Connect with us

La nostra prima pagina

I numeri del dominio

Pubblicato

:

PSG

A cinque giornate dalla fine della Ligue 1, il Paris Saint Germain si è laureato campione per la settima volta, la quinta in 6 anni. Un campionato segnato da una rivalsa preannunciata attraverso un mercato portato agli estremi della logica. Una rivalsa che si è tradotta in dominio con i parigini, che sono stati fissi in cima dalla prima giornata. Il dominio è esplicabile attraverso i numeri, che potrebbero tramutarsi in record andando avanti di questo passo fino alla conclusione delle ultime 5 giornate.

RINCORSA AI MIGLIORI

Probabilmente l’obiettivo più importante a cui punta il partente Unai Emery è certamente il record di punti stagionale. Attualmente è detenuto dagli stessi parigini, che nell’annata d’oro 2015/16 hanno collezionato ben 96punti. Cavani & co. sono attualmente a quota 87punti, dunque basterebbero 3 vittorie e 2 pareggi per eguagliare il risultato di 2 anni fa. È preferibile che le vittorie arrivino nelle due partite da giocare tra le mura amiche, così da chiudere la stagione avendo fatto bottino pieno in casa come il Saint-Etienne della stagione 74/75. I parigini si apprestano anche a non perdere nemmeno una partita così da raggiungere il Nantes 94/95, unica squadra ad aver finito la stagione con una sola sconfitta. Non perdendo potrebbe anche essere l’unica squadra ad aver perso una sola partita in trasferta durante un campionato per ben due volte.

ATTACCO STRABILIANTE

I parigini hanno segnato al momento ben 103 reti. Eppure non si è ancora vicini al record di miglior attacco stagionale. Il record risiede a Parigi ma non dalle parti del Psg, bensì nella bacheca del RC de France Football, noto anche come RC Parigi, che nella stagione 59/60 ha realizzato 118 reti, ma nonostante ciò arrivò terzo. Mancano dunque 15 reti da distribuire in 5 partite, data la media di 3,12 gol a partita, l’obiettivo dunque è possibile se si segue la linea tracciata fino ad ora. C’è da aggiungere anche la questione della differenza reti. Il record è stato fissato proprio dal Psg due anni fa, con 83 reti di differenza. Momentaneamente i parigini sono ad 80 e dunque il risultato è eguagliabile se in queste 5 giornate dovessero arrivare 2 pareggi e 3 vittorie con il minimo scarto. Un risultato estremamente alla portata di Emery che non può disdegnare questa occasione per coprire il piccolo fallimento europeo.

COPPIA CHE SCOPPIA (O QUASI)

Prendi due prime donne e rinchiudile in una stanza con un trono. Il risultato sarebbe una zuffa su chi deve sedersi su quel posto. Diciamo che è la stessa situazione capitata a Parigi con Neymar e Cavani. Tra scintille per chi tira il rigore e chi si ruba la scena in campo, entrambi hanno viaggiato su grandi numeri, anche in collaborazione tra di loro. L’uruguaiano guida la classifica dei capocannonieri con 25 reti, il brasiliano a causa dell’infortunio si è fermato a 20 reti ed è alle spalle del compagno. L’ex Santos inoltre comanda invece la classifica degli assist con 13 passaggi che hanno portato al gol con Payet e Depay distanti 2 reti. Di questi 13, ben 7 sono stati indirizzati verso Cavani, che ha ricambiato con 3 assist nei confronti del brasiliano. Una collaborazione sui generis che comunque frutta veramente tanto.

INTERCAMBIABILI

Vedesse la prossima statistica, probabilmente Maurizio Sarri si metterebbe le mani tra i capelli. In 33 partite solo un giocatore ha disputato ben 30 partite, ovvero il portiere Areola. Di seguito solo in 3 ne hanno giocata una in meno, ovvero Cavani, Rabiot e Lo Celso, anche se quest’ultimo ha preso il posto di titolare solo da Dicembre, mentre il primo periodo subentrava sempre. Questo decreta quanto la rosa del Psg sia profonda e allo stesso modo di che qualità sia, al punto da dominare con quelle che si potrebbero chiamare riserve. Eppure c’è uno come Ben Arfa che non ha mai visto il campo in questa stagione.

CIMA PERPETUA

In molte delle classifiche della Ligue 1, il Psg è ovviamente in testa. I parigini sono la squadra che tira più volte in partita (16,8), ed ha il possesso migliore del campionato (62%) con il Nizza secondo ben distaccato (56,4%). Riguardo alla voce del possesso, i parigini sono secondi solo al Manchester City ed al pari del Bayern Monaco. Inoltre la precisione passaggi è dell’89,6%, più di tutte le squadre dei 5 maggiori campionati europei, infatti la classifica francese dei giocatori con maggiore precisione nei passaggi è dominata dal Psg. La top 3 è occupata da Thiago Silva (96%), Kimpembe (95%) e Thiago Motta (94%); solo un giocatore ha raggiunto il capitano dei parigini, ovvero Stone del Manchester City.

