Connect with us
Olanda-USA, scontro a suon di gol: Gakpo contro Weah

I Nostri Approfondimenti

Olanda-USA, scontro a suon di gol: Gakpo contro Weah

Pubblicato

:

Berhalter USA

Manca davvero pochissimo ed entreranno nel vivo gli ottavi di finale dei Mondiali 2022. La fase ad eliminazione diretta sarà aperta da un match che regalerà sicuramente molte emozioni. La sfida in questione è quella tra Olanda e Stati Uniti, che andrà in scena oggi pomeriggio alle 16 presso l’Al Khalifa International Stadium di Al Rayyan.

Questo match rappresenta un importante appuntamento per le due nazionali che, dopo una buona fase a gironi, vorranno proseguire nel migliore dei modi il proprio percorso nella Coppa del Mondo. La sfida tra Olanda e Stati Uniti sarà l’occasione per vedere all’opera due giovani attaccanti che nei precedenti incontri hanno dimostrato grande talento: Cody Gakpo e Timothy Weah.

Il primo è il vero e proprio trascinatore dell’Olanda con i suoi 3 gol nelle prime 3 partite dei Mondiali. Lo statunitense, invece, ha realizzato una rete all’esordio contro il Galles. Sì è trattato di un gol storico dato che suo padre, George Weah, non è mai riuscito ad andare a segno con la maglia della Liberia in un Mondiale.

Per i due giovani attaccanti si tratterà del primo scontro faccia a faccia. Per le rispettive nazionali, invece, sarà la quinta sfida: sono tre, fino ad ora, le vittorie dell’Olanda, mentre gli Stati Uniti hanno trionfato solo una volta, nel 2015. Si prospetta, dunque, un match ricco di emozioni. Sotto la lente d’ingrandimento, però, ci sarà proprio la sfida a distanza tra Gakpo e Weah.

In attesa del fischio d’inizio, vi proponiamo un’analisi sui due giovani talenti del match.

FINALIZZAZIONE

Gakpo e Weah sono due attaccanti molto simili sia fisicamente che tecnicamente: entrambi, infatti, sono in grado di giocare sia come esterni d’attacco che come punte centrali. Come si può ben immaginare, dunque, per poter essere schierati come centravanti bisogna avere una certa affinità con il gol. Sotto questo punto di vista, in questo Mondiale, Gakpo ha dimostrato di essere superiore al suo diretto avversario. I gol dell’olandese, finora, sono 3 in 3 presenze. Da non dimenticare anche le sue statistiche totali in questa prima parte di stagione: in tutte le competizioni, Gakpo ha messo a segno 18 gol in 32 presenze. Numeri straordinari, che hanno fatto lievitare il suo valore di mercato fino a 45 milioni di euro.

Al contrario Weah sul piano realizzativo non sta affatto rendendo come sperato, anche a causa delle sue poche apparizioni: finora lo statunitense ha realizzato soltanto un gol in stagione, proprio quello contro il Galles, senza mai andare a segno nelle sue 6 presenze con la maglia del Lille.

ACCELERAZIONE E DRIBBLING

Una caratteristica che accomuna entrambi, è certamente la rapidità. Gakpo ha dimostrato grande velocità palla al piede con la maglia del PSV Eindhoven, in cui ha raggiunto picchi di oltre 31 km/h in Europa League.

Anche Weah è molto rapido, caratteristiche per cui viene spesso paragonato a suo padre George.

Entrambi, inoltre, sono molto abili anche nel saltare l’uomo. In questa stagione Gakpo ha completato il 94% dei dribbling tentati, con una media di 2.95 a partita. C’è da dire, però, che anche sotto questo aspetto Gakpo si dimostra superiore al 22enne statunitense. Weah, infatti, in questa stagione ha una media di dribbling riusciti pari al 62.50%, nettamente inferiore a quella fatta registrare dall’olandese.

