Connect with us

Generico

Il paradosso di Marcus Rashford

Pubblicato

:

Nato e cresciuto nelle giovanili del Manchester United, Marcus Rashford si può definire, senza troppi giri di parole, uno dei talenti più promettenti del panorama calcistico europeo. In pochi anni ha dimostrato tanto agli addetti ai lavori: fiuto del gol, ottima accelerazione e buon gioco aereo. Un classico attaccante moderno. Fu Van Gaal che lo fece esordire con la maglia dei Red Devils nel febbraio del 2016, in Europa League. Marcus ripagò la sua fiducia siglando una doppietta. A soli 20 anni, Rashford ha già totalizzato 130 presenze con la casacca dello United, siglando 33 reti. Un giocatore di sicuro affidamento quindi, che quando viene chiamato in causa dal mister risponde sempre con prestazioni eccelse. Sembrerebbe tutto perfetto, ma i problemi, per la giovane punta inglese, non mancano. Sono difatti risaputi gli screzi avuti negli ultimi tempi con il suo attuale allenatore, José Mourinho, che tende ad utilizzarlo con il contagocce, preferendogli nella maggior parte dei casi l’attaccante belga Romelu Lukaku.

RAPPORTO CON MOURINHO

Risultati immagini per rashford e mourinho

Non so cosa sia successo, direi che è stato ingenuo, era un bambino contro un uomo molto esperto, Bardsley gioca da 20 anni e Marcus è un ragazzo ingenuo

Queste le parole dell’allenatore portoghese a seguito dell’espulsione di Marcus nella partita, vinta per 2-0 dallo United, contro il Burnley. Parole dure che vanno ad unirsi ad un contesto già difficile da sé. Rashford gioca gran poco con la casacca del Manchester, 5 quest’anno le presenze in Premier League per lui, di cui solo 2 da titolare. Cambiando spesso modulo, Mourinho fa ruotare molti giocatori nella zona offensiva. Sanchez, Mata, Martial, Lingard e lo stesso Rashford. Solo Lukaku è sicuro della titolarità. Cambiando spesso uomini si crea una rivalità interna che può fare solo che bene, spingendo i vari atleti a dare il massimo. Ma si potrebbero creare delle dinamiche tali che un giocatore si ritroverebbe scontento del proprio ruolo in squadra, volendo magari un posto da titolare indiscusso. Spesso lo Special One ha giocato con un 3-5-2 che vedeva come terminali offensivi Martial e Lukaku. Rashford, ad oggi, è più decisivo di Martial ed agendo accanto ad una punta statica, potrebbe creare dei movimenti che favorirebbero solo il gioco offensivo dello United.

Lukaku inoltre non sempre è impeccabile. Quasi ogni giornata, prima di realizzare una rete, ne sbaglia almeno due, peccando un po’ nella finalizzazione. Ecco perché mettere in discussione anche lui non sarebbe un’idea tanto negativa. Sentendosi messo sotto pressione, l’attaccante nato ad Anversa potrebbe sensibilmente alzare il target delle sue prestazioni.

MOMENTO CON L’INGHILTERRA

Risultati immagini per RASHFORD UK

Rashford, in questo periodo, pur non giocando eccessivamente con il club, sta brillando con la casacca della sua Nazionale. Nelle ultime 4 partite difatti ha siglato 3 reti contro avversari di una certa rilevanza tecnica quali Svizzera e Spagna. Inoltre è un perno centrale della propria compagine. Titolare inamovibile, Gareth Southgate sembra quasi non volersi mai privare di lui. Il suo Mondiale non è stato di certo eccelso: sono state tante le prestazioni opache che non gli hanno permesso di sopraelevarsi agli altri. Dal Mondiale in poi, però, l’allenatore inglese gli ha trovato la giusta collocazione in campo, vale a dire l’ala sinistra, e Rashford lo sta ripagando a suon di gol. Nell’ultimo match disputato dagli inglesi, contro la Spagna, vinto con il risultato di 3-2, Rashford ha realizzato un gol e fornito un assist a Raheem Sterling, evidenziando quindi quanto sia dentro il gioco della formazione britannica.

Animated GIF

Tutto ciò si può definire un grande paradosso. Come può un calciatore che gioca poco nel proprio club, brillare in nazionale? Di sicuro il maggior carico di colpe sono da affibbiare a Mourinho. Non si può avere a disposizione un gioiello del genere e rilegarlo in panchina. Oltre a danneggiare la tua squadra, fai un torto ai tifosi, che vorrebbero un minutaggio maggiore per il ragazzo. A maggior ragione che in questo periodo lo United non sta di certo brillando in campionato. Su 8 partite disputate, solo 4 le vittorie, poi 3 sconfitte ed un pareggio. Sconfitte accorse non contro corazzate, eccezion fatta per il Tottenham. Brighton, West Ham e Wolverhampton sono club che un team come il Manchester dovrebbe battere agevolmente.

COSA FARE?

