Connect with us
Da Pellegrini a Guendouzi: chi tenere d'occhio durante la pausa Nazionali

Calcio Internazionale

Da Pellegrini a Guendouzi: chi tenere d’occhio durante la pausa Nazionali

Pubblicato

:

L’estate di calciomercato è appena volata via. Ora, finalmente, si ritorna al calcio vero, quello giocato. La Serie A e i maggiori campionati del mondo vanno momentaneamente in pausa e come di consueto i primi dieci giorni del mese di settembre saranno interamente dedicati alle Nazionali, che tornano protagoniste dopo la Nations League di giugno e la Copa América di luglio. Allora è giusto dare spazio a chi è stato sorprendentemente convocato in nazionale e dunque chi merita di essere tenuto sotto osservazione durante la pausa Nazionali.

LUCA PELLEGRINI

Tra i 26 convocati dal c.t. Roberto Mancini la grande sorpresa è la presenza di Luca Pellegrini. In vista della doppia trasferta contro Armenia e Finlandia – le più vicine inseguitrici dell’Italia nel girone – potrebbe, dunque, fare il suo esordio in maglia azzurra il giovane terzino sinistro di proprietà della Juventus ma in prestito al Cagliari. Già lo scorso aprile il c.t. Mancini lo aveva chiamato in occasione di uno stage; a cinque mesi di distanza Luca Pellegrini si ritrova a far parte del gruppo che proverà a staccare il pass per l’Europeo itinerante del prossimo anno. Una convocazione, quella ottenuta dal terzino ex Roma, assolutamente meritata. In estate il classe ’99 è stato assoluto trascinatore della Nazionale Under 20 nei Mondiali di categoria e la chiamata in Nazionale maggiore non è altro che il giusto risultato di un percorso di crescita verticale.

Luca Pellegrini è, in effetti, uno dei pochissimi terzini sinistri naturali di cui l’Italia dispone. La carenza nel ruolo è sempre stato un grosso limite per gli azzurri, costretti a volte ad adattare diversi giocatori: prima Chiellini, poi Darmian e ultimamente Spinazzola. Pellegrini, invece, è un terzino sinistro vero e proprio: mancino, ottima conduzione di palla, dotato di una buona tecnica di base e di un eccezionale sprint in accelerazione. Tutte caratteristiche che ne fanno uno dei giocatori più interessanti dell’intero campionato italiano. Non a caso su di lui ci ha puntato – perlomeno economicamente – molto la Juventus, che lo ha poi girato in prestito al Cagliari. In Sardegna, dove ha giocato in maniera ottimale sei mesi durante la scorsa stagione, può trovare la sua dimensione ideale ed è quello che si augura ovviamente anche Roberto Mancini, intento a lanciare l’ennesimo giovane della sua gestione.

MATTÉO GUENDOUZI

Didier Deschamps per gli impegni piuttosto agevoli contro Albania e Andorra ha dovuto rinunciare a diversi giocatori, tra cui Paul Pogba. Al suo posto l’ex tecnico della Juventus ha deciso di convocare per la prima volta Mattéo Guendouzi, un giocatore speciale come pochi. Non notare Guendouzi in campo è praticamente impossibile. Innanzitutto perché la sua chioma è molto simile a quella del suo nuovo compagno di squadra David Luiz. Poi perché in campo è un calciatore maestoso, superbo, elegante. Un mix che a soli vent’anni può renderlo uno dei giocatori più interessanti del panorama mondiale.

(Fonte: profilo Twitter Arsenal)