ESPERIENZA INTERNAZIONALE

L’ultimo parametro da prendere in considerazione è l’esperienza internazionale. Nonostante la loro giovane età (Gakpo 23 anni e Weah 22), entrambi gli attacchi possono dire di aver calcato già palcoscenici importanti. Gakpo può vantare 41 presenze tra Champions League, Europa League e Conference con la maglia del PSV, senza dimenticare le 12 presenze con la Nazionale Olandese con cui ha già realizzato 6 gol.

Weah, invece, ha già totalizzato 21 presenze con la Nazionale Statunitense, mettendo a segno 4 reti. A differenza di Gakpo, che milita nel PSV da quando era bambino, il figlio d’arte ha calcato i campi di Paesi diversi. La sua carriera, infatti, è partita negli USA, ma ha trovato la svolta definitiva in Europa con le maglie di PSG, Celtic e Lille, dove tutt’ora gioca.

Si prospetta dunque, un duello particolarmente acceso tra i due talenti. Secondo la nostra analisi, però, a vincere la sfida a distanza è Cody Gakpo.

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Giovani per il futuro

Filippo Scotti può essere l’esterno destro che il Milan sta cercando

Pubblicato

:

Milan

Ogni volta che un giovane si mette in mostra, diventa oggetto di studio e desiderio per molti addetti ai lavori (e non solo). In modo particolare se gioca nel settore giovanile di uno dei club più conosciuti e titolati del mondo. Gioca come ala destra, ma sa farsi valere in tutti i ruoli della trequarti. Il suo nome è Filippo Scotti e potenzialmente è uno di quei talenti in grado di regalare grandi gioie ai tifosi italiani. La carta d’identità recita: nato l’11 novembre 2006. Basta questo per spiegare tante cose.

Gli appassionati di cinema rimarranno delusi, dato che non ha nulla a che fare con colui che ha interpretato l’alter ego di Paolo Sorrentino in “È stata la mano di Dio”. Anche lui Filippo Scotti, però classe 1999 e di professione attore. Due giovani stelle, pronte a brillare nei loro rispettivi mondi. La scena, oggi, se la prende il primo nominato: il potenziale crack del Milan U19.

CARRIERA E CARATTERISTICHE

Inizia la sua avventura con il pallone tra i piedi in un piccolo club nel lodigiano, il K2 Caselle. La piazza, però, è evidentemente troppo stretta e limitante per un ragazzino che ha un talento fuori dal comune. Scotti si avvicina geograficamente a Milano trasferendosi all’Atletico CVS. La svolta arriva qui, perché gli osservatori del Milan ci mettono davvero poco a capire di avere tra le mani un giovane astro nascente.

Arriva finalmente, dopo molte peripezie, nella squadra della grande metropoli lombarda. La maglia rossonera, finora, l’ha tolta solo per vestire quella della Nazionale. Qualche chiamata in U16 e successivamente in U17. In entrambi i casi, i risultati sono stati molto convincenti: 14 presenze e 8 gol nella prima, 7 presenze e 3 gol nella seconda.

I numeri di Scotti assumono maggior importanza soprattutto se pensiamo alla sua posizione in campo. Può essere utilizzato come trequartista e regista, ma in Primavera preferisce partire dall’esterno destro per poi sfoderare tutta la sua freschezza. Le statistiche riportate prima evidenziano la sua prima caratteristica: il fiuto per il gol, chiaramente non da centrocampista.

A questo aggiunge un’importante falcata e grande qualità. In velocità palla al piede è difficile da tenere, in modo particolare quando ha ampi spazi. Anche quando è difficile trovare varchi nella retroguardia avversaria, è capace di spostare il pallone rapidamente e saltare il marcatore.

COME PUÒ ENTRARE NELLO SCACCHIERE DI PIOLI

Come detto in precedenza, con Abate parte largo a destra per poi accentrarsi e provare la conclusione. Con i pari età dell’U17, forma una trequarti molto interessante con Sia, anche lui nel giro della Primavera ma come ala sinistra, e Perina, trequartista. Le parole del ct della Nazionale U16, Daniele Zoratto, spiegano bene che tipo di giocatore sia: “Scotti è un ragazzo interessante: ha carattere, temperamento e gamba. Attacca la profondità e vede la porta, ha una progressione notevole e quando parte è difficile riprenderlo. Ottime sia le potenzialità che le prospettive”.

