Connect with us
Premier League Review, cosa è successo nel weekend

Calcio Internazionale

Premier League Review, cosa è successo nel weekend

Pubblicato

:

C’era una volta il campionato più avvincente ed equilibrato del mondo. Poi è arrivata una una squadra che non ne vuole saperne di suspence o finali al cardiopalma. Si sta chiaramente parlando di Premier e la squadra in questione, come avrete intuito, è il Liverpool. Unica nei massimi campionati europei ad essere imbattuta, 46 punti totalizzati sui 48 disponibili, 40 reti segnate, solo 14 subite, le cifre parlano da sè. Questa volta l’agnello sacrificale è il Bournemouth. La pratica delle Cherries viene archiviata con un secco 0-3 firmato Oxlade-Chamberlaine, Keita e Salah. Nonostante la stagione spaziale il Leicester deve continuare ad inseguire a -8. Il poker rifilato fuori casa (doppietta di Vardy, gol di Ihenacho ed Evans) all’ Aston Villa mette un ulteriore punto esclamativo sulla superlativa stagione delle Foxes, per ora l’inseguitrice più accreditata. Perde altro terreno una delle più valide contendenti per la vittoria finale: il City di Guardiola è in lapalissiana difficoltà. La sconfitta nel derby di Manchester è sempre un boccone amarissimo da mandare giù, poi vedere la classifica che già a dicembre recita un infausto -12 dalla vetta rende il tutto ancora più difficile. I Red Devils indovinano la più importante delle partite per uscire dal loro momento buio: Rashford e Martial portano avanti lo United nel primo tempo, la reazione del City nel secondo è rabbiosa, ma gli uomini di Solskjaer non cedono. Il gol che accorcia le distanze di Otamendi arriva troppo tardi e il derby va ai Devils. Importantissima vittoria casalinga dell’Everton guidato da Ferguson che stende 3-1 un Chelsea in preoccupante involuzione, ossigeno puro per i Toffees in piena lotta salvezza. Vittoria fondamentale anche per l’Arsenal, reduce dalla buciante sconfitta casalinga con il Brighton, che stende per 1-3 il West Ham. Prosegue la trionfale risalita del Tottenham targato Mourinho, i londinesi umiliano per ben 5-0 il malcapitato Burnley. Finiscono in parità Watford-Crystal Palace  e Brighton- Wolverhampton, mentre prosegue il sorprendente campionato dello Sheffield Utd., i Blades si impongono 1-2 sul campo del Norwich e collezionano il loro quinto successo in stagione.

Fonte: Instagram Premier League

 

POTERE ROSSO

Non c’è nulla da fare, lo strapotere dei Reds non conosce argini quest’anno. Non che ci si aspettasse un risultato diverso contro il modesto Bournemoth, ma la sensazione è che la corazzata di Klopp proprio non abbia punti deboli, o meglio, che sappia vincere in qualsiasi situazione. Al Vitaity Stadium il Liverpool passeggia: due gol nel primo tempo e poi Salah, autore di una prova eccellente, la chiude nel secondo. Primo gol di pregevole fattura con capitan Henderson che innesca con un lancio dalla propria tre quarti Oxlade-Chamberlain che, al volo, trafigge Ramsdale. Anche la seconda rete è stupenda: scambio Keita-Salah, l’egiziano col tacco serve un pallone di ritorno delizioso al compagno che segna. Sempre Salah si mette in proprio al 54′ per segnare il gol che chiude definitivamente la partita. Liverpool semplicemente troppo superiore, non c’è storia. Gli uomini di Klopp sembrano fare un campionato a parte, ad oggi in Premier c’è solo un padrone. Anche il derby di Manchester si tinge di rosso. Si tratta della 178esima sfida della storia tra le due compagini cittadine e la 73esima vittoria dello United. All’Ethiad la squadra di Solskjaer comincia benissimo, trascinata da uno straripante Rashford (13 gol in campionato, 9 nelle ultime 9 partite). L’inizio della gara vede gli ospiti costantemente in proiezione offensiva. Bernardo Silva stende proprio Rashford, Taylor lascia correre ma il VAR corregge la sua decisione, inducendolo a fischiare il rigore. Se ne incarica lo stesso Rashford che spiazza Ederson, United in vantaggio. Continua il dominio degli ospiti che colpiscono anche una traversa con il loro incontenibile numero dieci. Pochi minuti più tardi Martial siglerà il vantaggio con un tiro rasoterra a fil di palo. Nel secondo la reazione del City è furiosa, De Gea e tutta la difesa dei Red Devils devono fare gli stroardinari, ma resistono. Al 47′ il City chiede un rigore che però l’arbitro e il VAR non concedono. Arriva solo al minuto 85 il gol di Otamendi di testa su corner di Mahrez. Nel finale vibrante tutto il City è in avanti. Ci prova Mahrez con un sinistro secco ma De Gea salva coi piedi. I Red Devils soffrono ma portano a casa i tre punti che, oltre ad una grossa mano in una classifica non certo rosea, danno tanta fiducia alla squadra.

