Connect with us
Quando la Brexit divide anche il mondo del calcio

Flash News

Quando la Brexit divide anche il mondo del calcio

Pubblicato

:

La Brexit si ripresenta sul banco degli imputati in questi giorni di fuoco in Inghilterra dove si pensa ad un nuovo referendum per decidere una volta per tutte quale linea tenere nei confronti dell’uscita dal campo europeo. La politica, come noto, ha da sempre uno stretto legame con il mondo dello sport e ancor più con quello del calcio, con calciatori schierati politicamente e gesti memorabili messi in mostra sui campi di tutto il mondo. In questo caso, Politico.eu ha raccolto i pareri di stelle del calcio britannico e non schierando due formazioni dal nome “Remain United” vs “Real Leave”, lasciando a un’ipotetica partita di calcio l’onere di una scelta politica che sta dividendo la Gran Bretagna e il mondo.

REMAIN UNITED

Allenatore? Ovviamente Jurgen Klopp, il quale al Guardian ha dichiarato che l’Unione Europea è la migliore idea che abbiamo mai avuto, anche se cond difetti. La difesa, oltre ai noti schierati Rio Ferdinand e Jamie Carragher, vede Giorgio Chiellini schierarsi contro la Brexit, poiché teme un effetto domino che potrebbe scatenarsi nel resto del continente europeo. Altri due volti noti, tra i tanti, si sono esposti contro la Brexit: David Beckham e Gary Lineker; in particolare, il primo ha richiamato dal passato le glorie del Manchester United per spiegare l’importanza della multiculturalità nel mondo moderno.

We were a better and more successful team because of a Danish goalkeeper, Peter Schmeichel, the leadership of an Irishman, Roy Keane, and the skill of a Frenchman in Eric Cantona.

Noi siamo stati migliori e più vincenti grazie a un Portiere danre, Peter Schmeichel, alla leadership di un Irlandese, Roy Keane, e alla qualità del francese Eric Cantona.

REAL LEAVE

Fra coloro che invece deisderano che la Gran Bretagna saluti l’Unione Europea, molti volti del calcio che fu in Inghilterra e che oggi dicono poco a chi non mastichi quotidianamente di calcio britannico. In panchina, Neil Warnock, allenatore del Cardiff che si è detto totalmente a favore dell’uscita dall’Unione Europea in quanto ritiene la Gran Bretagna in grado di sostentarsi da sola. Tra i volti presenti nell’undici che affronterebbe David Beckham e compagni, Sol Campbell risulta il più importante: il conservatore che avrebbe voluto succedere all’ex sindaco Boris Johnson a Londra ha dichiarato al Mail on Sunday che fare questo cambiamento significherebbe tornare a controllare il gioco che gli inglesi amano. Piccola nota a margine? Il suo passaggio dal Tottenham all’Arsenal è ancora una ferita che brucia a molti in Inghilterra, e per questo il suo possibile trasferimento (se di questo possiamo parlare) sull’altro lato della barricata non è escluso.

UNA QUESTIONE SPINOSA

Facendo dell’ironia e un po’ di sano giornalismo di indagine, queste sarebbero le squadre che si giocherebbero il potere decisionale riguardo la Brexit. Una questione sempre più spinosa che nel corso degli ultimi due anni ha tenuto banco anche tra gli sportivi per le grosse ripercussioni che tale decisione potrebbe avere sul mondo del calcio e sullo sport in generale.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Europa League

Dove vedere Rennes-Milan in tv e streaming

Pubblicato

:

Blas, Theo Hernandez, giocatori di Rennes e Milan, Serie A, Ligue 1, Coppa Italia, Europa League, EURO2024, Francia

DOVE VEDERE RENNES-MILAN IN TV E STREAMING – Giovedì 22 febbraio, alle ore 18:45, si giocherà la sfida di ritorno degli spareggi per la fase a eliminazione diretta di Europa League tra Milan e Rennes. Dopo la gara di andata, giocata a San Siro e terminata con lo schiacciante risultato di 3-0 per i rossoneri italiani, la compagine francese tenterà l’impresa – ovvero, recuperare le tre reti di svantaggio con un’incredibile rimonta – tra le mura amiche del Roazhon Park.