L’esterno destro alto è un ruolo presente anche nel modulo del Milan di Stefano Pioli. Non solo, è la posizione in cui i rossoneri hanno più necessità di trovare qualcuno che possa permettere alla squadra di fare un’ulteriore salto di qualità. Chiaramente è ancora presto (ma non prestissimo) per dirlo, però se dovesse proseguire in questo modo il percorso di Scotti, il tecnico della Prima Squadra potrebbe farci un pensierino.

Sembra essere il giusto mix di elettricità, rappresentata al Milan da Saelemaekers, e di tecnica imprevedibile, caratteristica di Messias. Inoltre, possiede una buona struttura fisica, soprattutto per quanto riguarda gli arti inferiori del corpo, anche se ancora in fase di sviluppo. Potrebbe certamente diventare una pedina importante per il Diavolo.

SCOTTI DAL VIVO

Subentrato in Milan-Verona al posto di un deludente Bob Omoregbe, ha saputo dare una scossa notevole con grandi accelerazioni e tanti dribbling tentati. Le sue improvvise fiammate hanno messo in notevole difficoltà la retroguardia ospite, che ha spostato diversi uomini per contenerlo.

Proprio questo è stato un fattore chiave: dal suo ingresso in campo, ha permesso di liberare diversi spazi al compagno dall’altra parte, Sia, anche lui classe 2006. Tanti difensori erano attratti sulla destra per limitare le avanzate di Scotti, che riusciva spesso a creare superiorità grazie a giocate individuali e corali.

Rapidità, gamba, capacità di attaccare lo spazio ma anche di superare l’uomo nell’uno contro uno. Per concludere: un importante fiuto del gol e grande abilità con entrambi i piedi. Il Milan è pronto ad accogliere un nuovo potenziale crack del panorama italiano.

Continua a leggere

I Nostri Approfondimenti

Tanti auguri a Vlahovic: è la stagione più difficile della sua carriera?

Pubblicato

:

Juventus

Buon compleanno a Dusan Vlahovic che, nonostante la giovane età, oggi 23 anni, risulta uno dei centravanti migliori della Serie A. Tuttavia, a causa di questa annata travagliata, l’attaccante serbo ha fatto fatica a esprimersi ad alti livelli. Un infortunio che ha condizionato la sua stagione e le sue performance alla Juventus e in Nazionale.

L’INFORTUNIO

25 ottobre 2022, Stadio Da Luz di Lisbona, nella sfida di ritorno del Girone H della UEFA Champions League la Vecchia Signora incontra il Benfica. I bianconeri sono costretti a vincere per ambire ad un’isperata qualificazione alla fase a eliminazione diretta.

Tuttavia, i lusitani, imbattuti in tutte le competizioni, disputano una gara perfetta e mettono a tacere le male lingue. La Juventus, dopo il 4-1, ha una reazione di orgoglio e tenta disperatamente di acciuffare il pareggio. I due gol in pochi minuti non bastano per rimediare alla disfatta europea.

La panchina di Massimiliano Allegri inizia a vacillare e i suoi uomini toccano, dopo la sconfitta contro il Maccabi Haifa e Monza, uno dei punti più bassi della stagione.

Dusan Vlahovic, complice un problema di pubalgia, è costretto a dare forfait nelle gare successive. Un infortunio che viene sminuito, ma che porterà a un lungo periodo lontano dai campi di gioco. Da allora la punta non è più scesa in campo con la maglia bianconera.

IL MONDIALE

In occasione di Qatar 2022 la Serbia è considerata tra le mine vaganti del torneo. Una cenerentola che è pronta a stupire gli appassionati del gioco del pallone. In molti credono che la qualificazione si tratti di una formalità.

