Connect with us
Hellas Verona-Cremonese 2-0, le pagelle: un super Lazovic rilancia i gialloblù!

La nostra prima pagina

Hellas Verona-Cremonese 2-0, le pagelle: un super Lazovic rilancia i gialloblù!

Pubblicato

:

Verona

Allo stadio Bentegodi è andato in scena lo scontro diretto per la salvezza tra Hellas Verona e Cremonese. Gli scaligeri sono in fondo alla classifica con 6 punti, mentre i grigiorossi si trovano appena sopra, con 7 punti conquistati nelle prime sedici partite. Gli uomini di Zaffaroni quest’oggi hanno fatto gruppo e giocato una gara da vera squadra, nonostante le difficoltà. Decidono le prestazioni di Darko Lazovic, autore di una doppietta, e Josh Doig, letteralmente incontenibile. La Cremonese ora è all’ultimo posto in classifica e ha dimostrato ancora una volta i grossi limiti tecnici che la contraddistinguono. Forse il mercato aiuterà, ma la situazione potrebbe già essere compromessa.

LE PAGELLE DELL’HELLAS VERONA

Montipò 6: Nella prima frazione di gioco non è mai dovuto intervenire, grazie ad una perfetta fase difensiva e una Cremonese con poche idee. Nel secondo tempo qualcosina in più, ma il copione rimane comunque lo stesso. Tutto è filato liscio.

Dawidowicz 6: Ordinato. Nel primo tempo, insieme a Hien e Ceccherini, argina facilmente gli attacchi dei grigiorossi. Nel secondo tempo cala un po’ il ritmo, ma non corre alcun pericolo.

Hien 7: Duella selvaggiamente per tutta la durata del match con Dessers, disturbandolo sul piano sia fisico sia psicologico. Il migliore della retroguardia veronese.

Ceccherini 6.5: Tra i componenti del terzetto di difesa, è il più presente in fase di supporto alla manovra, fornendo sempre un appoggio a Doig. Come gli altri, è ordinato e non commette grosse sbavature. (Dal 74′ Magnani 6: Dal suo ingresso in campo la Cremonese si fa più pericolosa, ma, sotto di due gol, era prevedibile. Dà buona continuità al lavoro di Ceccherini).

Depaoli 6.5: Il suo compito è contenere il più possibile la corsa e gli inserimenti di Valeri; dall’altra parte ad attaccare ci pensa Doig. Esame superato per Depaoli, che in qualche occasione riesce a proporsi anche in fase offensiva.

Ilic 6: Contro ogni aspettativa, visto il suo straordinario talento, è il meno appariscente in campo. Dà qualità ad un reparto di centrocampo che ha dominato la gara, anche grazie al suo compagno. (Dal 66′  Sulemana 6: Ha il solo compito di gestire, senza commettere errori).

Taméze 7: Giocata fondamentale per la rete del 2-0, quando con un movimento porta via l’uomo a Doig, che può involarsi sulla fascia e servire l’assist a Lazovic. Forma con Ilic una coppia che si completa; qualità e quantità, ma soprattutto intelligenza. Testa.

Doig 7: Finora una delle scoperte più liete del nostro campionato. Lo scozzese è decisivo per il gol del 2-0 di Lazovic, quando si porta a spasso mezza Cremonese in un coast to coast di 60 metri, per poi servire un assist perfetto al compagno. Semina il panico sul lato sinistro. Treno.

Lazovic 8: Al centro di molte voci di mercato che lo vedono via da Verona, Lazovic dimostra di esserci, con la testa e, soprattutto, con i piedi. Giocata spettacolare ad arpionare il pallone sul primo gol e conclusione chirurgica per la doppietta. Il migliore in campo. Leader, fino alla fine. (Dall’83’ Terracciano s.v.)

Kallon 6.5: Si rende sempre pericoloso sulla destra, svariando qualche volta al centro del campo per non dare punti di riferimento e supportare Djuric. Serve l’assist per la rete del vantaggio e dà costante profondità alla squadra. Freccia. (Dal 66′ Verdi 6.5: Si mette subito a disposizione, Rientrando anche in difesa per stoppare gli attacchi della Cremo. L’atteggiamento è quello giusto).

Djuric 6: Un attaccante di esperienza come lui sa benissimo come muoversi. Lo dimostra in occasione del gol del raddoppio, quando libera un intero spazio a Lazovic portandosi via i due centrali della Cremonese. Silenzioso, ma decisivo. (Dal 74′ Piccoli 6: Tiene lunga la squadra e aiuta in fase difensiva. Generoso).