Risultati immagini per RASHFORD CALCIOMERCATO

Marcus è molto legato alla città. Manchester è la città che gli ha regalato i suoi natali, sia calcistici che personali. Il rapporto con i tifosi è quasi viscerale. Rashford rappresenta il classico profilo uscito dall’accademy, riuscito a farsi un nome anche tra i professionisti ma, in questo momento, si trova davanti un punto di svolta. Scegliere di restare, magari a seguito di un’esonero dell’allenatore portoghese o cambiare casacca in cerca di nuovi stimoli? Per il ragazzo si parla di un forte interessamento da parte di Paratici, che lo vorrebbe portare già nella prossima finestra di mercato a Torino. Anche il Real Madrid lo scorso anno aveva sondato il terreno. Quest’estate lo United aveva rifiutato offerte di prestito da parte di Everton, Leicester e Newcastle. Le pretendenti non mancano. Deve decidere Rashford se cercare di esplodere in una squadra dal livello inferiore che gli garantirebbe un minutaggio più basso o se andare a giocarsi il posto in qualche altra grande piazza europea. La scelta più sensata sarebbe probabilmente la prima. Rashford si trova già in una grande piazza ed il suo estro non riesce a spiccare il volo. Perché non provare a fare come aveva fatto a suo tempo Lukaku, suo attuale compagno di squadra? Resosi conto del fatto che al Chelsea non c’era spazio per lui, è andato all’Everton dove ha iniziato a segnare con una certa continuità e ancora non ha terminato. Attuare un percorso del genere non aiuterebbe solo una maturazione calcistica di Markus, ma, soprattutto, una sua maturazione personale.

Delle volte è forse meglio eccedere in umiltà che peccare di arroganza

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Generico

Le partite del giorno – Mercoledì 7 dicembre 2022

Pubblicato

:

Il calcio, si sa, non si ferma mai: ogni giorno, da ogni angolo del pianeta, giocatori di tutto il mondo sono pronti, con le proprie giocate sul rettangolo verde, a regalare emozioni ai tifosi. Numero Diez vi presenta quindi le principali gare che ci attendono nella giornata di oggi.

ITALIA – SERIE B

Ore 20:30 Ternana-Cagliari (Sky/DAZN)

AMICHEVOLI INTERNAZIONALI

Ore 18:00 Fiorentina-Always Ready (DAZN)

Ore 18:00 Inter-Salisburgo (pagina FB Inter)

Ore 18:45 Antalyaspor-Napoli (Sky)

 

Continua a leggere

Flash News

Spalletti: “Per noi sarà un vantaggio lavorare durante la sosta”

Pubblicato

:

Napoli

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli durante un’intervista rilasciata alla stampa turca dal ritiro di Antalya, ha parlato della sosta che sta coinvolgendo anche il campionato di Serie A: “In momenti come questi, squadre come la nostra hanno l’opportunità di lavorare in modo più dettagliato. Non puoi andare sempre forte per tutto il tempo. La pausa offrirà l’opportunità di lavorare sui dettagli. Siamo molto contenti della forma che abbiamo raggiunto. Sarà un grande vantaggio per una squadra come la nostra poter lavorare e mantenere le nostre prestazioni in questo periodo. Abbiamo iniziato molto bene la stagione. è stato un vantaggio aver iniziato bene, abbiamo in squadra calciatori giovani molto forti. Abbiamo grande qualità ma abbiamo anche dei punti deboli.

Quindi mi congratulo con i miei giocatori per l’ottimo inizio. Faremo del nostro meglio per continuare così“.

Continua a leggere

Flash News

Immobile sulla sua Lazio: “Finchè starò bene e riuscirò a dare il massimo resto qui”

Pubblicato

:

Lazio

In occasione del lancio di una criptovaluta Immobile ha rilasciato un’intervista abbastanza corposa dove ha trattato diversi argomenti. Queste le sue parole riportate da LaLazioSiamoNoi, partendo dai tifosi: “Io credo che sia la cosa più importante. Da quando ho iniziato a fare questo sport ho sempre creduto nei suoi valori, la passione. Poi è diventata la mia professione, quando incontro i tifosi che mi fanno i complimenti per il Ciro “uomo” mi riempie di gioia. Qua alla Lazio l’affetto dei tifosi mi spinge sempre a fare meglio, io e la mia famiglia ci sentiamo a casa, siamo di adozione romani ma il 50% del mio sangue resta sempre napoletano”.

Poi una parentesi sul Napoli: “In questo momento ha un grande vantaggio in fatto di punti, questo stop sarà condizionante per tutte le squadre, se loro riusciranno a mantenere questo ritmo dopo la pausa faranno grandi cose. Questo è un campionato atipico, stiamo lottando con grandi squadre che ci danno filo da torcere”.

Ciro Immobile ha continuato parlando anche dell’esperienza a Pescara: “L’Immobile di Pescara era un ragazzo single in una squadra di ragazzi che volevano emergere, seguendo le direttive del mister siamo riusciti ad arrivare davanti a squadre molto attrezzate“.

Il capitano biancoceleste ha concluso con un commento su Claudio Lotito: “Ho un rapporto molto buono con lui, mi ha sempre aiutato per qualsiasi cosa. Ora ho un contratto di altri tre anni, finché starò bene e riuscirò a dare il massimo per questa maglia starò qui se poi dovesse finire ne parleremo. Adesso mi sto focalizzando su quello che sto facendo in campo, ma anche su quello che posso dare alla società dopo quando smetterò di giocare”.

Continua a leggere

Calciomercato

Idea Soyuncu per l’Inter se un difensore nerazzurro dovesse lasciare: i dettagli

Pubblicato

:

Inter Marotta

L’approdo di Caglar Soyuncu all’Inter ruota attorno alla situazione di Milan Skriniar e della difesa nerazzurra in generale.

Se uno tra Acerbi e De Vrij dovesse lasciare i nerazzurri, allora la società sarebbe obbligata a intervenire sul mercato.

Soyuncu, attualmente in forza al Leicester, potrebbe essere una valida alternativa anche perchè il turco arriverebbe a parametro zero.

La sua stagione al Leicester non è mai iniziata, al momento si registra una sola presenza. Se da questo momento a fine stagione dovesse collezionare ancora così poche presenze, potrebbe essere un rinforzo non indifferente per la squadra di Simone Inzaghi, che non potrà fare a meno di operare in difesa nel mercato estivo viste le difficoltà a trattenere l’intero pacchetto arretrato oggi in rosa.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969