Connect with us
Pronostico Man Utd-Man City, statistiche e consigli per la partita

Calcio Internazionale

Pronostico Man Utd-Man City, statistiche e consigli per la partita

Pubblicato

:

Pronostico Man Utd-Man City

PRONOSTICO MAN UTD-MAN CITY – Sarà un pranzo rovente quello che la città di Manchester vivrà questo sabato. In programma quella che per molti da quelle parti non è una semplice partita, ma è uno snodo fondamentale nel percorso dell’intera stagione: il Derby tra le due facce della città, tra quella a tinte rosse e quella azzurra. Alle 13.30 italiane andrà in scena l’aspettatissimo match tra il Manchester United e i “cugini” del Manchester City. Gara che, oltre che per l’accesa rivalità tra le due compagini, potrebbe risultare determinante per le sorti della stagione 2022/23 di Premier League.

COME ARRIVA IL MANCHESTER UNITED

I Red Devils sono nel bel mezzo della lotta per assicurarsi un piazzamento Champions. Gli uomini di Erik ten Hag hanno tutte le carte in regola per raggiungere il principale obiettivo fissato a inizio stagione, ma la concorrenza è parecchio folta. Sono infatti diverse le squadre che al momento possono realmente competere per un posto tra le prime quattro forze del campionato, con il Manchester United costretto a fare a gomitate con club affermati e sorprese dell’ultima ora. Oltre ad Arsenal e Manchester City, che stanno vivendo un campionato quasi a parte, bisognea fare attenzione al Tottenham di Conte nonché al Newcastle, vera rivelazione del torneo, attualmente sul terzo gradino del podio. Il Liverpool appare un po’ defilato ma alla lunga potrebbe essere insidioso, occhio anche all’esuberante Fulham che dopo aver abissato il Chelsea ha iniziato a far capolino verso le zone di classifica dal profumo europeo.

Il Manchester United tuttavia non ha alcuna intenzione di rimanersene a guardare. La forma della squadra è eccellente e i numeri confermano lo stato di grazia in cui si trova la rosa di ten Hag. Dal ritorno del calcio per squadre di club dopo la parentesi di Qatar2022, i Red Devils hanno vinto tutti gli incontri disputati, segnando 15 reti e subendone soltanto una nel match di FA Cup contro l’Everton. Una media assolutamente invidiabile di 2,5 gol a partita, per una formazione completamente rigenerata e adesso trascinata da un eccezionale Marcus Rashford, tornato dai Campionati Mondiali con uno spirito ed una voglia completamente nuova.

COME ARRIVA IL MANCHESTER CITY

Dall’altra parte del campo gli avversari non sono di certo gli ultimi arrivati. Il Manchester City di Pep Guardiola è universalmente riconosciuta come una delle squadre più forti e pungenti dell’intero panorama calcistico, la classica formazione che ai nastri di partenza parte con l’intenzione di far piazza pulita e di mettere le mani su tutti i trofei possibili.

Con una rosa a disposizione sempre più competitiva e completa, arricchita la scorsa estate dagli arrivi di Julian Alvarez e soprattutto Erling Haaland, i Citizens partivano da super favoriti nella corsa per il titolo di Campione d’Inghilterra. Al momento la vetta dista appena 4 punti, non tanto per mancanze della squadra campione in carica, ma più per meriti di un Arsenal fin qui strepitoso. La corsa è ancora lunga, ma una vittoria nel Derby alzerebbe il morale del City alle stelle e soprattutto li porterebbe ad una singola misura dai Gunners, impegnati domenica nel delicato match contro il Tottenham.

I PRECEDENTI

PRONOSTICO MAN UTD-MAN CITY – La sfida tra le due fazioni della città di Manchester giungerà sabato alla sua 130esima edizione assoluta. Un traguardo non da poco, che suggella le profonde radici su cui si fonda l’incandescente rivalità tra i club. Lo storico pende nettamente dalla parte del Manchester United, che con 55 vittorie, 33 pareggi e 41 sconfitte fissa il dominio dei Diavoli Rossi sulla città. Tuttavia nelle ultime stagioni il trend sembra essersi invertito. Partendo dalla stagione 2016/17, che vide l’esordio di Guardiola alla guida del Manchester City, sono ben 9 le vittorie dei Citizens a fronte delle 6 dello United, a cui si sommano i due pareggi – entrambi per 0-0 – per andare a completare le statistiche dei 17 incontri complessivi in tutte le competizioni domestiche.

