Connect with us
La Roma guarda al futuro: spazio ai giovani

Flash News

La Roma guarda al futuro: spazio ai giovani

Pubblicato

:

Mourinho

La Roma è attualmente impegnata nella tournèe giapponese, dove José Mourinho sta continuando il suo progetto-giovani. Come riporta il Corriere dello Sport, il portoghese sta dando ampio spazio ai suoi giovani di maggior talento nelle amichevoli durante la sosta. Abbiamo già avuto modo di scoprire Zalewski, Bove e Volpato, mentre altri, come Tahirovic, stanno venendo fuori ora. Un nome nuovo è sicuramente quello di Nicolò Pisilli, classe 2004 e titolare in Primavera. Il ragazzo ha da poco firmato il suo primo contratto da professionista che lo legherà ai giallorossi fino al 2026. Discorso simile per un altro classe 2004, Giacomo Faticanti.

Difficile pensare che tutti questi rimarranno tra le file della Roma, ma l’importante è che crescano bene. Per entrare e stabilirsi, un giorno, nel calcio che conta.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash News

Calabria difende Pulisic: “Non si era accorto dell’uomo a terra”

Pubblicato

:

Calabria

Davide Calabria è intervenuto ai microfoni di DAZN dopo Lazio-Milan, anticipo del venerdì sera della 27ª giornata di Serie A deciso da Okafor, con lo svizzero che ha replicato il sigillo dell’andata. Con questa vittoria i rossoneri salgono a quota 56 punti, a meno 1 dalla Juventus, che giocherà domenica alle 20:45 contro il Napoli, in casa dei campioni d’Italia. Di seguito le parole di Calabria.

DAVIDE CALABRIA POST LAZIO-MILAN – LE PAROLE

SULLA PARTITA – “Partita sofferta, ma quello che ci interessava era portare a casa i 3 punti. Non è bello che gli episodi che ci sono stati siano successi, ma noi parliamo di calcio, e quello non è calcio“.

SUGLI ANIMI CALDI – “L’adrenalina sul momento c’è e sicuramente non è uno bello spettacolo. Speriamo non capiti più“.

SU PULISIC – “Lui non si era reso conto ci fosse l’uomo a terra. Pensava che Pellegrini proteggesse palla, ha provato l’anticipo e ce l’ha fatta. L’arbitro a quel punto doveva ammonire. Lui è uno dei ragazzi più bravi che abbia mai conosciuto, non era sicuramente sua intenzione fare quella cosa, che purtroppo è successa ed è stata importante per la gara“.

SULLA SUA CONDIZIONE FISICA – “Io ho un piccolo infortunio, ma sto recuperando la forma migliore e abbiamo qualche giorno in più adesso per riposare, che quando si gioca di media ogni tre giorni è fondamentale“.

SULL’INTER“Sta facendo un campionato incredibile, ogni tanto è giusto fare i complimenti. Stanno facendo un calcio propositivo, facendo tanti gol e subendone pochissimi. Il nostro obiettivo è tornare lì su con loro. La storia del Milan che dice che dobbiamo lottare per ogni campionato“.

SU OKAFOR – “Un ragazzo che si è inserito alla grande, ma è timido. Un lavoratore che se sta bene può aiutarci parecchio. Un valore aggiunto che anche quando entra in panchina sa fare cose importanti“.

SU IBRA – “Zlatan è sempre Zlatan. Sta imparando un ruolo diverso, sono i primi mesi con noi, il rapporto è un po’ più da dirigente rispetto prima, ma sa sempre dire le cose come faceva prima“.

SULLE PAROLE DI CARDINALE – “Noi siamo concentrati sul campo. Quello che arriva da fuori lo prendiamo con relativa importanza. Finché ci sarà questo gruppo e questa squadra remeremo sempre tutti dalla stessa parte“.

Continua a leggere

Flash News

Pioli interrompe la conferenza stampa dopo Lazio-Milan: il motivo

Pubblicato

:

Pioli

Animi tesi dopo Lazio-Milan, non sono nella parte biancoceleste ma anche in quella rossonera. Poco fa infatti l’allenatore del club meneghino Stefano Pioli ha interrotto la conferenza stampa post-partita dopo alcuni scambi di battute con un giornalista presente in sala stampa.

Al centro dei discorsi l’episodio che ha portato all’espulsione di Pellegrini al 57′, con Pulisic che ha tolto il pallone al terzino biancoceleste, che stava mandando la sfera fuori dal campo perchè un compagno era a terra. Secondo Pioli il comportamento dell’ex Chelsea è stato impeccabile perchè sarebbe toccato all’arbitro il compito di interrompere il gioco. Dopo che però ha sentito definire Pulisic “scorretto”, nella domanda del giornalista, Pioli ha prima risposto, poi si alzato ed è andato via.

