Connect with us

Flash News

Presidente Lecce: “La sosta punto di forza per noi”

Pubblicato

:

Lecce

Intervistato dal Corriere dello Sport, il presidente del Lecce Saverio Sticchi Damiani è intervenuto in merito ai piani del club durante la sosta della Serie A per il Mondiale:

Non abbiamo ancora programmato nulla, ma sarà un periodo importante per lavorare con continuità a ranghi completi. Questa sosta può rappresentare un punto di forza per noi, non tutte le concorrenti potranno lavorare con tutti gli effettivi a disposizione per un mese”.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Forlan: “Mi spiace che l’Italia non sia in Qatar”

Pubblicato

:

Forlan

In un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello SportDiego Forlan, vecchia conoscenza del nostro calcio con la maglia dell’Inter e mattatore assoluto del Mondiale sudafricano del 2010, in cui vinse il premio di miglior giocatore del torneo, ha commentato la seconda assenza consecutiva degli Azzurri dalla rassegna iridata: “Sembra davvero assurdo che la nazionale campione d’Europa non partecipi ai Mondiali, eppure è così, e mi dispiace molto. Capisco cosa stiate provando, del resto anche l’Uruguay non si qualificò ai Mondiali del 1994 e del 1998″.

El Cachavacha, come lo soprannominano in patria, rimane ottimista per quanto riguarda il futuro del calcio italiano: “In Italia i giocatori forti non mancano, dunque resto convinto che al prossimo Mondiale ci sarete“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Arsenal, è fatta per Mudryk: offerta da 45 milioni

Pubblicato

:

Mudryk

Anche in tempi tutt’altro che felici come quelli attuali, l’Ucraina calcistica ha intravisto un tenue raggio di sole nella bionda figura di Mykhaylo Mudryk, talentuoso esterno d’attacco classe 2001, protagonista di un ottimo avvio di stagione con lo Shaktar Donetsk, club in cui si è formato a livello giovanile e che si è trovato per le mani una vera e propria pepita d’oro.

Secondo quanto riportato dal Sunday Mirror, sono serviti infatti ben 45 milioni (più bonus) all’Arsenal per aggiudicarsi il promettente ucraino, battendo la concorrenza di varie squadre italiane, Roma su tutte. La squadra di Arteta dunque aggiunge un altro pezzo pregiato alla propria folta batteria di “ragazzini terribili” che sta mettendo a ferro e fuoco la Premier League, che al momento vede i Gunners al primo posto solitario.

A Londra inoltre, Mudryk condividerebbe lo spogliatoio con il proprio connazionale Zinchenko.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Belgio-Marocco, le formazioni ufficiali: Martinez conferma il tridente

Pubblicato

:

Batshuayi

Ci avviciniamo sempre di più a un match che non solo si preannuncia sfiziosissimo, ma che potrebbe anche rivelarsi già decisivo per le sorti del girone F. BelgioMarocco scenderanno dunque in campo con obiettivi differenti, con i primi intenti a mantenere il primo posto nel girone, ottenuto dopo la soffertissima vittoria ai danni del Canada, mentre i nordafricani, autori di una buona prestazione nel pareggio a reti bianche contro la Croazia, sono pronti a dare filo da torcere anche alla squadra di Martinez.

Quest’ultimo ha riconfermato pressoché nella sua totalità la formazione vittoriosa nel debutto contro i nordamericani. Confermata dunque l’assenza di Lukaku (sostituito egregiamente da Batshuayi, match-winner contro i canadesi), che il ct dei Diavoli Rossi punta a recuperare in vista del big match contro i croati, vicecampioni del mondo in carica.

Stesso discorso applicabile alla squadra di Regragui.

Belgio (3-4-2-1): Courtois; Castagne, Alderweireld, Vertonghen; Meunier, Witsel, Onana, T. Hazard; De Bruyne, E. Hazard; Batshuayi. Ct. Martinez.

Marocco (4-3-3): Bounou; Hakimi, Aguerd, Saiss, Mazraoui; Ounahi, Amrabat, Amallah; Ziyech, En-Nesyri, Boufal. Ct. Regragui.

Arbitro: Ramos (Messico)

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Giappone-Costa Rica 0-1, le pagelle del match: Fuller eroico, Gonda da censura

Pubblicato

:

Giapppone

Il Costa Rica batte a sorpresa il Giappone 1-0 e riapre incredibilmente il discorso qualificazione. Il primo tempo è molto tattico con il Giappone che fa la partita ma non è preciso nelle sue giocate in rapidità. La Costa Rica ribatte sfruttando la sua fisicità e mettendo apprensione su calci piazzati. L’azione più interessante si conclude con un tiro di esterno di Campbell che finisce alto. La prima frazione si conclude così senza grandi squilli.

