Connect with us
Salernitana-Napoli 0-2, le pagelle del match

Flash News

Salernitana-Napoli 0-2, le pagelle: Di Lorenzo ed Osimhen super, male invece Bradaric e Daniliuc

Pubblicato

:

Pagellone

Continua a volare il super Napoli di Luciano Spalletti. All’Arechi, gli azzurri superano per 2-0 la Salernitana senza correre rischi e, soprattutto, dominando il gioco per lunghi tratti del match. A decidere la sfida i gol di Di Lorenzo, che ha aperto le danze al tramonto del primo tempo, e del solito Osimhen, sempre più capocannoniere a quota 13 gol. Queste condizioni permettono al Napoli di chiudere il girone d’andata con la spaventosa quota di 50 punti, e vola ad un momentaneo +12 sul Milan secondo in classifica. Per i granata, invece, arriva l’ennesima sconfitta, al termine di una settimana particolare, caratterizzata dall’esonero e poi dal ritorno di Nicola.

LE PAGELLE DELLA SALERNITANA

Ochoa 6: Altra giornata di grande lavoro per il portierone messicano, che compie anche dei buoni interventi. Incolpevole sui gol.

Daniliuc 5: È quello più in difficoltà nella retroguardia granata. In occasione del vantaggio del Napoli capisce ben poco, sbagliando l’uscita, che spalanca le porte dell’area ad Anguissa. Nella ripresa non riesce a contenere le iniziative della fascia sinistra avversaria. (Dall’86’ Sambia s.v.).

Gyomber 6: Dopo un paio di buoni interventi in avvio, è costretto a terminare in largo anticipo la sua partita. (Dal 16′ Lovato 6: Fa il massimo contro un cliente non semplicissimo come Osimhen, ma, alla fine, deve arrendersi inevitabilmente.).

Pirola 5.5: Anche lui non brillantissimo: riesce inizialmente a reggere le offensive degli uomini di Spalletti, ma, poi, è costretto ad arrendersi al tramonto del primo tempo.

Candreva 5.5: Partita sottotono. Prova in qualche modo a creare pericoli, ma non riesce a incidere.

Coulibaly 5.5: Il suo intento è quello di dare fastidio senza successo al palleggio del Napoli. Ciò che riesce a fare, però, è emergere solo grazie a qualche buon contrasto. Troppo poco per fermare l’armata azzurra, che non viene impensierita nemmeno in fase difensiva per via della sua scarsa verve in fase di impostazione.

Nicolussi Caviglia 6: Tra i migliori dei suoi. Gioca con enorme personalità, nonostante sia solamente alla sua terza presenza in Serie A.

Vilhena 5.5: Si dà da fare a centrocampo, provando a creare e verticalizzare. Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, però: quello che produce non è abbastanza però per raggiungere la sufficienza. (Dal 73′ Valencia s.v.).

Bradaric 5: Anche lui male sugli esterni. Non riesce a marcare Lozano e resta inchiodato a centrocampo, senza mai avanzare per mettere in difficoltà Di Lorenzo.

Dia 5: Partita troppo anonima per un attaccante come lui. Non riesce ad impensierire in alcun modo la retroguardia del Napoli, risultando spesso insicuro. (Dall’86’ Bonazzoli s.v.).

Piatek 6: In attacco è l’unico che riesce a creare pericoli. Va vicino al gol nell’unica occasione granata del primo tempo. Nel finale, invece, non ci crede abbastanza su un pallone vagante, che avrebbe potuto portare al gol dell’1-2.

Nicola 5.5: Sicuramente una settimana particolare per lui che, però, non giustifica l’ennesima prestazione negativa della sua squadra. L’avversario era il peggiore che potesse capitare. Tuttavia, con la spinta e il calore dell’Arechi si ci aspettava uno spirito diverso da parte della sua Salernitana.

LE PAGELLE DEL NAPOLI

Meret 6.5: In un Napoli che incanta col suo gioco c’è anche la sua firma. Nella prima frazione Piatek testa in modo significativo i suoi riflessi: lui risponde presente. Nel finale, invece, compie un autentico miracolo spedendo sul pallo il pallone che avrebbe riaperto il match.

Di Lorenzo 7.5: Partita fantastica per il capitano azzurro. Attento quando si tratta di difendere, eccezionale quando si sgancia per dare maggior apporto alla fase offensiva. Il gol è la ciliegina sulla torta dell’ennesima grande prestazione della sua stagione. (Dall’89’ Raspadori s.v.).

Rrahmani 6: Partita di ordinaria amministrazione; contiene le iniziative degli attaccanti avversari senza grossi problemi.