Chi non ha visto le partite dell’Arsenal probabilmente non sa neanche di chi stiamo parlando. Mattéo Guendouzi, da almeno un anno a questa parte, è sostanzialmente il giocatore sul quale si basa tutto l’equilibrio dello spumeggiante calcio di Unai Emery. Arrivato la scorsa estate dalla Ligue 2 francese per 7 milioni di sterline, oggi il suo valore è quintuplicato e tra l’indifferenza generale si è imposto perno del centrocampo dei Gunners, tra Xhaka e Torreira. Guendouzi è speciale, dicevamo, perché è una forza della natura un po’ in tutto: personalità da vendere, dinamismo, coperture preventive ma anche una capacità nel leggere l’azione unica al mondo. Il giovane classe ’99, cresciuto a Poissy nella periferia di Parigi, si è col tempo trasformato in un centrocampista tuttofare. Alla corsa e all’interdizione, da sempre sue peculiarità, nel tempo ha saputo affinare le qualità in fase di palleggio e di costruzione, nelle quali ha fatto intravedere doti nettamente superiori a giocatori di comunque alto livello come i sopracitati Xhaka o Torreira, che a turno, soprattutto lo scorso anno, si sono spesso seduti in panchina. Mattéo Guendouzi è un giocatore speciale e basta vedere l’assist che ha fornito ad Aubameyang in occasione del North London Derby di sabato per rendersi conto delle potenzialità di un calciatore che dalle parti dell’Emirates amano già all’infinito. È stato votato migliore in campo e dubbi non ce n’erano. Ce ne sono pochi anche sul fatto che la Francia campione del Mondo, almeno in mezzo al campo, può stare ancora tranquilla.

UNAI NÚÑEZ

Unai Núñez è l’unica vera novità all’interno della lista di convocati da Robert Moreno per la Nazionale spagnola. È un difensore centrale classe ’97, reduce dall’ottimo Europeo Under 21 ma anche da una stagione così così. Sì, perché in realtà Núñez non è stato affatto titolare nell’Athletic Bilbao durante la scorsa stagione. L’argentino Berizzo gli ha, infatti, spesso preferito Yeray Alvarez e Iñigo Martinez, relegando il giovane Núñez al ruolo di riserva. Eppure la stagione precedente era stata quella dell’esplosione: 33 presenze e un gol. Quest’anno, tuttavia, complici i diversi problemi fisici accorsi ai titolari, Núñez è partito avanti, cogliendo l’opportunità al volo e guadagnandosi una tanto inaspettata quanto meritata convocazione in Nazionale.

(Fonte: profilo Twitter Unai Nunez)

In Spagna lo considerano il naturale erede di Piqué, mica poco. Dotato di una stazza fisica di prim’ordine, ottimo in fase di costruzione, scorbutico e difficile da affrontare nell’uno contro uno, deve però migliorare la tenuta atletica e il posizionamento nella linea difensiva. Tutti aspetti che il giovane galiziano è deciso a limare con Gaizka Garitano in panchina, allenatore che lo conosce da tempo e che gli ha fin da subito mostrato quella fiducia venuta a mancare in precedenza. A 22 anni Núñez rimane uno dei prospetti più futuribili della Roja. Occhio, dunque, a Unai Núñez, la sorpresa che non ti aspetti.

TYRONE MINGS

In occasione degli incontri contro Bulgaria e Kosovo Gareth Southgate ha diramato la propria lista dei convocati e tutti sono rimasti piuttosto sorpresi dalla scelta di convocare Tyrone Mings, difensore centrale classe ’93 in forza all’Aston Villa. Ma chi è Tyrone Mings?

La chiamata del difensore dei Villans è tutt’altro che una casualità. Siamo abituati a veder esplodere i giocatori in giovanissima età: Sancho, Wan-Bissaka, Mount, tanto per citare alcuni giovani già convocati con la Nazionale inglese. Ma la situazione che riguarda Mings è assolutamente diversa. Prima dell’esperienza all’Aston Villa, che lo ha riportato ad altissimi livelli, la sua migliore stagione l’aveva vissuta con la maglia dell’Ipswich Town in Championship nel 2014/15, collezionando ben 40 presenze, un gol e cinque assist. Le sue qualità non sono passate inosservate: su di lui è piombato il Bournemouth, squadra con la quale però non è mai riuscito ad imporsi in Premier League. La grande occasione arriva a gennaio 2019, quando Mings viene acquistato dall’Aston Villa in piena lotta per la promozione. La seconda metà di campionato, per il difensore inglese, è di altissimo livello. In poco tempo diventa il perno insostituibile delle retroguardia dei Villans, che nel frattempo decidono di riscattarlo dal Bournemouth per ben 25 milioni di sterline. Una cifra importante, per certi versi esagerata, ma che è emblematica della grande fiducia di cui Mings gode in quel di Birmingham, dove è praticamente diventato un vero idolo.

