Connect with us
Russia, due giocatori della nazionale finiscono in prigione

Flash News

Russia, due giocatori della nazionale finiscono in prigione

Pubblicato

:

“Prima di agire e reagire, conta fino a dieci”. Quante volte, sin da piccoli, ci è stata ripetuta questa frase? L’impulsività, infatti, è spesso portatrice di reazioni sconsiderate che rischiano di macchiare irrimediabilmente la reputazione di una persona. Chissà quante volte avranno rimuginato e quanto rifletteranno su questa grande verità Aleksandr Kokorin e Pavel Mamaev, giocatori della nazionale russa condannati rispettivamente a 19 e 18 mesi di reclusione dal tribunale distrettuale Presnensky di Mosca. 

CHI SONO

A meno che non siate accaniti seguaci del calcio russo, probabilmente, non avrete sentito spesso parlare dei due profili prima citati. Aleksandr Kokorin, classe 1991, è  – o meglio era – un attaccante dello Zenit San Pietroburgo e della nazionale russa. Fabio Capello, ex c.t della Russia, durante il suo mandato da tecnico della nazionale, in particolare, ha sempre speso parole al miele per l’attaccante russo, definendolo come un grandissimo talento.

Pavel Mamaev, 31 anni a settembre, è invece un centrocampista incontrista in forza al Krasnodar e con un passato al Cska Mosca. Personaggio sopra le righe, ha partecipato alla spedizione degli Europei 2016 con la nazionale russa con cui ha collezionato 15 presenze.

LA VICENDA

I due giocatori, accomunati da una grande amicizia, il giorno prima delle aggressioni avevano giocato contro in campionato, con lo Zenit che aveva vinto l’incontro per 2-1 e Mamaev, in particolare, che aveva siglato l’unica rete del Krasnodar. Il giorno seguente alla partita, si erano recati in un bar di Mosca, in cui, dopo qualche drink, avevano cominciato a rendersi protagonisti di qualche atteggiamento sopra le righe. Tra l’ilarità e l’imbarazzo generale, anche Denis Pak, alto funzionario del governo russo di origine coreana, si trovava nel bar ed aveva cominciato a riprendere i due col telefonino; infastiditi dalle riprese, però, Kokorin e Mamaev, dopo aver invitato Pak a smetterla, lo hanno successivamente colpito alla testa con una sedia e schiaffeggiato ripetutamente. Non paghi, la loro ira si è rivolta poi verso Vitaly Solvchuk, autista di una tv accorso per prestare aiuto al funzionario ferito.

http:/https://youtu.be/N9V7983uBUY

Immediatamente sospesi dai loro club e dalla selezione russa, i due sono stati incarcerati nella prigione di Mosca in attesa della sentenza, arrivata ieri. Il tribunale di Mosca, per i gravissimi fatti compiuti, ha deciso di punire i due giocatori rispettivamente con 19 mesi di carcere per Kokorin e 18 mesi per Mamaev. Secondo quanto riporta Russian Football News, gli ormai ex nazionali russi saranno liberi rispettivamente a dicembre e novembre 2019, tenendo in considerazione i 7 mesi già scontati dall’aggressione avvenuta ad ottobre 2018.

Un fatto gravissimo, dettato dall’impulsività e che ha definitivamente messo la parola fine alla loro carriera.

Kokorin in manette, viene portato via dagli Agenti.

 

Calcio Internazionale

Di Maria si lamenta ancora con gli arbitri: rischio squalifica

Pubblicato

:

Angel Di Maria, attaccante del Benfica si appresta a rinnovare il contratto con i portoghesi

DI MARIA – Le polemiche arbitrali sono all’ordine del giorno in Serie A, ma non solo. L’Associazione degli Arbitri portoghesi (APAF) ha avviato un procedimento disciplinare contro Angel Di Maria. Le azioni dell’argentino sono state al centro dell’attenzione dopo le sue critiche alla squadra arbitrale guidata da Fabio Verissimo. Tutto questo è avvenuto in seguito alla sconfitta 2-1 del Benfica contro lo Sporting nella semifinale di andata della Coppa del Portogallo. Le dichiarazioni di Di Maria hanno suscitato polemiche e ora l’APAF si prepara ad affrontare la questione in modo disciplinare.

