pronostici si arriverà di fronte ad una parità di punti fra il Napoli e lo Shakhtar. Entrerà in gioco dunque il fattore differenza reti negli scontri diretti: in caso di parità, si passerà alle reti segnate in trasferta negli scontri diretti. Nel caso in cui il Napoli dovesse vincere per 2-1 allora si passerà alla maggior differenza reti, poi al maggior numero di reti segnate nell’intero girone e infine al maggior coefficiente iniziale delle due squadre.

SPAZI APERTI

Lo Shakhtar ha una visione di gioco piuttosto simile a quella del Napoli. Gli ucraini sono sempre votati all’attacco, pronti a far gioco, rischiando di concedere qualcosa all’avversario. Fonseca esplicita ancora di più questa vocazione con il 4-2-3-1 con cui schiera i suoi. Dalla cintola in su, fatta eccezione per Stepanenko, è tutto in salsa sudamericana. In mediana, di fianco all’ucraino, c’è il brasiliano Fred. Sulla trequarti si gioca a ritmo di samba, rievocando un po’ il fantastico joga bonito, con il trio Taison-Marlos-Bernard. Come terminale offensivo c’è poi Facundo Ferreyra, El Chucky, l’argentino ex Banfield e Velez che all’andata ha fatto inginocchiare gli azzurri. Dunque, per antonomasia, è difficile aspettarsi un catenaccio da parte degli ospiti. Piuttosto è verosimile come il pallino del gioco sarà in mano ai padroni di casa, aspettando per un contropiede fulmineo con il velocissimo trio brasiliano. Mancherà però il grande capitano Dario Srna, protagonista nel match di andata, ma che ha sorpreso tutti risultando, qualche giorno dopo, positivo all’antidoping; per il momento è sospeso fino a data da destinarsi.

TUTTO PER TUTTO (O QUASI)

Maurizio Sarri è ben conscio dell’importanza di questa partita, ma resta fedele al cammino scelto. Se c’è la possibilità di apportare qualche modifica per far rifiatare qualcuno, allora il mister la coglie al volo. Allan si riposerà lasciando spazio a Zielinski, che contro il Milan ha chiuso la pratica. Anche Jorginho sederà in panchina, nonostante il uso periodo di forma, per concedere l’opportunità a Diawara di mostrarsi ancora una volta in Europa. L’ex Bologna è per caratteristiche più adatto a partite del genere, il suo fisico può servire di più per compensare la mancanza di Allan. In difesa mancherà Koulibaly, squalificato dopo l’ammonizione contro il Manchester City. Al suo posto ci sarà Chiriches, preferito nettamente a Maksimovic.

Nonostante le buone prestazioni con Chievo prima e Milan poi, Mario Rui si accomoderà in panchina, venendo sostituito sulla fascia da Hysaj. Sulla destra ci sarà certamente Christian Maggio, che nonostante l’età proverà a dar manforte alla squadra con la sua esperienza. Questo forse è l’unico rischio che si prenderà Sarri, schierando un Maggio ormai al tramonto della carriera contro i razzi brasiliani. Senza contare che Hysaj, seppur sia già stato impiegato a sinistra, non è del tutto a suo agio. Questa mossa rischia anche di compromettere le sortite offensive del Napoli, che fa molto affidamento alla catena di sinistra per creare più occasioni possibili. Dunque Insigne sarà ancora più decisivo per le sorti del Napoli. Lo scugnizzo è sempre più imprescindibile per Sarri, a differenza di quanto visto con gli altri Azzurri.

https://www.youtube.com/watch?v=AYGwgweNYmE

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Generico

L’agente di Bayeye apre al mercato: “Al Torino non gioca, andrà via a gennaio”, poi il retroscena su Juric

Pubblicato

:

Bayeye

Tra i primi acquisti della campagna estiva, Brian Bayeye dopo le amichevoli del pre-campionato, non ha più giocato con il Torino: solo una presenza in partite ufficiali, contro il Palermo in Coppa Italia, quando è subentrato a Singo, al 37′ del secondo tempo.