COME ARRIVANO LE DUE SQUADRE

Il Rennes si trova in un ottimo periodo di forma, infatti è reduce da ben 6 vittorie consecutive in Ligue 1. Se aggiungiamo anche i tre passaggi del turno in Coppa di Francia, fanno 9 successi in 9 partite giocate entro i confini nazionali. L’unico passo falso registrato ultimamente, appunto, è stato il netto ko dell’andata, in casa del Milan. Prima di questa sconfitta, le ultime erano datate 9 e 14 dicembre 2023 (rispettivamente in campionato contro il Monaco e in UEL contro il Villarreal).

Il Milan, invece, si trova anch’esso in un buon momento stagionale ma arriva da una sconfitta tanto pesante quanto totalmente inaspettata, quella per 4-2 contro il Monza, nella giornata di Serie A appena disputata. Dopo ben 9 risultati utili consecutivi, anche a causa del turnover attuato da Stefano Pioli date le fatiche della partita di Europa League – proprio contro il Rennes – giocata appena tre giorni prima, il Diavolo è così tornato a perdere in campionato dopo più di due mesi. E’ probabile che giovedì Pioli, nonostante il vantaggio accumulato nel match di andata, non rischi nulla e vada in Francia schierando il miglior undici a sua disposizione.

DOVE VEDERE RENNES-MILAN IN TV E STREAMING

Rennes-Milan, valida per il ritorno degli spareggi per la fase a eliminazione diretta di Europa League, sarà visibile in diretta e in chiaro su TV8, oltre che su Sky Sport Uno (201), Sky Sport 4K (213) e Sky Sport (252) per gli abbonati Sky Sport. Inoltre, è prevista la diretta streaming sul sito di TV8 e su Sky Go, NOW Tv e DAZN.

PROBABILI FORMAZIONI

RENNES (4-4-2): Mandanda; G. Doué, Wooh, Theate, Truffert; Bourigeaud, Matusiwa, Santamaria, Gouiri; Terrier, Kalimuendo. All. Stéphan

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Florenzi, Gabbia, Kjaer, Theo Hernandez; Reijnders, Adli; Pulisic, Loftus-Cheek, Leao; Giroud. All. Pioli

Continua a leggere

Champions League

Simeone non si arrende e avvisa l’Inter per il ritorno, poi svela le condizioni di Morata: le dichiarazioni

Pubblicato

:

Atletico Madrid

Al termine dell’andata degli ottavi di Champions League persa dall’Atletico Madrid 1-0 contro l’Inter, Diego Simeone ha parlato ai microfoni di Mediaset. Il tecnico dei Colchoneros ha commentato la sconfitta arrivata per mano del gol di Marko Arnautovic, al primo gol in Europa con la maglia dell’Inter. L’obiettivo per gli spagnoli è ora quello di ribaltare il risultato nella sfida di ritorno al Civitas Metropolitano di Madrid il 13 marzo.

LE DICHIARAZIONI DI SIMEONE

OCCASIONI CONCESSE – “Abbiamo giocato contro una squadra forte a cui non possiamo lasciare nessuna occasione”, ha esordito Simeone. “L’Inter può approfittare del poco che gli lasci e stasera lo hanno fatto”.

OCCASIONI CREATE – “Abbiamo avuto delle buone occasioni, in particolare nel primo tempo, soprattutto con Llorente. Al ritorno partiamo dall’1-0 per loro e dobbiamo lavorare molto la sera del 13 marzo. L’Inter è una squadra forte che sa quello che deve fare in ogni parte del campo. Questo la rende molto pericolosa”, ha proseguito Simeone. “Al ritorno speriamo di giocare una partita migliore di oggi dopo averli già affrontati questa sera”.

