Connect with us

Flash News

Crisi Dzeko: è record negativo

Pubblicato

:

Di certo non una delle migliori stagioni quella della Roma di quest’anno che, nonostante il cambio in panchina, seppur quest’ultimo sia arrivato in tempi troppo recenti per mostrare reali frutti, non sembra voler cambiare direzione.

Abbastanza ovvia a questo punto, con le freshe dimissioni del D.S. Monchi (in settimana dovrebbe essere ripresentanto al Siviglia), parlare di una campagna acquisti non all’altezza: via su tutti, in due anni, Nainggolan, Salah ed Allison; dentro Pastore (le premesse erano buone, il rendimento meno), Under e Olsen.

C’è però da dire che lo scorso anno, con un Allison in più, ma con un Nainggolan già in parabola discendente, la Roma di Eusebio Di Francesco aveva raggiunto traguardi storici in Champions, con la qualificazione per le semifinali ed un ottimo terzo posto in A.

Traguardi che alla luce dei fatti quest’anno si stanno sciogliendo innazitutto tra le mani di chi, come De Rossi e Florenzi, continua a dare l’anima per la squadra: fuori dalla Champions agli ottavi e quarto posto ormai relativamente distante, con Milan ed Inter che spingono.

Sebbene, come visto, la campagna acquisti non abbia giovato all’ambiente Roma, il problema di fondo appare essere un morale decisamente sotto i piedi, condita con una scarsa consapevolezza nei propri mezzi:

”Devono lavorare per meritarsi i soldi che guadagnano”

E’ stato duro Claudio Ranieri ieri in conferenza post sconfitta a Ferrara con la Spal, a conferma di come il problema, più che in chi è andato via, è tra i rimasti.

Emblema ultimo di tale crisi è il giocatore che negli anni passati, ancor più del Ninja e di Salah, portava il testimone giallorosso: Edin Dzeko. Pochi gol in campionato ( solo 7), molti errori, talvolta gravi come quello al Dragao contro il Porto, ma soprattutto tanto nervosismo.

 

NERVOSISMO E RECORD DI CARTELLINI

Quello di Dzeko è il nervosismo di chi, troppo spesso, ha provato a trascinare la squadra, ricevendo però solo atteggiamenti passivi dai compagni. E’ il nervosismo di chi, in questi anni a Roma più che mai, ha dimostrato di subire molto dal punto di vista emotivo e di chi, nonostante i fallimenti (la prima e la conseguente seconda stagione nella capitale lo dimostrano), si è sempre rialzato.

A tutto ciò è da aggiungere senza dubbio la stagione difficile della Roma, non solo a livello caratteriale, ma anche e soprattutto a livello di rendimento, oltre che una situazione contrattuale in bilico che però, per il professionista che Dzeko ha sempre dimostrato di essere, non dovrebbe turbare più di tanto.

Passando dalle cause ai numeri; il bosniaco, con l’ammonizione di ieri al Mazza di Ferrara, ha superato il suo record in carriera: 8 sanzioni in 29 partite, con addirittura un’aespulsione nel disastroso match di Coppa Italia con la Fiorentina, terminato con i giallorossi sotto per 7-1.

A fare ancora più impressione è leggere questi numeri accanto al nome di un giocatore che in carriera si è sempre distinto per la sua correttezza, ma che già l’anno scorso aveva mostrato qualche inattenzione. Infatti è proprio lo scorso anno che vede il 9 bosniaco avvicinarsi di più ai numeri di questa stagione, con 7 sanzioni totali.

Fatta questa analisi è impossibile non osservare come quella di Dzeko sia una stagione di frustrazioni, emblema di una stagione fallimentare della Roma che può però approfittare della pausa nazionale per riacquisire smalto, mentre mister Ranieri proverà ad inculcare nei calciatori le sue idee di calcio.

Con una Roma ritrovata Dzeko non potrà che far bene, ritrovando i suoi gol e la sua tenacia, per credere, fin quando possibile, nel quarto posto e nel piazzamento Champions.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Il Bologna programma le amichevoli di dicembre: date e orari

Pubblicato

:

Monza-Bologna, le probabili formazioni: out Arnautovic

Dicembre sarà un mese di amichevoli anche per il Bologna, che, sul proprio sito ufficiale, ha stilato l’elenco delle partite, che lo vedranno in campo. Si parte venerdì contro la Primavera e si terminerà il 17 dicembre contro HNK Gorica. Di seguito il programma completo:

  • Bologna – Bologna Primavera (2 dicembre ore 14:30)
  • Bologna – Kapfenberg SV (9 dicembre ore 14:00)
  • RCD Mallorca – Bologna (14 dicembre ore 18:00)
  • Bologna – HNK Gorica (17 dicembre ore 14:00)

Continua a leggere

Calciomercato

Lecce, Gallo e Gendrey in scadenza: si lavora ai rinnovi

Pubblicato

:

Lecce

Oltre a lavorare sul mercato in entrata, il Lecce pensa anche ai contratti dei giocatori attualmente in rosa, soprattutto i giovani. Secondo la Gazzetta dello Sport, infatti, si sta lavorando per i rinnovi di Valentin Gendrey e Antonino Gallo, entrambi classe 2000, col contratto in scadenza nel 2024. Il club salentino, quindi, intende voler continuare a puntare su di loro, pensando di trarne profitto in futuro. Non preoccupa, invece, il contratto di Lameck Banda, in scadenza nel 2026.