L’ultima volta in cui le due squadre si sono affrontate è stato lo scorso 2 ottobre, in occasione della 9° giornata di Premier League. Davanti ad una platea di oltre 53mila tifosi, il Manchester City si portava a casa il titolo di sovrano della città al termine di un pirotecnico 6-3. Grandi fautori dell’onda distruttrice azzurra furono Phil Foden e il solito Erling Haaland, entrambi autori di una tripletta. Un gran gol di Antony e la doppietta di Martial hanno ridotto il passivo, non rendendo tuttavia il boccone meno amaro per i tifosi dei Red Devils. Una sconfitta pesantissima, che dalle parti di Old Trafford non potranno mai dimenticare.

PRONOSTICO MAN UTD-MAN CITY

Un derby è sempre difficile da pronosticare. In questo tipo di gare, a prescindere dallo stato di forma delle due compagini, dall’umore dei protagonisti e dalle voci dentro e fuori il campo, dopo il fischio d’inizio tutto si ferma, tutto viene dimenticato. L’unico giudice è lui, il pallone, esente da ogni sorta di freddo calcolo, non regolato da un assioma scientifico.

Tuttavia, al netto dei precedenti e dello straripante ritorno al gol del Manchester United (le doti prolifiche del City sono ben note), la nostra sensazione è quella che vedremo un match ricco di azioni offensive, con continui ribaltamenti di fronte e numerose occasioni di gol. Dunque il nostro pronostico sul tanto atteso Derby di Manchester è quello dell’interessante combo GOAL + OVER 2.5, dato dai bookmakers a 1.85. Le due squadre, così come già visto all’andata, non si tireranno indietro e pur di trovare nuove strade per la porta avversaria tenderanno a lasciare molto spazio. Ed ecco che entrambe avranno l’occasione di andare in rete, ma non si accontenteranno di certo di un pareggio con una rete per parte. Tutti spingeranno l’acceleratore al massimo perché il Derby è più di una semplice partita, e vista l’attuale classifica esso avrà un peso specifico immenso nel raggiungimento degli obiettivi stagionali delle due compagini.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Barcellona-Siviglia 3-0, le pagelle: Raphinha MVP, male l’ex Rakitic

Pubblicato

:

Raphinha

Allo Spotify Camp Nou, il Barcellona vince per 3-0 contro il Siviglia. Una vittoria sofferta per i blaugrana: gli uomini di Sampaoli si sono organizzati alla grande difensivamente. Muro andaluso che è caduto al 58′, quando Kessiè ha servito un gran pallone per Jordi Alba, che ha sbloccato la partita. Da lì è stato tutto in discesa per i catalani, che hanno segnato anche il 2-0, al 70′ con Gavi su assist di Raphinha. Il brasiliano poi si è regalato anche la gioia del gol al 79′, servito da Jordi Alba, diventando il man of the match della sfida. Questa è una vittoria importante per gli uomini di Xavi, perché gli permette di blindare ancor di più la testa della classifica, volando a +8 sul Real Madrid secondo: i Blancos hanno perso contro il Maiorca.

LE PAGELLE DEL BARCELLONA

Ter Stegen 6: assiste da spettatore non pagante alla partita: gli avversari non hanno creato occasioni pericolose.

Koundé 7: uno degli ex della partita. Fa una super-partita difensivamente, ma non disdegna spunti offensivi: spinge dall’inizio alla fine.

Araujo 7: determinante. Il difensore uruguaiano è il comandante della difesa, e si è reso pericoloso anche in fase offensiva con un colpo di testa a lato (80′ Marcos Alonso s.V.).

Christensen 6: partita solida del difensore del Barcellona, ordinato e pulito negli interventi.

Jordi Alba 6.5: entra tardi in partita. Forse commette qualche errore non da lui, ma rimedia con il gol del vantaggio blaugrana e con l’assist per il gol del 3-0 di Raphinha (83′ Alex Balde s.V.).

Pedri 6: partita di alti e bassi. Più bassi che alti nel primo tempo. Nel secondo tempo cresce.

Busquets s.V. (8′ Kessie 7: entra bene in partita, dando il suo apporto alla causa con il pallone servito a Jordi Alba al 58′).

De Jong 6.5: una partita senza errori si, ma si vede notevolmente la differenza tra lui e Busquets in cabina di regia. Nel primo tempo, non riesce a creare situazioni in grado di far male alla difesa del Siviglia. Nel secondo è un metronomo, ed il Barcellona inizia ad attaccare seriamente.

