Connect with us

Generico

Revierderby: il derby della classe operaia

Pubblicato

:

La Ruhr è una regione tedesca della Renania settentrionale, una della aree urbane più grandi d’Europa ma soprattutto una delle zone più industriali di tutta la Germania. Almeno era così fino a non poco tempo fa. Infatti è da un paio di anni che questo distretto minerario si è trasformato in una culla di cultura e poesia. A Bochum, per esempio, è possibile visitare il museo minerario più grande del mondo, a Duisburg l’ex acciaieria Tyssen è diventata un’immenso centro culturale, la miniera di carbone Zollverein a Essen, un tempo la più grande del pianeta, è oggi diventata Patrimonio dell’UNESCO e ospita il più grande museo di design contemporaneo del globo.

Jadon Sancho in azione. Il talentuoso esterno inglese è stato grande protagonista del Revierderby d’andata vinto 2-1 dal Borussia Dortmund.

La sensazione che si ha, una volta giunti nella Ruhr, è che carbone e acciaio abbiano dato spazio a musei, teatri, auditorium, parchi e luoghi di aggregazione. Una vera e propria rinascita culturale che ha toccato anche l’anima delle due squadre più importanti della regione: il Borussia Dortmund e lo Schalke 04. Dortmund e Gelsenkirchen sono due centri distanti poco più di 30 km l’uno dall’altro. Due città e due squadre divise da una rivalità accesissima. E non per caso il Revierderby è considerata la madre di tutti i derby, la partita più sentita di tutto il paese. Eppure c’è stato un periodo in cui Borussia Dortmund e Shalke 04 non erano rivali, anzi. Ma è anche per questo motivo che il derby della Ruhr è una partita speciale.

L’ORIGINE DEL REVIERDERBY

Per tanti anni la Ruhr è stato il cuore della produzione di carbone e di acciaio in Germania. E l’origine di entrambe le società è da ricercare proprio nelle miniere. Sia Borussia Dortmund che Schalke 04 sono le squadre della classe operaia, dei lavoratori. La differenza rispetto ad altri derby è proprio questa: nessuna divisione religiosa (l’Old Firm tra Celtic e Rangers), economica (il derby di Milano tra bauscia e casciavìt) o politica ( il derby di Barcellona tra blaugrana e Espanyol). Ma non per questo la rivalità è meno intensa. Da quelle parti, infatti, o sei giallonero o sei uno knappen.

Come già detto, però, la rivalità tra Schalke e Borussia non è sempre stata così accesa. Fino agli anni ’30-’40 lo Shalke è sempre stata la squadra della Ruhr per eccellenza. Tra il 1933 e il 1942 la squadra di Gelsenkirchen vinse sei campionati e il vero trascinatore di quella formazione era la leggenda Ernst Kuzorra, attaccante tedesco nato proprio a Gelsenkirchen e figlio di minatori. Con la maglia dello Shalke Kuzorra -primo grande interprete di uno stile di gioco one-touch– realizzò più di 250 gol, e in alcuni casi la squadra finì per festeggiare le numerose vittorie proprio nella vicina Dortmund, centro più grande e con un numero maggiore di tifosi.  Le cose iniziarono a cambiare dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. La prima vittoria dei gialloneri è datata 1947 e tra gli anni ’50-’60 il BVB si impose come una delle realtà calcistiche più forti del panorama tedesco.

Ernst Kuzorra, storico attaccante dello Schalke 04 pre guerra. Con la maglia biancoblu il tedesco ha realizzato 250 gol, uno degli attaccanti più prolifici della storia del calcio teutonico.

