Connect with us

Generico

Paolo Rossi, il Diez+Diez che fece piangere il Brasile

Pubblicato

:

PAOLO “PABLITO” ROSSI, IL DIEZ+DIEZ CHE FECE PIANGERE IL BRASILE

Continua la maledizione dell’anno 2020, “annus horribilis” per lo sport, che ha visto andarsene da questa Terra  atleti  del calibro di Kobe Bryant e Diego Armando Maradona. Ieri ci ha lasciato uno degli sportivi più amati in Italia: Paolo Rossi, all’ età di 64 anni stroncato da un male incurabile. Un idolo per molte generazioni d’italiani e non solo. Ci portò sul tetto del mondo contro tutti i pronostici sfavorevoli in quell’estate del 1982 segnando 6 reti, divenendo così il capocannoniere di quel Mondiale e vincitore del Pallone d’oro. Una carriera tra alti e bassi, con la piaga della squalifica per calcio scommesse di due anni e le ginocchia fragili. La dote di “Pablito” fu quella di reagire sempre alle avversità della sua carriera. L’umiltà e la voglia di rivincita lo hanno sempre contraddistinto.

 

“Può colpirti la sfortuna, sconvolgerti l’ingiustizia. Ma tu non mollare mai. Forza e coraggio, che i sogni a volte si avverano”.

                                                                                                                                  Paolo Rossi

(Fonte: ultimouomo.com)

 

DALLA PROVINCIA AL MONDIALE

Paolo Rossi nasce a Prato il 23 settembre 1956, in un’Italia che si stava dirigendo verso gli anni del “boom economico”, i ’60. Tra i propulsori di quella ripresa ci fu Giovanni Agnelli presidente FIAT e della Juventus, personaggio fondamentale per la rinascita di “Pablito”.

Muove i primi passi da calciatore nella squadra locale del Santa Lucia, frazione di Prato per poi passare alla Cattolica Virtus, a Firenze,  all’età di 12 anni

Nel 1972 arrivò la chiamata del “calcio che conta”, venne selezionato dalla Juventus, allenata da Carlo Parola, uomo immagine copertina degli Album Calciatori Panini per la sua rovesciata. In quella Juventus conobbe giocatori, che divennero poi suoi compagni nella cavalcata del Mundial ’82. Rossi ancora giovanissimo non trovò spazio e venne mandato in prestito al Como nella quale totalizzò soltanto 6 presenze e la retrocessione del club sulle rive del “Lario”. Non fu riscattato. La stagione successiva venne preso in considerazione dalla Lanerossi Vicenza, militante in Serie B. La sua rampa di lancio. Con i vicentini vinse il premio di Capocannoniere del campionato e la promozione in Serie A, garantendosi così anche un posto da titolare la stagione successiva, nella squadra veneta nella massima serie. Anno 77′-78′ il Vicenza trascinato da Paolo Rossi terminò il proprio campionato al secondo posto dietro la Juventus, “Pablito” totalizzò 24 reti. Nell’estate arrivò anche la chiamata da parte di una persona molto importante per l’attaccante toscano: Enzo Bearzot, che lo convocò per il Mondiale 1978 in Argentina. Segnò tre gol e fu inserito nella top11 del Mondiale. L’anno successivo Rossi, fu acquistato dal Vicenza a titolo definitivo con un’ operazione a busta chiusa tra le due contendenti: Juventus e Vicenza. Fu acquistato per cifre monstre, non si rivelò una mossa azzecata perchè Rossi subì un infortunio al ginocchio e la Lanerossi retrocesse.

 

“Mi vergogno, ma non potevo fare a meno: per vent’anni il Vicenza ha vissuto degli avanzi. E poi lo sport è come l’ arte, e Paolo è la Gioconda del nostro calcio”                                                                                                                                           

Giuseppe Farina, presidente Lanerossi Vicenza

Paolo Rossi alla Lanerossi Vicenza (Fonte: Wikipedia)

 

L’anno successivo si trasferì a Perugia, dove totalizzò 13 reti. Anno che si concluse con lo scandalo calcio scommesse che mise a rischio la carriera di Rossi. Venne squalificato per due anni a causa di combine nella partita tra Perugia-Avellino 2-2, dove segnò una doppietta. Questa situazione destabilizzò molto l’attaccante, tentato dall’ipotesi di lasciare l’Italia o addirittura il calcio giocato.

