Connect with us
Pagelle Mondiali - Olanda 6.5: rivelazione Gakpo, ma maledetti rigori

I Nostri Approfondimenti

Pagelle Mondiali – Olanda 6.5: rivelazione Gakpo, ma maledetti rigori

Pubblicato

:

Pronostico Olanda-Croazia

Dopo la clamorosa assenza a Russia 2018, gli oranje arrivano in Qatar con la volontà di stupire il mondo intero. La squadra di van Gaal ha il giusto mix di giovani talenti e veterani affidabili, potendo contare su un reparto difensivo, guidato da capitan Van Dijk, che è tra i migliori della competizione. L’Olanda è reduce dalla vittoria del girone di Nations League senza mai aver perso una partita e porta con sé il titolo di potenziale sorpresa del Mondiale.

È l’ultimo ballo con Louis van Gaal in panchina, dato che prima dell’inizio della manifestazione il suo addio era già stato annunciato dalla federazione olandese; Ronald Koeman gli succederà da gennaio e troverà un gruppo più consapevole dei propri mezzi e delle proprie potenzialità, guardando sin da subito al prossimo Europeo.

IL PERCORSO

L’Olanda si trova nel Gruppo A insieme a Senegal, Ecuador e l’ospitante Qatar. Gli uomini di van Gaal hanno tutto il favore del pronostico e scendono in campo con l’obiettivo di terminare il girone in testa alla classifica. La prima partita contro il Senegal è la perfetta rappresentazione della squadra che si vedrà per il resto del torneo: l’Olanda fatica incredibilmente a creare occasioni da gol, con un possesso di palla sterile e una generale staticità, salvo alcune eccezioni. Una di queste è Cody Gakpo, che con un colpo di testa risolve il match contro gli africani, spianando la strada per il passaggio del turno. Gli oranje pareggiano poi 1-1 con l’Ecuador, e, alla terza giornata, battono 2-0 un deludente Qatar, assicurandosi il primo posto nel girone. Tutto come previsto.

Gli ottavi di finale vedono scontrarsi gli olandesi e una nazionale che sta impressionando tutti, gli Stati Uniti. È una partita complicata visto il livello mostrato dagli americani nella fase a gironi, ma la squadra di van Gaal parte ancora favorita. Questa volta la stella è un giocatore che conosciamo bene, Denzel Dumfries. Il laterale nerazzurro mette a referto un gol e due assist per le reti di Depay e Blind, trascinando i suoi ai quarti di finale.

Essere tra le migliori otto era sicuramente un obiettivo, con la consapevolezza che da quel momento in poi, con ogni probabilità, non sarebbero più stati i favoriti. E così accade, perché dopo l’USA c’è l’Argentina guidata da un uomo in missione, Leo Messi, determinato a riportare il titolo mondiale in patria dopo 36 anni, quando ad alzarlo fu proprio Diego, el Diez. L’Albiceleste è una delle principali favorite per la vittoria finale e può vantare un numero elevatissimo di tifosi che la sostengono, dall’inizio alla fine.

Sfortunatamente per l’Olanda, Messi è con anima e corpo dentro la partita. Prima trova un corridoio impossibile per l’1-0 di Molina, e poi è freddissimo dal dischetto per il gol del 2-0. È praticamente finita. Una componente che però, sin dall’inizio, non è mai mancata agli oranje, è il carattere, la cattiveria agonistica. Nel secondo tempo entra Weghorst e la partita si trasforma, diventando una delle più emozionanti viste in Qatar. L’attaccante del Besiktas accorcia le distanze con un colpo di testa all’83’ e, all’ultimo respiro, sfrutta un assist geniale di Koopmeiners direttamente da calcio piazzato. 2-2.

L’Argentina però è destinata ad arrivare in fondo e una super prestazione di Emiliano Martìnez alla lotteria dei calci di rigore elimina l’Olanda, che abbandona ai quarti la competizione. L’esultanza dell’Albiceleste ha fatto il giro del mondo ed entra di diritto nell’album fotografico di questo Mondiale, che ne ha viste di tutti i colori.

L’ANALISI

Tutto sommato, era difficile fare di più. La squadra ha dato tutto, dall’inizio alla fine, uscendo sconfitta solo contro i futuri campioni del mondo. Abbiamo scoperto il talento di Cody Gakpo, che ha segnato tre gol ed è ora nel mirino delle big europee. Il 23enne è indubbiamente il miglior olandese di questo Mondiale. Un’altra piacevole sorpresa è stato il portiere Noppert, sconosciuto alla maggior parte di noi prima di vederlo in campo. L’estremo difensore oranje si è dimostrato particolarmente solido e affidabile, salvando la squadra in più di un’occasione.

Non ha deluso nemmeno Frenkie de Jong, reduce da un periodo difficile con i blaugrana, che è stato il faro del centrocampo. A correnti alternate invece Denzel Dumfries, autore di grandi prestazioni, come quella citata poco fa contro l’USA, e di partite in cui non è riuscito a incidere. Da sottolineare anche le difficoltà riscontrate dall’ex Juve Matthijs de Ligt, che ha piano piano perso il posto in favore di Jurrien Timber e Nathan Akè.