Kim 6: Anche per lui la partita si rivela tutto sommato tranquilla, malgrado venga macchiata da una leggerezza, che gli costa l’ammonizione nel primo tempo.

M. Rui 7: Spalletti può contare su un vero e proprio regista schierato come terzino. Dal suo sinistro partono spesso cross insidiosi e giocate chiave; un esempio consiste nell’azione primo gol, mediante l’imbucata per Anguissa.

Anguissa 7: Solito dominio a centrocampo, dove riesce a imporsi con la sua fisicità e riesce a gestire il possesso con estrema lucidità. A sugellare la sua grande partita, in più, va considerato anche il grande assist, fornito sui piedi di Di Lorenzo.

Lobotka 6: Il suo lavoro è sempre fondamentale anche se, per l’occasione, si limita a dirigere il traffico senza andare mai in affanno.

Zielinski 6: La solita qualità messa al servizio di una squadra sempre in controllo del gioco. Gli manca solo un ultimo sprint in zona gol. (Dall’86’ Ndombele s.v.).

Lozano 6: Crea scompiglio l’out di destra risultando, soprattutto nel primo tempo, imprendibile per Bradaric. Nella ripresa il suo ritmo cala d’intensità, ma la sua resta comunque una partita di buon livello. (Dall’86’ Politano s.v.).

Osimhen 7: è il solito straripante Osimhen. Incontenibile a più riprese per la difesa avversaria, sfrutta al meglio la sua fisicità ed attacca sempre la profondità, svariando su tutti i fronti del reparto offensivo. Il gol ormai quasi non fa più notizia. (Dall’89’ Simeone s.v.).

Elmas 6.5: Non avrà lo stesso strappo di Kvaratskhelia, ma riesce a non far sentire la mancanza del georgiano. Le sue “galoppate” sulla fascia destra sono pimpanti: una di queste propiziano anche il raddoppio partenopeo, la rete di Osimhen nasce dalla sua conclusione, stampatasi sul palo.

Spalletti 7.5: Come spesso accade da inizio stagione a questa parte, mette in campo una squadra che, oltre ad essere estremamente matura, è capace di dominare dal primo all’ultimo minuto. La delusione per la clamorosa eliminazione in Coppa Italia è già alle spalle.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash News

Il City schianta lo United nel derby di Manchester: netto 3-1 con un Foden stellare

Pubblicato

:

Phil Foden, giocatore del Manchester City e Marcus Rashford, giocatore del Manchester United, Premier League, FA Cup, Champions League, EURO2024

Il derby di Manchester è dei Citizens. All’Etihad Stadium, il Manchester City vince per 3-1 contro i rivali del Manchester United. A decidere la sfida la doppietta di Phil Foden e la rete di Erling Haaland. Inutile, invece, ai fini del risultato, il gol, all’8′, siglato da Marcus Rashford.

Con la vittoria odierna, la squadra di Pep Guardiola corrobora la seconda posizione in Premier League, a quota 62 punti. A comandare la graduatoria è, invece, il Liverpool di Jurgen Klopp con 63 punti. D’altro canto, per i Red Devils si tratta del secondo ko consecutivo in campionato. Gli uomini guidati da Erik ten Hag, infatti, erano reduci dalla sconfitta rimediata per 2-1 nella gara contro il Fulham.

Tra gli assoluti protagonisti della stracittadina di Manchester spiccano Phil Foden e Haaland, autori delle reti che hanno regalato i tre punti al Manchester City. Come riporta OptaJoe, tuttavia, i due assi degli Sky Blues (sei reti a testa contro lo United) sono gli unici calciatori che, dall’inizio della scorsa stagione, vantano il maggior numero di gol segnati contro un determinato avversario in Premier League. 

D’altro canto, in casa Manchester United non rimane in sordina la prestazione di Marcus Rashford. Artefice del gol del momentaneo 1-0, l’attaccante inglese ha segnato cinque gol contro il Manchester City in campionato. Meglio di lui solo Wayne Rooney ed Eric Cantona, classificati nelle prime due posizione di questa singolare graduatoria con rispettivamente otto e sette reti.

Continua a leggere

Flash News

Ranieri felice dopo la vittoria: “Partita di sofferenza, adesso un mese decisivo”

Pubblicato

:

cagliari

RANIERI – Al Castellani Computer Gross Stadium, il Cagliari ritrova il sorriso e la vittoria. La squadra rossoblù si è infatti imposta per 1-0 nella sfida contro l’Empoli. Decide la gara per gli ospiti la rete, al 69′, del centrocampista Jakub Jankto.