LE PAGELLE DELLA CREMONESE

Carnesecchi 6: Uno dei migliori giovani portieri su cui potrà contare in futuro la nostra nazionale. Non ha nessuna colpa in occasione dei due gol segnati; quando serve, il guanto ce lo butta sempre.

Ferrari 5.5: Probabilmente il meno peggio della retroguardia grigiorossa. L’ex difensore della Sampdoria, alla sua seconda presenza con la squadra di Alvini, dimostra di poter ricoprire un ruolo importante.

Bianchetti 5: Qualche responsabilità in occasione del primo gol di Lazovic: spazza male un pallone poi recuperato da Taméze che costa lo svantaggio ai suoi. Partita complicata e sofferta, sin dal primo minuto.

Lochoschvili 5: Soffre maledettamente i continui inserimenti di un velocissimo Kallon, che riesce spesso a farsi pericoloso. (Dall’83’ Ciofani s.v.)

Valeri 5.5: Sembra in affanno, in confusione, offensivamente e difensivamente. In questo campionato ha dimostrato di poter essere una delle risorse più preziose dei grigiorossi. Oggi non lo è stato.

Castagnetti 5: Nel primo tempo praticamente inesistente. Nella sua partita dominano confusione ed errori tecnici, e i compagni non lo aiutano. L’ammonizione convince Alvini a toglierlo in anticipo. (Dal 63′ Ascacibar 6: Riesce senza dubbio a fare meglio del suo collega, ma la situazione comunque non cambia).

Pickel 5.5: Insieme a Castagnetti, compone un centrocampo quest’oggi con poco carattere. Nettamente meglio la coppia gialloblù Ilic-Taméze, cha ha stravinto il duello in mezzo al campo. Non riconferma il buon livello mostrato fino ad ora.

Sernicola 5.5: Fronteggiare la velocità di Doig non è certamente un compito facile. Farlo con lo scozzese in questo stato di forma è completamente impossibile. Dopo un inizio in cui sembra reggere, perde pian piano i colpi, lasciando che l’esterno scaligero monopolizzi tutta la fascia di destra.

Buonaiuto 5: La Cremonese ha disperatamente bisogno della sua qualità. Lui però non riesce ad incidere, e rispetto al compagno Zanimacchia si vede meno. Dal giocatore potenzialmente più tecnico in campo ci aspettiamo di più, molto di più. (Dal 60′ Tsadjout 6: Nonostante la partita sembri essenzialmente compromessa, cerca come può di aiutare la squadra a riaccendersi).

Zanimacchia 6: Sicuramente il più positivo. Nel primo tempo è l’unico che prova qualcosa di diverso, che cerca in qualche modo di rompere la monotonia. (Dal 60′ Afena Gyan 6: Dopo il triplo cambio che lo coinvolge, la Cremo alza leggermente la testa).

Dessers 5.5: Fa a sportellate con Hien sin dal primo minuto, mostrandosi talvolta parecchio nervoso. Lì davanti rimane abbandonato a se stesso, e contro un intero terzetto difensivo, tra cui uno costantemente in marcatura a uomo, è difficile per chiunque. (Dal 60′ Okereke 6: Entra e prova a dare un po’ di vivacità alla manovra, che fino a quel momento era mancata. Meglio di niente).

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Stop agli aumenti di capitale in casa Juventus fino al 2025: la notizia!

Pubblicato

:

Juventus

Come riportato da Calcio&Finanza, nel futuro prossimo della Juventus non sono in programma aumenti di capitale. Ad annunciarlo è lo stesso club bianconero che, all’interno del verbale dell’assemblea dei soci risalente allo scorso 18 gennaio, sottolinea come fino al 2025 non sia prevista l’implementazione di aumenti di capitale. La conferma è arrivata dal club dopo una domanda di un socio, alla quale la Juventus ha così risposto: “La domanda non è pertinente agli argomenti all’ordine del giorno ed è inoltre posta a candidati che non hanno ancora assunto il ruolo di amministratori nel Consiglio di Amministrazione della Società. La Società segnala in ogni caso che il Piano Triennale per gli esercizi 2022/23 2024/25, approvato dalla Società nel giugno 2022, non prevede l’implementazione di aumenti di capitale”.

Inoltre, in merito alle due indagini in corso riguardo le plusvalenze e la manovra stipendi, la Juventus ha dichiarato:

“La Società sottolinea di rimanere convinta, anche tenuto conto degli approfondimenti di natura legale e contabile svolti dalla Società sulla base di pareri rilasciati da esperti indipendenti, di aver operato nel rispetto delle leggi e delle norme che disciplinano la redazione delle relazioni finanziarie, in conformità agli applicabili principi contabili e relativi criteri di applicazione e in linea con la prassi internazionale della football industry”.