DALL’INVASIONE DEI CANI AI LEONI IN MEZZO AL CAMPO

Nel 1969 al Rote Erde di Dortmund, primo stadio della città, accorrono circa 40.000 spettatori per assistere al Revierderby tra Borussia Dortmund e Shalke 04. Il campo, colmo di gente, è circondato da persone che dopo il gol di Hans Pirkner, storico attaccante dei knappen, invadono lo stadio. A guardia del terreno di gioco ci sono dei pastori tedeschi al guinzaglio di alcuni addetti alla sicurezza. Nella bolgia alcuni cani sfuggono al loro controllo e iniziano a rincorrere giocatori e tifosi, mordendoli. Due giocatori della squadra ospite rimangono feriti, Friedel Rausch e Gerd Neuser. Il primo riceve un’immediata antitetanica per poter proseguire la gara, il secondo rimane negli spogliatoi. Le parole di Rausch anni dopo saranno ambigue, ma molto divertenti.

“Al cane è andata bene, se mi avesse morso davanti anziché dietro, avrebbe perso tutti i denti.”

Una delle immagini più iconiche della rivalità tra BVB e Schalke 04. In foto il celebre morso di un pastore tedesco al glueo di Friedel Rausch, giocatore dello Schalke 04.

Gunter Siebert, storico presidente dello Schalke 04, prepara la vendetta l’anno dopo. Decide di affittare dallo zoo di Westerhold quattro leoni che vengono schierati al centro del campo prima della partita con l’intenzione di intimorire gli avversari. Werner Weist, punta del Borussia, dichiarerà:

“Mai come in quel giorno mi sentii a disagio all’interno di un campo da calcio. Per fortuna poi andò bene. Segnai e la partita finì in pareggio.”

RIVALITA’ E RISPETTO

Nonostante l’immensa rivalità e l’acceso agonismo che caratterizza ogni derby della Ruhr, tra le due società permane un profondo rispetto reciproco, alcune volte sfociato anche in aiuti economici (probabilmente derivante dalle loro comuni radici della classe operaia). L’esempio più celebre  è del 1974 quando il Borussia era immischiato nella lotta per non retrocedere. Il loro nuovo Westfalenstadion era stato appena costruito in occasione della Coppa del Mondo, e lo Shalke fu invitato per inaugurare lo stadio. A causa dei grandi problemi finanziari della squadra di casa, la società di Gelsenkirchen acconsentì che l’intero incasso andasse al Borussia.

Nel 2001 il BVB ebbe l’opportunità di ricambiare il favore ricevuto molti anni prima. I gialloneri furono invitati per inaugurare la moderna Arena AufShalke – ora Veltins Arena – e in quel caso il Borussia fu ben felice di donare tutto l’incasso alla squadra ospitante.

Guardare non toccare!”. Recita questo uno degli striscioni più in voga tra i tifosi gialloneri. L’ultimo titolo dello Shalke è infatti datato 1958, un’attesa interminabile per i Knappen.

Non sono mancate, però, le occasioni di sfottò e di rivalità nel corso degli anni del Revierderby. L’ultimo scudetto dello Shalke risale addirittura al 1958, quando ancora non esisiteva la Bundeslioga. Nella stagione 2007 i Knappen furono vicinissimi alla conquista del titolo che mancava da 49 anni, che poi andò allo Stoccarda di Mario Gomez e Geronimo Cacau. A due giornate dalla fine va in scena l’attesissimo derby della Ruhr, che mette di fronte da una parte uno Shalke primo in classifica e dall’altra il Borussia ormai salvo e senza particolari obiettivi. Se non quello di rovinare la festa agli acerrimi rivali. I gialloneri vincono a sorpresa 2-0 con due gol nella ripresa firmati Alex Frei e Ebi Smolarek mentre a Bochum – altra acerrima rivale dello Schalke – la squadra di casa si fa rimontare dallo Stoccarda che la giornata successiva festeggerà il titolo, proprio a discapito dello Schalke 04. Oltre il danno, la beffa.

Ebi Smolarek, centrocampista del Borussia Dortmund, festeggia sotto i suoi tifosi il secondo gol con il quale il Borussia Dortmund batte lo Schalke 04 nel 2008. Una sconfitta fatale per gli ospiti, i quali perderanno la testa della classifica proprio all’ultima giornata a discapito dello Stoccarda, vincitore del Meisterschale.

