Dove trovarci

Generico

Road to Russia: Girone G

Road to Russia: Girone G

Il girone G, il penultimo della ventunesima edizione del Mondiale, per valori in campo è molto simile al girone B. Presenta, infatti, due grandi selezioni come Belgio e Inghilterra che hanno obiettivi molto importanti. Se la vedranno con Tunisia e Panama che sono rispettivamente alla quinta e alla prima partecipazione al Mondiale. Queste due nazionali oltre ad avere poca esperienza non hanno neanche una stella su cui investire le proprie speranze.

Russia

L’esito del girone G è già scritto o ci saranno sorprese?

L’esito dunque sembra già scritto: sulla carta bisogna solo vedere chi avrà la meglio tra Belgio e Inghilterra. Proprio perchè il risultato sembra scontato potrebbero esserci sorprese. L’esempio della Costa Rica dell’ultima edizione, che gli italiani e gli stessi inglesi ricorderanno bene, invita a non dare giudizi affrettati. Inoltre Belgio e Inghilterra sono sì nettamente più forti delle altre, ma non sono affatto delle grandi potenze invulnerabili. Il fatto di avere una squadra giovane può costare caro in un gruppo di questo tipo.

Quindi occhio alla Tunisia che, più del Panama, può dar fastidio ai Diavoli Rossi e ai Tre Leoni. D’altronde gli africani già sanno come si supera la fase a gironi essendoci riusciti nel 1978 e nel 1998

IL CALENDARIO

18 GIUGNO, Fisht Olympic Stadium (Sochi), ore 17: BELGIO-PANAMA

18 GIUGNO, Volgograd Arena (Volgograd), ore 20: TUNISIA-INGHILTERRA

23 GIUGNO, Spartak Stadium (Mosca), ore 14: BELGIO-TUNISIA

24 GIUGNO, Nizhny Novgorod Stadium (Nizhny Novgorod), ore 14: INGHILTERRA-PANAMA

28 GIUGNO, Kaliningrad Stadium (Kaliningrad), ore 20: INGHILTERRA-BELGIO

28 GIUGNO, Morvodia Arena (Saransk), ore 20: PANAMA-TUNISIA

La prima del girone si giocherà nel Fisht Olympic Stadium di Sochi. Quest’impianto da 48mila posti è stato costruito a poca distanza dal circuito di Formula 1, in occasione dei Giochi Olimpici invernali del 2014. Dopo il Mondiale diventerà sede di allenamenti e amichevoli di prestigio

LE SQUADRE

BELGIO

La nazionale belga volerà in Russia senza il romanista Radja Nainggolan. L’esclusione eccellente dell’ex Cagliari continua a far discutere considerato il valore del giocatore di cui la squadra ne avrebbe sicuramente giovato. Il ct Roberto Martinez spiega la non convocazione del centrocampista come una scelta tattica. Sicuramente questo è un caso che potrebbe destabilizzare non poco l’ambiente. Non ci sarà infatti da sorprendere se alla prima prestazione negativa la stampa belga torni sull’esclusione del Ninja. Dovrà dunque essere bravo il commissario tecnico a gestire la situazione.

Pur senza Nainggolan, il Belgio è una nazionale interessante che potrebbe fare un buonissimo percorso in Russia. E’ presto per parlare di vittoria anche per via della poca esperienza a giocare ad alti livelli. I Diavoli Rossi però sono cresciuti molto negli ultimi anni e nel G8 non possono mancare, a maggior ragione con un girone come questo. L’obiettivo minimo dunque è ripetere il cammino dell’ultima edizione, dove Hazard & C. ai quarti di finale si arresero all’Argentina, poi finalista.

Quattro anni fa aveva ricoperto il ruolo di sorpresa, ora non si può più nascondere. Ha staccato il pass per la Russia vincendo il girone di qualificazione con ben nove vittorie, un pareggio e zero sconfitte. Certo, nel gruppo i principali avversari erano Grecia e Bosnia, ma è comunque un segno di maturità dei ragazzi di Martinez. Alla voce gol sono 43 quelli fatti, miglior attacco tra le 24 partecipanti insieme alla Germania. Pure la difesa non è male: solo sei reti subìte.