Raphinha 7.5: attivo nella manovra offensiva, ma molto impreciso nei passaggi nel primo tempo. Nel secondo tempo è tornato l’assistman di sempre, servendo Kessiè nell’occasione del gol di Jordi Alba e Gavi in occasione del 2-0 dei blaugrana. (83′ Ferran Torres s.V.). 

Lewandowski 7: da solo ha creato pericoli per Bounou e tutta la sua difesa nel primo tempo. Nel secondo tempo, invece, ha lasciato da parte il suo istinto da killer d’area, lavorando per costruire azioni da gol per la sua squadra.

Gavi 6.5: un primo tempo sottotono per lui. Nel secondo si riprende, fino alle rete segnata al 70′, la prima da maggiorenne. Un grande modo per festeggiare il rinnovo firmato pochi giorni fa. (80′ Ansu Fati s.V.). 

All. Xavi 7: il suo Barcellona cerca di creare occasioni, facendo un grande possesso palla e tenendo di conseguenza un grande ritmo, ma non riesce a finalizzare o a fare il passaggio decisivo per il finalizzatore per buona parte di gara (si è sentita la mancanza di Busquets infatti). Ha subito tantissimo il gioco difensivo di Jorge Sampaoli, fino al gol dei suoi, che ha mandato in bambola il Siviglia.

LE PAGELLE DEL SIVIGLIA

Bounou 6.5: con le sue parate, ha salvato finchè ha potuto, il Siviglia.

Montiel 6: partita tutto sommato sufficiente, ma avrebbe potutuo osare di più.

Badé 5.5: non male la prima con la nuova maglia, fino al 58′: il difensore si perde Jordi Alba, che conclude liberamente a rete.

Gudelj 6: da segnalare quanto sia stato fondamentale al 16′ per salvare il Siviglia dal gol di Robert Lewandowski. Devia il pallone sui piedi di Bounou che fa una parata strepitosa.

Rekik 6: anche per il difensore olandese è stata una partita solida, ma in crescendo: ha molte difficoltà ad inizio partita.

Acuna 6: usa molto il fisico per difendere il pallone, commettendo qualche fallo. Cala con il passare dei minuti (65′ Ocampos s.V.). 

Oliver Torres 5.5: non riesce a entrare in partita, visto anche l’approccio difensivo dei suoi compagni. Bravo però a fare il lavoro sporco in fase di recupero palla, anche se non riesce mai a completare queste azioni perchè fermato (45′ Bryan Gil 5.5: a parte un’azione da solista dopo il gol subito dalla sua squadra, fa poco).

Jordan 5: sottotono insieme ai compagni di reparto. Dopo il gol del Barcellona non riesce, come tutta la squadra, a dare una reazione.

Rakitic 5: partita incolore, il grande ex di giornata non colpisce al Camp Nou.

Gueye 5.5: si spende molto in fase difensiva, in avanti crea pochi pericoli (83′ Fernando s.V.).

En-Nesyri 5: spento. L’attaccante soffre la morsa della retroguardia blaugrana, da cui non riesce a uscire (45′ Lamela 5: non riceve palloni giocabili, anche da lui ci si aspetta di più).

All. Sampaoli 5: imposta la sfida sulla difensiva: riesce ad organizzare la sua difesa in modo tale che il Barcellona a gestire il possesso, cercando di fare male in ripartenza. Dal 58′ i suoi piani crollano: il Barcellona segna il gol del vantaggio. La sua squadra non riesce a rialzarsi, anzi: i blaugrana segnano altri due gol e l’esito finale è un pesante 3-0.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

La coppia Icardi-Mertens guida il Galatasaray: 2-1 e allungo sul Fenerbahce

Pubblicato

:

Icardi

Nelle ultime ore è arrivata la notizia di un possibile approdo di Nicolò Zaniolo al Galatasaray, ma nel frattempo la squadra giallorossa continua a vincere grazie ai due bomber ex Serie A. Nella partita odierna contro i campioni in carica del Trabzonspor, sono stati proprio Mauro Icardi e Dries Mertens a portare il Galatasaray alla vittoria per 2-1. Con questa vittoria, la squadra di Buruk allunga a +9 sul Fenerbahce secondo in classifica. Con la rete di oggi Icardi sale a 9 reti in Super Lig, mentre per il belga ex Napoli si tratta della quarta rete in campionato: adesso i due attendono l’arrivo di Zaniolo per completare il tridente di stampo “italiano”. 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Tottenham-Manchester City 1-0, le pagelle: Kane nella storia, Rodri un disastro!