Continua a leggere

Flash News

Lotito furioso: “Superati tutti i limiti, Lega abbia conduzione terza”

Pubblicato

:

Lotito

La Lazio contro il Milan ha ottenuto la seconda sconfitta consecutiva in campionato, dopo quella di Firenze, e ora rischia di veder allontanarsi in maniera pesante l’obiettivo della qualificazione alla prossima Champions League. Il match tra biancocelesti e rossoneri è stato contrassegnato da molti episodi arbitrali e nel post-partita è intervenuto il presidente dei biancocelesti Claudio Lotito ai microfoni di DAZN.

LE PAROLE DI LOTITO

LEGA –È giunto il momento che la Lega abbia una conduzione terza al di fuori del sistema perchè il sistema non è più in grado di garantire l’affidabilità di tutti i comportamenti“.

LIMITI SUPERATI –Oggi abbiamo superato tutti i limiti possibili e inimmaginabili. Io mi assumo la responsabilità di dire che la squadra si farà valere in tutte le sedi preposte“.

ARBITRO –Uno che fa l’arbitro dovrebbe avere all’interno del proprio habitat mentale un punto di equilibrio e di rottura“.

DI BELLO –Con gli arbitri non ho mai parlato, Di Bello non so chi sia, ho visto come ha arbitrato oggi“.

Continua a leggere

Flash News

Pioli: “Rosso a Pellegrini? L’arbitro non ha fischiato, Pulisic giocatore corretto”

Pubblicato

:

Pioli

PIOLI POST LAZIO-MILAN – Termina 1-0 la sfida dell’Olimpico, grazie alla rete al minuto 88 di Okafor. Partita molto nervosa, esplosa con l’espulsione di Pellegrini per la Lazio al 57′, arrivata dopo una trattenuta su Pulisic che ha fatto estrarre all’arbitro il secondo cartellino verso l’ex Roma. Proteste dei biancocelesti, che stavano accompagnando la palla verso l’out di destra proprio con il terzino, con il gioco che sembrava doversi fermare per un compagno a terra. L’arbitro però non ha fischiato, allora Pulisic ha sottratto la palla all’avversario e lo ha condotto all’errore.

Lazio che ha finito addirittura in 8, a causa dei rossi diretti per Marusic (reo di aver risposto in maniera scomposta al direttore di gara) e Guendouzi (per la reazione su Pulisic dopo un fallo dello statunitense). Ai microfoni di DAZN, subito dopo la partita, ha parlato l’allenatore del Milan Stefano Pioli.

PIOLI POST LAZIO-MILAN – LE PAROLE

SULLA PARTITA – “Nervosa e fallosa. Primo tempo con poco ritmo, doveva esserci più velocità e profondità. Nel secondo tempo siamo partiti meglio e abbiamo sfruttati gli errori della Lazio“.

CONFRONTO CON SARRI SULLA PRIMA ESPULSIONE – “Lui mi ha detto che la palla stava per uscire, ma l’arbitro non ha fischiato. Pulisic è un giocatore corretto, ha fatto la sua giocata. Non vedo perché dovevamo fermarci, erano loro a dover allontanare la palla o l’arbitro a interrompere il gioco“.

SULLA FORMAZIONE – “Secondo me nel primo tempo le mezz’ali sarebbero dovute essere più larghe. Sulle fasce meglio a destra che a sinistra. Con la superiorità numerica pensavo fosse giusto mettere la seconda punta“.

SUL CLEAN SHEET E I GOL DEI SUBENTRATI – “Dati importanti per noi, venivamo da trasferte con troppi gol subiti. Sono molto soddisfatto quanto si fanno trovare pronti i ragazzi, il merito va a loro per la professionalità che mettono“.

SU LEAO – “Leao lo abbiamo trovato poche volte nel primo tempo , ma è sempre stato pronto per essere importante in fase offensiva“.

SULL’EUROPA – “L’obiettivo è confermare o migliore il terzo posto. Oggi, anche per gli altri scontri che ci saranno, è stata una vittoria importante. Ora abbiamo una settimana per preparare la partita contro lo Slavia Praga, che è un’ottima squadra“.

SULLE PAROLE INSODDISFATTE DI CARDINALE  – “Sono concentrato su ciò che stiamo facendo. Abbiamo partite importanti e prestigiose di fronte a noi. Le parole della proprietà non le ho mai commentate, hanno diritto e dovere di fare le loro valutazioni. I nostri risultati saranno sempre e solo dettati dalla prestazione e non da fattori esterni. Siamo un grande gruppo, e se perderemo non sarà per mancanza di volontà per raggiungere i nostri obiettivi o per mancanza di compattezza“.

SU IBRA – “Strano averlo in questa veste, ma si sta calendo con grande passione, volontà e competenza. Ci fa piacere che ci sia così vicino“.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969