Il problema più grande dell’Olanda è però la mancanza di un centravanti. Memphis Depay ha completamente smesso di essere un giocatore affidabile e non può più costituire una certezza. Janssen non è al livello tale per essere un titolare e Weghorst, nonostante l’exploit contro l’Argentina, è un punto di domanda.

La squadra di van Gaal ha palesato molte difficoltà sul piano del gioco, risultando in molte occasioni prevedibile. L’ex allenatore, tra le altre, di Ajax e Bayern Monaco, ha però dato fiducia a un gruppo con delle potenzialità. Nelle competizioni tra nazionali, lo sappiamo bene, uno dei fattori decisivi è l’affiatamento, l’entusiasmo collettivo. L’Olanda ne ha da vendere, e l’avventura di Qatar 2022 ne è una dimostrazione concreta.

Il cambio di allenatore sarà un fattore importante, ma una scia di riferimento è stata tracciata. Compito di Koeman sarà percorrerla e, soprattutto, evolverla al massimo in vista di Euro 2024. Il conto alla rovescia è già iniziato.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Nostri Approfondimenti

Dove vedere Lecce-Inter in TV e streaming

Pubblicato

:

Inter, in foto: Hakan Calhanoglu, Denzel Dumfries, Nicolò Barella, Stefan De Vrij, Carlos Augusto, Lautaro Martinez, Marcus Thuram, Benjamin Pavard Serie A Champions League

DOVE VEDERE LECCE-INTER IN TV E STREAMING – In quest’ultimo fine settimana di febbraio passerà agli archivi la ventiseiesima giornata del campionato di Serie A. Domenica 25 febbraio alle ore 18:00, allo Stadio Via del Mare di Lecce, Lecce e Inter si affronteranno in una sfida che potrebbe regalare diverse emozioni e spettacolo. Andiamo a vedere nel dettaglio come arrivano le due formazioni alla partita.

DOVE VEDERE LECCE-INTER IN TV E STREAMING – COME ARRIVAMO LE DUE SQUADRE

DOVE VEDERE LECCE-INTER IN TV E STREAMING – I padroni di casa del Lecce arrivano alla gara in un periodo di piena crisi. I punti raccolti nelle ultime dieci partite dalla squadra allenata da Roberto D’Aversa sono appena sette. Questo bottino è frutto di due vittorie, un pareggio e ben sette sconfitte che hanno visto sprofondare i salentini al quattordicesimo posto. La zona retrocessione è diventata, con il passare delle settimane, sempre più un incubo da scacciare via e, seppur ci sia un minimo margine di quattro punti, anche il Lecce è da considerare nel vortice delle squadre a rischio. La gara di domenica può significare solamente due cose: vittoria e punto di svolta oppure sconfitta e ulteriore tracollo.

DOVE VEDERE LECCE-INTER IN TV E STREAMING – La capolista Inter, allenata da Simone Inzaghi, arriva a questa gara carica di entusiasmo. La recente vittoria nella sfida degli ottavi d’andata di Champions League contro l’Atletico Madrid ha rincarato la dose di fiducia nell’ambiente e ha cambiato la visione di quella che potrebbe essere la gara contro il Lecce. Per la delicata trasferta, infatti, il tecnico dei nerazzurri opterà, molto probabilmente, per diversi cambi nello scacchiere principale, offrendo una chance importante a chi ha visto meno il campo nelle ultime settimane. I salentini rappresentano per l’Inter un primo ostacolo nel lungo tour de force che li aspetta: i nerazzurri, infatti, scenderanno in campo per ben sei volte in appena ventidue giorni. Fatta questa doverosa premessa, andiamo a svelare dove vedere Lecce-Inter.

DOVE VEDERE LECCE-INTER IN TV E STREAMING

DOVE VEDERE LECCE-INTER IN TV E STREAMING – Il match del Via del Mare tra Lecce e Inter, in programma domenica 25 febbraio alle ore 18:00, sarà visibile in tv e streaming sui canali e sulle piattaforme di DAZN.

LE PROBABILI FORMAZIONI

LECCE (4-3-3): Falcone; Gendrey, Touba, Baschirotto, Gallo; Kaba, Ramadani, Oudin; Almqvist, Krstovic, Banda. All. D’Aversa.

INTER (3-5-2): Audero; Bisseck, De Vrij, Carlos Augusto; Dumfries, Barella, Calhanoglu, Frattesi, Dimarco; Lautaro, Arnautovic. All. S.Inzaghi.

Continua a leggere

Europa League

Le possibili avversarie della Roma in Europa League

Pubblicato

:

in foto: Pellegrini, Mancini, Paredes - Roma - Serie A - Europa League - Coppa Italia

LE POSSIBILI AVVERSARIE DELLA ROMA IN EUROPA LEAGUE – Dopo aver superato i play-off, è tempo di ottavi per la Roma. Dopo aver vinto, sudando fino ai rigori, per i giallorossi è tempo di resettare. La gioia della vittoria va subito messa da parte, per ritornare concentrati per il proseguo della stagione. L’obiettivo 4° posto in campionato e l’andare più avanti possibile in Europa League sono la base per un futuro roseo, magari proprio con De Rossi sulla panchina. La situazione della Roma non è stata però così felice in precedenza, con ancora Mourinho in panchina. Il girone, contro Slavia Praga, Servette e Sheriff, non vide i giallorossi vincere, arrivando al secondo posto, sotto i cechi, e costretti dunque ai playoff. Adesso è tempo di ottavi: di seguito vi riportiamo le possibili avversarie della Roma in Europa League.