Pubblicato

:

kane

Finisce 1-0 la grande sfida di questa domenica pomeriggio tra Tottenham e Manchester City. La squadra di Guardiola perde una grande occasione per potersi avvicinare alla vetta, occupata momentaneamente dall’Arsenal. Il Tottenham strappa invece 3 punti molto importanti per la zona Champions League, dopo aver disputato una grande partita, vincendo grazie al gol di Kane nel primo tempo.

Inizia subito forte il Manchester City, l’atteggiamento della squadra di Guardiola è giusto, cattiveria, pressione e grande possesso palla, con il Tottenham che difende basso. Al 14′ minuto però cambia il parziale: errore in impostazione da parte di Rodri che non riesce a trovare Lewis, ne approfitta Hojbjerg che era in pressione, scarica la palla per Kane che davanti a Ederson è freddo e porta avanti il Tottenham. I padroni di casa cambiano totalmente atteggiamento, mettendo grande pressione al City che non riesce più ad avere il controllo della partita. Nel finale di primo tempo grande occasione per Mahrez che va a un passo dal pareggio dopo l’assist di Grealish, ma il tiro si stampa sulla traversa.

Nel secondo tempo il City ha una grandissima occasione con Julian Alvarez per pareggiare al minuto 67′, ma Dier impedisce alla squadra di Guardiola di trovare il gol. Nonostante un buon possesso di palla del City, gli Spurs ripartono sempre molto bene e creano molte occasioni da gol, facendo molto male alla difesa.

LE PAGELLE DEL TOTTENHAM

Lloris 6: non deve mai intervenire durante la partita, non viene quasi mai impensierito dagli attaccanti avversari.

Romero 5: partita quasi perfetta la sua, ordinata e in controllo contro il super attacco del City, ma viene rovinata dalla doppia ammonizione e di conseguenza espulsione all’86’ che lascia il Tottenham in 10 negli ultimi minuti.

Dier 7: oggi davvero un muro. Insieme al suo compagno di reparto Romero non fanno quasi mai toccare palla ad Haaland, e con un grande posizionamento riesce ad impedire ad Alvarez di fare gol. Prestazione di grandissimo livello.

Davies 6.5: in fase difensiva non fa passare nulla, molto utile anche nell’altra metà campo, con belle sovrapposizioni che aiutano l’attacco degli Spurs.

Emerson 5.5: soffre gli attacchi di Grealish che durante la partita lo punta molte volte. In fase di attacco riesce a disputare una buona partita servendo ottimi palloni per i suoi compagni.

Hojbjerg 7: uno dei migliori in campo: a centrocampo intercetta tutti i passaggi del City, ricopre tutti gli spazi e non permette nessuna ripartenza alla squadra di Guardiola. Suo l’assist che porta il Tottenham in vantaggio.

Bentancur 6: grande sicurezza con la palla tra i piedi, finisce la partita facendo il suo senza sbagliare troppo.

Perisic 5.5: non la sua miglior partita, non trova quasi mai il ritmo giusto e a differenza degli altri suoi compagni è fuori dalla partita, a volte sconnesso. (dal 78′ Sessegnon s.v.).

Kulusevski 6.5: sulla fascia destra fa venire un gran mal di testa al povero Akè. Punta sempre l’uomo, salta con facilità la difesa del City. Partita di grande quantità e di grande qualità per l’ex juventino, completamente rinato con l’arrivo di Conte. (dall’ 88′ Sanchez s.v.)

Son 6.5: esce tra gli applausi del suo pubblico. Altra prestazione di altissimo livello per l’esterno coreano che in mezzo al campo, grazie alle sue incursioni, riesce a dare sempre fastidio alla difesa del City. (dall’84’ Bissouma s.v.)

Kane 7: segna il gol numero 200 in Premier League e diventa il miglior marcatore della storia del Tottenham superando Jimmy Greaves. Quando ha la possibilità fa sempre male, gestisce bene tutti i palloni. Prestazione fantastica per l’attaccante inglese.

All.Stellini 7: in panchina c’è lui vista l’assenza di Conte. La partita del Tottenham è di grande sacrificio e di grande lotta, vincono molti contrasti e giocano una super partita a livello di intesità di gioco. Battere il City non è sicuramente facile, ma riescono a portare a casa 3 punti molto importanti per la classifica.

LE PAGELLE DEL MANCHESTER CITY

Ederson 6: incolpevole sul gol subito, riesce a chiudere la porta su Kane dopo una grande azione del Tottenham.