Continua a leggere

Flash News

Nainggolan si presenta: “Qui per De Rossi. Cagliari? Mai sentito nessuno”

Pubblicato

:

Nainggolan

È da poco iniziata l’avventura di Radja Nainggolan con la maglia della SPAL. Il centrocampista belga, svincolatosi dall’Anversa, ritrova il suo ex compagno, Daniele De Rossi, ai tempi della Roma. Di seguito, riportiamo la conferenza stampa di presentazione.

IL RAPPORTO CON DE ROSSI –Daniele, un mese e mezzo fa, ha iniziato a stuzzicarmi per farmi venire qui alla SPAL: voleva che gli dessi una grossa mano. Erano solamente discorsi e mai avrei pensato di trovarmi, oggi, qui. Questa cosa mi è rimasta in testa ed è per questo che ho scelto Ferrara. Sono molto felice di lavorare nuovamente con De Rossi: a lui piace ispirarsi e praticare il gioco di Spalletti“.

DISPONIBILITÀ PER LA SQUADRA –Io sono nato pronto, ma decide il mister quando impiegarmi. Il nostro obiettivo è arrivare ai playoff e diminuire il gap di 9 punti, che ci separa da quella zona.

PERSONALITÀ –Io non ho mai messo paura a nessuno, e posso non piacere. Ho la mia personalità, ma non sono mai stato uno spacca spogliatoio

CALCIOMERCATO –Non ho mai sentito nessuno per ciò che concerne un mio ritorno a Cagliari. A Ferrara c’è tranquillità e io sono certo di fare bene. Siamo un gruppo coeso e aiuterò i giovani a crescere.

SERIE B –Il livello del campionato si è abbassato rispetto a quando militavo nel Piacenza. Ora è un torneo più giovane, ma c’è tanto agonismo. 

GLI ULTIMI ANNI DI CARRIERA – “Sono qua perchè ho vissuto momenti in cui ero stufo: si è data troppa importanza a certe cose. Io credo che posso fare quello che esegue una persona normale fuori dal campo.” 

Continua a leggere

Flash News

PSG, Renato Sanches desidera giocare di più: “Non sono contento”

Pubblicato

:

PSG, Renato Sanches non è contento della sua stagione tra i parigini

La scorsa estate, in seguito a un lungo corteggiamento del Milan, Renato Sanches ha preferito sposare il progetto del PSG. Ma, adesso, dopo alcuni mesi trascorsi all’ombra della Torre Eiffel e molte panchine collezionate, il centrocampista lusitano non sembra essere molto felice. Infatti, il classe ’97, in un’intervista concessa a L’Equipe, ha manifestato il proprio disappunto in merito al poco spazio riservatogli dal tecnico dei parigini, Galtier. Sanches, fino ad adesso, ha collezionato, tra Ligue 1 e Champions League, 16 presenze totali, di cui in solo due occasioni è partito titolare. Queste le sue dichiarazioni.

Devo solo acquisire un po’ di fiducia e giocare di più. Sto tornando da un infortunio, sono consapevole che è difficile, ed è frustrante perché è complicato giocare bene dopo un problema fisico. Mi sento bene, ho solo bisogno di giocare maggiormente. L’allenatore fa le scelte e io non sono contento: è normale desiderare giocare di più. Però, rispetto la decisione del tecnico. È lui che adopera le decisioni: io sono qui per dare il massimo“.

Continua a leggere

Flash News

La lista dei convocati di Sarri per stasera: subito dentro Pellegrini

Pubblicato

:

Lazio, Sarri ritrova Immobile e lancia Pellegrini

Stasera, con calcio d’inizio alle 20:45, andrà in scena l’ultimo quarto di finale di Coppa Italia tra Juventus e Lazio. La vincente di questa contesa andrà, poi, a sfidare l’Inter per giocarsi l’accesso diretto all’atto finale del torneo. All’Allianz Stadium di Torino le due compagini arrivano in situazione ben diversa: i bianconeri devono riscattare la sconfitta subita contro il Monza, mentre i biancocelesti vogliono continuare la striscia di risultati utili consecutivi.

Per l’occasione mister Sarri ha convocato, subito, il neo arrivato Luca Pellegrini, ex della gara. Il terzino va a rinforzare un reparto, che aveva diverse carenze in rosa. Per il big match di questa sera, inoltre, il mister toscano può gioire poiché ha tutti i giocatori a disposizione, a partire dal recuperato Ciro Immobile, che si candida ad un posto da titolare. Di seguito, proponiamo la lista completa.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969