Connect with us
Roma-Genoa 1-0, le pagelle: la perla di Dybala elimina il Genoa

Flash News

Roma-Genoa 1-0, le pagelle: la perla di Dybala elimina il Genoa

Pubblicato

:

Dybala

La squadra di Gilardino ha l’occasione di riaffacciarsi in un palcoscenico importante come l’Olimpico, dopo il buon rendimento in Serie B. Il Grifone sogna in grande, viste anche le prove di Parma e Torino nei giorni precedenti. Il Genoa tenta l’impresa contro la Roma di Mourinho, che scende in campo con una formazione leggermente rivisitata ma con una solida ossatura.

LA CRONACA DELLA GARA

Nella prima frazione, i giallorossi riescono a mantenere per la maggior parte del tempo il pallino del gioco con svariati calci piazzati in zona offensiva. Padroni di casa che, però, non riescono a trovare il vantaggio e faticano nel contenere le uscite dal basso del Genoa. La squadra di Gilardino riesce a evitare che la Roma risulti veramente pericolosa, nonostante i giallorossi siano i migliori in Italia da palla inattiva.

Nella seconda metà, i giallorossi proseguono con un importante forcing. La squadra di Mourinho accumula diverse palle inattive, da cui però non riesce a rendersi pericolosa. La svolta arriva con l’ingresso di Paulo Dybala, che è in grado con una giocata di scompaginare la difesa avversaria. Al Genoa non basta il tutto per tutto finale per riacciuffare il pareggio.

LE PAGELLE DELLA ROMA

Rui Patricio 6: Praticamente inoperoso per tutta la gara. Tocca il pallone quasi solo per battere le rimesse dal fondo.

Mancini 6.5: Ordinaria amministrazione per il centrale ex Atalanta. Più lavoro in fase di impostazione che altro per lui.

Kumbulla 5.5: Leggermente più in difficoltà rispetto ai suoi compagni di reparto nel marcare i due attaccanti avversari. Gli capitano diverse occasioni da palla inattiva, ma non è bravo a sfruttarle.

Ibanez 7: Partita precisa sia in fase di recupero del possesso, sia nel far ripartire la sua squadra. Gioca spesso in verticale, trovando tracce interessanti e pericolose.

Zalewski 6: Non la sua miglior gara, ma da quando ha la possibilità di salire a battere i calci piazzati riesce a mettersi in mostra. Alcune buone accelerazioni, che però vengono contenute dalla difesa avversaria. (dal 75′ Celik 6: Poco lavoro in fase offensiva, bravo quando serve intervenire nel finale).

Matic 7: La sua prestazione è fondamentale per lo sviluppo del gioco dei suoi. Garantisce sicurezza al reparto difensivo e supporta molto i trequartisti, come dimostrato dall’ottimo passaggio per Pellegrini nel primo tempo, con il tiro che si stampa all’incrocio.

Bove 6.5: La sua posizione ibrida gli permette di liberarsi spesso dalla stretta marcatura avversaria. Riesce spesso a trovare interessanti trame verticali per i compagni e dimostra personalità con alcuni tiri da fuori. Bravo anche in fase di recupero palla. (Dal 62′ Cristante 6: Giocatore diverso rispetto al compagno che sostituisce, ma è altrettanto importante nel recuperare palloni).

El Shaarawy 5: Il peggiore dei suoi. Raramente riesce ad avere il pallone tra i piedi e ancor più di rado punta l’uomo nell’uno contro uno. Non esattamente la sua partita. (Dal 62′ Spinazzola 6: Poco coinvolto nelle manovre offensive. Deve ancora ritrovare la sua miglior forma, anche se ogni tanto dimostra importanti saggi di bravura tecnica).

Pellegrini 6.5: Il capitano è colui che crea il maggior numero di occasioni per i compagni. Ha sui piedi l’occasione più pericolosa del primo tempo, ma la sua conclusione è bloccata dai legni. (Dal 45′ Dybala 7.5: Il suo ingresso in campo incrementa ulteriormente la capacità tecnica e offensiva della Roma. Decisivo con il gol, che arriva dopo una giocata perfetta).

Zaniolo 5.5: Alterna buone accelerazioni potenzialmente pericolose a momenti in cui esce dalla partita. Non riesce a tramutare la potenza in atto, anche a causa della buona partita della retroguardia avversaria. (Dal 87′ Tahirovic sv).

Abraham 5.5: Lavora molto per i compagni, cercando tanti palloni interessanti. Non riesce, però, a proseguire la striscia positiva dopo il gol contro il Milan.