Continua a leggere

Flash News

La Juventus risponde alle accuse: il comunicato del club

Pubblicato

:

Juventus

Sono giorni particolarmente movimentati in casa Juventus. Negli scorsi giorni sono arrivate le dimissioni di Andrea Agnelli e di tutto il CdA bianconero ed è stata aperta un’indagine per falso in bilancio, plusvalenze e stipendi. In risposta alle accuse delle ultime ore, i bianconeri hanno ribadito la propria posizione in merito attraverso un comunicato ufficiale.

IL COMUNICATO

“A seguito dell’avvio del procedimento Consob di accertamento di presunte non-conformità contabili (luglio 2021), conclusosi in data 19 ottobre 2022, con gli esiti resi pubblici da Juventus con i due comunicati del 21 ottobre e 20 novembre 2022, e a seguito dell’acquisizione degli atti del fascicolo penale (a seguito della notifica dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari il 24 ottobre 2022), gli organi sociali di Juventus hanno proseguito il processo di rigorosa e scrupolosa valutazione di tutte le contestazioni contabili rivolte con riguardo ai bilanci di Juventus (2019/2020 e 2020/2021 e, a cascata, 2021/2022).

Sulla base di un solido set di pareri di primari professionisti legali e contabili, il board di Juventus è pervenuto, con compattezza, alla conclusione unanime da parte dei nove consiglieri in carica alla data del 28 novembre 2022, che:

  • Il trattamento contabile adottato nei bilanci contestati rientra tra quelli consentiti dagli applicabili principi contabili;
  • le contestazioni della Procura non paiono fondate e non paiono, peraltro, né quanto a presupposti, né quanto a conclusioni, allineate con i rilievi contenuti nella delibera Consob del 19 ottobre 2022; infatti, la Procura afferma l’artificialità di plusvalenze e la fittizietà delle rinunce stipendi, mentre Consob contesta un valore considerevolmente minore di plusvalenze, peraltro senza menzione di falso in bilancio, e non contesta l’efficacia giuridica delle rinunce stipendi, né, con specifico riguardo alla c.d. “manovra stipendi” 2020/2021, la natura giuridicamente non-vincolante, delle c.d. scritture integrative in corso di negoziazione nell’aprile/maggio 2021;
  • la correzione dei bilanci (i.e. restatement), con il limitato profilo delle c.d. “manovre” stipendi 2020 e 2021 è stata decisa in via di adozione di una prospettiva di accentuata ed estrema prudenza e ha effetti contabili ritenuti, anche con l’ausilio di esperti indipendenti , di ordine non rilevante, in particolar modo sul patrimonio netto della Società al 30 giugno 2022;
  • Juventus confida, infine, che, proprio in ragione della ritenuta assenza di qualsivoglia alterazione dei bilanci contestati, le conclusioni delle autorità sportive (che già si sono espresse, con riguardo al tema plusvalenze, in senso favorevole a Juventus) non cambieranno: in assenza di alcuna alterazione contabile, ogni sanzione sportiva risulterebbe del tutto infondata.

Nella convinzione di aver operato sempre correttamente, Juventus FC intende far valere le proprie ragioni e difendere i propri interessi, societari, economici e sportivi, in tutte le sedi”.

Continua a leggere

Calciomercato

Il Real Madrid piomba su Milinković-Savić: incontro con l’agente

Pubblicato

:

juventus

Ancora molto incerto il futuro di Milinković-Savić. Secondo quanto riportato dal quotidiano spagnolo DiarioGol, il centrocampista serbo sarebbe finito nel mirino del Real Madrid.

I Blancos starebbero attuando una vera e propria rivoluzione a centrocampo, poiché Dani Ceballos e Toni Kroos sono in scadenza, mentre Luka Modrić va verso il termine della sua carriera. Per questo motivo, l’obiettivo numero uno di mercato del Real Madrid sarebbe proprio il centrocampista della Lazio. Sempre secondo la medesima testata, nelle prossime settimane si terrà un summit di mercato tra Mateja Kezman, agente di Milinković, e Florentino Pérez, presidente del Real.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969