Tra partite ufficiali e amichevoli il Belgio non perde dal lontano 1° settembre del 2016, quando fu battuto dalla Spagna per 2 a 0. Numeri importanti per una nazionale che di qualità ne ha tanta, soprattutto davanti. L’intelligenza tattica di De Bruyne, la tecnica di Hazard, il killer instict di Romelu Lukaku sono i suoi punti di forza.

Portieri: Courtois (Chelsea), Sels (Anderlecht), Mignolet (Liverpool), Casteels (Wolfsburg)

Difensori: Alderweireld (Tottenham Hotspur), Kompany (Manchester City), Vertonghen (Tottenham Hotspur), Meunier (PSG), Vermaelen (Barcellona), J.Lukaku (Lazio), Kabasele (Watford), Ciman (Los Angeles FC), Boyata (Celtic)

Centrocampisti: Witsel (Tianjin Quanjian), De Bruyne (Manchester City), Fellaini (Manchester United), Januzaj (Real Sociedad), M.Dembélé (Tottenham Hotspur), Tielemans (Monaco), Ferreira Carrasco (Dalian Yifang), Dendoncker (Anderlecht), Chadli (West Bromwich Albion), E.Hazard (Chelsea), T.Hazard (Borussia Mönchengladbach)

Attaccanti: R.Lukaku (Manchester United), Benteke (Crystal Palace), Mertens (Napoli), Batshuayi (Borussia Dortmund)

CT: Roberto Martinez

Capitano: Eden Hazard

COME SCENDERANNO IN CAMPO

Chi tenere d’occhio: Youri Tielemans

 

PANAMA

La formazione americana si affaccia per la prima volta in una rassegna mondiale. La sola qualificazione a Russia 2018 è stata già la realizzazione di sogno per lo Stato dell’America centrale che conta appena 4 milioni di abitanti. Non a caso l’undici ottobre scorso, giorno della storica qualificazione, il popolo si è riversato nelle piazze per festeggiare. Non solo perchè l’11 ottobre è stata proclamata la giornata della festa nazionale. Insomma, la partecipazione al Mondiale russo è qualcosa di unico per i panamensi.

La selezione del colombiano Hernán Darío Gómez nel girone di qualificazione è arrivata dietro il Messico e la Costa Rica. E’ riuscita ad accedere al Mondiale grazie agli scontri diretti a favore con Honduras, che poi ha giocato il play-off, perdendolo. La nazionale del Panama inoltre ha fatto scalpore perchè è riuscita ad eliminare gli USA.

Capitan Roman Torres & C. in Russia hanno ben poche speranze di riuscire a superare il turno. L’obiettivo della squadra è divertirsi per rendere ancor di più indimenticabile questo momento storico. Magari centrando un insperato punto. Molto dipenderà dal 37enne Blas Perez, il bomber della nazionale con 43 gol in assoluto.

Portieri: Calderón (Chorrillo), Penedo (Dinamo Bucuresti), Álex Rodríguez (San Francisco)

Difensori: Ariano (Patriotas), Baloy (Municipal), Cummings (San Jose Earthquakes), Davis (Dunajska Streda), Escobar (New York Red Bulls), Machado (Houston Dynamo), Murillo (New York Red Bulls), Ovalle (Olimpia), Palacios (San Francisco), Peralta (Alianza), R.Torres (Seattle Sounders)

Centrocampisti: Ávila (Gent), Bárcenas (Tapachula), Buitrago (Deportivo Municipal), Camargo (Universidad San Martín), Carrasquilla (Tauro), Cooper (Universidad de Chile), Godoy (San Jose Earthquakes), G.Gómez (Atlético Bucaramanga), Joly (Unión Comercio), Martínez (Columbus Crew), Pimentel (Plaza Amador), Quintero (Universitario), J.Rodríguez (Gent)

Attaccanti: Arroyo (Alajuelense), Blackburn (Chorrillo), Díaz (Deportivo Fabril), Fajardo (Independiente Chorrera), Nurse (Zacatecas), B.Pérez (Municipal), Tejada (Sport Boys), G.Torres (Huachipato)

CT: Hernán Darío Gómez

Capitano: Roman Torres

COME SCENDERANNO IN CAMPO

Chi tenere d’occhio: Godoy o Rodriguez

 

TUNISIA

La nazionale tunisina in Russia dopo 12 anni torna a giocare un Mondiale. E’ stata inserita in questo girone duro con Belgio e Inghilterra, anche se non sono da escludere sorprese. Chi può regalarle è proprio la selezione di Maâloul.

