Connect with us
Preview delle italiane in Europa League

La nostra prima pagina

Preview delle italiane in Europa League

Pubblicato

:

Conclusa la prima tornata di Champions, è giunta l’ora della coppa europea considerata tra le due la meno blasonata, ovvero l’Europa League. Due le italiane impegnate in questa competizione – Milan e Lazio -, che tra infortuni, momenti di forma altalenanti e risultati che tardano a venir fuori si ritrovano davanti ad un nuovo cammino. Un percorso europeo.

LAZIO-APOLLON

Partiamo dalla Lazio, la prima delle due italiane a scendere in campo. L’appuntamento è alle 18.55 in uno Stadio Olimpico tutt’altro che gremito – attesi 20 mila spettatori -, forse “per colpa” di un avversario, con tutto il rispetto, non così tanto nobile.

Le aspettative di passaggio del turno da parte dei biancocelesti, in un girone composto da Eintracht, Marsiglia e Apollon oltre a loro, sono sopraelevate. Ma il tecnico Inzaghi, che sa benissimo che più in alto si vola sulle ali dell’entusiasmo e più potrebbe essere traumatica un’eventuale caduta, mantiene con i piedi per terra tutto l’ambiente biancoceleste:

“È la prima partita di quest’anno in Europa. Veniamo da una buona vittoria a Empoli ma sappiamo che in Europa è tutto un’altra musica: dall’intensità della gara al prestigio della stessa. Sarà un girone complicato, e chi pensa che non lo sia non ci sta dando rassicurazioni ma ci sta facendo del male, mettendoci addosso pressione”.

Pressione, la parola chiave che ha più volte ripetuto il tecnico della squadra capitolina. Un tipo di ansia che non avranno sicuramente i ciprioti che, coscienti dell’inferiorità a livello tecnico, punteranno tutto su un’organizzazione di squadra che ha permesso all’Apollon, negli ultimi anni, di raggiungere come tetto massimo in ambito europeo l’eliminazione ai gironi di Europa League – nel 2013/14 e 2014/15 -. Risultato poco nobile, penserete, ma che ha fatto sognare i tifosi di Limassol, una piccola isola nel Mar Mediterraneo.

Ciò che spaventa maggiormente la Lazio sono la costanza e la persistenza dei ciprioti, approdati ai gironi europei dopo essere partiti dal primo turno di qualificazione: ben 4 squadre affrontate, tra cui il Basilea, un avversario non da poco. Un lungo percorso quindi, che Inzaghi analizza come “un tragitto tanto doveroso quanto utile in termini d’esperienza per loro”.

Risultati immagini per lazio-apollon

Il calcio ha mille sfumature, un arcobaleno dalle migliaia di tonalità, ma alla fine l’ultima parola ce l’ha sempre il campo. È li che per 90 minuti si buttano gli occhi, tralasciando per un’ora e mezza classifiche, questioni di bilancio e discorsi di calciomercato. È per questo che se si vuole parlare di calcio, si deve parlare del terreno di gioco così come se si vuole citare il campo, bisogna ricorrere alle probabili formazioni.

Tempo di coppa europea e tempo di turnover. Non per snobbare la competizione, semplicemente per dare minuti a tutti i giocatori a disposizione. È quello a cui sta pensando Inzaghi: Badelj al posto di Leiva nel dettare i tempi di gioco; riposo per Milinkovic-Savic, Luis Alberto – al suo posto Correa -, Immobile – dovrebbe partire titolare Caicedo – così come per le fasce Lulic e Marusic, sostituiti rispettivamente da Durmisi e Basta.

In casa Apollon, invece, da segnalare l’asse argentino che garantisce garra e qualità: Sacchetti il mediano caparbio, Pereyra – soprannominato “El mago” -, un piccoletto da trequarti, fumantino e inventivo, uno a cui lasciare un metro non conviene e Zalaya, con il suo senso del goal fuori dalla norma.

DUDELANGE-MILAN

Zero partecipazioni prima d’ora in Europa League. Uno stadio di proprietà, ma da 4650 posti. Un misto tra professionisti ed operai che, a fine turno, vanno al campo per allenarsi. Un mercato fatto solo di prestiti a titolo gratuito. Basterebbero questi pochi, ma significanti, elementi per capire il divario tecnico-tattico tra le due squadre. Abissale, verrebbe da dire. Tutte considerazioni che Gattuso non vuole nemmeno sentire:

“Il Dudelange non va sottovalutato, gioca per la prima volta in Europa e quindi ha voglia di scrivere la storia. Sulla carta siamo più forti, ma serve attenzione e impegno per fare bene.”