LE POSSIBILI AVVERSARIE

Cammino fin qui abbordabile per la squadra di Daniele De Rossi, che adesso però avrà a che fare con avversarie ben più dure da affrontare. La possibilità migliore sarebbe quella di rivedere affrontare una recente conoscenza, lo Slavia Praga, già affrontato ai gironi, forse chance migliore per passare il turno. Di seguito vi riportiamo tutte le possibile avversarie dei giallorossi agli ottavi.

  • West Ham (Ing)
  • Brighton (Ing)
  • Glasgow Rangers (Sco)
  • Liverpool (Ing)
  • Villareal (Spa)
  • Bayer Leverkusen (Ger)
  • Slavia Praga (Cec)

Continua a leggere

Europa League

Le possibili avversarie dell’Atalanta in Europa League

Pubblicato

:

in foto Zappacosta, Djimsiti, Pasalic, Ruggeri, Kolasinac - Serie A - UEFA Europa League - Coppa Italia

LE POSSIBILI AVVERSARIE DELL’ATALANTA IN EUROPA LEAGUE – Alle ore 12 verranno sorteggiati gli ottavi di Europa League. Per l’Atalanta, dopo un girone passato al primo posto senza troppi problemi, è l’ora di ritornare in campo. I play-off della competizione sono infatti terminati, con i bergamaschi che hanno saltato quest’ultimi grazie al primato nel proprio girone. In particolare, sono state 4 le vittorie e 2 i pareggi nell’Europa League 2023/24 dei nerazzurri, di fatto ancora imbattuti in questa competizione, con, inoltre, 12 gol fatti e solo 4 subiti in 6 partite. Cammino di tutto rispetto, che adesso entra nel vivo. I bergamaschi saranno sorteggiati nell’urna assieme alle altre vincitrice dei rispettivi gironi, e coloro che hanno superato i play-off. Di seguito, vi riportiamo le possibili avversarie dell’Atalanta in Europa League.

LE POSSIBILI AVVERSARIE

Dopo i gironi, in cui l’Atalanta ha affrontato Sporting Lisbona, Sturm Graz e Rakow, tra le possibili avversarie vi è una recente conoscenza. Tra le papabili potrebbe infatti tornare lo Sporting Lisbona, affrontati durante il girone. Di seguito vi riportiamo tutte le possibili avversarie dei bergamaschi:

  • Qarabag (Aze)
  • Friburgo (Ger)
  • Benfica (Por)
  • Marsiglia (Fra)
  • Sporting Lisbona (Por)
  • Sparta Praga (Cec)

Continua a leggere

Europa League

Le possibili avversarie del Milan agli ottavi di Europa League

Pubblicato

:

Loftus-Cheek Milan-Rennes

POSSIBILI AVVERSARIE MILAN – Il Milan ha strappato la qualificazione per gli ottavi di finale di UEFA Europa League. In seguito al doppio confronto contro il Rennes, i rossoneri hanno ottenuto un risultato complessivo che ha permesso agli uomini di Pioli di battere i transalpini in occasione degli spareggi preliminari, grazie soprattutto alla messa in cassaforte del risultato in occasione del match d’andata. Il match di ritorno, disputatosi questa sera, si è trattato di una vera e propria formalità, in cui l’unico obbligo era correre meno rischi possibili in modo da non mettere in discussione il divario formatosi in precedenza.

Dunque, dopo la semi-fallimentare esperienza nel girone di Champions League, il Milan avrà l’opportunità di sognare la conquista dell’unico trofeo internazionale che manca nella bacheca rossonera. Si tratta di un grande paradosso, visto che, al contrario, i lombardi sono degli esperti sul tema trionfi in UCL.

LE POSSIBILI AVVERSARIE DEL MILAN AGLI OTTAVI DI EUROPA LEAGUE

Per il Milan saranno giorni d’attesa, in cui non sarà ancora possibile scoprire l’avversaria che li fronteggerà nella prossima fase della competizione. In attesa dei sorteggi, in programma domani, 23 febbraio, a Nyon, quel che vi è di certo è che il Diavolo affronterà una fra le compagini classificatesi in prima posizione nel proprio girone di EL. Fra le possibili avversarie, tuttavia, non saranno possibili accoppiamenti con l’Atalanta, a causa della regola che impedisce l’incrocio fra due formazioni appartenenti allo stesso campionato a questo punto del tabellone.

Pertanto, le palpabili squadre che potrebbero disputare il doppio confronto con i rossoneri sono: West HamBrightonGlasgow RangersLiverpoolVillarreal (prima classificata del girone del Rennes), Slavia Praga Bayern Leverkusen.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969