Mings è un difensore centrale dotato di un fisico imponente, al quale abbina buone qualità palla al piede, tant’è che è stato spesso utilizzato anche come terzino sinistro. Visto l’infortunio che ha colpito Stones, Southgate non si è fatto pregare due volte e ha deciso di non lasciare a casa uno dei difensori che meglio hanno iniziato la stagione. In Inghilterra qualcuno azzarda paragoni pesanti come quelli con Van Dijk e Maguire, due difensori che hanno caratteristiche fisiche simili a quelle di Mings e che sono esplosi “tardi”, a 26 anni, la stessa età del difensore dell’Aston Villa. Sarà, dunque, molto interessante vedere se dopo essersi imposto in Premier League Mings riuscirà a farlo anche con la propria Nazionale. Staremo a vedere.

LUCA WALDSCHMIDT

Luca Waldschmidt è l’unico esordiente dei convocati di Joachim Löw in vista dei due match validi per le qualificazioni ad Euro 2020 contro Irlanda del Nord e Olanda. Quello di Waldschmidt è un nome che ormai abbiamo imparato a conoscere. Quest’estate ha trascinato la Germania nell’Europeo Under 21 con 7 reti totali, laureandosi capocannoniere del torneo. Torneo che ha poi visto trionfare la Spagna in finale proprio contro la Germania.

(Fonte: profilo Instagram di Waldschmidt)

A 23 anni Waldschmidt ha tutto per poter sfondare: un attaccante atipico che gioca da centravanti e che corre come un terzino. È cresciuto nell’Eintracht Francoforte, si è fatto notare all’Amburgo – due anni fa ha segnato il gol decisivo che ha permesso all’Amburgo di evitare una storica retrocessione – e dal 2018 veste la maglia del Friburgo. La sua prima stagione da titolare in Bundesliga è stata più che positiva: 9 reti in 30 presenze. E la nuova stagione si è aperta così come si era conclusa: 2 reti nelle prime tre gare di campionato. Il suo piede mancino è uno di quelli esplosivi, in grado di fare di tutto. Può fare reparto da solo con enorme naturalezza e allo stesso tempo ama dialogare in campo con i compagni: in Under 21 ha trovato Richter, al Friburgo c’è Petersen. La chiamata in Nazionale maggiore è la prova del nove, la prova di maturità che Luca Waldschmidt pare aver superato a pieni voti già nel corso dell’estate. Un talento in attesa di sbocciare definitivamente e che vuole finalmente diventare grande.

Fonte immagine in evidenza: profilo Twitter Arsenal

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Eterno Miura: a 55 anni torna a giocare in Europa!

Pubblicato

:

Miura

Ha del clamoroso la notizia che è uscita pochi minuti fa attraverso il sito online di Sky Sport. L’attaccante giapponese Kazuyoshi Miura, all’età di 55 anni, ha firmato un nuovo contratto con l’Oliveirense, una squadra che milita nella seconda divisione portoghese. Il nipponico arriva in Portogallo in prestito per sei mesi.

Il trasferimento, in realtà, era nell’aria da diversi giorni; ma oggi è finalmente arrivata l’ufficialità anche da parte della nuova squadra, che ha voluto pubblicizzare il tutto attraverso i propri profili social.

Per il classe ’67 si tratta di un ritorno in Europa, visto che ha già militato nelle fila del Genoa e della Dinamo Zagabria. Dopo una carriera in giro per il mondo adesso, dunque, per il Kazu inizia una nuova avventura.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Archiviato il caso Greenwood: l’inglese è stato assolto dalle accuse di violenza

Pubblicato

:

Manchester United Greenwood

Dopo un anno di indagini, il caso di Mason Greenwood è stato archiviato. La forza di polizia territoriale inglese responsabile del mantenimento dell’ordine pubblico nella Grande Manchester, e il Crown Prosecution Service, istituzione statale che funge da pubblico ministero, hanno annunciato l’interruzione di tutti i procedimenti penali nei confronti del classe 2001. A riportare la notizia è il Daily Mail.

