Connect with us
Riforma agenti sportivi, un esame dal 2020

Flash News

Riforma agenti sportivi, un esame dal 2020

Pubblicato

:

Al giorno d’oggi un ruolo sempre più centrale all’interno delle vicende di calciomercato è rivestito dagli agenti sportivi e dai procuratori – o presunti tali – che nel corso degli anni sono diventati i veri protagonisti delle trattative di mercato. Dal 2020, però, cambierà tutto. Infatti le legge di Bilancio 2018 ha previsto l’introduzione di un esame di abilitazione per l’esercizio della professione di agente sportivo.

Nel caso in cui il procuratore non risulti iscritto all’albo, nei registri FIGC e Coni, i contratti siglati con l’assistenza di agenti non regolamentati sarebbero nulli. La liberalizzazione della professione del 2015 ha permesso a molte persone di curare gli interessi di calciatori senza che fossero agenti sportivi a tutti gli effetti, un fenomeno che ha caratterizzato soprattutto il movimento italiano: a tal proposito il caso Wanda Nara è emblematico ma non è assolutamente il solo.

Tuttavia la riforma ha subito uno slittamento di alcuni mesi. Questo perché Coni e FIGC non hanno avuto il tempo materiale di regolamentare la situazione di tutti gli agenti sportivi italiani, considerando che nella prima sessione d’esame di marzo solo 8 partecipanti su 800 sono riusciti a conseguire il titolo di procuratore sportivo. Da qui la decisione inevitabile, onde evitare di paralizzare il calciomercato estivo 2019, di spostare l’entrata in vigore della riforma al 1° gennaio 2020, con l’apertura di ulteriori sessioni d’esame tra ottobre e novembre.

Molto interessanti le parole rilasciate a MF-Milano Finanza da Valerio Giuffrida, agente FIFA che ha spiegato come la riforma 2020 fosse necessaria per il movimento calcistico italiano. Lo riporta il sito Calcioefinanza.com

“La liberalizzazione ha permesso a chiunque di inventarsi procuratore, anche ad amici e parenti. Questa riforma invece prevede preparazione, aggiornamento, conoscenze del diritto e della contrattualistica. La proroga è stata opportuna per evitare di paralizzare questa sessione di calciomercato. Ma la tempo stesso era necessario regolamentare la figura dell’agente sportivo.”

(Fonte immagine di copertina: profilo Instagram Wanda Nara)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash News

Tensione Lazio, Lotito su Sarri: “Si prenda le sue responsabilità”

Pubblicato

:

Claudio Lotito allenatore della Lazio

In casa Lazio si respira un’aria sempre più tesa. Dopo la sconfitta contro la Fiorentina, che ha praticamente messo fine alle speranze di un posto in Champions League per i biancocelesti, la tensione tra Lotito e Sarri sembra aver raggiunto i massimi storici. Secondo il Messaggero infatti, le strade del tecnico toscano e quelle della Lazio sembrano destinate a separarsi al termine di questa stagione, nonostante a Sarri mancherebbe ancora un anno di contratto.

Dopo le dichiarazioni dello stesso Sarri sulla partita persa contro la Fiorentina, Lotito è tornato alla carica, attaccando pubblicamente il suo allenatore.

LE DICHIARAZIONI DI CLAUDIO LOTITO

“La rosa è forte e competitiva, Sarri si assuma le sue responsabilità insieme alla squadra, invece di trovare sempre alibi. Il mercato non c’entra nulla con il ko di Firenze e gli altri nove. A fine stagione faremo un bilancio definitivo”.

Oltre alle dichiarazioni del presidente sono arrivate anche quelle del direttore sportivo della Lazio, Angelo Fabiani che ha provato a giustificare il momento no della squadra, per via della stanchezza dei troppi impegni.

La Lazio arriva così al momento clou della stagione in un difficoltà su tutti i fronti. Il match di Champions League contro il Bayern Monaco sarà probabilmente lo spartiacque per la stagione e per il futuro di Sarri.

Continua a leggere

Flash News

Il Barcellona pensa a De Gea per il prossimo anno

Pubblicato

:

De Gea

Il Barcellona pensa a David De Gea per la prossima stagione. Il portiere spagnolo ha giocato per più di dieci anni al Manchester United, ma dall’estate scorsa si trova svincolato. Secondo il Mundo Derportivo dalla prossima stagione potrebbe vestire la maglia blaugrana. Dopo l’addio alla Premier League erano circolate voci su un possibile addio al calcio da parte del portiere spagnolo, che infatti non ha ancora trovato una squadra.