Il derby della Ruhr è peraltro pieno di aneddoti e curiosità. Il più incredibile riguarda la possibilità di festeggiare i propri titoli per quanto riguarda i tifosi dello Shalke. Nel 1997 lo Shalke vinse la Coppa Uefa battendo in finale l’Inter. Peccato però che pochi giorni dopo i gialloneri vinsero la loro prima Coppa dei Campioni, superando a sorpresala Juventus. Fu l’anno della Ruhr, per così dire. Nel 2001 lo Schalke vinse la Coppa di Germania ma il Borussia replicò conquistando il titolo nazionale. E la stessa scena si è ripetuta nel 2011.Insomma, non deve essere facile essere un tifoso dello Shalke.

UNA STORIA DI RIMONTE

Quando è in programma il derby della Ruhr c’è poco da star tranquilli, anzi. Il Revierderby è sempre stata una partita dal finale mai scritto. Nella stagione 2008-09 va in scena una partita incredibile. La squadra di Klopp, al primo derby in panchina, è sotto 3-0 dopo 54 minuti. Ma la rete di Subotic e le espulsioni di di Pander e Ernst riaprirono una partita che sembrava già chiusa. Alexander Frei, entrato dalla panchina, segnò una doppietta nei minuti finali che fece gioire i tifosi gialloneri. In porta c’era Ralf Fahrmann così come nove anni dopo.

L’esultanza di Naldo, difensore brasiliano autore del gol del definitivo pareggio dello Schalke 04. Da 4-0 a 4-4, una rimonta sensazionale.

Nella stagione 2017-18 la partita tra Borussia Dortmund e Shalke 04 è da batticuore: dopo 25 minuti i gialloneri sono in vantaggio 4-0 con gli uomini di Domenico Tedesco ormai rassegnati ad uscire dal Signal Iduna Park senza punti. Ma nella ripresa la rimonta dello Shalke 04 è qualcosa di emozionante e commovente. Le reti di Guido Burgstaller e Amine Harit riaprono i giochi e la rete di Daniel Caligiuri tornò a far sperare i tifosi biancoblu. Al minuto 94 è l’impetuoso colpo di testa di Naldo a regalare agli ospiti un punto insperato e soprattutto un pareggio che appena 45 minuti prima pareva utopia. Il 4-4 della scorsa stagione rimane una delle partite più belle degli ultimi anni e senza dubbio uno dei derby più memorabili della storia. Tra poco meno di 24 ore sul prato del Signal Iduna Park scenderanno in campo Borussia Dortmund e Schalke 04, per l’ennesimo Revierderby della loro storia, il derby del carbone e dell’acciaio, il derby della classe operaia. Una partita speciale per persone speciali.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Generico

Gabbiadini verso il ritorno in campo: le ultime

Pubblicato

:

Gabbiadini

Manolo Gabbiadini, attaccante della Sampdoria, è uno dei grandi attesi ritorni dalla tifoseria blucerchiata. Con una sola rete all’attivo, il 31enne non sembra aver mai recuperato al 100% dopo il grave infortunio al crociato.

Nonostante le assenze rimediate prima della sosta di Qatar 2022, l’attaccante originario di Calcinate in questa prima parte di campionato si è rivelato fondamentale in occasioni importanti. Ricorderete sicuramente il gol che ha siglato contro la Lazio per acciuffare il pareggio importante. In quindici giornate però è un po’ poco ed i dubbi legati al numero 23 si sono fatti sempre più insistenti, intrinsechi all’altalenante condizione fisica.

Il ritiro di questi giorni della compagine blucerchiata sarà fondamentale per capire se l’attaccante potrà essere impiegato con costanza per tutti i novanta minuti. Tra una seduta d’allenamento e l’altra, Gabbiadini punterebbe ad una maglia da titolare in occasione di  Sassuolo-Sampdoria.