 

 “Ho anche pensato di lasciare l’Italia e smettere di giocare. Mi ha salvato la consapevolezza di essere innocente”

                                                                                                                                                                                                                                                               Paolo Rossi

(Fonte: Bluenote)

Rivide la luce  grazie alla Juventus in particolare a Giampiero Boniperti e all’avvocato Giovanni Agnelli, che decise di acquistare nel 1981 e intraprendere un percorso di recupero con Rossi fino a portarlo al termine della squalifica nell’ aprile 1982, dove giocò le ultime tre partite di campionato. Inaspettatamente venne convocato dal CT Bearzot per il Mondiale di Spagna 1982:  il resto è storia.

La stagione 1983-84  non fu facile per “Pablito” e la Juventus con alla guida Giovanni Trapattoni, con lo scudetto perso e la Finale di Coppa dei Campioni persa ad Atene contro l’ Amburgo del “tiranno” Ernst Happel. Fu l’inizio della fine. “Pablito”, a causa degli infortuni, non riuscì a trovare più la determinazione di un tempo. L’anno  successivo decise di lasciare il club bianconero al termine della stagione, nonostante la vittoria dello scudetto e della Coppa dei Campioni nella tragica notte dell’Heysel del 1985.

Si susseguirono due anni non degni di nota causa infortuni nel Milan e nel Verona; fu convocato nel Mondiale 1986 in Messico da Bearzot, ma non disputò nessuna partita. Appese gli scarpini al chiodo nella stagione 1986/87 a soli 30 anni.

Paolo Rossi e Giampiero Boniperti  (Fonte: aicfoto.com)

 

“PABLITO” MUNDIAL

Quell’ Italia ci piacerebbe definirla come: Davide che sconfigge Golia. Partita con tutti gli sfavori del pronostico, girone passato per il rotto della cuffia con tre pareggi  contro Polonia, Camerun e Perù. Il fatto più sorprendete è come quell’ Italia abbia affrontato quel Mondiale e squadre del calibro dell’ Argentina di Maradona, il Brasile di Falcao, Socrates, Zico e la temutissima  Germania Ovest in finale.

Tutto ciò si realizzo grazie alla caparbietà del numero 20 di quel Mondiale: Paolo Rossi. Autore di 6 reti. Emblematica la tripletta contro il “favorito” Brasile, con l’immagine  simbolo  dell’allora presidente Sandro Pertini che esultando gridò : “Non ci prendono più” alla realizzazione del gol del 3-2 che consentì all’Italia di andare in Semifinale contro la Polonia. Storica  la schermata apparsa  nello stadio di Sarrià con scritto : El hombre del partido es: Paolo Rossi (Italia).  Segnò anche in  finale seguito dall’urlo di Tardelli e la rete dello “spillo” Altobelli.  Vinse il Pallone d’Oro e gli fu attribuito il soprannome di “Pablito Mundial”.

“Io arrabbiato per i tre gol? No, tu hai reso grande il calcio”

Pelè

(Fonte: tfnews.it)

Immagine di copertina dal profilo Instagram @azzurri

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Spagna-Germania, le parole di Luis Enrique: “Sarà sfida alla pari, Gavi può segnare una nuova epoca”

Pubblicato

:

Dove vedere Spagna-Costa Rica

Alla vigilia del big match tra la Spagna e la Germania, partita valevole per la seconda giornata della fase a gironi della Coppa del Mondo di Qatar2022, il ct iberico Luis Enrique è intervenuto in conferenza stampa. L’ex allenatore di Barcellona e Roma tra i vari argomenti ha analizzato gli avversari e ha paragonato il gioco tedesco molto simile a quello delle furie rosse, ecco le sue parole: “La Germania è la squadra che assomiglia più alla Spagna, gioca sempre in attacco cercando di mettere pressione nella metà campo avversaria e avere sempre la palla. La Germania è una squadra che sa competere, ha una storia vincente e alcuni fra i migliori giocatori al mondo, ma noi siamo convinti di poter vincere, ma non dobbiamo essere troppo sicuri di noi altrimenti la fiducia può dare alla testa“.