Oxlade-Chamberlain esulta dopo il primo gol al Bournemouth
(Fonte: Instagram Oxlade-Chamberlain)

MOU E LE FOXES NON SI FERMANO

Continua il momento positivo del Tottenham, dopo lo stop della scorsa giornata. In Italia sappiamo quanto la doti di motivatore di Mourinho possano influenzare le prestazioni dei suoi giocatori, l’impatto che l’allenatore ha avuto sulla panchina degli Spurs però è davvero oltre ogni più rosea aspettativa. Cinque a zero senza appelli al Burnley. In avvio di partita apre Kane con un gioiello da lontanissimo dopo appena 4 minuti. Al 9′ raddoppia Moura. Terzo gol da cineteca per Son, che parte da solo palla al piede scartando tutta la squadra e battendo il portiere avversario. A fine partita Mou ironizza: “io lo chiamo Sonaldo Nazario da Lima”, per la somiglianza tra il gol dell’esterno coreano e quelli che faceva Ronaldo il fenomeno. Chiudono la pratica un sontuoso Kane (nono gol in campionato) e Sissoko. Manita servita e morale alle stelle. Anche la classifica torna a sorridere: la zona Champions è a sole 6 lunghezze. Qualche settimana fa sembrava utopia, ma la cura Mou, ancora una volta, ha funzionato. Vittoria agrodolce per le Foxes che mantengono un passo da prima della classe, ma vedono ancora intatti gli 8 punti di distacco dall’infallibile Liverpool. Inizio col brivido per la traversa di El Ghazi, poi Vardy porta in vantaggio i suoi in contropiede. Raddoppio di Ihenacho su assist di Madison, dopo Graelish accorcia le distanze con un tiro in mischia. A chiudere la pratica nel secondo tempo ci pensano Evans di testa e ancora Vardy in contropiede. Continua l’impressionante stagione del Leicester che vince e convince, mantenendo un rullino di marcia migliore dell’annata del titolo. Al tempo, però, le grandi balbettavano, oggi davanti c’è un monumentale Liverpool. Nonostante tutto il campionato fin qui delle Foxes è da 30 e lode, avanti cosi.

Son premiato come Asian Player of the Year
(Fonte: Instagram Tottenham fc)

 

CHI SCENDE CHI SALE

Nella turbolenta pancia della classifica gli scossoni sono frequenti. Finalmente arriva una vittoria dell’Arsenal, il rullino di marcia nelle ultime dieci partite dei gunners è da film horror: 5 sconfitte, 4 pareggi e, questa giornata, la prima vittoria. Ljungberg tira un sospiro di sollievo, la sua panchina stava tremando per i risultati non certo adatti al club londinese, era dal 24 ottorbre che l’Arsenal non vinceva. Gunners subito sotto nel punteggio dopo il gol di testa del nostro Ogbonna. Ad aprire le danze per gli ospiti ci pensa il giovanissimo brasiliano (con passaporto italiano) Martinelli. Classe 2001, talento naturale, Klopp parlò benissimo di lui ad inizio stagione dicendo che “nasce uno così ogni cento anni”. Era già andato a segno in coppa col Nottingham Forest, ora sigla la sua prima rete in campionato. Sicuramente si tratta di una dolce nota nel difficile inizio dell’Arsenal. Secondo gol firmato dall’esterno ivoriano Pèpè, autore di un’ottima prova. L’ex Lille è costato 65 milioni in estate e finora era stato decisamente deludente. Chiude le danze il solito Aubamenyang, su assist di Pèpè. Punti importantissimi anche per l’Everton. Dopo la batosta rimediata contro la schiacciasassi Liverpool, costata la panchina a Marco Silva, i Toffees si rialzano. Con l’allenatore ad interim Duncan Ferguson l’Everton ritrova smalto e punti contro il deludente Chelsea di Lampard. Apre le marcature Richarlison di testa. In seguito viene fuori il Chelsea che però non riesce a segnare complice uno strepitoso Pickford tra i pali. Secondo tempo che vede la doppietta di Calvert-Lewin, intervallata dal gol che accorcia le distanze di Kovacic. Il Chelsea non sfigura affatto in fase di creazione, dominando per lunghissimi tratti la partita, ma pecca in concretezza e, soprattutto, in fase difensiva dove si vedono ancora troppi svarioni. Punti fondamentali per l’Everton che fugge dalle zone pericolose della classifica.