All. Mourinho 6.5: Il quantitativo industriale di corner procurato dalla sua squadra dimostra che la Roma ha giocato per gran parte della gara nella metà campo avversaria. La sua squadra vince meritatamente una gara praticamente dominata per tutti i 90′.

LE PAGELLE DEL GENOA

Martinez 6.5: Nel primo tempo viene chiamato poco in causa, ma è bravo a far partire i suoi dal basso. Nella seconda metà deve impegnarsi molto di più, ma è molto attento.

Vogliacco 6.5: Se la Roma fatica ad arrivare dalle parti di Martinez, gran parte del merito va a lui. Sempre preciso e ordinato negli interventi, senza mai rischiare errori anche in fase di impostazione.

Bani 6: Cerca di garantire ordine e disciplina in una gara molto complicata difensivamente. Riesce per tutti i 90′, tranne che nell’occasione del gol di Dybala, fondamentale per l’eliminazione del Genoa.

Dragusin 6.5: Gli attaccanti che si trovano dalle sue parti vanno in difficoltà. Contiene bene sia Zaniolo sia Dybala e non cede ai duelli fisici con gli avversari. Riesce anche a proporsi spesso in avanti, riproducendo specularmente la prestazione di Ibanez.

Sabelli 6.5: Sulla sua corsia riesce soprattutto a contenere bene El Shaarawy. Inoltre, è bravo a farsi trovare spesso in fase offensiva. Prova più che sufficiente per l’ex Brescia, in grado di portare qualche difficoltà alla retroguardia avversaria.

Sturaro 6: Partita molto intensa, ritmi elevati a cui non è molto abituato dato che è la prima da titolare quest’anno. Riesce a reggere il colpo, nonostante la prestazione di alto livello del centrocampo avversario. (Dal 64′ Frendrup 5.5: Sembra in difficoltà quando deve dare ordine e portare nuova linfa offensiva alla sua squadra).

Badelj 6: Alterna ottime giocate in uscita ad alcuni rischi evitabili. Nel complesso una prestazione sufficiente in una serata non semplicissima. Importante nelle partenze dal basso, per liberare lo spazio a Galdames. (Dal 64′ Strootman 6: In un campo che gli è particolarmente familiare, riesce a riprendere il testimone lasciato da Badelj. Nessun acuto particolare, ma neanche grandi errori).

Galdames 6.5: È l’uomo perfetto per il gioco proposto oggi dal Genoa. Si fa trovare dal portiere e dai difensori sempre smarcato e fa sempre partire le azioni dal basso dei suoi. Fondamentale anche in fase di recupero palla, sporcando diverse iniziative pericolose. (Dal 75′ Aramu 6: Entra bene in campo, riuscendo a creare nuove trame per gli assalti finali dei suoi).

Czyborra 5: Al contrario di Sabelli dall’altra parte, va parecchio in difficoltà quando gli avversari partono nella sua zona. Scarso anche il contributo in fase offensiva. (Dal 64′ Criscito 5.5: Entra pochi secondi prima del gol avversario per portare esperienza e capacità difensive. La rete subita dovrebbe cambiare la sua partita, ma non è così).

Coda 5.5: Partita di grande sacrificio. Fatica a rendersi pericoloso, perché ben arginato dai centrali avversari e poco supportato dai compagni. Da migliorare anche l’intesa con il compagno di reparto. (Dal 75′ Puscas 5.5: Entra per dare freschezza nel finale e provare a dare una difficile svolta alla gara. Non riesce nell’impresa, ricevendo pochi palloni giocabili).

Yalcin 5.5: Prova molto simile a quella di Coda, con la differenza che ha sui suoi piedi un’importante occasione nella prima metà. Non riesce comunque a creare occasioni importanti per segnare.

All. Gilardino 6.5: Prepara molto bene la gara, riuscendo a soffrire quando è necessario e a ripartire nel momento in cui c’è l’occasione per farlo. Il cambio modulo consente ai centrocampisti di liberarsi in fase di possesso nella zona bassa del campo. In questo modo, riesce a costruire azioni partendo dal portiere senza rischiare troppo. Il risultato rispecchia quanto visto in campo, ma non può che essere soddisfatto della prestazione dei suoi.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Cellino valuta gli svincolati per rinforzare il Brescia: Zaza tra i nomi

Pubblicato

:

Cellino

Massimo Cellino, presidente del Brescia, club attualmente quattordicesimo in Serie B, sta valutando vari profili di calciatori svincolati per rinforzare la rosa. Infatti, stando a quanto riporta BresciaOggi, le Rondinelle starebbero osservando vari giocatori senza contratto per provare a risalire in classifica e puntare alla zona Play-off. Tra i nomi spiccano il norvegese Ola Kamara, attaccante classe 89′ ex D.C. United, Marco Sau e Simone Zaza.

