Dove trovarci

Roma, tutti i nomi per il dopo Dzeko

Sembra ormai giunta agli sgoccioli l’avventura di Edin Dzeko in maglia giallorossa. Dopo 4 anni 178 presenze e 87 gol, l’attaccante bosniaco sembra pronto per lasciare la capitale in estate. Quella col Parma potrebbe essere anche la sua ultima notte romana e nell’ambiente sono già molti i nomi che circolano per raccogliere l’eredità del numero 9. Tra suggestioni, occasioni e obiettivi forti, vediamo tutti i candidati a guidare l’attacco della Roma del prossimo anno.

PATRICK SCHICK

Il sostituto di Dzeko la Roma potrebbe avercelo in casa. Il ceco è stato finora un vero e proprio oggetto misterioso. Pagato tantissimo, in due anni ha dimostrato praticamente nulla. Di occasioni ne ha avute, ma davvero raramente le ha sfruttate. L’addio del bosniaco potrebbe essere per l’ex Samp un’occasione importante, soprattutto se sulla panchina giallorossa ritrovasse il suo mentore Giampaolo, che l’ha lanciato con la casacca blucerchiata. Ma anche con Gasp, o chi per lui, Patrick avrebbe la possibilità di ripartire da zero e di guadagnarsi la fiducia del nuovo mister. Per la Roma inoltre poter risparmiare su un ruolo, visto che c’è molto lavoro da fare, potrebbe essere una manna dal cielo. Certo che ad oggi il ceco non dà alcuna garanzia, né sul piano tecnico che tanto meno su quello mentale. Apparso costantemente fragile e scarico, Schick ha annaspato tantissimo in questa sua avventura giallorossa ed immaginare una svolta a questo punto è davvero difficile. Ma nel calcio le storie assumono sempre risvolti imprevisti e i nuovi inizi spesso stravolgono le carte in tavola.

DUVAN ZAPATA

Il nome di Gasperini è quello che sembra più in auge per la panchina giallorossa. E con lui quello del suo bomber. All’Atalanta il colombiano si è definitivamente consacrato, vivendo una stagione spettacolare dal punto di vista sia delle prestazioni che delle realizzazioni. Gasperini non ha praticamente mai rinunciato al suo bomber e potrebbe decidere di portarselo anche nella sua eventuale avventura nella capitale. L’ostacolo maggiore sicuramente è rappresentato dalla valutazione dell’Atalanta, che se dovesse raggiungere la Champions non avrebbe alcun interesse a vendere il suo bomber. Nè tecnico e né tanto meno economico. Lo stesso Zapata potrebbe preferire giocare la Champions con la sua dea, anche se la chiamata della Roma è una di quelle importanti, con annessa possibilità di riscattare la delusione di Napoli. Inutile dire che per i giallorossi Duvan sarebbe un colpo di primissimo livello, capace di far digerire con meno amarezza l’addio di Dzeko. Tra i nomi emersi è forse il più interessante.

ANDREA BELOTTI

Altro nome caldo è quello del gallo Andrea Belotti. Come per Duvan, anche nel suo caso il motivo dell’accostamento ha un nome e cognome: Gianluca Petrachi, promesso DS della nuova Roma. L’ex stratega di mercato del Torino potrebbe portare con sé il suo bomber, anche se c’è da fare i conti con le resistenze del patron Urbano Cairo. I granata sono bottega cara e il numero uno dei piemontesi pare non aver digerito l’addio del suo DS. Belotti sarebbe il profilo ideale per i giallorossi e manterrebbe la linea azzurra che si sta instaurando nella capitale. Ancora una volta il problema più grande è la valutazione, anche se il mancato approdo dei granata in Europa potrebbe far ammorbidire Cairo.

FERNANDO LLORENTE

Usciamo dai confini di casa nostra. Un nome caldo viene dall’altra parte della manica ed è una vecchia conoscenza del nostro campionato. Col contratto in scadenza a giugno Fernando Llorente rappresenta una ghiotta occasione per molte squadre. Ci pensa la Roma, che sostituirebbe così il proprio numero 9 con un altro profilo internazionale. Dopo qualche stagione sottotono lo spagnolo ha ripreso vitalità quest’anno con gli Spurs, sfruttando anche gli acciacchi fisici di Harry Kane. Con 34 primavere sulle spalle l’ex Juve è alla ricerca dell’ultimo grande contratto della propria carriera e Roma sarebbe una piazza intrigante. I giallorossi dal canto loro prenderebbero un giocatore in grado sia di lasciare spazio a Schick, ma anche di supportare il peso dell’attacco qualora il ceco confermasse le proprie debolezze. Il grande ostacolo potrebbe essere l’ingaggio, sempre questione spinosa quando si parla di giocatori svincolati.

MAX KRUSE

Altro nome proveniente dall’estero. Forse non scalda abbastanza l’animo dei tifosi giallorossi, ma il trentunenne tedesco è un candidato quanto mai valido. In scadenza anche lui, dopo una carriera in Germania potrebbe provare un’avventura all’estero. La concorrenza su di lui è altissima, tra le altre ci sono Bayern, Liverpool e Inter. La sensazione è però che tutti lo considerino un’alternativa, restano vigili ma aspettano a sferrare il colpo. La rapidità in questo caso potrebbe essere fondamentale per assicurarsi le prestazioni del tedesco. Kruse rappresenta un profilo molto diverso dagli altri nomi fatti finora, un calciatore di maggiore qualità e minore prestanza fisica. Rappresenta una variante importante, ma al momento anche per la Roma sembra poco più di un’alternativa.

MOUSSA MAREGA

A Roma hanno conosciuto bene il centravanti franco-maliano. Nel match di ritorno degli ottavi di finale di Champions tra Porto e Roma ha creato non poco scompiglio ai giallorossi, siglando anche il gol del 2-1. Centravanti moderno, un armadio capace di abbinare alla fisicità anche tanta qualità. Marega è un punto fermo della squadra di Conceicao e strapparlo ai Dragoes non sarà impresa facile. Una valutazione alta, tantissima concorrenza, ma se l’affare dovesse andare in porto sarebbe un colpo di primissimo livello. Per ora il suo nome è defilato, anche per le difficoltà oggettive di arrivarci, ma rappresenterebbe sicuramente una valida alternativa al partente Edin Dzeko.

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in Generico