Aubameyang, trascinatore dell’Arsenal
(Fonte: Instagram Arsenal)

LE ALTRE

Sale anche la scoppiettante matricola Sheffield United. i Blades proseguono imperterriti la loro marcia in Premier.  Grazie alla vittoria corsara sul campo dell’inguaiato Norwich con i gol di Stevens e Baldock, ora occupano l’ottava posizione in classifica. In quelle zone si può sperare in qualcosa di più di una semplice salvezza (?). Bene anche il Newcastle che rimonta in casa il Southampton in una sfida difficile. Nel finale Shelvey agguanta il pareggio e Fernandez, all’87’, ribalta l’iniziale vantaggio di Ings. I Magpies cementano la loro posizione in mezzo alla classifica, terz’ultimo invece il Southampton. Pareggio 2-2 tra Brighton e Wolverhampton che si restituiscono i colpi uno a uno nel finale del primo tempo. Vantaggio Wolves, ribaltato in due minuti dai padroni di casa, nel finale di tempo Jota trova il suo secondo gol personale ed il pareggio. Impattano anche Watford e Crystal Palace, a reti inviolate. Il punticino va bene alla squadra di Hodgson che galleggia in mezzo alla classifica, meno agli Hornets che rimangono fanalino di coda a soli 9 punti.

Immagine in copertina: Rashford, asso dello United (Fonte: Instagram Premier League)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

L’Al Hilal batte il Wydad e affronterà il Flamengo nel Mondiale per club

Pubblicato

:

Al Hilal Flamengo

Si è concluso il primo quarto di finale del Mondiale per club con i sauditi dell’Al Hilal che hanno sconfitto ai rigori i campioni d’Africa del Wydad Casablanca. L’ex squadra di Giovinco tra gli altri adesso affronterà in semifinale il Flamengo, vincitore dell’ultima Copa Libertadores.

Il Wydad è passato in vantaggio con il gol di El Amloud al 52′ salvo poi farsi raggiungere nel recupero dal rigore trasformato da Mohamed Kanno, grande protagonista anche con l’Arabia al Mondiale. Ai rigori, poi, vecchie conoscenze del calcio europeo come Marega e Vietto hanno contribuito alla vittoria dell’Al Hilal. Nell’altro match l’Al Ahly ha battuto i Seattle Sounders con il gol di Afsha e affronterà il Real Madrid nella seconda semifinale.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Chi è Buchanan, la stella canadese che piace all’Inter

Pubblicato

:

Chi è Buchanan

CHI È BUCHANAN – Tajon Buchanan è un giovane talento del calcio che sta facendo parlare di sé in tutto il mondo. Con la sua velocità, la sua tecnica e il suo fiuto per il gol, questo attaccante classe 1999 sta attirando l’attenzione di molte squadre importanti. In questo articolo esploreremo la carriera di Buchanan e analizzeremo il suo stile di gioco, nonché le sue prospettive future.

UN’ALA DUTTILE PER CLUB E NAZIONALE

Buchanan è un esterno d’attacco, in grado di giocare come ala sia a destra che a sinistra. Tuttavia, spesso è stato schierato anche in posizione più arretrata come esterno di centrocampo. È anche molto rapido palla al piede. Tra i suoi punti di forza c’è il dribbling.

I PRIMI ANNI IN CANADA E NEGLI USA

Tajon Buchanan nasce il l’8 febbraio 1999 a Brampton, in Ontario. Ben presto entra a fare parte del settore giovanile del Mississauga Falcons. Nella stagione 2014/15 si trasferisce negli Stati Uniti, dove veste la maglia del Real Colorado.

Nelle Foxes resta fino alla stagione 2017/18, quando viene ingaggiato dal Syracuse, club dell’omonima università statunitense. Nel corso della stessa sessione di mercato, però, viene girato in prestito ai canadesi del Sigma. Dopo una stagione in prestito, fa ritorno al Syracuse, dove resta per un’altra stagione. L’anno successivo, nel 2018, attraverso il draft viene ingaggiato dalle giovanili del New England Revolution, club della Major League Soccer. Nel 2019, all’età di 20 anni, ha esordito in prima squadra e ha dimostrato subito di essere un giocatore di talento, segnando diversi gol e fornendo molti assist. Le sua prestazione gli sono valse il premio di “Rising Star” della MLS e ha attirato l’attenzione di molte squadre europee. Con la maglia degli statunitensi, con cui gioca fino a gennaio 2022, sigla 12 reti in 67 presenze complessive.