La sconfitta per 2-0 all’esordio contro la Seleçao viene presa sottogamba. La Nazionale verdeoro è l’unica squadra a esserle superiore nel Girone G. Tuttavia, nel corso della partita ci sono delle avvisaglie. Vlahovic non parte titolare ed entra al sessantaseiesimo minuto.

Il centravanti disputa una partita incolore e il suo contributo in fase offensiva è infinitesimale. Nell’altro incontro la Svizzera vince contro il Camerun per 1-0 grazie al gol dell’oriundo Embolo. Il prossimo match è contro la Nazionale africana.

L’attaccante bianconero siede in panchina per novanta minuti, ma i suoi compagni di squadra sembrano in controllo della gara. Nondimeno, tutto a un tratto un blackout e nonostante siano avanti di due marcature si fanno rimontare.

L’allenatore Stojkovic in conferenza stampa postpartita ammette:

“Dusan non è al meglio, non sta benissimo. Mi serviva gente fresca. Non è ancora pronto per giocare a questi livelli, è un motivo di preoccupazione per noi“.

IL MATCH DECISIVO

Un Mondiale deludente e molto al di sotto delle aspettative. Il giocatore ha raccolto soltanto una trentina di minuti di gioco. La stampa si scaglia contro il tecnico e l’attaccante reclama spazio:

“Non c’è nessun problema tra me e il mister, ho scritto che sono sempre pronto, anche con una gamba sola, ma se è meglio per la squadra che io resti in panchina allora non c’è problema”.

Contro la Svizzera Vlahovic parte dall’inizio. Dopo il vantaggio iniziale degli elvetici la Serbia rimonta grazie alle reti dei suoi due attaccanti. Tuttavia, come contro il Camerun, la partita si ribalta in favore degli avversari. La Nazionale perde la sfida decisiva e scivola all’ultimo posto in classifica nel Girone. Una delusione cocente per milioni di connazionali.

IL RIENTRO

Dusan Vlahovic ha giocato appena 10 partite in Serie A, ma impreziosite da 6 gol e un assist. Malgrado la lunga assenza risulta la punta più prolifica della squadra a pari merito con Milik. A riprova del fatto che il serbo, se è nelle migliori condizioni fisiche, è un giocatore di assoluto valore.

La pubalgia ha condizionato il suo rendimento, costringendolo ai box per lungo tempo. Una sindrome provocata dall’eccessivo utilizzo dei muscoli adduttori. Un dolore acuto a livello inguinale, che impedisce al paziente di compiere sforzi immoderati.

La punta si è sottoposta a terapie fisiche strumentali e a un’attività riabilitativa volta a disinfiammare la muscolatura deficitaria.

Massimiliano Allegri ha confermato che il rientro avverrà il 29 gennaio nel match contro il Monza. Tuttavia, occorre pazienza e cautela in quanto si tratta di un infortunio che può potenzialmente riacuirsi. È probabile che i tifosi si arrendano all’evidenza che, per vedere l’attaccante al top della forma, bisognerà attendere ancora qualche tempo.

Continua a leggere

I Nostri Approfondimenti

Mattia Zaccagni e la sua consacrazione

Pubblicato

:

Mattia Zaccagni

La Lazio, nell’estate 2021, dopo aver accantonato l’operazione per l’acquisto di Kostic dall’Eintracht Francoforte, si è gettata su Mattia Zaccagni, assicurandosi fino al 30 giugno 2025 le prestazioni sportive dell’esterno romagnolo di proprietà del Verona.

Ecco che Zaccagni con il passaggio in una big si trova a dover confermare ciò che di buono è stato fatto in precedenza in gialloblù.

LA CONSACRAZIONE CON IL MAESTRO SARRI

L’esterno biancoceleste fin da subito non delude le aspettative, si mette subito a disposizione di mister Sarri, che lo migliora moltissimo sia sul piano tattico che nell’attaccare gli spazi. Inoltre, essendo abituato a giocare in più ruoli, diventa subito fondamentale per la Lazio e nella prima stagione totalizzerà 4 gol e 6 assist in 29 presenze.