MORATA – “Il suo recupero per il ritorno? Manca ancora tanto tempo e speriamo che sia Alvaro, ma anche gli altri come Depay, Correa e Griezmann siano tutti a disposizione. In questo modo potremo fare la partita che vogliamo”, ha concluso Simeone.

Continua a leggere

Champions League

Inzaghi svela le condizioni di Thuram dopo Inter-Atletico: le dichiarazioni a Mediaset

Pubblicato

:

inter atletico madrid

INTER ATLETICO MADRID – L’Inter si è portata a casa il primo round degli ottavi di finale di Champions League, battendo 1-0 l’Atletico Madrid nella gara di andata giocata a San Siro grazie al gol vittoria siglato da Marko Arnautovic al 79′ di gioco. Al termine del match, il tecnico nerazzurro Simone Inzaghi è intervenuto ai microfoni di Mediaset per commentare questo fondamentale successo. Di seguito, le sue dichiarazioni:

INTER ATLETICO MADRID, LE PAROLE DI INZAGHI

LA PRESTAZIONE – “Ho buonissime sensazioni per la partita che hanno fatto i ragazzi, sono stati grandiosi contro una squadra molto forte. Siamo un po’ rammaricati per non aver trovato un altro gol che avremmo meritato per quanto fatto vedere in campo. Siamo consapevoli che è solo il primo tempo, dobbiamo andare a Madrid e ci aspetta un secondo tempo difficile e intenso“.

SU ARNAUTOVIC – “Sono contento per lui, per come è entrato. Sia lui che Sanchez stanno lavorando benissimo e mi stanno piacendo per come sono entrati. Tutti quelli che sono entrati ci hanno dato una grandissima mano, ma sappiamo che c’è un ritorno ed è ancora tutta da giocare“.

L’INFORTUNIO DI THURAM – “Ha avuto un problemino su quello scatto con Witsel, poi ha tirato in porta e ha sentito indurirsi la coscia. Può capitare, speriamo di non perderlo per molto tempo“.

LA STAGIONE – “In questi sei mesi abbiamo fatto molto bene, ma i mesi più importanti in una stagione sono marzo e aprile. Dobbiamo continuare così sapendo che arriveranno momenti duri e dovremo essere bravi in quei momenti“.

SU BARELLA – “Barella ha fatto un’ottima partita, insieme a tutti gli altri. Io in questa Inter? Non sarebbe stato male giocare in una squadra così, mi sarei divertito molto“.

GLI ESTERNI – “Dumfries e Carlos Augusto sono entrati benissimo, hanno fatto bene quando sono entrati. Anche Dimarco e Darmian sono stati bravi, ma negli ultimi minuti del match avevamo bisogno di energie in più“.

SU BREHME – “È stata una serata importante, anche per il ricordo di Brehme: ero con il team manager Ferri che era stato suo compagno ai tempi dell’Inter, la notizia della sua scomparsa ci ha colpito molto. Non lo conoscevo personalmente ma sapevo fosse una buonissima persona molto legata alle vicende dell’Inter“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Mkhitaryan è già concentrato sulla sfida di ritorno: cos’ha detto nel postpartita a Mediaset

Pubblicato

:

mkhitaryan roma-inter

Le parole di Henrik Mkhitaryan, centrocampista dell’Inter, dopo la vittoria per 1-0 contro l’Atletico Madrid nell’andata degli ottavi di finale di Champions. L’armeno ha parlato ai microfoni di Mediaset, dimostrando di essere già concentratissimo per la sfida di ritorno tra ventidue giorni.

VITTORIA – “Conta poco, c’è un’altra partita da giocare. Bello vincere, abbiamo provato a creare. Abbiamo giocato contro una squadra fortissima che sa giocare a calcio. Andremo a Madrid con questo 1-0 che è molto importante. Noi dobbiamo continuare su questo livello, vogliamo tornare in finale“.

DELUSIONE? – “Non sono deluso, sono felice. Sono consapevole che c’è un’altra partita da giocare e menomale che non ho preso l’ammonizione“.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969