Nella ripresa il Giappone cambia modulo e parte forte con Morita che va al tiro ma Navas è attento e respinge. La Costa Rica si chiude e i nipponici provano anche due punizioni pericolose dal limite a trovare il gol, senza successo. A sorpresa però a dieci minuti dalla fine è Fuller con un tiro a giro beffardo a battere Gonda e portare in vantaggio il Costa Rica. La Nazionale del sol levante risponde con Mitoma che mette in mezzo un pallone, ma Navas para il tiro a botta sicura dell’attaccante da centro area.

LE PAGELLE DEL GIAPPONE

Gonda 5: non è mai impegnato seriamente dagli attacchi del Costa Rica e conduce una partita attenta soprattutto nelle uscite alte. Rovina tutto però nel finale pasticciando sul tiro di Fuller.

Yamane 6: è bravo a contenere Campbell e lo tiene a bada anche con le cattive, ma questo non gli permette di proporsi in fase offensiva. (dal 62′ Mitoma 5,5: inserito come esterno a tutta fascia non trova i classici cross che lo contraddistinguono).

Itakura 6: è il regista difensivo della squadra ma non riesce a trovare l’imbucata per i fantasisti davanti. Per il resto tiene bene la linea senza problemi.

Yoshida 6: gioca di esperienza e anticipa con costanza Contreras non permettendo al Costa Rica di rendersi particolarmente pericoloso.

Nagatomo 6: il leader temperamentale del Giappone ha ancora energie per spingere sulla fascia sinistra. Fa una partita di grande dedizione anche se a volte pecca di precisione. (dal 46′ H. Ito 5,5: si piazza nei tre dietro e fa sentire la sua altezza imponente sui palloni alti. Troppo molle la sua opposizione nell’azione del gol).

Endo 6: lavora esclusivamente come interditore aiutando la difesa a mantenere una solidità importante.

Morita 5,5: è il motore della squadra e con continui inserimenti e conduzioni di palla crea imprevedibilità, diventando di difficile gestione per la difesa avversaria. Perde però il pallone sanguinoso per il gol avversario.

Doan 5,5: era l’uomo più atteso dopo il gol alla Germania ma viene ingabbiato dai forti difensori avversarie che non hanno lasciato spazio alle sue giocate. (dal 67′ J. Ito 6: entra per dare velocità ma non riesce a trovare la giocata decisiva per sbloccare il match).

Kamada 5,5: svaria su tutto il fronte d’attacco alla ricerca di palloni da gestire per organizzare le offensive della sua squadra ma viene spesso limitato.

Soma 6: il piccolo esterno giapponese è rapido e fa vedere buone cose anche se spesso sul più bello arriva l’errore. Lavora bene a sinistra con Nagatomo. (dal 82′ Minamino s.v.).

Ueda 5,5: offre sponde interessanti ai compagni ma alla squadra manca una punta vera e propria che sia presente in area di rigore. (dal 46′ Asano 6: il suo ingresso aumenta la pericolosità del Giappone e riesce ad andare al tiro anche un paio di volte).

 

LE PAGELLE DEL COSTA RICA

Navas 6,5: non compie interventi particolari ma gestisce bene la palla coi piedi. Attento sulla conclusione di Morita e poi salva il risultato nel finale.

Waston 6: molto aggressivo riesce a recuperare diversi palloni e a far ripartire la sua squadra con veemenza e rapidità.

Duarte 6: gara di buon posizionamento per l’ex Levante che capeggia la linea difensiva meglio di come avesse fatto con la Spagna.

Calvo 6,5: di testa le prende tutte e in occasioni sporadiche prova a portarsi anche in avanti per dare supporto alla scialba manovra della sua squadra.

Oviedo 5,5: alza il suo raggio d’azione per cercare il dialogo con Campbell, cosa che non avviene con grande successo e precisione.

Fuller 7: corre molto sulla fascia destra tenendo in apprensione il Giappone con la sua velocità. Il suo tiro sporco è quello che vale la vittoria.

Borges 5,5: è il regista storico della sua Nazionale ma si vede che i tempi di quando giocava in Spagna sono lontani. Risulta lento e prevedibile. (dal 89′ Salas s.v.).

Tejeda 6: buona la fase di interdizione di questo mediano che blocca le avanzate giapponesi, a volte anche con interventi rudi.

Torres 5,5: è giovane e corre molto cercando di avvicinarsi a Contreras ma col passare dei minuti deve abbassarsi per dare una mano in difesa. (dal 64′ Aguilera 5,5: poco brillante, fa pochissimi tocchi dal suo ingresso e non aiuta la squadra nella resistenza finale).

Campbell 5,5: si abbassa molto sulla fascia sinistra per cercare palloni giocabili ma non riesce ad incidere particolarmente nel match. (dal 95′ Chacon s.v.).

Contreras 5: è il riferimento offensivo ma non fa molto per ricevere palloni giocabili e viene annullato dalla difesa giapponese. (dal 64′ Bennette 5,5: è il gioiello più promettente della sua Nazionale ma anche oggi non ha la possibilità di mettersi in mostra).

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969