Quell’impegno che metteranno di certo giocatori, dirigenti e tifosi della squadra lussemburghese, per rendere fiera, come se non l’avessero già fatto – il Dudelange è la prima squadra del granducato a essersi qualificata alla fase a gironi di una competizione Uefa – una cittadina di 17000 abitati in trepida attesa da settimane.

Risultati immagini per dudelange

Il leader è il portiere Joubert, la faccia nota è Bisevac, ex centrale della Lazio. Per i muscoli in mezzo Marc-Andre Kruska, ex Borussia Dortmund e U21 tedesca. Ciò su cui punteranno maggiormente è la mediana da guerra, con la quale hanno dato scacco matto al Cluj nei preliminari di Europa League.

Per quanto riguarda la formazione rossonera sarà ampio turnover. Il pareggio incassato domenica sul campo del Cagliari per 1-1 non ha scalfito l’umore di giocatori e allenatore, intenti a non ridimensionare in alcun modo gli obiettivi prefissati a inizio stagione. Che ci saranno parecchie rotazioni per la gara di stasera lo testimoniano le insistenti voci che danno Jose Mauri titolare in cabina di regia, affiancato da due mezzali del calibro di Bertolacci e Bakayoko e la partenza dal primo minuto di Castillejo sul versante sinistro, il quale dovrà convivere in attacco con Higuain e Borini. Out Suso, Bonaventura, Rodriguez e Musacchio, in un misto tra scelte tecniche e fisiche che Gattuso ha voluto riassumere così:

Cutrone ha provato ad allenarsi in gruppo ma ha ancora problemi alla caviglia e abbiamo preferito non portarlo. Gli altri sono rimasti a casa per fare un lavoro sulla velocità. Musacchio, invece, è stato due giorni fermo per scelta dello staff medico. Il resto è una scelta mia”.

L’Apollon per la Lazio ed il Dudelange per il Milan. Avversari certamente non proibitivi ma, anche in un mondo fisicamente sferico, la figuraccia è sempre dietro all’angolo.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash News

Lesione alla coscia per Kristensen: da stabilire i tempi di recupero

Pubblicato

:

Rasmus Kristensen Roma contrasto Pezzella Empoli

Per Rasmus Kristensen e per la Roma di Daniele De Rossi arrivano notizie poco rassicuranti dagli esami strumentali che il giocatore ha svolto nelle ultime ore. Il difensore di proprietà del Leeds United e in prestito al club della Capitale, infatti, è stato costretto a sottoporsi ad alcuni test per stabilire la vera entità dell’infortunio rimediato in occasione dell’ultima gara contro il Monza. Uscito dal terreno di gioco per favorire l’ingresso di Celik al minuto 27, il danese ha fin da subito accusato un problema al flessore sinistro che successivamente è stato confermato.

Come riportato dal portale d’informazione di Gianluca Di Marzio Pazzi di Fanta, infatti, Kristensen ha rimediato una lesione alla coscia sinistra dopo essersi sottoposto agli esami di routine. Per quanto siano note le sue condizioni fisiche non lo sono, però, i tempi di recupero che il giocatore dovrà osservare per tornare a disposizione della Roma e di Daniele De Rossi. Con molte probabilità questi verranno diffusi nel giro delle prossime ore. Intanto i giallorossi preparano la prossima partita della stagione, la quale li vedrà impegnati contro il Brighton in Europa League. L’incontro andrà in scena giovedì 7 marzo alle ore 18:45 allo stadio Olimpico di Roma e con certezza non sarà della partita Rasmus Kristensen.

Continua a leggere

Flash News

Ancelotti sul futuro: “Felice al Real Madrid, sono nel miglior club al mondo”

Pubblicato

:

Carlo Ancelotti, allenatore del Real Madrid

Il Real Madrid di Carlo Ancelotti si avvicina al prossimo impegno stagionale che li vedrà scendere in campo contro i tedeschi del Lipsia nel match di ritorno degli ottavi di finale di Champions League. I Blancos si presentano alla gara di domani, con fischio d’inizio previsto per le 21:00 al Santiago Bernabeu, dopo l’incredibile beffa subita nel massimo campionato spagnolo e in particolare nei minuti finali della trasferta contro il Valencia. Ciononostante il distacco con il Girona è di sette punti, mentre in campo europeo è tempo di confermare quanto di buono fatto in Germania nella gara d’andata. Vinicius e compagni, infatti, godono di un gol di vantaggio sui biancorossi.

