Come riportato dall’ANSA, la Russia sarà bandita dalle competizioni sportive internazionali per decisione della WADA, agenzia antidoping internazionale. Il comitato esecutivo dell’agenzia ha portato come motivazione la manomissione dei dati di laboratorio e l’eliminazione di documenti relativi a test antidoping positivi relativi a una serie di atleti russi.

Niente Olimpiadi di Tokio 2020 e niente Mondiale in Qatar nel 2022 per la Russia dunque, una rinuncia importante per la competizione che perde una nazione in grado di vincere dal 2004 un totale di 93 medaglie tra le Olimpiadi di Atene, Pechino, Londra e Rio de Janeiro.

Fonte immagine di copertina: profilo IG @VladimirPutin