LO SBARCO IN EUROPA

A gennaio 2022, Buchanan ha firmato un contratto con il Club Brugge, uno dei club più importanti del Belgio, e ha continuato a giocare ad alto livello segnando reti e fornendo assist. La sua abilità nell’elaborare il gioco e la sua rapidità gli hanno permesso di diventare una delle stelle del club e di attirare ancora di più l’attenzione di squadre europee di alto livello. Fino ad ora, con la maglia dei belgi, Buchanan ha già messo a segno 2 reti in 34 presenze.

Inoltre, Buchanan è entrato stabilmente a fare parte della nazionale canadese, dove ha già segnato diversi gol. Inoltre, ha giocato un ruolo importante nella formazione anche ai Mondiali in Qatar. Con il suo talento e il suo potenziale, molti esperti di calcio ritengono che Buchanan abbia un futuro brillante davanti a sé e che possa diventare uno dei giocatori più importanti del calcio internazionale.

L’INTERESSE DELL’INTER

Nel corso dell’ultima sessione di mercato, Buchanan sembrava ad un passo dal trasferimento in Serie A dopo le ottime prestazioni ai Mondiali. Erano diverse le squadre interessate al suo cartellino, tra cui Juventus, Milan e Napoli. Il club più vicino a lui, però, era l’Inter. Secondo molti, in caso di cessione di Denzel Dumfries, la società nerazzurra avrebbe virato proprio su di lui per colmare il vuoto lasciato dall’esterno olandese. Con la permanenza dell’ex PSV, però, il trasferimento di Buchanan non si è concretizzato. Per vedere il canadese con un’altra maglia, dunque, dovremo attendere almeno fino alla prossima sessione di mercato.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Klopp: “Chiedo scusa: dobbiamo reagire subito!”

Pubblicato

:

Klopp

Jurgen Klopp, nel post-partita del match giocato contro il Wolverhampton, ha analizzato la partita sorprendentemente negativa della sua squadra. La sconfitta è maturata dopo un 3-0 roboante e con due gol segnati nel primo quarto d’ora. Il Liverpool ora è decimo a 13 punti dal quarto posto e ha subito la terza sconfitta nelle ultime tre trasferte di Premier League. Queste le parole di Klopp:

“Chiedo scusa ai tifosi. Non riesco a spiegarmi come abbiamo fatto a giocare così male, soprattutto nei primi quindici minuti quando siamo stati orribili. Dobbiamo solo lavorare per cambiare questo trend e uscire da questo periodo negativo”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

ESCLUSIVA – Nezirevic, i retroscena sul suo approdo all’Inter: c’erano altri due club interessati!

Pubblicato

:

Alem Nezirevic è un giovane terzino destro svedese che è stato acquistato dall’Inter in questa sessione di mercato per poter colmare il vuoto lasciato da Zanotti, ormai stabilmente in prima squadra. Arrivato da appena 3 settimane, il promettente difensore è stato subito messo alla prova da Chivu, allenatore della Primavera nerazzurra, che lo ha schierato titolare nel match perso contro la Sampdoria. Nezirevic è stato portato in Italia dalla Quan Sports Management: agenzia di cui Gerry Piccolillo è co-founder insieme a Daniele Piraino. Lo stesso avvocato ci ha svelato alcuni retroscena dietro il suo acquisto.

Il classe ’04 è stato prelevato a gennaio dal Motala, club di terza divisione svedese, con il quale aveva già raggiunto diverse presenze in prima squadra. A scoprirlo è stato un membro dell’agenzia di Piccolillo, Daniele Bozzo, che lo ha poi successivamente proposto allo scouting dell’Inter. Il terzino, dopo essere stato visionato tramite video e di persona, ha svolto una prova presso Interello che ha avuto esito positivo. Come riferitoci dallo stesso procuratore, oltre ai nerazzurri anche altri due club avevano messo gli occhi sul talento svedese: ovvero Milan e Sassuolo. Tuttavia, le due squadre non sono riuscite a battere la concorrenza dell’Inter, che ha fortemente voluto il giocatore.

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969