È nella stagione corrente però, che l’ex giocatore degli scaligeri sta stupendo davvero tutti e non si ferma più; infatti, ha già festeggiato diversi record personali, tra cui: esser andato a segno in tre match consecutivi (Empoli, Sassuolo e Milan) e aver già superato il suo record di gol stagionali, in sole 17 presenze.

Ad oggi, nessun esterno in Serie A sta facendo meglio di lui e grazie al lavoro di Sarri il classe ’95 si è trasformato in un vero e proprio bomber con ben 8 reti all’attivo, diventando il capocannoniere della sua squadra e anche il giocatore italiano con più reti in stagione.

 

L’arciere (così soprannominato) non ha deluso affatto le aspettative del club ed è diventato un vero e proprio beniamino della tifoseria, riuscendo a sbalordire tutti ed a consacrarsi come un big del nostro campionato. Il suo valore è già salito di molto, rispetto ai soli 7 milioni con i quali società capitolina era riuscita ad accaparrarselo, perciò la dirigenza sta pensando ad un prolungamento del suo contratto per poterlo lasciare il più a lungo sotto la guida del maestro Sarri.

LE QUALITÀ SOPRAFFINE

Zaccagni è diventato ormai imprescindibile nel tridente d’attacco biancoceleste, che non può più fare a meno della sua qualità e della sua intelligenza tattica. L’esterno è bravo sia palla al piede e sa muoversi molto bene anche senza, è molto rapido nell’attaccare gli spazi, punta spesso la difesa avversaria e negli ultimi tempi è migliorato molto anche sotto il punto di vista delle conclusioni. Inoltre, assiste spesso i compagni e lo dimostra il fatto che ad oggi è già a quota 4 assist.

 

MANCINI DOVREBBE PUNTARE SU DI LUI?

In tanti si chiedono se viste le sue prestazioni e la sua leadership con il club biancoceleste Zaccagni non possa diventare al più presto un inamovibile della Nazionale di Roberto Mancini, che già in passato ha chiamato l’ex Verona in occasione di alcuni stage facendolo esordire contro la Turchia il 29 marzo 2022.

Sicuramente la concorrenza per un posto in nazionale è molto alta, visto il ritorno di Chiesa e alla luce dei tanti esterni di cui il nostro calcio dispone, ma certo è che ad oggi nessuno ha i numeri di Zaccagni e considerando le prestazioni al momento nessuno merita il ruolo come lui. Sicuramente l’arciere, con le sue qualità, potrebbe aiutare moltissimo il gruppo azzurro a tornare grande e a riprendersi la scena mondiale.

Continua a leggere

Alla Ricerca del Diez

Victor Osimhen, l’oro di Napoli

Pubblicato

:

Osimhen

Il Napoli, con dodici punti di vantaggio sul Milan secondo in classifica, inizia a intravedere il traguardo finale, quello del terzo Scudetto della sua storia. A metà campionato, con 50 punti raccolti, l’impresa è sempre più vicina. 19 partite per suggellare il vantaggio e continuare a dimostrare la grandezza e la bellezza messe in luce finora, a suon di prestazioni esaltanti. La squadra di Spalletti gioca il miglior calcio d’Europa insieme al Manchester City e l’Arsenal. Il gruppo, allenato in modo sublime dall’allenatore toscano, è stato il vero punto di forza in questa prima parte di stagione meravigliosa, il motore di una macchina quasi perfetta.

Titolari e riserve sono amalgamati perfettamente. Tutti rendono al massimo, indipendentemente dal fatto che i minuti a disposizione siano 90 o 10. Il mercato ha sorpreso chiunque, con innesti mirati e incredibilmente produttivi, calatisi immediatamente nel ruolo di protagonisti, come Kim e Kvaratskhelia, superbi nel sostituire due totem come Koulibaly e Insigne.

ARMA LETALE

Il perno, tuttavia, l’arma in più, l’uomo che ha fatto alzare il livello di competitività è, senza alcun dubbio, Victor Osimhen. L’attaccante nigeriano, dopo due stagioni in cui ha fatto vedere solo in parte le qualità che possiede a causa di continui problemi fisici, sembra essere definitivamente esploso.

