Connect with us
Le pagelle di Sampdoria-Napoli: Verre il migliore dei doriani, ma Osimhen è l'MVP

La nostra prima pagina

Le pagelle di Sampdoria-Napoli: Verre il migliore dei doriani, ma Osimhen è l’MVP

Pubblicato

:

Pagelle Sampdoria Napoli

In un Marassi rivestito ad hoc per omaggiare la scomparsa di Sinisa Mihajlovic e Gianluca Vialli, il Napoli vince e convince contro una Sampdoria mai in grado di tenere botta contro le avanzate degli uomini di Spalletti. Proprio per i partenopei è la prima vittoria nel 2023, dopo la sconfitta di San Siro contro l’Inter. L’uomo partita è indubbiamente Osimhen, che solo nel primo tempo ha indirizzato la sfida con due giocate individuali: il gol al 20′ e la cavalcata che è valsa l’espulsione di Rincon al 38′. Nella ripresa la Samp non ha modo di far paura alla porta di Meret, e quindi dopo un altro tempo giocato interamente nella propria metà campo, ecco il secondo gol del Napoli con Elmas, freddissimo dal dischetto, anche e soprattutto considerando l’errore di Politano a inizio partita.

Il Napoli torna così a vincere in campionato e mette pressione al Milan, impegnato stasera a San Siro contro la Roma. Per la Samp prima sconfitta del 2023, urge subito un cambio di rotta per non dimenticare quanto fatto di buono contro il Sassuolo solo tre giorni fa.

SAMPDORIA

Audero 6.5 Para un rigore a Politano e ne subisce un altro da Elmas. Nel mezzo il gol di Osimhen su cui comunque non ha particolari colpe. Prestazione quindi più che sufficiente in una marea di insufficienze per i blucerchiati.

Murillo 5.5 Non sta mai dietro ad un frizzante Kvaratskhelia, e l’ammonizione ricevuta a fine primo tempo proprio per un fallo sul georgiano fa optare Stankovic per il cambio (46′ Zanoli 6 Esordio con la Samp proprio contro la squadra per cui giocava fino a neanche una settimana fa. Contiene Kvara prima e Elmas poi, anche se i ritmi della partita nella ripresa sono visibilmente calati).

Nuytinck 5.5 Si perde Osimhen in occasione del primo gol azzurro e viene poi superato con estrema facilità sempre dal nigeriano nell’azione dell’espulsione di Rincon. Rimandato anche il centrale ex Udinese.

Murru 5.5 Cerca di dialogare molto con Augello, ma si vede che non si trova nella sua confort zone. Commette il fallo da rigore su Anguissa ed è costretto agli straordinari contro Politano sul centro-sinistra.

Leris 5 Nel primo tempo quasi non si vede se non per un paio di tocchi palla: è sempre costretto a raddoppiare Kvaratskhelia. Nella ripresa il canovaccio non cambia, lo ricordiamo prettamente per il brutto fallo da ammonizione su Mario Rui.

Rincon 5 Amministra il gioco forse troppo lentamente nelle azioni dei suoi, ma lascia il campo dopo neanche 40′ per fallo da ultimo uomo su un Osimhen involato verso Audero.

Vieira 5.5 Primo schermo difensivo, specialmente dopo l’espulsione di Rincon. Si nota quindi soprattutto in fase di interdizione, meno in regia. Suo però il tocco di mano che compromette definitivamente la partita della Samp, con il rigore poi trasformato da Elmas (83′ Paoletti sv).

Augello 6 Spinge molto più di Leris, e ha un paio di ghiotte chance per crossare verso l’area. O per sua imprecisione o per quella degli attaccanti la palla non arriva mai in porta.

Verre 6.5 Parte forte con il pressing sulle uscite dal basso del Napoli, ed è il faro anche nelle offensive blucerchiate. Cala leggermente d’intensità dopo l’espulsione di Rincon, ma è comunque il migliore dei suoi (54′ Villar 6 Non sono le sue  condizioni per fare una buona partita. Lo vediamo solo nel timido pressing contro Lobotka e compagni a centrocampo).

