Nik Prelec è un attaccante sloveno che milita nelle giovanili della Sampdoria. Nato il 10 giugno 2001 a Maribor, il bomber con i suoi gol ha trascinato l’Under 19 dei blucerchiati ai vertici del Campionato Primavera, e sarà indubbiamente uno dei protagonisti dei prossimi play-off.

Alto 1,86 metri, abbina ad un’ottima struttura fisica anche un’eccellente qualità tecnica e molta rapidità. Ha tutte le caratteristiche dell’attaccante moderno, sta perfezionando le sue conoscenze tattiche e il suo fiuto per il gol migliora di partita in partita.

PERCORSO

Nik Prelec cresce calcisticamente nelle giovanili della Nogometni Klub Aluminij, la squadra della città Kidricevo, che milita nel massimo campionato sloveno. Nel 2016, a soli 15 anni, gioca stabilmente nell’Under 19 della squadra; le sue doti tecniche e fisiche riescono ad azzerare il gap anagrafico. Il suo talento non passa inosservato, gli osservatori di molte squadre europee monitorano le sue prestazioni; nel luglio del 2017 la Sampdoria è il club più lesto ad accaparrarsi le sue prestazioni, sborsando circa 100mila euro nelle casse della squadra slovena.

Il ragazzo viene aggregato nella rosa dell’Under 17, con la quale gioca la prima parte di stagione. Le sue prestazioni sono convincenti, in tempi record diventa uno dei titolari di mister Felice Tufano: in 21 presenze segna 7 gol.  A stagione inoltrata viene promosso in Under 19, mister Simone Pavan riconosce il suo talento e pertanto lo vuole nella sua rosa.

Fonte dell’immagine: profilo instagram di Nik Prelec

L’impatto col nuovo campionato non è memorabile, in 10 presenze sigla soltanto un gol, nella sconfitta per 4-1 contro l’Atalanta. Nella stagione successiva riscontra nuovamente difficoltà in quanto non riesce a dare continuità alle sue prestazioni. Le sue qualità sono riconosciute, ma lo sloveno non ha una collocazione tattica ben definita e quindi raramente viene schierato titolare; chiude la stagione con sole due reti all’attivo.

COSTANZA E MIGLIORAMENTI

Nella stagione 2019-20 la situazione cambia. Sulla panchina dell’Under 19 siede Marcello Cottafava che schiera la sua squadra con il 3-5-2, Prelec gioca da seconda punta e le sue prestazioni migliorano nettamente. La possibilità di avere un partner d’attacco gli permette di svariare su tutto il fronte offensivo, la sua mobilità garantisce imprevedibilità alla manovra offensiva.

La crescita più importante è riscontrata sul piano mentale: precedentemente al bomber veniva rimproverato un atteggiamento non concentrato e un approccio alle partite non adeguato. Costanza, impegno e duro lavoro gli permettono di limare questi aspetti, che per un giovane calciatore sono importantissimi. In questa stagione, interrotta anzitempo a causa del COVID, totalizza 21 presenze, arricchite da 7 gol e 3 assist.

Fonte dell’immagine: profilo instagram di Nik Prelec

La stagione 2020-21 inizia nel migliore dei modi: la Sampdoria gli offre un rinnovo contrattuale e Claudio Ranieri gli concede la possibilità di partecipare alla fase pre-campionato con la prima squadra, durante la quale gioca tre amichevoli. Spesso si allena con i “grandi” e in quattro occasioni riceve la convocazione per delle partite di Serie A.

Nell’Under 19 ritrova mister Felice Tufano, per il quale è un punto di riferimento imprescindibile. Lo sloveno è il vero trascinatore della squadra, si sacrifica e mette le sue qualità al servizio dei compagni. Con Lorenzo di Stefano forma una coppia d’attacco di livello, i due si scambiano spesso la posizione, non danno punti di riferimento e fraseggiano con qualità. Fino ad ora ha collezionato 21 presenze, 11 gol e 5 assist, numeri che stanno consentendo alla squadra ligure di occupare un primo posto in classifica ampiamente meritato.

NAZIONALE

Nik Prelec ha giocato in tutte le selezioni giovanili della nazionale slovena. I migliori risultati li ha raggiunti in Under 17 (8 gol) e in Under 19 (9 gol). Il 21 novembre 2020 esordisce in Under 21 nel match contro la Germania; 5 giorni dopo mette a segno il suo primo gol contro la Russia, ripagando la fiducia di mister Acimovic.

Nella fase a gironi del Campionato Europeo Under 21, disputatasi lo scorso marzo, colleziona 3 presenze da titolare; a suo malgrado, è protagonista in negativo nella partita contro la Repubblica Ceca in quanto sigla uno sfortunato autogol.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Prelec è un attaccante molto duttile tanto che in carriera finora è stato schierato da prima punta, seconda punta, ala destra e ala sinistra. La sua mobilità gli permette di svariare molto per mettere in mostra le sue qualità principali: rapidità, finalizzazione e colpo di testa.

Le sue capacità balistiche sia sotto porta che dalla distanza lo rendono un attaccante esplosivo. Il suo mancino è potente e preciso,  con precisi movimenti trova costantemente la posizione giusta per sfoderarlo. Attacca l’area piccola con i tempi giusti, e con il suo strapotere fisico riesce ad eludere la marcatura dei difensori. Sfrutta le sue abilità anche per giocare in profondità, il suo cambio di passo micidiale lo rende un’arma letale nelle ripartenze.

La sua tecnica sopraffina è evidente in quei dribbling accompagnati da eleganti tocchi di suola e dai frequenti colpi di tacco con i quali smarca i compagni. I suoi passaggi chiave nella rifinitura e nella costruzione sono il risultato di un’eccellente conoscenza tattica. La protezione della palla, inoltre, è una delle sue specialità che gli permette di vincere duelli in mezzo al campo anche con più giocatori per poi creare superiorità numerica. Lo spirito di sacrificio e la ferocia con la quale pressa gli avversari sono il risultato della sua maturazione mentale.

SAMPDORIA, LA SCELTA GIUSTA

Nik Prelec si è dichiarato più volte felice di aver scelto i doriani e ha spesso sottolineato l’importanza che Casa Samp ha avuto nella sua crescita, soprattutto nel periodo dell’ambientamento. Quando nel luglio 2017 è arrivato in Italia era un ragazzino di soli 16 anni, l’integrazione in una nuova realtà lontano dalla sua famiglia e dagli amici poteva recargli non poche difficoltà, ma l’accoglienza trovata nella società ligure gli è servita per crescere.

Ha affermato di voler emulare le gesta di Srecko Katanec, storico centravanti blucerchiato e ha elogiato Fabio Quagliarella, che negli allenamenti ha un occhio di riguardo per lui e per gli altri giocatori più giovani, a cui offre spesso preziosi consigli.

Prelec è consapevole dei suoi miglioramenti ma ha la pretesa di crescere ancora e intanto si concentra sugli imminenti play-off del Campionato Primavera che è intenzionato a vincere.

Da quando ho iniziato a giocare ho sempre avuto rapidità e forza nel proteggere la palla e vincere i duelli. In Italia le cose sono cambiate. Qui ho imparato la tattica e come difendere. Siamo un gruppo perfetto, come una famiglia. Ho un sogno chiamato Scudetto. Allenarmi con i grandi campioni della Sampdoria mi sta facendo crescere. Il rinnovo contrattuale è stato un grande attestato di stima

 

Fonte immagine di copertina: profilo Twitter Sampdoria