Le ultime 5 partite ci dimostreranno se questi numeri resteranno così oppure subiranno una variazione, nel frattempo il Psg insegue record su record in un campionato estremamente dominato.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Lotito vuole blindare Zaccagni: in casa Lazio l’obiettivo è il rinnovo fino al 2027

Pubblicato

:

Zaccagni

In casa Lazio, dopo il rinnovo di Ciro Immobile, Lotito pensa ai prossimi movimenti legati sia al calciomercato che al blindare alcuni elementi della rosa. Il primo sulla lista sembra essere Mattia Zaccagni: ormai un titolare per Maurizio Sarri, l’ex Hellas Verona si è preso di prepotenza la fascia sinistra della Lazio. Il 27enne in appena 13 presenze in Serie A ha messo a segno già 5 gol e fornito 3 assist, una media importante soprattutto se riuscirà a mantenerla fino a fine stagione. Il Messaggero ha dedicato un approfondimento su di lui, parlando proprio del suo futuro in maglia biancoceleste.

Sarri lo ha elogiato già diverse volte, spronandolo a fare ancora meglio: “Da un giocatore così pretendo la doppia cifra, altrimenti è uno spreco di talento”. Il nativo di Cesena sembra aver preso queste parole come una sfida personale e quanto fatto vedere in questo inizio di stagione ne è la conferma. Proprio per questo il presidente Lotito vorrebbe blindarlo, con un contratto che lo legherebbe alla Lazio fino al 2027.

Continua a leggere

Calciomercato

La Fiorentina cerca un trequartista: obiettivi Bajrami e Sabiri

Pubblicato

:

Sabiri

La richiesta di Italiano alla dirigenza della Fiorentina per il calciomercato di gennaio è esplicita: serve un trequartista. Con il cambio di sistema attuato dal tecnico poco prima della sosta, diventa fondamentale inserire una nuova figura sulla trequarti e i principali obiettivi sono Sabiri e Bajrami.

Per entrambi, riporta il Corriere Fiorentino, i viola potrebbero proporre una contropartita tecnica: sia alla Sampdoria che all’Empoli interessa molto il centrocampista Zurkowski. Stankovic lo ha richiesto direttamente alla dirigenza blucerchiata, mentre il polacco, tuttavia, ha già vestito la maglia dei toscani nella scorsa stagione e spinge per il ritorno. Alla Sampdoria interessa anche Maleh, altro centrocampista della Fiorentina che ha trovato poco spazio nella prima parte di stagione.

Sia Sabiri che Bajrami, cercato già in estate dalla Fiorentina, possono occupare varie posizioni sulla trequarti e potrebbero fornire ad Italiano un’alternativa importante.

Continua a leggere

Calciomercato

Due colpi in arrivo per lo Spezia: Moutinho e Cardoso ormai a un passo

Pubblicato

:

Gotti

In casa Spezia inizia già a muoversi qualcosa sul calciomercato: i liguri vogliono rinforzare la squadra per ottenere una salvezza sicura. I sei punti di vantaggio sulla Cremonese terzultima sono già un buon bottino, ma mancano ancora tantissime partite prima della fine del campionato. Con la pausa mondiale, il direttore Eduardo Macià si è messo subito all’opera per portare a Gotti i rinforzi tanto richiesti. I primi due nomi che potrebbero vestire la maglia bianca, riporta TMW, già da gennaio sono Joao Moutinho e Johnny Cardoso: il primo sarà svincolato dall’Orlando City a inizio 2023, mentre il secondo ha un contratto in scadenza nel 2024 con l’Internacional di Porto Alegre. Due colpi che potrebbero essere perfezionati già nella prossima settimana per essere integrati al 100% alla ripresa del campionato.

Continua a leggere

Flash News

Tunisia-Australia, le formazioni ufficiali: le scelte di Kadri e Arnold

Pubblicato

:

Osorio

Alle ore 11 di oggi, sabato 26 novembre, si apre la seconda giornata del girone D al mondiale in Qatar. In campo si affronteranno Tunisia e Australia, in una partita già da dentro o fuori soprattutto per i socceroos. Il CT della nazionale nordafricana Kadri conferma ben nove undicesimi della squadra vista contro la Danimarca, con l’inserimento di Khazri al posto di Jebali e con Sliti sulla fascia destra. Dall’altra parte invece Arnold pronto a puntare quasi sugli stessi undici che hanno affrontato la Francia, con Karacic terzino destro con Goodwin e Duke come fari del gioco offensivo australiano. Una partita già fondamentale, soprattutto nel caso in cui la Francia dovesse battere la Danimarca: entrambe le squadre vorranno vincere a tutti i costi.

TUNISIA (3-4-3): Dahmen; Bronn, Meriah, Talbi; Drager, Skhiri, Laidouni, Abdi; Sliti, Khazri, Msakni. Ct. Kadri.

AUSTRALIA (4-2-3-1): Ryan; Karacic, Rowles, Souttar, Behich; Irvine, Mooy; Leckie, McGree, Goodwin; Duke. Ct. Arnold.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969