Lammers 6 Meglio di Gabbiadini, ma anche lui non è quasi mai pericoloso. Ha una grande chance dopo pochi minuti, ma chiude troppo il piattone, dopo un bell’assist di Augello. Per il resto è vittima di Kim prima e Rrahmani poi (83′ Montevago sv).

Gabbiadini 5.5 Si batte molto per la causa, muovendosi tra le linee difensive del Napoli, ma è impreciso nell’ultimo passaggio o nelle conclusioni, debolissime, verso la porta (46′ Djuricic 6 Non riesce ad accendersi come Stankovic sperava: smista un paio di palloni, ma poi niente di più).

NAPOLI

Meret 6.5 Una grande parata sull’improvviso lampo di Verre nella prima frazione, poi per il resto è spettatore non pagante, se non per le azioni dei suoi che partono dal basso.

Di Lorenzo 6.5 Inizio leggermente in sordina, dove perde una palla sanguinosa a causa del pressing avversario. Poi sale in cattedra e brucia la fascia destra nei restanti minuti di gioco.

Kim 6.5 Annulla Lammers che orbita nella sua zona di competenza. Perfetto in ogni intervento difensivo, rapido e preciso nel giro palla del suo Napoli (46′ Rrahmani 6 Non ha grossi compiti difensivi, visto che il Napoli domina nella metà campo avversaria da quando lui è in campo).

Juan Jesus 6 Meno preciso di Kim nella marcatura su Gabbiadini (viene infatti anche ammonito), ma evita il peggio con una prestazione comunque sufficiente.

Maio Rui 7 Come di consueto è il primo regista difensivo dei suoi. Bello il cross per il piattone destro di Osimhen, che ha aperto le danze della sfida.

Anguissa 6.5 Subisce dopo neanche 5′ il fallo di Murru che vale il rigore poi sbagliato da Politano. Poi è perfetto nel fraseggio a centrocampo e negli inserimenti senza palla (66′ Ndombele 6 Entra spigliato in partita, inserendosi senza paura nell’area avversaria. Bene nei tocchi rapidi di palla per smarcare i compagni).

Lobotka 6.5 Solito faro delle trame di gioco del Napoli. Tocca tanti palloni e li smista nel modo giusto. Non rinuncia alle azioni offensive, e prova a farsi giustizia da solo in almeno due occasioni, tuttavia senza impensierire Audero.

Elmas 7.5 Prestazione di rilievo del macedone, bravo sia come mezz’ala sia come ala sinistra nello scardinare le trame dei doriani. Mezzo voto in più per aver siglato il pesante rigore che ha poi definitivamente indirizzato la partita (87′ Raspadori sv).

Politano 6.5 Comincia come peggio non si può la sfida sbagliando il rigore, ma poi sale in cattedra e fa quello che vuole sulla destra, mettendo Murru e compagni in estrema difficoltà (63′ Lozano Entra quando la partita è ancora aperta, ma complici i ritmi bassi della ripresa non ha modo di accendersi).

Osimhen 8 Solo nel primo tempo sigla il gol del vantaggio su bell’assist di Mario Rui, ed è il responsabile dell’espulsione di Rincon, dopo una sua sgaloppata. Nella ripresa si nota meno, ma è onnipresente in area, dove i difensori avversari sono sempre costretti al raddoppio.

Kvaratskhelia 6.5 Segnali migliori rispetto al match con l’Inter. Sgasa sulla fascia sinistra e punta con estrema facilità Murillo. Ha una buona chance solo contro il portiere ma non è abbastanza lucido per trovare il gol (63′ Zielinski 6.5 Si inserisce bene tra le linee degli avversari e tocca tanti palloni, nonostante il poco spazio a disposizione: ingresso positivo per il polacco).

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

L’Inter ha deciso: Skriniar torna nel derby ma senza fascia di capitano

Pubblicato

:

Inter

Il calciomercato si è concluso e Milan Skriniar è rimasto all’Inter, il suo trasferimento al Paris Saint-Germain è rimandato in estate. Adesso, però, i nerazzurri devono affrontare la parte più difficile di questa separazione: far convivere lo slovacco con l’ambiente in questi ultimi mesi a Milano. I tifosi, infatti, non hanno preso bene la scelta del calciatore di non rinnovare il contratto con il club e non hanno perso tempo nel manifestare la propria rabbia e delusione.

