Connect with us

Flash News

Le parole di Rafela Pimenta su Pogba: dalla questione del fratello alla scelta della terapia conservativa

Pubblicato

:

Pogba

Oltre alla vittoria nel derby, un’altra buona notizia ha migliorato l’umore dei tifosi della Juventus nel weekend. Le condizioni di Paul Pogba migliorano giorno dopo giorno, ed il suo rientro in campo si avvicina sempre di più. Rafela Pimenta, agente del calciatore francese, ha commentato la situazione in un’intervista rilasciata a Tuttosport. La procuratrice ha anche analizzato situazioni riguardanti altri suoi assist, quali de Ligt e Kean:

“È stata un’estate intensa, l’ho vissuta bene. Quando i giocatori realizzano i loro desideri vuol dire che abbiamo fatto bene il nostro lavoro. Haaland voleva andare al City, Pogba alla Juventus: tutto è andato bene. A modo mio mi sono divertita, anche se c’è un velo su tutto che è la mancanza di Mino. Era fantastico lavorare con lui. Ci siamo sempre divisi i compiti, ma siamo sempre andati nella stessa direzione. Sono stati anni bellissimi, in cui è cambiato il modo di fare il nostro lavoro e noi ci siamo adeguati. 

Il mestiere dell’agente? Una volta c’era meno da fare, ora c’è la gestione del calciatore a 360 gradi. Bisogna curare i social media e media tradizionali, che una volta avevano meno esigenze. Poi c’è la tutela del calciatore. Pogba ad esempio ha vissuto una brutta avventura per questioni legati ad amici e parenti. I calciatori spesso vivono situazioni di tensione: vengono minacciati, sono molto esposti. I calciatori spesso hanno paura a denunciare queste cose perché temono il danno di immagine o si vergognano. Vivono situazioni di stress incredibili, compromettendo le prestazioni e rischiando di infortunarsi. Quando Pogba finalmente ha capito di farsi aiutare ha migliorato la situazione, scoprendo la soluzione. Attualmente la situazione è in mano agli avvocati. 

Io e Paul abbiamo pensato ad un progetto: sviluppare una piattaforma di dialogo e appoggio per la salute mentale di un calciatore, anonimo, per dare consigli. Non sempre i calciatori sono in grado di superare determinati problemi.  Al momento Pogba è entusiasta. Una settimana fa mi ha detto ‘Rafela basta. Non voglio pensare più a niente, mi concentro sul mio ginocchio e sul recupero. Voglio tornare a giocare!’. Così ha fatto. Lui è capace di escludere il mondo e concentrarsi solo su un obiettivo. 

Il ritorno di Pogba alla Juve? È successo tutto ad aprile, quando Arrivabene e Nedved sono venuti a Montecarlo. Sono passati qui in ufficio, abbiamo chiacchierato un po’ e io ho detto loro: ‘Perché non fate Pogba?’. Loro hanno detto ‘Certo! Per noi si  può fare domani, lui verrebbe?’ ed io ho risposto ‘Chiamiamolo!”. Paul alla chiamata era felice, lui ci tiene alla Juve. Aveva altre ipotesi in ballo, ma quando ha saputo della Juve le ha messe da parte. La Juventus in passato gli ha dato anni di grande felicità, ama questo club. Non ho mai sentito Paul parlare male della Juventus, tranne che per due cose. Quando c’era lui andavano in ritiro in un albergo e lui si lamentava molto per le dimensione del letto troppo corto. L’altra cosa era la pasta al pomodoro, scherzavamo molto su questa cosa.

Questa estate era diventato quasi ossessivo. Non vedeva l’ora di chiudere la trattativa. Era molto carico, poi arriva e si fa male, un dispiacere immenso. La decisione di non farsi operare? La Juventus è stata molto corretta a lasciargli la libertà di decidere, perché il ginocchio è suo. Abbiamo sentito molti specialisti, la maggioranza di loro suggeriva l’operazione, alcuni avevano ipotizzato una terapia conservativa. Ovvio che quando tu vorresti evitare l’operazione sei selettivo nell’ascolto e tendi a dare ascolto a coloro che suggeriscono la terapia conservativa: ha provato ed è andata male. Era convinto che con la terapia conservativa sarebbe rientrato prima. Per fortuna ora è finita, tornerà presto in campo con la sua Juventus.