L’interessamento nei confronti di De Gea, potrebbe variare anche in base all’allenatore che siederà sulla panchina del Barcellona l’anno prossimo. Xavi è destinato a salutare il Barcellona al termine di questa stagione. La decisione quindi di affidarsi ad un nuovo portiere passerà anche dalla scelta del nuovo tecnico.

Uno dei motivi per cui il Barcellona potrebbe decidere di puntare su De Gea è proprio il suo stato attuale di svincolato. I problemi economici del club spagnolo sono conosciuti, quindi non è impossibile pensare che il prossimo mercato sarà incentrato sulla ricerca di colpi economici, proprio come potrebbe esserlo il portiere spagnolo.

Per De Gea, che ha visto le sue fortune maggiori da calciatore in Inghilterra, si tratterebbe di un ritorno in Liga. Il portiere ha infatti vestito la maglia dell’Atletico Madrid dal 2009 al 2011, prima di approdare allo United.

Continua a leggere

Flash News

L’Inter prima anche negli incassi dagli stadi: la classifica

Pubblicato

:

In foto: la Curva Nord dell'Inter a San Siro

Sul proprio profilo Instagram, Calcio e finanza, ha mostrato un grafico che ritraeva i ricavi derivanti dagli stadi delle squadre di Serie A nell’anno 2023.

Senza troppe sorprese a guidare la classifica ci sono le due milanesi. L’Inter occupa il primo posto di questa speciale classifica con un ricavo di 79 milioni di euro. Al secondo posto con circa 6 milioni in meno si trova appunto il Milan. Un vero e proprio dominio da parte delle due formazioni di Milano, certamente aiutate dalla capienza del Meazza, ma che dimostra l’attaccamento che le due tifoserie stanno dimostrando verso le due squadre del capopluogo lombardo.

A chiudere il podio, anche qui senza particolare stupore, c’è la Juventus con 61.5 milioni di euro di ricavi dallo stadio.

Abbastanza impietoso il confronto tra le due squadre della capitale: la Roma infatti ha ricavato dall’Olimpico circa 49 milioni di euro, mentre la Lazio appena 18. Un divario larghissimo se considerato che entrambe le squadre giocano nello stesso stadio.

Nelle retrovie di questa speciale classifica si trovano invece Spezia, Empoli e all’ultimo posto il Monza, con appena 2.7 milioni di ricavo.

Il Sassuolo, squadra che gode del minor tifo in Serie A, ha ricavato 3.7 milioni di euro, posizionandosi al 17° posto in questa classifica.

 

Continua a leggere

Calciomercato

Juve-Vlahovic, prove di rinnovo: il serbo vuole restare

Pubblicato

:

In foto: Dusan Vlahovic, attaccante della Juventus e della Serbia - Serie A, Coppa Italia

Quello tra la Juventus e Vlahovic si è rivelato un matrimonio non facile, ricco di insidie ma mai di ripensamenti. Le sue idee sono sempre state chiare: quando ha scelto il club bianconero a soli 22 anni sapeva a cosa andava incontro. Nonostante un periodo buio a livello individuale e, seppur la Juventus non sia più quella dei tempi d’oro, la sua voglia di legarsi al club bianconero non è mai cambiata. Forse la voglia di riportare in alto il club per cui ha sempre provato una fortissima attrazione, fin da quando era un ragazzino e nella sua Belgrado guardava le partite dei bianconeri in tv, è più forte di tutto.

IL RINNOVO DI VLAHOVIC CON LA JUVENTUS: LE CIFRE

Per la sua ambizione, voglia e devozione Vlahovic è sempre stato disponibile a rinnovare. Il serbo si considera già in un top club e per questo non sente il bisogno di andare via. Anzi, la voglia di prolungare nasce dal voler dimostrare il suo vero valore. Cristiano Giuntoli ha rimandato tutto a primavera inoltrata, quando ci sarà più chiarezza sulla prossima stagione ma le idee sono già chiare.

Come riporta La Gazzetta dello Sport, Vlahovic ha un contratto con stipendio a salire, è partito da 7,5 milioni (più bonus), attualmente prende sui 10 e nel 2026 arriverà a guadagnare 12. La propensione è verso prolungamento biennale (fino al 2028) che potrebbe essere la soluzione migliore per rendere il costo di Dusan più sostenibile per i bianconeri.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969