Connect with us
Rovella è disposto a tutto: "Se serve andare a Madrid per la qualificazione lo faremo"

Champions League

Rovella è disposto a tutto: “Se serve andare a Madrid per la qualificazione lo faremo”

Pubblicato

:

fagioli

Nicolò Rovella è intervenuto nel post partita di Lazio-Celtic, match valevole per la quinta giornata dei gironi di Champions League. Per l’ex giocatore della Juventus questo è il primo anno nella massima competizione europea, e si è ritrovato a essere titolare in una partita delicatissima. Con la vittoria ottenuta stasera infatti, i biancocelesti possono qualificarsi agli ottavi semplicemente aspettando il risultato dell’Atletico. In caso di vittoria degli spagnoli sul Feyenoord sarà passaggio del turno. Altrimenti bisognerà andare in visita dal Cholo Simeone per strappare un punto e assicurarsi il pass. Queste le parole di Rovella rilasciate ai microfoni di Sky Sport.

ROVELLA POST LAZIO-CELTIC – LE PAROLE

LA VITTORIA – “Una sensazione incredibile giocare questa partita, l’aiuto del pubblico è stato fondamentale ed è incredibile giocare qua. Stasera saremo incollati al divano, tifiamo Atletico e se non dovesse bastare ci andremo a prendere la qualificazione lì a Madrid“.

ISAKSEN – “Mi trovo benissimo a Roma, sento un grande calore ma anche lui si sta ambientando bene“.

Champions League

ULTIM’ORA – L’esito degli esami di Thuram: il comunicato dell’Inter

Pubblicato

:

Marcus Thuram e Axel Witsel, giocatori di Inter e Atletico Madrid, Serie A, La Liga, Coppa Italia, Champions League, EURO2024

Apprensione in casa Inter per quanto riguarda le condizioni di Marcus Thuram. L’attaccante nerazzurro, nel match di Champions contro l’Atletico Madrid, aveva accusato un fastidio in seguito a una conclusione tentata verso lo specchio della porta difesa da Jan Oblak. Il club nerazzurro ha pubblicato, qualche istante fa, un comunicato relativo alle sue condizioni.

IL COMUNICATO DELL’INTER

“Marcus Thuram si è sottoposto questa mattina a esami strumentali presso l’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano. Per l’attaccante nerazzurro elongazione dell’adduttore lungo della coscia destra. Le sue condizioni saranno rivalutate nei prossimi giorni“.

Continua a leggere

Champions League

Cambiasso elogia l’Inter: “Secondo tempo con l’Atletico dominato, l’esultanza di Arnautovic non è casuale”

Pubblicato

:

Cambiasso

Nel post partita di Inter-Atletico Madrid, gara d’andata degli ottavi di finale di Uefa Champions LeagueEsteban Cambiasso, il Cuchu per i più affezionati, ha commentato positivamente la prestazione della sue ex squadra. L’Inter sta convincendo su tutti i fronti e mantenere la rete inviolata in 21 partite stagionali su 32 non è per molti. Sommer è il migliore nei top 5 campionati su questo punto di vista, con soli 14 gol subiti.

Il merito va attribuito a una compattezza di squadra rara da vedere in altre squadre, con un reparto difensivo difficilmente penetrabile. Centrocampo e attacco sono semplicemente devastanti e abbinano quantità e qualità in maniera sinergica.

L’ex centrocampista argentino ha espresso la propria opinione a riguardo negli studi di Sky Sport al termine del match contro gli spagnoli guidati da Simeone.

ANALISI DEL MATCH – “È stata una partita molto tattica e pensata. L’Atletico ha avuto più possesso palla, ma l’Inter ha avuto le occasioni più chiare e nella ripresa ha anche dominato il gioco. Vittoria meritata“.