POLEMICA – “Quello che è successo ieri sera è stato visibile a tutti. Continueremo a lavorare per raggiungere i nostri obiettivi. Soli contro tutti”.

Di Maria ha espresso il suo dissenso per una rete annullata al 76′ per presunto fuorigioco di Tengstedt, chiedendo spiegazioni all’arbitro al termine del match. È la seconda volta in meno di un mese che l’Associazione degli Arbitri portoghesi indaga sul Fideo, aumentando le sue possibilità di una possibile squalifica. Di Maria è tornato al Benfica dopo quattordici anni e ha già segnato quattordici gol. Inoltre, ha fornito nove assist cruciali che hanno contribuito al successo del club di Lisbona in varie competizioni, sia a livello nazionale che europeo.

Continua a leggere

Flash News

Nicola avverte: “Serve attenzione fino all’ultimo, non vedremo Grassi”

Pubblicato

:

Davide Nicola, allenatore dell'Empoli

NICOLA EMPOLI CAGLIARI – Weekend di Serie A che ha in programma molte sfide importanti per la lotta salvezza. Oltre a Verona-Sassuolo e Udinese-Salernitana, domenica 3 marzo alle ore 15:00 si giocherà la partita dello stadio Carlo Castellani tra Empoli e Cagliari. I padroni di casa stanno risalendo la classifica, grazie all’arrivo di Davide Nicola: l’Empoli non perde dal 13 gennaio contro il Verona, ora la sfida al Cagliari è altrettanto importante per continuare a staccare la zona retrocessione. Tredicesimo posto attuale per i toscani, a +5 dagli stessi isolani al diciannovesimo posto in classifica, a pari merito con il Sassuolo. Prima della partita, Davide Nicola ha parlato ai microfoni dei giornalisti in conferenza stampa.

MOMENTO – “I punti ottenuti non sono cruciali, ma ci permettono di progredire. Sono soddisfatto del miglioramento della squadra. Affronteremo una sfida difficile contro una squadra aggressiva, guidata da un allenatore competente. I nuovi arrivi hanno rafforzato la squadra. Dobbiamo rimanere concentrati per ottenere il massimo. La determinazione dei giocatori è fondamentale, poiché una sola partita può cambiare tutto“.

ATTEGGIAMENTO – “Sarà essenziale mantenere la concentrazione dall’inizio alla fine, riconoscendo i momenti chiave e affrontando la loro aggressività con attenzione e organizzazione maniacale. Questo, unito all’entusiasmo nel mostrare il nostro vero valore, sarà fondamentale”.

CAGLIARI – “Il Cagliari ha fatto 7 punti dal 90esimo in poi, una cosa incredibile. Dobbiamo prestare attenzione fino alla fine perché hanno questa qualità. Allo stesso tempo, sono consapevole del lavoro e dell’entusiasmo dei ragazzi, dei dettagli curati e della capacità di focalizzarsi sulla prossima partita. Dovremo esprimerci al meglio per mettere in difficoltà il Cagliari. Servirà serenità, lucidità e determinazione. Sarà una gara tosta, ma il sostegno del pubblico sarà fondamentale. Bisogna elogiare anche gli sforzi non appariscenti dei giocatori”.

SQUADRA – “I giocatori arrivati all’ultimo hanno dimostrato grande qualità: sono giunti con umiltà e disponibilità. Il nostro staff li ha preparati al meglio per esprimersi. Ciò che conta per me è il gruppo squadra; da quando siamo qui, lavoriamo per consolidarlo. Ora, anche Ebuehi e Caputo stanno mostrando miglioramenti. Dalla prossima settimana, Ciccio sarà completamente integrato nel gruppo, e non vedo l’ora”.

INFORTUNI – “Non credo che vedremo Grassi in campo. Zurkowski ha avuto un allenamento non continuativo, ma sono fiducioso. Per quanto riguarda Fazzini, ha completato gli allenamenti”.

ALTRI SCONTRI – “Non ho considerato questo aspetto. Non so chi giocherà, ma concentro la mia attenzione su di noi e non perdo tempo con queste dinamiche. Potrebbe diventare una scusa, e personalmente odio le scuse”.