Futuro di Ibrahimovic? Non lo sa nemmeno lui, può fare di tutto. De Ligt? Non parla male della Juventus, sono convinto che faccia tanta autoanalisi e tanta autocritica. Pensa sempre al calcio e ripenso a ciò che fa. Credo che la sua sia un’analisi riguardo ciò che è andato storto. Spesso gli vengono poste domande un po’ maliziose, bisognerebbe capire perché. Donnarumma si trova magnificamente a Parigi. Gravenberch ha un grande talento. Nuovo Pogba? Hanno caratteristiche diverse ma mi auguro che abbiano lo stesso percorso. Dumfries è un professionista esemplare: si programma obiettivi e li raggiunge. Kean ha talento ed è bravo. Alla Juve tutti concordano sul fatto che sia un professionista, non gli rimproverano comportamenti sbagliati. Adesso ha bisogno solamente di giocare, a volte ci si dimentica che è un 2000 solo perché ha iniziato presto. I social? Mino li odiava, io non li amo, ma non possiamo prescindere dalla loro esistenza”.

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Cafu non ci sta: “Non capisco perché Alexander-Arnold sia in panchina”

Pubblicato

:

Alexander-Arnold

Nel corso di questi Mondiali in Qatar, un po’ a sorpresa, Trent Alexander-Arnold è sceso in campo con la Nazionale Inglese soltanto per 33 minuti contro il Galles. L’ex terzino brasiliano Cafu non è per niente d’accordo con la scelta di Gareth Southgate di relegare in panchina l’esterno del Liverpool e si è espresso così ai microfoni del Mirror:

“Non capisco perché sia in panchina. Ha tutto: qualità, dribbling, ritmo ma non è una novità anzi è sempre la stessa storia. Quando dicono che un terzino non sa difendere abbastanza poi lo tengono fuori. Lo dicevano anche di me e di Roberto Carlos eppure qualcosa l’abbiamo vinta insieme…”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Pelé ricoverato d’urgenza in Brasile: condizioni critiche

Pubblicato

:

Secondo ESPN Brasil, nelle ultime ore sono peggiorate le condizioni di Pelé, ricoverato d’urgenza a San Paolo. La leggenda del calcio mondiale, ha accusato un gonfiore generale su tutto il corpo e un’insufficienza cardiaca scompensata. Inoltre, i medici hanno riscontrato anche un elevato stato confusionale. Nel recente passato, Pelé stava svolgendo diverse cure chemioterapeutiche, che sembrano, però, aver avuto poco effetto. Se in un primo momento, infatti, si era parlato di stabilità fisica, adesso la situazione è stata descritta molto preoccupante dai suoi familiari.

Continua a leggere

Flash News

La Fiorentina torna ad allenarsi, Italiano: “Pausa che ha fatto bene a tutti”

Pubblicato

:

Fiorentina-Salernitana

In occasione della ripresa degli allenamenti, Vincenzo Italiano ha parlato della squadra sui canali ufficiali del club. L’allenatore ex Spezia, per prima cosa, ha espresso le sue prime sensazioni sul gruppo: “Penso che la pausa abbia fatto bene a tutti, un po’ di riposo serviva. Ho trovato i ragazzi molto bene, sono carichi e vogliosi di ricominciare. Hanno seguito i nostri programmi individuali e sono arrivati già in condizione. Ci faremo trovare pronti già da subito e affronteremo ogni gara con il massimo della professionalità“.

Italiano, inoltre, è speranzoso di recuperare diversi giocatori in infermeria, tra cui Castrovilli: “Proveremo a inserirlo nel lavoro a pieno regime, prima con le partitelle in famiglia e poi con le amichevoli. Lui sta bene e vogliamo averlo a disposizione per la seconda parte del campionato“. Da sottolineare, anche, una menzione speciale ad Amrabat, per le ottime prestazioni al Mondiale: “Durante la sosta il mio pensiero è stato fisso sulla squadra, soprattutto sui ragazzi impegnati in Qatar. Faccio i complimenti a tutti, in particolare ad Amrabat, che sta facendo vedere grandi cose con il suo Marocco. Sono sicuro che sarà un mondiale bello, combattuto e affascinante come sempre“.

Continua a leggere

Flash News

Monza, si dimette il ds Antonelli: il comunicato

Pubblicato

:

Con un comunicato ufficiale, il Monza ha appena annunciato le dimissioni di Filippo Antonelli, direttore sportivo della squadra. Oltre ad essere stato un ex giocatore brianzolo, Antonelli era entrato in dirigenza nel 2015, partecipando, dunque, alla scalata del club dalla Serie D alla A. Il suo posto verrà preso da Michele Franco, attuale club manager.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969