Connect with us
Pozzo esce allo scoperto: due big dell'Udinese in partenza

Calciomercato

Pozzo esce allo scoperto: due big dell’Udinese in partenza

Pubblicato

:

Nonostante prima dell’interruzione del campionato non fosse in un’ottima posizione in classifica, l’Udinese ha all’interno della rosa diversi profili interessanti. Nelle ultime settimane sono emerse infatti svariate voci di mercato riguardanti alcuni dei giocatori friulani, tra cui ad esempio Musso, De Paul, Fofana e Mandragora. Intervistato da Il Gazzettino, lo stesso presidente del club, Giampaolo Pozzo, ha affermato che due pezzi pregiati della squadra potrebbero partire nel breve termine.

De Paul ha fatto il suo percorso di maturazione e ora è un giocatore di grande affidabilità. Inutile nascondere che è un calciatore che un giorno approderà in un top club. Dobbiamo valutare la situazione Mandragora. Saremmo felici se rimanesse qui a Udine, ma sappiamo che potrebbe non essere così”.

Sia da capitan De Paul che da Mandragora ci si aspetta un salto di qualità, e perciò è probabile che andranno a cercare fortuna in lidi più prestigiati. Certo è che, se davvero entrambi dovessero lasciare Udine in estate, la dirigenza friulana dovrà darsi da fare per trovare dei sostituti adatti, capaci di non far rimpiangere i due attuali pilastri della formazione.

Fonte immagine in evidenza: profilo Instagram @udinesecalcio

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calciomercato

Il presidente Cerezo su Lautaro: “Fu vicino all’Atletico, non voleva venire”

Pubblicato

:

Lautaro

A poche ore dalla sfida di Champions League tra Inter e Atletico Madrid, il presidente dei Colchoneros Enrique Cerezo ha rivelato un retroscena di mercato riguardante Lautaro Martinez. L’attaccante argentino, come ben noto, fu corteggiato dalla squadra madrilena che però non riuscì ad affondare il colpo. Oggi, a distanza di tempo, sarà un avversario.

LA RIVELAZIONE

LAUTARO – “Lautaro è un grande giocatore, era molto vicino all’Atletico e gli auguriamo buona fortuna. Non voleva venire da noi, ma sappiamo che è un grande calciatore”.

ATLETICO – “Siamo tra le quattro o cinque migliori.  La gente sa cosa ha fatto l’Atletico e cosa farà. Questa doppia sfida è al 50%, noi arriviamo qua con voglia, ambizione e vogliamo vincere. E ogni volta che abbiamo giocato con l’intenzione di vincere, poi lo abbiamo fatto“.

SIMEONE-INTER? – “Tutti hanno chiara la situazione di Simeone, inclusa l’Inter. Non c’è niente da dire a riguardo“.

OBIETTIVO – “Qualsiasi che non sia una sconfitta. Dobbiamo raggiungere un buon risultato per giocarcela poi a Madrid. Vi ricordo che abbiamo affrontato anche una grande inglese e l’abbiamo eliminata dalla competizione. Gli allenatori sanno cosa fare“.

INTER E ALMERIA – “Non ci giochiamo mezza stagione né qui né contro l’Almeria. Vogliamo fare bene sia in Liga che in Champions che in Copa del Rey“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Il PSG guarda in casa Milan: non solo Leao, anche Maignan e Theo nel mirino dei francesi

Pubblicato

:

Milan maignan theo

In casa Milan rimane in dubbio la situazione per quanto riguarda diversi calciatori. I rossoneri, attualmente al terzo posto in Serie A, devono infatti ancora chiarire la posizione di qualche giocatore. Mike MaignanTheo Hernandez e Rafael Leao su tutti, sono i calciatori che negli ultimi anni si sono resi grandi protagonisti, ma quale sarò il loro futuro?

Il portoghese classe 1999 ha il contratto in scadenza nel 2028, mentre i due francesi  nel 2026 e il rinnovo è in questo momento un punto delicato. Tante big europee osservano interessate e, come riportato da La Gazzetta dello Sport, il Paris Saint-Germain sarebbe interessato a tutti e tre, ma non sarebbe l’unica squadra. Dunque, nel  caso in cui arrivassero delle offerte, come si comporterà il club di Via Aldo Rossi?

Le possibilità che arrivi qualche proposta sembrano davvero molto alte. L’anno scorso il via libera per l’addio di Tonali; ma a oggi quale potrebbe essere la risposta della dirigenza rossonera in caso di offerte importanti per i suoi gioielli? Per tale motivo dunque, il Milan comunque inizierà a guardarsi intorno.

Quello che accadrà resta tutto da scoprire, ma intanto, come riportato dalla nostra redazione già negli scorsi giorni, Rafael Leao rimane in cima alla lista per sostituire Kylian Mbappé che lascerà il club in estate.