Continua a leggere

Flash News

Tchaouna sblocca Udinese-Salernitana: il più giovane in Serie A ad aver contribuito a 5 reti

Pubblicato

:

Tchaouna, calciatore della Salernitana e della Francia

SALERNITANA TCHAOUNA – In corso l’anticipo del sabato per la 27ª giornata di Serie A. Fischio d’inizio alle ore 15:00 per la partita del BlueEnergy Stadium di Udine tra Udinese e Salernitana, con i granata già in vantaggio grazie a Loum Tchaouna. In una partita decisiva per la salvezza, è ancora il classe 2003 ad andare in gol: è il terzo in questa stagione. Match molto importante, che potrebbe regalare una speranza in più agli uomini di Fabio Liverani, attualmente distanti 7 punti dalla salvezza. Secondo i dati OPTA, Loum Tchaouna è il giocatore più giovane ad aver contribuito ad almeno 5 reti in questa Serie A, grazie ai 3 gol e ai 2 assist serviti nelle 21 presenze in questa stagione.

Il giocatore, nato nel 2003 si sta rivelando una sorpresa per Liverani, nonostante la stagione complicata dei granata. Prodotto del settore giovanile del Rennes, il giocatore ha effettuato la sua prima stagione effettiva da professionista con la maglia del Digione in Ligue 2. La Salernitana si è assicurata il contratto di Tchaouna per la cifra di 3 milioni di euro: il giocatore può essere importante anche in ottica futura. La preoccupazione principale per i campani, però, deve essere la salvezza, per poter mantenere grande parte dell’organico anche nella prossima stagione.

Continua a leggere

Flash News

Baroni prima del Sassuolo: “Non possiamo sbagliare niente, Swirdeski in ritardo”

Pubblicato

:

Marco Baroni, allenatore dell'Hellas Verona - Serie A

BARONI VERONA-SASSUOLO – Partita molto suggestiva quella in programma domenica 3 marzo alle 12:30. Il lunch match inciderà molto sulle sorti della classifica, tra due squadre attualmente appaiate. Diciassettesima contro diciottesima in Serie A, con il Verona in avanti grazie alla differenza reti. I neroverdi si trovano in una situazione poco prevedibile all’inizio della stagione: l’arrivo di Davide Ballardini può portare una scossa. Marco Baroni, allenatore del Verona, ha parlato in conferenza stampa presentando questa sfida così delicata, contro un avversario particolare come il Sassuolo.

IMPORTANZA – “Le prossime partite saranno tutte decisive e dobbiamo affrontarle con umiltà e rispetto, ma senza timore. Ogni incontro sarà come una finale, e dobbiamo essere pronti a dare il massimo. La squadra si è allenata bene e dobbiamo essere forti tutti insieme. Non possiamo permetterci errori, sarà necessaria una prestazione di alto livello“.

AVVERSARIO – “Affrontiamo una squadra di grande qualità e sappiamo che la partita sarà molto difficile e complicata. Dobbiamo rendere loro la vita altrettanto difficile. La squadra si è impegnata al massimo durante la settimana, ora spetta a noi dimostrarlo in campo”.

INFORTUNI – “La squadra ha svolto un buon allenamento, anche se Swiderski è leggermente in ritardo. Tuttavia, sono convinto che tutti daranno il loro contributo. Queste partite richiedono un grande sforzo mentale e fisico, quindi sarà fondamentale anche il contributo dei giocatori che entreranno in campo durante la partita”.

BALLARDINI – Domani ci aspetta il miglior Sassuolo possibile, e affronteremo la partita con la consapevolezza di dover fare i conti con avversari agguerriti in ogni partita. Abbiamo preparato attentamente la sfida, esaminando tutte le possibili soluzioni, ma dobbiamo trovare le risposte direttamente all’interno del nostro gruppo, senza dipendere da altri”.

ATTEGGIAMENTO – “Sono partite in cui non possiamo permetterci di abbassare la testa, dobbiamo restare sempre concentrati. La squadra sta crescendo e ho molta fiducia nel nostro percorso. Ovviamente, il risultato è fondamentale, ma se guardo alla nostra ultima partita contro il Bologna, possiamo essere soddisfatti dell’ottima prestazione, specialmente dal punto di vista difensivo”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969