Continua a leggere

Generico

Le partite del giorno – Mercoledì 7 dicembre 2022

Pubblicato

:

Il calcio, si sa, non si ferma mai: ogni giorno, da ogni angolo del pianeta, giocatori di tutto il mondo sono pronti, con le proprie giocate sul rettangolo verde, a regalare emozioni ai tifosi. Numero Diez vi presenta quindi le principali gare che ci attendono nella giornata di oggi.

ITALIA – SERIE B

Ore 20:30 Ternana-Cagliari (Sky/DAZN)

AMICHEVOLI INTERNAZIONALI

Ore 18:00 Fiorentina-Always Ready (DAZN)

Ore 18:00 Inter-Salisburgo (pagina FB Inter)

Ore 18:45 Antalyaspor-Napoli (Sky)

 

Continua a leggere

Flash News

Spalletti: “Per noi sarà un vantaggio lavorare durante la sosta”

Pubblicato

:

Napoli

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli durante un’intervista rilasciata alla stampa turca dal ritiro di Antalya, ha parlato della sosta che sta coinvolgendo anche il campionato di Serie A: “In momenti come questi, squadre come la nostra hanno l’opportunità di lavorare in modo più dettagliato. Non puoi andare sempre forte per tutto il tempo. La pausa offrirà l’opportunità di lavorare sui dettagli. Siamo molto contenti della forma che abbiamo raggiunto. Sarà un grande vantaggio per una squadra come la nostra poter lavorare e mantenere le nostre prestazioni in questo periodo. Abbiamo iniziato molto bene la stagione. è stato un vantaggio aver iniziato bene, abbiamo in squadra calciatori giovani molto forti. Abbiamo grande qualità ma abbiamo anche dei punti deboli.

Quindi mi congratulo con i miei giocatori per l’ottimo inizio. Faremo del nostro meglio per continuare così“.

Continua a leggere

Flash News

Immobile sulla sua Lazio: “Finchè starò bene e riuscirò a dare il massimo resto qui”

Pubblicato

:

Lazio

In occasione del lancio di una criptovaluta Immobile ha rilasciato un’intervista abbastanza corposa dove ha trattato diversi argomenti. Queste le sue parole riportate da LaLazioSiamoNoi, partendo dai tifosi: “Io credo che sia la cosa più importante. Da quando ho iniziato a fare questo sport ho sempre creduto nei suoi valori, la passione. Poi è diventata la mia professione, quando incontro i tifosi che mi fanno i complimenti per il Ciro “uomo” mi riempie di gioia. Qua alla Lazio l’affetto dei tifosi mi spinge sempre a fare meglio, io e la mia famiglia ci sentiamo a casa, siamo di adozione romani ma il 50% del mio sangue resta sempre napoletano”.

Poi una parentesi sul Napoli: “In questo momento ha un grande vantaggio in fatto di punti, questo stop sarà condizionante per tutte le squadre, se loro riusciranno a mantenere questo ritmo dopo la pausa faranno grandi cose. Questo è un campionato atipico, stiamo lottando con grandi squadre che ci danno filo da torcere”.

Ciro Immobile ha continuato parlando anche dell’esperienza a Pescara: “L’Immobile di Pescara era un ragazzo single in una squadra di ragazzi che volevano emergere, seguendo le direttive del mister siamo riusciti ad arrivare davanti a squadre molto attrezzate“.

Il capitano biancoceleste ha concluso con un commento su Claudio Lotito: “Ho un rapporto molto buono con lui, mi ha sempre aiutato per qualsiasi cosa. Ora ho un contratto di altri tre anni, finché starò bene e riuscirò a dare il massimo per questa maglia starò qui se poi dovesse finire ne parleremo. Adesso mi sto focalizzando su quello che sto facendo in campo, ma anche su quello che posso dare alla società dopo quando smetterò di giocare”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969