 

 

Continua a leggere

Calciomercato

Inter-Atletico Madrid, Milito: “Ai tempi del Racing Lautaro è stato molto vicino ai colchoneros”

Pubblicato

:

inter

L’ex attaccante dell’Inter, Diego Milito, è intervenuto ai microfoni de La Gazzetta dello Sport per parlare soprattutto di un retroscena riguardante l’attuale attaccante nerazzurro, Lautaro Martinez. Prima del passaggio all’Inter (ai tempi quindi del Racing Avellaneda), la punta argentina era stata ad un passo dall’Atletico Madrid, casualmente la sfidante dell’Inter stasera agli ottavi di finale di Champions League.

INTER, MILITO: “LAUTARO ERA STATO AD UN PASSO DALL’ATLETICO MADRID, MA…”

Di seguito le parole di Diego Milito ai microfoni de La Gazzetta dello Sport:

LAUTARO E L’ATLETICO – “Semplicemente l’Inter è stata più brava e pronta a prenderlo. Quando sono entrato nella dirigenza Racing, le discussioni erano avanti con l’Atletico: ballavano un paio di milioni, non di più. Ho chiamato Javier Zanetti perché sapevo che anche loro lo seguivano e a quel punto hanno accelerato: Ausilio è venuto qua e abbiamo chiuso. Non penso di aver fatto niente per spingerlo da una parte o dall’altra, ma sono comunque contento che sia andata così”.

CHIAMATA AD EFFETTO – “Ma il merito resta solo dell’Inter. Hanno colto l’attimo e sono stati rapidi per realizzare un colpo eccezionale. Sapevo che Milano era la scelta giusta per Lautaro: lì un argentino si sente sempre a casa. Attenzione, anche all’Atletico avrebbe sfondato perché i campioni possono giocare ovunque, ma il filo Inter-Argentina resta qualcosa di speciale”.

DOVEVA DIVENTARE PER FORZA FORTE – “Ne ero sicuro che diventasse forte così perché lo conosco sin da bambino. Lauti sa imparare da se stesso e questa leadership, che ora tutti vedono, è una dote naturale. È qualcosa che ha dentro. Si è preso il tempo giusto per crescere, anno dopo anno, senza mai fermarsi. Ed è ancora giovane, può solo migliorare”.

Continua a leggere

Calciomercato

Samardzic: “Ho l’Udinese nel cuore. Sono stato vicino all’Inter ma ora…”

Pubblicato

:

Samardzic

Il centrocampista dell’Udinese, Lazar Samardzic, è intervenuto ai microfoni di UdineseTonight per parlare delle emozioni che sta vivendo attualmente ora che è rimasto in Friuli a giocarsi le sue carte. Il calciatore sembrava dovesse partire al 100% prima direzione Inter (in estate) e poi direzione Napoli (a gennaio), ma alla fine le sorti hanno deciso che il serbo dovesse rimanere ad Udine.

UDINESE, SAMARDZIC: “QUESTA SQUADRA LA HO NEL CUORE”

Di seguito le parole di Lazar Samardzic ai microfoni di UdineseTonight:

PAREGGIO CON IL CAGLIARI – “Abbiamo fatto un gran primo tempo, poi prima dell’intervallo abbiamo preso gol al primo tiro in porta. Eravamo un po’ tristi in spogliatoio perché avevamo giocato dei buoni 45 minuti, ma poi siamo usciti male e subito hanno preso la traversa loro e ci siamo impauriti. Abbiamo un allenatore che ci parla sempre positivo. Ci dice sempre di non mollare mai e andare forti”.

TRA UDINESE ED INTER – “Ho sempre cercato di non fare caso alle voci di mercato, all’inizio è stato complicato, ma ho parlato con tanti amici e l’allenatore e mi hanno rassicurato. Mi trovo molto bene a Udine, l’ho sempre detto. Ho l’Udinese nel cuore e voglio crescere ancora qui. Non è stato facile sentire le persone che parlavano male di me. È vero che sono stato vicino all’Inter poi non è andata a buon fine…”.

MIGLIORAMENTI – “Posso ancora migliorare e qui mi trovo bene, tutti sono felici che sono rimasto. Quando mi fermano mi fanno tutti i complimenti e anche la squadra era felice che fossi rimasto. Nessuno mi ha detto che sono una m***a. Questo mi ha aiutato”.

PARTIRE DALLA PANCHINA – “Con Cioffi parlo tanto, mi dice sempre qualcosa che posso fare meglio e anche quando sono in panchina mi spiega il motivo. Ho un rapporto buono, è un allenatore a cui piace difendere e per me che sono un giocatore offensivo è utile per migliorare anche nell’altra fase”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969