Connect with us

Calciomercato

Quando Drogba e Falcao furono ad un passo dalla Juventus

Pubblicato

:

La Juventus, in passato, fu vicinissima a due straordinari attaccanti come Didier Drogba e Radamel Falcao. In questo articolo vi narriamo, nel dettaglio, i retroscena di quelle trattative. 

DROGBA-JUVENTUS NON S’HA DA FARE

“Cristiano Ronaldo alla Juventus? La trovo una scelta perfetta, eccitante, talmente giusta che stavo per farla io. Mancavano i dettagli poi tutto è evaporato e non state a chiedermi della squadra, è inutile riaprire il capitolo. Tornando a CR7, il Real Madrid è una squadra gigante, con ambizioni sempre da massimi livelli, ma lui è uno che si nutre di motivazioni e soprattutto a quell’età servono nuove sfide. Trova un campionato in crescita, ci è tornato anche il mio amico Ancelotti, va in un club serio e pronto a grandi traguardi. In Serie A mancano le stelle, l’idea di poter essere l’uomo che fa fare il salto di qualità toglie a Ronaldo altri due anni!”

Con queste dichiarazioni, Didier Drogba, qualche mese, fa ritornava sui suoi trascorsi quando, effettivamente, fu davvero vicino a Madama in più sessioni di mercato.

La più lontana in ordine di tempo? Estate 2012: per l’ivoriano alla Juventus è pronto un contratto biennale da 5 milioni a stagione più bonus, ma il ragazzo tentenna: ha appena chiuso il suo percorso a Londra con il trionfo in Europa ed il ricchissimo contratto cinese non può essere messo da parte così agevolmente. No, grazie.

La seconda chance di acquistare il campione d’Europa si ripresenta pochi mesi dopo: è gennaio 2013 e la Juventus necessita di un attaccante da inserire in rosa per aggiungere, magari, pepe alla propria avventura europea: l’identikit è sempre quello dell’ex-Chelsea ma a sbarcare a Torino è un altro giocatore; di ruolo fa l’attaccante, è di colore ed ha giocato per anni nel Chelsea, ma non è Didier Drogba. Si tratta di Nicolas Anelka che, a Torino, lascerà – in sei mesi – nient’altro che un ricordo sbiadito. Antonio Conte lo utilizzerà con il contagocce, tanto da far domandare ai propri tifosi se l’acquisto del ragazzo fosse stato condiviso o meno dall’allenatore.

L’ex tecnico della Juventus in merito alla possibilità di ingaggiare l’ivoriano affermerà:

“Drogba è un grande giocatore, un trascinatore vero. Ma di mercato dovere parlare con Marotta…”

E, interpellato, l’ex AD bianconero replicherà:

“Drogba? Si fanno sempre dei sondaggi e noi lo abbiamo fatto. Abbiamo registrato la sua disponibilità, dopo va verificata la compatibilità economica e poi si va dall’allenatore”.

Nonostante molti dessero l’operazione come in dirittura di arrivo – con tanto di cifre nel dettaglio – la trattativa non decollò mai e la Juventus, forse non convinta dall’esborso economico o dalle motivazioni dell’attaccante decise di fare a meno di affondare il colpo. In quel periodo dell’anno, dopotutto, i bianconeri prenotavano Fernando Llorente, decisamente più giovane ed affamato e simile per caratteristiche fisiche al puntero della Costa d’Avorio.

Si vocifererà, poi, nell’estate 2014 di un ulteriore interessamento della Juventus per il ragazzo che, nel frattempo, aveva appena salutato ufficialmente il Galatasaray all’età di 36 anni; i bianconeri, però, questa volta sono meno convinti che mai e la trattativa, probabilmente, rimane solo sui giornali. Drogba-Juventus è un matrimonio che non s’ha da fare.

LA SCELTA ERRATA

Il caso Radamel Falcao-Juventus, invece, è una telenovela meno celebre ma pur sempre reale. Il colombiano – nonostante un faraonico stipendio – conviveva con un consueto mal di pancia di mercato nel principato di Monaco che, abbinato ad un pesante infortunio, lo rendeva triste e desideroso di una nuova avventura all’estero. La società bianconera fiuta il colpo e propone all’AS Monaco un prestito oneroso (8 milioni circa) ed un sostanzioso ingaggio di oltre 6 milioni di euro netti ad El Tigre.