In stagione ha già messo a segno 14 reti condite da 4 assist in 19 partite in tutte le competizioni, viaggiando a una media di un gol ogni 103′. Ha raggiunto la consapevolezza nei propri mezzi, ha sviluppato una maturità mai dimostrata fino ad ora, calandosi nella parte del leader tecnico e carismatico. Osimhen è sempre più decisivo.

Voltandosi indietro, è lecito chiedersi se gli infortuni patiti nei primi due anni in Italia lo abbiano fortificato, riuscendo a cavarne il meglio, soprattutto a livello mentale. Nel 2020-2021 è costretto a rimanere fuori dal campo per oltre due mesi a causa del Covid. Nel 2021-2022, invece, durante Inter-Napoli del 21 novembre, si rompe lo zigomo sinistro e l’orbita oculare in seguito a uno scontro terrificante con Skriniar. Inevitabile temere il peggio vista l’entità dell’urto. L’attaccante del Napoli torna a giocare solamente a gennaio, saltando quasi due mesi di stagione.

Il suo ritorno segna anche la comparsa della maschera, dalla quale non si è più separato. Da allora, Osimhen si è trasformato, come se quella maschera, oltre ad avere funzione protettiva, lo abbia reso un supereroe. D’altronde, nella cultura africana le maschere hanno un significato, spesso ultraterreno, sono il mezzo con il quale ci si può mettere in contatto con entità superiori, rappresentandole in terra.

UNO SPIRITO LIBERO

Indubbiamente, Osimhen sta giocando un calcio trascendente, istintivo, a tratti selvaggio. L’ex attaccante del Lille lotta, corre, cade, difende, trascinato da una forza interiore impetuosa. Aiuta i compagni, pressa a tutto campo, non molla mai.

La sua rete contro l’Ajax nella gara di ritorno della fase a gironi, quella del definitivo 4-2, ne è la prova lampante. Si lancia su una palla innocua, rubandola a Blind e appoggiando nella porta lasciata sguarnita da Pasveer, defilatosi per ricevere il passaggio del suo difensore. Un gol animalesco, conquistato con la grinta e la garra di chi vuole conquistare il mondo.

Vederlo giocare, per quanto possa peccare di grazia, è liberatorio. Osimhen non emerge per l’eleganza nei movimenti o nelle conclusioni. Il suo incedere è spesso goffo, disarticolato. L’impressione che si ha, a volte, è che non riesca a controllarsi, dominato da un pathos interiore inafferrabile, comprensibile a lui e a lui soltanto.

L’ORO DI NAPOLI

Probabilmente il gioiello partenopeo deve migliorare nella finalizzazione e nel gioco di squadra, imparando a gestire meglio alcune situazioni, facendo predominare la ragione e la freddezza all’istinto che lo contraddistingue. Spalletti lo sa e quest’anno, grazie al lavoro svolto insieme, si sono visti i primi progressi.

La vera forza del calciatore nigeriano, ciò che ha reso Osimhen il giocatore attualmente più importante e decisivo della Serie A, è la mentalità. Oggi ragiona da leader. In campo lo seguono tutti. I compagni lo ascoltano, lo abbracciano in massa quando segna, il suo atteggiamento è magnetico.

Lui ama Napoli e Napoli ricambia il sentimento. L’azzurro, ormai, scorre nelle sue vene. Se dovesse, si getterebbe tra le fiamme per onorare e difendere la maglia partenopea. Insieme a Di Lorenzo, capitano della squadra, è il perno di un gruppo che ha spiccato il volo, puntando il terzo Scudetto della storia del club.

Nonostante i soli 24 anni, sembra essere molto più maturo. I lunghi stop delle stagioni passate, le attese, il dolore e la paura ne hanno forgiato il carattere. Ora, dopo essersi assicurato l’amore della città di Pulcinella, Victor Osimhen vuole l’Italia.

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969