La dirigenza lombarda in particolare sta monitorando con molta attenzione la situazione dell’ex-Torino, il quale sarebbe molto gradito dall’ambiente Brescia.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Greenwood e un futuro da ricostruire: possibile ripartenza in Cina

Pubblicato

:

Greenwood

Mason Greenwood, dopo essere stato assolto dall’accusa di stupro vuole ricostruirsi il suo futuro. L’attaccante classe 2001, ancora di proprietà del Manchester United, si trova fuori dal progetto dei Red Devils ed è attualmente in uscita. Inoltre non gioca una partita ufficiale dal 5 dicembre del 2021 contro il Crystal Palace, match in cui servì l’assist per la vittoria a Fred.

Dal momento che le sue doti calcistiche sono indiscusse, si potrebbero aprire comunque diversi scenari per la sua prossima squadra. Tuttavia, come riporta il Sun, Greenwood avrebbe scelto il campionato cinese, ambiente abbastanza tranquillo e con poche pressioni per crearsi una nuova immagine di sé.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Chelsea nel mirino della UEFA per il Fair Play Finanziario

Pubblicato

:

Chelsea

L’organo di controllo finanziario della Federcalcio europea ha messo nel mirino le operazioni del Chelsea. Il club era già stato inserito nella “lista di controllo” e la non qualificazione in Champions League potrebbe portare il club al rischio di violazione delle regole del Fair Play Finanziario UEFA. Il massimo organo calcistico europeo aveva già annunciato a settembre che i Blues erano tra i 19 club europei che sono sfuggiti a misure sanzionatorie a causa dell’emergenza Coronavirus, ma adesso la situazione è migliorata e la società londinese è sotto tiro per una sessione invernale di calciomercato a dir poco faraonica.

La spesa monstre spesa dai Blues, quasi 330 milioni di euro, ha fatto sì che il costo della rosa di Potter salisse alle stelle. Secondo quanto riportato dal quotidiano inglese The Times, il club di Todd Boehly ha adottato una politica che permetterà di siglare accordi di lunga durata e consentirà al Chelsea di distribuire il costo dei cartellini su più stagioni. Questa strategia però, non sembra poter tranquillizzare il club londinese che, in caso di mancato quarto posto, potrebbe essere costretto a vendere le stelle acquistate in questa sontuosa sessione di calciomercato. I calciatori cresciuti nel settore giovanile, e dunque con un valore netto a bilancio prossimo allo zero, potrebbero salvare il Chelsea. Callum Hudson-Odoi, Conor Gallagher e Ruben Loftus-Cheek potrebbero portare circa 100 milioni nelle casse del club.

Per sostituire la vecchia versione del Fair Play Finanziario, la UEFA ha introdotto un nuovo elemento chiamato “squad cost rule”, che prevede che i club avranno un limite di spesa pari al 90% dei ricavi per gli stipendi dei giocatori, i trasferimenti e le commissioni degli agenti. Il limite si abbasserà all’80 e ancora al 70% negli anni successivi, fino ad arrivare a regime nella stagione 2025/26.

Continua a leggere

Flash News

Salernitana, Candreva è in un buon momento contro la Juve: la statistica

Pubblicato

:

Candreva

Antonio Candreva, centrocampista della Salernitana, ha preso parte a tre gol nelle ultime tre sfide contro la Juventus. Infatti ha segnato una rete con la maglia della Salernitana nel match di andata di questa Serie A, terminato 2-2, e un’altra con la maglia della Sampdoria la passata stagione, nella gara d’andata in cui mise a referto anche un assist. I granata, che arrivano da una vittoria importantissima fuori casa contro il Lecce, sono pronti a dare il massimo per fare risultato in casa contro i bianconeri, che non vincono in campionato dal 7 gennaio contro l’Udinese.

Un altro dato molto importante di questa sorta di legame tra Candreva e la Vecchia Signora è che le sue prime due reti nella massima divisione italiana sono arrivate proprio con la maglia a strisce bianche e nere. Infatti, arrivato alla Juventus nella finestra di mercato invernale della stagione 2009/2010, disputò 16 gare nel girone di ritorno con la maglia bianconera.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969