LA NOTIZIA SU GREENWOOD

Greenwood ha giocato il suo ultimo match con la maglia del Manchester United più di un anno fa, il 22 gennaio 2022. Circa una settimana dopo, il 30 gennaio, avveniva l’arresto dell’inglese. Il giocatore doveva essere processato con l’accusa di tentato stupro, aggressione e controllo coercitivo nei confronti della sua ex fidanzata, Harriet Robson. La polizia ha però confermato oggi che il CPS ha fatto decadere tutte le accusa contro Mason Greenwood.

Il sovrintendente capo Michaela Kerr, capo della protezione pubblica della Greater Manchester Police, ha dichiarato: “Data la significativa copertura mediatica di questo caso, è giusto condividere la notizia che l’uomo di 21 anni che era stato arrestato e accusato in relazione a un’indagine aperta nel gennaio 2022, non affronterà più procedimenti penali in relazione a queste accuse”.

“Vorrei, tuttavia, sfruttare questa opportunità per ribadire l’impegno della GMP nell’indagare sulle accuse di violenza contro donne e ragazze. Inoltre, vorrei sostenere le persone colpite, indipendentemente dalle loro circostanze, durante quello che può essere un momento difficile e sconvolgente per loro. Un numero sempre crescente di agenti sta ricevendo una formazione specialistica e si stanno utilizzando in modo più coerente gli strumenti, disponibili tramite il sistema di giustizia penale, per mantenere le persone al sicuro e prendersi cura delle vittime“, ha concluso.

Cresciuto nelle giovanili del Manchester United, Greenwood ha giocato 129 partite in prima squadra, mettendo a segno 35 reti. Ora i numeri della sua carriera possono tornare ad aggiornarsi. Resta da capire quando Ten Hag e la dirigenza reintegreranno la stellina inglese, fermo da tanto tempo e con la condizione ovviamente da ritrovare.

 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Il Chelsea rischia: potrebbe rientrare nelle restrizioni da FFP

Pubblicato

:

Pronostico Liverpool-Chelsea

Da Joao Felix a Mudryk, da Badiashile a Madueke finendo con Enzo Fernandez: questi sono solo alcuni dei colpi che il Chelsea ha piazzato nell’ultima sessione di mercato. In totale i Blues hanno speso 610 milioni di euro, che si vanno ad aggiungere agli oltre 200 milioni della campagna acquisti estiva.

Numeri da capogiro, che hanno attirato le attenzioni del Financial Fair-Play. Secondo il Times, il Chelsea adesso è obbligato a vincere per risanare una parte delle spese ed evitare rischi. Tutto quindi passa da un’eventuale vittoria della Champions League e da un piazzamento nelle prime quattro in Premier League. Entrambe imprese non facili, anche perchè il quarto posto dista dieci punti.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Il presidente dell’Adana rivela il retroscena sull’affare Bakayoko: le parole!

Pubblicato

:

Nel rush finale di mercato, il caso di Tiémoué Bakayoko ha reso un po’ più interessante quest’ultima piatta finestra di calciomercato invernale. Nella giornata di lunedì, il futuro del calciatore sembrava essere alla Cremonese. Il giorno seguente, l’ipotesi grigiorossa è sfumata, lasciando spazio alla possibilità di un ritorno in Francia, sponda Lione, poi arenata nel corso della giornata. Nella serata ci aveva riprovato, poi, l’Adana Demirspor, interessata già da tempo al centrocampista. L’ex Chelsea sembrava convinto di accettare la destinazione, poi il dietrofront.

Le parole del presidente dell’Adana Demirspor

Lo stesso presidente Murat Sancak non è riuscito a spiegarsi il motivo del mancato trasferimento. Il numero uno della società turca si è espresso così, mediante un comunicato ufficiale:

Anzitutto voglio smentire la notizia secondo la quale Bakayoko avrebbe rinunciato dopo aver visto le nostre strutture. La verità è che alle 2 di notte si è recato nella sede del Milan per firmare la fine del contratto di prestito che i rossoneri avevano col Chelsea per poi siglare il nostro accordo. Poi non so cosa sia successo ma è saltato tutto“.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969