Questa si è qualificata in un girone a quattro con Libia, Guinea e la Repubblica Democratica del Congo. Ha avuto la meglio proprio di quest’ultima, per un punto. Il rullino di marcia conta quattro vittorie e due pareggi in sei partite. Stesso percorso della Nigeria e del Senegal. Delle qualificazioni africane, è il secondo miglior attacco con il Marocco (11 reti) e la terza miglior difesa (3 gol subìti), come Nigeria e Egitto.

La Tunisia ha alcuni giocatori con esperienza nel calcio europeo. Molti di questi militano nel campionato francese come l’attaccante 27enne Khazri, autore di 9 gol in 25 partite con la maglia del Rennes. C’è anche un “italiano” quale Karim Laribi protagonista in questa stagione in Serie B con il Cesena con 7 gol e 10 assist. Più famoso è Benalouane, ex Cesena, Parma, Atalanta e Fiorentina, ora in forza al Leicester.

Portieri: Mathlouthi (Al-Batin), Cherifia (Espérance), Ben Mustapha (Al-Shabab), Hassen (Châteauroux)

Difensori: Nagguez (Zamalek), Bronn (Gent), Bedoui (Étoile du Sahel), Benalouane (Leicester City), Ben Youssef (Kasımpasa), Meriah (CS Sfaxien), Mohsni (Dundee United), Chemmam (Espérance), Haddadi (Dijon), Maaloul (Al Ahly)

Centrocampisti: Skhiri (Montpellier), Ben Amor (Al-Ahli), Chaalali (Espérance), Laribi (Cesena), Sassi (Al-Nassr), Khalil (Club Africain), Khaoui (Troyes), Larbi (Tours), Sliti (Dijon)

Attaccanti: Ben Youssef (Al-Ettifaq), Badri (Espérance), Srarfi (Nizza), Akaïchi (Al-Ittihad), Khazri (Rennes), Khalifa (Club Africain)

CT: Nabil Maâloul

 

COME SCENDERANNO IN CAMPO

Chi tenere d’occhio: Khazri

 

INGHILTERRA

L’Inghilterra è una delle nazionali più giovani dell’intero torneo. Ha molta più qualità di quattro anni fa, ma è chiamata a riscattarsi dalla delusione dell’Europeo dove non convinse fermandosi agli ottavi, battuta dall’Islanda.

Il cammino di qualificazione è stato molto positivo per i Tre Leoni. Inseriti con Slovacchia, Scozia, Slovenia, Lituania e Malta, hanno vinto il girone con 8 vittorie e 2 pareggi. Come nel caso del Belgio, gli avversari non erano irresistibili, ma resta il merito per aver staccato il pass per la Russia. Alla voce gol, più che i fatti (18, numero un po’ esiguo) sono da notare quelli subìti, appena 3. Come la Spagna, è la miglior difesa.

Da novembre a oggi la nazionale inglese ha affrontato molte amichevoli di prestigio. Ha fermato sullo 0-0 due delle favorite per la vittoria del Mondiale come Brasile e Germania. Poi il 27 marzo ha trovato un altro pari contro l’Italia (1-1).

La qualità c’è, la coppia Kane-Dele Alli ne è il simbolo, anche se ci sono anche Sterling e Lingard. Quella che manca è, come per il Belgio, l’esperienza di giocare ad alti livelli. La giovane età di molti giocatori inoltre può giocare brutti scherzi.

Portieri: Butland (Stoke City), Pickford (Everton), Pope (Burnley)

Difensori: G.Cahill (Chelsea), Walker (Manchester City), Trippier (Tottenham), Stones (Manchester City), Maguire (Leicester), P.Jones (Manchester United), D.Rose (Tottenham), A.Young (Man United), Alexander-Arnold (Liverpool).

Centrocampisti: Henderson (Liverpool), Dier (Tottenham), Delph (Manchester City), Loftus-Cheek (Crystal Palace), Alli (Tottenham), Lingard (Man United), Sterling (Manchester City)

Attaccanti: Kane (Tottenham), Vardy (Leicester), Welbeck (Arsenal), Rashford (Manchester United)

CT: Gareth Southgate

Capitano: Harry Kane

COME SCENDERANNO IN CAMPO

Chi tenere d’occhio: Marcus Rashford

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in Generico