Succede di tutto a San Siro, il Milan continua il suo cammino di redenzione inanellando il terzo risultato utile consecutivo (seconda vittoria) soffrendo profondamente con una modesta, ma arcigna Udinese. La partita inizia subito in salita per i rossoneri che vanno in svantaggio dopo solo 6 minuti. Su un lancio lungo Donnarumma esce malissimo per anticipare Lasagna, la palla arriva a Larsen che da posizione defilata da fuori area segna a porta vuota. Ottima Udinese in avvio che mette alle corde il Milan con uno scatenato Lasagna che impensierisce Donnarumma con un tiro da centro area su assist di Sema fuori di poco.  Al 46′ il portierone del Milan gli nega la gioia del gol murandolo dopo che aveva seminato Kjaer e concluso sul primo palo.

Nel secondo tempo il Milan, fino a quel momento decisamente opaco e sottotono, tira i remi in barca e attacca con convinzione. Arriva subito il gol di Rebic, Conti fornisce uno strepitoso assist per il croato che con il destro infila Musso. Donnarumma tiene in piedi il Milan con un paio di interventi prodigiosi prima in uscita su Mandragora, poi sulla conclusione da fuori di Okaka, redimendosi della papera che ha portato al gol di Larsen. Il finale è al cardiopalma: prima Theo Henrandez porta in vantaggio i suoi con un tiro al volo da fuori dopo che la difesa friulana aveva allontanato la sfera. Rete da cineteca per l’esterno ex Real Madrid che mette a segno il quinto gol della sua magnifica prima stagione al Milan. L’Udinese però non ci sta e riporta nuovamente il risultato in parità all’85’ con uno strepitoso Lasagna che perfettamente imbeccato da Larsen in torsione batte Donnarumma con una spizzata da centro area.

La gara sembra concludersi sul pareggio, ma la pressione del Milan continua anche a tempo scaduto e i rossoneri trovano l’insperato pareggio. Rebic, l’eroe di giornata, riesce a eludere un intervento in scivolata dal limite e poi incrocia perfettamente di sinistro, Musso non può nulla e la palla entra in rete al 93′. 

Immagine in copertina: (Instagram @acmilan)