Lewis 6: inizia la partita da terzino sinistro, ma durante la partita viene in mezzo al campo a ricoprire il ruolo di centrocampista. Bene a livello di gestione dei palloni, fa muovere l’attacco del City.

Walker 5.5: spinge meno del solito sulla fascia destra. Anche lui come i suoi compagni di reparto ha difficoltà nel contenere le frecce di Antonio Conte.

Akanji 5.5: sottotono anche lui quest’oggi. Davanti ha uno degli attaccanti più forte del mondo. Va spesso in confusione e non riesce ad arginare l’uragano durante la partita.

Akè 5: non riesce quasi mai a contenere Kulusevski, perde molti duelli aerei contro Kane e non da quasi mai la sensazione di esser affidabile. Partita da rivedere per il giovane difensore.

Rodri 4.5: partita horror per lo spagnolo. E’ suo l’errore che porta il City in svantaggio. Nel corso della partita non migliora mai la sua situazione e finisce facendo un errore dopo l’altro.

Bernardo Silva 5.5: ci prova soprattutto nel primo tempo con qualche accelerazione delle sue. Viene sostituito nel finale da Guardiola. (dall’84’ Gundogan s.v.).

Grealish 6: prova molto spesso a puntare l’uomo, riuscendoci più volte. Perde la testa in qualche occasione, ma è stato uno dei migliori in campo per il City.

Mahrez 6: nel finale di primo tempo sfiora il pareggio con un gran tiro che si stampa sulla traversa. Nel primo tempo è uno di quelli più vivaci in fase offensiva. (dal 59′ De Bruyne 6.5: nonostante sia entrato nel corso del secondo tempo, il suo ingresso in campo da un pò di linfa ai suoi compagni. Giocate di grande livello, ma non riesce a cambiare il risultato della partita).

Haaland 5: non il solito Haaland, non la sua partita. Viene servito poco dai compagni, non riesce ad incidere in nessun modo nella partita.

Alvarez 6.5: dopo un primo tempo difficile, riesce a trovare la giusta posizione nel secondo tempo. Sono sue le occasioni migliori del City. Con grande qualità gestisce nel migliore dei modi tutti i palloni e va ad un passo dal pareggio.

All.Guardiola 5: questa era una grande occasione per accorciare in classifica, ma perde ancora una volta contro il Tottenham. Da quando è nato il nuovo stadio degli Spurs, ha registrato ben 4 sconfitte su 4 partite. Il City non gioca come al solito, e ora si trova a -5 dall’Arsenal.

 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Aubameyang ai margini del Chelsea, il Milan pensa ad un suo ritorno

Pubblicato

:

Dove vedere Chelsea-Bournemouth

Dopo l’ultima campagna acquisti faraonica, il Chelsea si ritrova con diversi esuberi in rosa, pronti a trovare una nuova sistemazione in vista della prossima stagione. Tra i giocatori entrati ormai nella lista degli esuberi eccellenti dei Blues c’è Pierre-Emerick Aubameyang, che ha provato a lasciare Londra già in questa sessione, ma senza riuscirsi. In ottica futura per l’attaccante gabonese spunta anche il clamoroso ritorno in Italia, sponda Milan, dove Aubameyang è cresciuto nelle giovanili.

AUBAMEYANG IN USCITA DAL CHELSEA, IL MILAN RIFLETTE SUL RITORNO

Ad alimentare le voci su un possibile ritorno al Milan di Aubameyang ci hanno pensato vari tabloid inglesi, che hanno parlato del viaggio a Milano dell’attaccante mentre il Chelsea affrontava il Fulham. Potter però ha spento qualsiasi polemica, specificando come il gabonese avesse ottenuto un permesso per il weekend poiché non sarebbe stato impiegato nel match dei Blues.

I rossoneri starebbero pensando all’ipotesi remota del ritorno di Aubameyang, ma l’ostacolo principale resta l’ingaggio dell’attaccante, che percepisce oltre dodici milioni di euro netti. Qualora si abbassassero sensibilmente le pretese di Aubameyang, il Milan potrebbe riflettere su un suo ritorno.

L’attaccante gabonese permetterebbe anche a Giroud di rifiatare maggiormente, anche perché la carta d’identità del francese si fa sentire, e perché il futuro di Ibrahimovic è in bilico. Al momento è solo un’idea, ma da giugno in poi potrebbe cambiare lo scenario qualora Aubameyang aprisse al ritorno al Milan.

 

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969