LE PAROLE SU ARNAUTOVIC – “Sono molto contento per Arnautovic, si vede che sente le partite. L’esultanza non è casuale. Si vede che si fa voler bene dai tifosi e dai compagni, che sono andati in massa ad abbracciarlo dopo il gol”.

Continua a leggere

Champions League

Napoli-Barcellona, Capello: “Azzurri troppo insicuri ma negli ultimi 20′ c’è stata una reazione”

Pubblicato

:

Capello napoli

Stagione turbolenta quella del Campioni d’Italia che, dopo la vittoria del campionato dello scorso anno, stanno ora faticando, trovandosi al momento in nona posizione in classifica. Il Napoli di Aurelio De Laurentiis ha cambiato tre volte la guida tecnica in meno di un anno. Dopo Luciano Spalletti, infatti, sono arrivati Rudi Garcia e Walter Mazzarri, prima e ora Francesco Calzona. Il tecnico, attualmente CT della Slovacchia, ha firmato tre mesi mantenendo il doppio incarico. Per lui si tratta di un ritorno sulla panchina azzurra, dopo l’esperienza da vice di Sarri tra il 2015 e il 2018.

Fabio Capello, ai microfoni di Sky Sport, ha parlato dell’esordio del nuovo tecnico contro il Barcellona nell’andata degli ottavi di finale di Champions League al Maradona, match terminato in parità.

LE SUE PAROLE

NAPOLI IN DIFFICOLTÀ – “Ho visto i giocatori insicuri, hanno giocato con paura, come se il Maradona non fosse il loro stadio. Passaggi deboli e sempre orizzontali, il pressing del Barcellona ha messo in grande difficoltà il Napoli. Poi i venti minuti finali alla rovescia, dove il Napoli è rinato: grazie a Lindstrom, Raspadori e Politano, dopo una ottima prima parte di Meret che ha tenuto la squadra in partita“.

ULTIMA PARTE DI GARA – “Negli ultimi 20 minuti il Napoli mi è piaciuto, giocando veloce e compatto ha messo in difficoltà il Barça. Il Napoli deve far partire da qui la gara di ritorno. Non è solo una questione di testa. Lobotka è stato osannato lo scorso anno, stasera si nascondeva. Questo significa che c’è insicurezza“.

BRUTTO GESTO –Kvaratskhelia non mi è piaciuto: non deve fare quei gesti, se esci devi abbracciare il compagno, non fare così“.

Continua a leggere

Champions League

Napoli-Barcellona, Cannavaro: “Osimhen è un campione, Kvara deve avere rispetto dei suoi compagni”

Pubblicato

:

Cannavaro

Ieri sera è andata in scena il primo atto degli ottavi di finale di Champions League tra Napoli e Barcellona. Il match è terminato 1-1, con il pareggio siglato da Osimhen dopo il momentaneo vantaggio degli ospiti firmato Lewandowski. Fabio Cannavaro ha analizzato la partita ai microfoni di Amazon Prime Video, commentando il gol dei padroni di casa e soffermandosi sulla reazione poco felice di Kvaratskhelia dopo essere stato sostituito. Di seguito le dichiarazioni dell’ex difensore e pallone d’oro del 2006.

LE PAROLE DI CANNAVARO

I DUE GOL – “Ingenuo il difensore sul gol di Osimhen, devi aspettare e non andare a terra. Ha commesso due errori insieme. Osimhen è un campione, un giocatore che fa la differenza e che fa la fortuna di ogni allenatore. Il gol di Lewandowski? Quando un difensore si fa passare il pallone in mezzo alle gambe, ammazza il suo portiere. La palla non deve mai passare in mezzo alle gambe, è la regola numero uno per i difensori”.

LA REAZIONE DI KVARA DOPO IL CAMBIO – “Devi avere rispetto anche per i tuoi compagni che stanno entrando in campo e che si allenano ogni giorno come te. Un allenatore nuovo magari vuole anche dare la possibilità a che è più fresco. Questi atteggiamenti, per un allenatore, danno fastidio”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969