LUIS ENRIQUE SU GAVI

Il tecnico spagnolo ha poi elogiato una delle sorprese di questo Mondiale Gavi: “La cosa più sorprendente è che qualcuno a 18 anni e 100 giorni abbia quella fiducia in s stesso, abbia l’intelligenza per posizionarsi in campo e dominare gli aspetti tecnici del calcio. Bisogna andarci piano coi giudizi, ma può segnare un’epoca”.

 

Sulla formazione che intende schierare contro la Germania: “Di solito non ripeto lo stesso undici e al momento non ho ancora fatto le mie scelte, le farò domani mattina. I cambiamenti sono fondamentali e io ragiono non sugli undici titolari, ma sui 16 che giocheranno“.

Continua a leggere

Generico

L’agente di Bayeye apre al mercato: “Al Torino non gioca, andrà via a gennaio”, poi il retroscena su Juric

Pubblicato

:

Bayeye

Tra i primi acquisti della campagna estiva, Brian Bayeye dopo le amichevoli del pre-campionato, non ha più giocato con il Torino: solo una presenza in partite ufficiali, contro il Palermo in Coppa Italia, quando è subentrato a Singo, al 37′ del secondo tempo.

A riguardo, il suo agente Vincenzo Pisacane, a TorinoGranata.it, ha parlato della situazione del suo assistito: “Il problema è alla base perché in realtà Bayeye doveva andare in prestito già quest’anno: questa era l’idea con il Torino. Avevamo Reggina, Palermo, Modena e Ternana che lo volevano, poi però purtroppo Juric gli ha detto “non andare via che mi servi qui, resta con noi e non ti preoccupare che troverai il tuo spazio”. Invece gli ha fatto perdere sei mesi. Juric dice che il giocatore non ha perso sei mesi perché Brian ha imparato molto. Ma io penso che un giovane come lui debba sempre giocare e che sia meglio andare in una categoria inferiore e giocare sempre piuttosto che stare in Serie A e non giocare mai. Quindi sicuramente Bayeye andrà in prestito da qualche parte a gennaio“.

Sulla possibile nuova destinazione, Pisacane non si è sbilanciato: “Ci sono un po’ di squadre che l’hanno visto, però il mercato è a gennaio e siamo a novembre, quindi aspettiamo un attimo e vediamo“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Haller, un passo in più verso la guarigione

Pubblicato

:

Haller

Il mondo del calcio si stringe attorno a Sebastian Haller, attaccante del Borussia Dortmund. Il giocatore francese naturalizzato ivoriano è, ormai da diversi anni, alle prese con un tumore ai testicoli e ha completato nella giornata di oggi la seconda operazione chirurgica. A rendere pubblico l’esito positivo dell’intervento è lo stesso calciatore attraverso il suo profilo Instagram.

IL MESSAGGIO

Haller, attraverso un breve messaggio pubblicato sotto ad una foto che lo ritrae sorridente sul suo letto d’ospedale, ha voluto rassicurare così i suoi tifosi e seguaci: “Completata una nuova tappa. L’operazione numero 2 è andata a buon fine! Un grande grazie al team medico per l’aiuto quotidiano, non vedo l’ora di passare allo step successivo”

Dopo un lungo calvario iniziato nell’estate dello scorso anno, Sebastian Haller sembra finalmente essere sulla strada della riabilitazione. 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Due anni dalla scomparsa di Diego: il ricordo di Infantino

Pubblicato

:

Fifa, Maradona sospeso dal videogioco

Due anni fa veniva a mancare il talento più grande e cristallino che il mondo del calcio abbia mai visto. La controversa figura di Diego Armando Maradona, in un modo o nell’altro, ha conciliato tifosi e appassionati di tutto il mondo,  elevandosi a tal punto da diventare una vera e propria leggenda di questa disciplina. In occasione del secondo anniversario della morte del Pibe de Oro si è allora espresso Gianni Infantino, presidente della FIFA.

IL RICORDO DI INFANTINO

L’ho sempre detto, lo ribadisco anche ora che sono più convinto che mai: ciò che Diego ha fatto per il calcio, facendoci innamorare di questo bellissimo gioco, è unico. Maradona è immenso e merita la nostra eterna gratitudine per averci stupito con il suo incredibile talento e sì, anche per essere stato così unico a modo suo: per essere stato una leggenda, un eroe, un uomo. Per essere stato Maradona. La tua figura è in primo piano in tutte le favole del calcio, riposta in pace Diego”. 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969