A riguardo, il suo agente Vincenzo Pisacane, a TorinoGranata.it, ha parlato della situazione del suo assistito: “Il problema è alla base perché in realtà Bayeye doveva andare in prestito già quest’anno: questa era l’idea con il Torino. Avevamo Reggina, Palermo, Modena e Ternana che lo volevano, poi però purtroppo Juric gli ha detto “non andare via che mi servi qui, resta con noi e non ti preoccupare che troverai il tuo spazio”. Invece gli ha fatto perdere sei mesi. Juric dice che il giocatore non ha perso sei mesi perché Brian ha imparato molto. Ma io penso che un giovane come lui debba sempre giocare e che sia meglio andare in una categoria inferiore e giocare sempre piuttosto che stare in Serie A e non giocare mai. Quindi sicuramente Bayeye andrà in prestito da qualche parte a gennaio“.

Sulla possibile nuova destinazione, Pisacane non si è sbilanciato: “Ci sono un po’ di squadre che l’hanno visto, però il mercato è a gennaio e siamo a novembre, quindi aspettiamo un attimo e vediamo“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Haller, un passo in più verso la guarigione

Pubblicato

:

Haller

Il mondo del calcio si stringe attorno a Sebastian Haller, attaccante del Borussia Dortmund. Il giocatore francese naturalizzato ivoriano è, ormai da diversi anni, alle prese con un tumore ai testicoli e ha completato nella giornata di oggi la seconda operazione chirurgica. A rendere pubblico l’esito positivo dell’intervento è lo stesso calciatore attraverso il suo profilo Instagram.

IL MESSAGGIO

Haller, attraverso un breve messaggio pubblicato sotto ad una foto che lo ritrae sorridente sul suo letto d’ospedale, ha voluto rassicurare così i suoi tifosi e seguaci: “Completata una nuova tappa. L’operazione numero 2 è andata a buon fine! Un grande grazie al team medico per l’aiuto quotidiano, non vedo l’ora di passare allo step successivo”

Dopo un lungo calvario iniziato nell’estate dello scorso anno, Sebastian Haller sembra finalmente essere sulla strada della riabilitazione. 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Due anni dalla scomparsa di Diego: il ricordo di Infantino

Pubblicato

:

Fifa, Maradona sospeso dal videogioco

Due anni fa veniva a mancare il talento più grande e cristallino che il mondo del calcio abbia mai visto. La controversa figura di Diego Armando Maradona, in un modo o nell’altro, ha conciliato tifosi e appassionati di tutto il mondo,  elevandosi a tal punto da diventare una vera e propria leggenda di questa disciplina. In occasione del secondo anniversario della morte del Pibe de Oro si è allora espresso Gianni Infantino, presidente della FIFA.

IL RICORDO DI INFANTINO

L’ho sempre detto, lo ribadisco anche ora che sono più convinto che mai: ciò che Diego ha fatto per il calcio, facendoci innamorare di questo bellissimo gioco, è unico. Maradona è immenso e merita la nostra eterna gratitudine per averci stupito con il suo incredibile talento e sì, anche per essere stato così unico a modo suo: per essere stato una leggenda, un eroe, un uomo. Per essere stato Maradona. La tua figura è in primo piano in tutte le favole del calcio, riposta in pace Diego”. 

Continua a leggere

Calciomercato

La Fiorentina ci prova per Arnautovic: secco no del Bologna

Pubblicato

:

Arnautovic

L’inizio stagionale di Marko Arnautovic è stato sensazionale. L’attaccante austriaco, capace di insaccare la rete 8 volte in 13 partite, ha confermato in questo primo segmento di campionato la sua caratura.  A mettere gli occhi sul classe ‘89 è stata, tra le altre, la Fiorentina di Rocco Commisso.

LA PROPOSTA

Per fare proprie le prestazioni del centravanti del Bologna il board del Giglio avrebbe messo in tavola un ipotetico scambio tra attaccanti. Secondo la Gazzetta dello Sport, infatti, la proposta presentata al ds rossoblu Sartori prevedeva un ipotetico cambio di casacca tra Arthur Cabral e Arnautovic. In aggiunta alla suddetta formula (regolata formalmente da un doppio prestito dei due giocatori) la Viola avrebbe offerto al Bologna 12 milioni, da riscattare eventualmente  al termine del periodo “di prova”.

LA RISPOSTA

Giovanni Sartori, responsabile dell’area tecnica del club emiliano, ha spezzato sul nascere la trattativa. Il Bologna, come dimostrato nella finestra di calciomercato estiva, non intende infatti privarsi del proprio numero 9. Così come Juventus e Manchester United (le quali hanno dimostrato interesse nei confronti dell’austriaco), la Fiorentina dovrà tenere a freno il desiderio di avere il giocatore tra le proprie fila, e di formare la pesante coppia d’attacco Jovic – Arnautovic. 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969