Alla vigilia dell’importante incontro Carlo Ancelotti è intervenuto in conferenza stampa per presentare e analizzare quello che sarà lo step decisivo per il passaggio del turno. E tra le diverse dichiarazioni l’allenatore del Real Madrid si è lasciato andare anche con parole al miele nei confronti del club spagnolo dopo una domanda che chiedeva una riflessione sulla felicità e sulla sofferenza nel mondo del calcio, sciogliendo i dubbi che da tempo lo vedono lontano dal club della capitale:

ANCELOTTI SUL REAL MADRID“Mi piace il mio lavoro e ancor di più il Real Madrid. Penso che sia il miglior club per fare questo lavoro”.

Dopo aver rinnovato fino al 30 giugno del 2026, dunque, il tecnico italiano non ha esitato a elogiare l’operato del club con cui è legato da un contratto, il quale potrebbe portargli la sua quinta Champions League (la terza da guida del Real Madrid).

Continua a leggere

Flash News

Weekend complicato per gli arbitri: anche Ayroldi verso la sospensione dopo Inter-Genoa

Pubblicato

:

L'arbitro Ayroldi ammonisce Frendrup del Genoa vicino a Barella dell'Inter

Una decisione prevedibile, quella presa dal designatore arbitrale Gianluca Rocchi in merito ai fatti di InterGenoa. Stando a quanto riferisce Sky Sport, il fischietto pugliese Giovanni Ayroldi verrà sospeso in seguito alla decisione di assegnare il calcio di rigore (generoso) ai nerazzurri per il contatto tra Frendrup e Barella.

Con questa vittoria, la squadra di Simone Inzaghi allunga ancor di più il vantaggio sulla Juventus. Un +15 che, a undici giornate dal termine del campionato, sembra mettere una seria ipoteca sulla vittoria dello Scudetto. Solo l’aritmetica mantiene ancora a galla le inseguitrici dalla conquista della seconda stella nerazzurra.

L’EPISODIO

Oltre alla questione legata al fischio del direttore di gara, arrivato col pallone già fuori, il giocatore del Genoa aveva ostacolato il centrocampista azzurro solo dopo che questi aveva calciato la sfera. Oltre alla scelta discutibile, che ha poi scaturito il 2-0 della Beneamata, Ayroldi non avrebbe convinto nella conduzione nell’arco dell’intero incontro. Tema di discussione, infatti, è stata anche l’ammonizione per presunta simulazione, assegnata a Lautaro Martinez.

La 27ª giornata di Serie A ha sancito ulteriori verdetti relativi all’operato degli arbitri: dopo Di Bello e Marchetti, dunque, Ayroldi chiude il quadro negativo della settimana della sezione arbitrale della massima serie italiana.

Continua a leggere

Flash News

Stagione finita in anticipo per Dia dopo Udine: ieri confronto acceso con Iervolino

Pubblicato

:

Boulayé Dia, attaccante della Salernitana

Boulaye Dia è il grande protagonista di quanto successo nei minuti finali della partita di sabato tra l’Udinese e la Salernitana, quando al minuto 82 l’attaccante senegalese si è rifiutato di scendere in campo per aiutare i compagni. Una sorta di gesto di ribellione quello a cui tutti hanno assistito e che molto probabilmente è dovuto alla mancata titolarità dello stesso in occasione del match interno contro il Monza. Tutto quanto, però, non è andato giù al presidente del club campano Danilo Iervolino, il quale – come riportato da Il Mattino – nella giornata di ieri avrebbe raggiunto la squadra scortato dalla security privata e dalle forze dell’ordine per un confronto.

Oltre ad aver avuto un colloquio con Fabio Liverani, il numero uno della Salernitana avrebbe fatto la voce grossa ai componenti della rosa per i risultati ottenuti finora e per una retrocessione sempre più inevitabile. Infine, si sarebbe rivolto a Dia dopo l’accaduto di Udine riferendogli che da qui fino al termine della stagione non scenderà più in campo.

Il giocatore potrà continuare ad allenarsi allo stesso orario e nello stesso giorno del resto della squadra, ma dovrà farlo separatamente. Inoltre Iervolino starebbe pensando di dimezzare il suo stipendio e di risparmiare circa 316 mila euro. Di seguito anche le parole del confronto tra i due riportate da Tuttosalernitana:

IERVOLINO A DIA“Abbiamo investito tanto su di te, abbiamo speso soldi e Salerno ti ha accolto alla grande. È stato un tradimento, da ora non farai più parte della squadra”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969