La trattativa procede spedita e sembra poter giungere ad un lieto fine quando, come un fulmine a ciel sereno, il Manchester United si fionda sul tavolo delle trattative con la convinzione ed il portafoglio di chi ha la consapevolezza di poter condurre i negoziati ad un esito positivo. La proposta economica fatta al ragazzo, inoltre, supera di molto quella della Juventus e così, il colombiano, conteso da due club storici opta per i più ricchi Red Devils coi quali, però, l’avventura si rivelerà breve e tutt’altro che indimenticabile. Poco male per la Juventus che, in quella stagione, farà quasi en plein di titoli, anche senza l’aiuto del centravanti della Colombia. Chissà, però, se con un Falcao in più le cose non carebbero andate diversamente, quell’anno: magari ne avrebbe giovato anche la carriera del giocatore che, dopo la parentesi United non è più tornata ad essere brillante come una volta.

Rimarranno gli interrogativi. E i messaggi. Come quello che Radamel scrisse a Beppe Marotta dopo aver declinato la proposta bianconera per abbracciare quella inglese:

“Grazie di tutto. Sarebbe stato un onore per me giocare nella Juventus, magari potrà accadere in futuro”.

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Rebus attaccante per la Lazio: Taremi troppo costoso

Pubblicato

:

Lazio

La Lazio è alla ricerca di un attaccante centrale che sia in grado di far rifiatare Immobile, che rientrerà dall’infortunio dopo la sosta. Negli ultimi giorni era spuntato il nome di Taremi, ma il costo dell’attaccante iraniano è considerato troppo alto secondo Lotito. Il trentenne del Porto ha una valutazione di 20 milioni e ha un contratto in scadenza nel 2024, ma a quanto pare la Lazio non affonderà il colpo dato l’indice di liquidità ancora in negativo. Per soddisfare le richieste di Sarri sarà quindi necessario vendere prima di tesserare nuovi calciatori, limitando molto le possibilità di mercato dei biancocelesti.

Continua a leggere

Calciomercato

La Roma blinda Pisilli: rinnovo fino al 2026

Pubblicato

:

Dybala

Arriva un rinnovo importante in ottica futuro per la Roma. Secondo il noto giornalista Nicolò Schira, il giovane talento Niccolò Pisilli, classe 2004, ha prolungato il suo contratto fino al 2026.

Per il  giovane centrocampista italiano, che al momento milita ancora in primavera, si prospetta un futuro tutto giallorosso. 

Continua a leggere

Calciomercato

La Premier preoccupa l’Empoli: sirene per De Winter

Pubblicato

:

Empoli

Nonostante abbia collezionato solamente 8 presenze con l‘Empoli di Zanetti quest’anno, Koni De Winter ha già attirato molto interesse di alcuni club esteri. Il calciatore belga, classe 2002, arrivato quest’estate in prestito secco dalla Juventus nelle partite in cui ha giocato ha dato prova della sua sicurezza e buona personalità.

GLI OCCHI DELLA PREMIER SU DE WINTER

De Winter, che non aveva mai esordito prima di questa stagione in Serie A, grazie a questa positiva prima parte di stagione, riferisce il Corriere dello Sport, ha visto crescere  il suo valore di mercato. Su di lui ci sarebbero l’interesse forte di West Ham e Southampton, anche se la Juventus ha molta fiducia nel giovane difensore belga tanto che prima del passaggio all’Empoli gli ha rinnovato il contratto fino al 2026 e in estate tornerà a sicuramente a Torino. 

Solo a fine stagione, capiremo se De Winter sarà confermato dalla società bianconera o se sarà oggetto di trattive estive di mercato.

 

Continua a leggere

Calciomercato

Udinese, Pereyra può essere ceduto: Sabiri come sostituto?

Pubblicato

:

Pereyra

Roberto Pereyra è uno dei giocatori di maggiore qualità dell’Udinese di Sottil e l’ha ampiamente dimostrato in questo inizio di stagione, mettendo a segno una rete e servendo quattro assist. Proprio per questo la sua permanenza in bianconero è tutt’altro che certa. Tra le squadre interessate ci sarebbero la Fiorentina e il Bologna, che potrebbero prenderlo già a gennaio, senza aspettare la scadenza del contratto a fine stagione. Il primo nome per sostituire il fantasista argentino sarebbe quello di Sabiri della Sampdoria, attualmente impegnato al Mondiale con il suo Marocco. L’Udinese avrebbe già avviato i contatti con la squadra ligure in modo da non farsi trovare impreparata in caso di cessione di Pereyra.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969