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, Skriniar non sarà più il capitano dell’Inter su scelta della dirigenza, ma il difensore tornerà comunque tra i convocati in vista del derby di domenica contro il Milan.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Kjaer suona la carica in vista del derby: le dichiarazioni social

Pubblicato

:

Kjaer

Aria di derby nell’ambiente milanese, con il confronto tra Inter Milan che andrà in scena domenica sera. In casa Milan la situazione non è delle migliori, considerando sia lo stato di forma pessimo dei rossoneri che le condizioni fisiche di alcuni giocatori. Tra questi figura Fikayo Tomori, la cui assenza sembra sempre più certa. Tuttavia, è pronto a sostituirlo l’esperto centrale danese Simon Kjaer, che con ogni probabilità affiancherà Kalulu al centro della retroguardia dei Diavoli. Il 33enne ci ha tenuto a motivare i suoi da vero leader, pubblicando un messaggio social di grande grinta: “Duro lavoro, concentrazione, preparazione”.

Big match della 21esima giornata di Serie A che si avvicina sempre di più, pronto a regalarci spettacolo e divertimento come in ogni occasione.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Il DS dell’Empoli: “C’è ancora tanta strada da fare”

Pubblicato

:

Empoli

Chiarimenti importanti in casa Empoli per spiegare le strategie di mercato attuate durante la finestra invernale appena terminata. A sciogliere ogni riserva ci ha pensato il direttore sportivo Pietro Accardi, il quale ha rilasciato dichiarazioni ufficiali nel corso della conferenza stampa. Non sono mancati riferimenti ai colpi in uscita, come Bajrami, oltre che a quelli in entrata, su tutti il ritorno di Caputo.

SULL’ACQUISTO DI PICCOLI – “C’è molta soddisfazione, era un calciatore che noi avevamo cercato due anni fa e che poi non eravamo riusciti a prendere. La soddisfazione è doppia perché ho visto un ragazzo motivato e contento di venire qui, ha spinto molto per venire all’Empoli”.

SULLE STRATEGIE ATTUATE – “Stiamo ragionando sulla stagione attuale, c’è ancora tanta strada da fare e abbiamo cercato di mettere dentro giocatori funzionali per quello che è il calcio del nostro allenatore. Quindi abbiamo ragionato prettamente su questa stagione”.

SU BAJRAMI – “La sua cessione nasce appunto da un’opportunità delle ultime ore, abbiamo deciso di accontentare il giocatore perché dopo lo scorso campionato sicuramente le sue aspettative erano diverse. Questa estate non c’è stata per lui la possibilità di andare da un’altra parte, abbiamo quindi ritenuto opportuno che questa fosse la giusta chiusura per un ragazzo che ha dato tanto”.

SULL’IMPATTO DI CAPUTO- “Quando abbiamo perso Destro per infortunio, abbiamo ritenuto opportuno inserire un giocatore esperto e abbiamo subito pensato a lui. Quindi sì, mi aspettavo questo impatto. Lammers? Lo reputo un attaccante straordinario, ma non si è integrato con l’ambiente e abbiamo deciso questo scambio dal quale riteniamo di aver tratto vantaggio”.

 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Ziyech può ancora partire: il Chelsea lo offre al Besiktas

Pubblicato

:

Ziyech

Hakim Ziyech potrebbe ancora lasciare il Chelsea nonostante la chiusura del calciomercato. I Blues, dopo il mancato trasferimento al Paris Saint-Germain, sono alla ricerca di una nuova sistemazione per il marocchino, sempre più in basso nelle gerarchie di Potter dopo i nuovi acquisti offensivi.

Secondo quanto riportato da Fanatik, il club inglese avrebbe offerto il calciatore al Besiktas, ma i turchi avrebbero chiesto del tempo per approfondire la fattibilità dell’operazione sul piano economico.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969