Con il successo odierno, la compagine sarda è tornata ai tre punti a distanza di quasi due mesi dall’ultima volta. Dalla vittoria per 2-1 contro il Bologna, risalente allo scorso 14 gennaio, il Cagliari aveva racimolato quattro sconfitte e due pareggi. Gli uomini di Claudio Ranieri sono adesso situati in diciottesima posizione in campionato, a quota 23 punti.

Ai microfoni di DAZN, all’interno del post partita, è stato intercettato il tecnico del Cagliari, il quale ha commentato la vittoria con l’Empoli. Di seguito le parole di Ranieri.

RANIERI: “PARTITA DI SOFFERENZA, IL CAMMINO È LUNGO”

EMPOLI – “È stata una partita di sofferenza, in alcuni momenti della gara eravamo troppo larghi e questo non va bene. Stiamo lavorando per correggere anche questi aspetti. Tuttavia dobbiamo tener presente che abbiamo affrontato un avversario forte, in forma, ben allenato, che era reduce da risultati positivi e che sta per tirarsi fuori da questa situazione”.

PARTITA –  “La nostra forza è quella di sentire dentro di noi la serie B, nel ricordo di quello che abbiamo dovuto fare l’anno scorso per tornare in A. La squadra ha saputo soffrire, ci siamo ricompattati, davanti c’era solo Lapadula anche a causa delle assenze per infortunio. Per fortuna Luvumbo dovrebbe essere a disposizione già sabato prossimo contro la Salernitana”.

FUTURO – “Ho detto ai ragazzi che oggi iniziava un mese decisivo, nel quale capire dove possiamo arrivare. Il cammino è lungo ma dipende da noi e ci sono i presupposti per coronare questo sogno. Sono felice anche per il gol di Jankto, ragazzo che corre tantissimo e che sta dando una grossa mano”.

TIFOSI “Anche i tifosi ci hanno aiutato. Li sentivamo, ci seguono anche se siamo tra le ultime tre. E questo impone di dare il massimo fino alla fine”.

Continua a leggere

Flash News

Nicola post Empoli-Cagliari: “Non abbattiamoci e ripartiamo per i prossimi impegni”

Pubblicato

:

Davide Nicola, allenatore dell'Empoli

EMPOLI NICOLA – Al Computer Gross Stadium, l’Empoli cade per 1-0 nella sfida salvezza contro il Cagliari. A decidere il match è la rete, siglata al 69′, da Jakub Jankto in favore dei rossoblù.

Quella maturata in data odierna, è la prima sconfitta subita dagli azzurri con Davide Nicola in panchina. Nelle precedenti sei giornate, infatti, il ruolino di marcia era stato rutilante con dodici punti conquistati. Un risultato convincente, figlio di tre vittorie (Monza, Salernitana e Sassuolo) e altrettanti pareggi ( Juventus, Genoa e Fiorentina).

Oggi, dunque, nella gara, valida per la 27° giornata di Serie A, è arrivato anche il primo ko sotto la gestione del tecnico ex Salernitana. Ai microfoni di DAZN, nel post partita Davide Nicola ha commentato la gara contro il Cagliari. Di seguito riportiamo le sue parole.

NICOLA: “ADESSO RIPARTIAMO”

SCONFITTA – “Sicuramente è una sconfitta che dispiace, soprattutto per i ragazzi. Per 70 minuti ho visto una squadra accorta, ben messa in campo, vicina al gol in diverse occasioni. Non commento le situazioni arbitrali, mi soffermo su una gara che si è chiusa con un risultato negativo. Tuttavia credo che sarebbe stato sacrosanto portare a casa almeno un punto per quelle che sono state le situazioni prodotte”.

ATTACCANTI“Cambiaghi può migliorare, ma ha fatto molte cose buone. Destro non è ancora al top dal punto di vista fisico, ma servivano le sue caratteristiche per provare a creare problemi all’avversario”.

FUTURO“Ora dobbiamo essere bravi a non abbatterci, quando sono arrivato ho detto ai ragazzi che sarebbe stato un percorso lungo e difficile e che dovevamo rimanere aggrappati al gruppone. Vedo voglia e determinazione, quando abbiamo preso il gol siamo stati comunque bravi a riportarci in avanti. Guardiamo avanti e prepariamo la prossima, che sarà altrettanto complessa”.

Continua a leggere

Flash News

La Salernitana chiede il risarcimento danni a Dia: le ultime

Pubblicato

:

RICHIESTO UN RISARCIMENTO DANNI A DIA – Dia e la Salernitana non sono mai stati lontani come in questo preciso momento storico.

A riaccendere il fuoco di un’astio tra le due parti mai così particolarmente celato, è stato quanto accaduto nella giornata di ieri in occasione di Udinese-Salernitana. Negli ultimi minuti di gioco e sul risultato di 1-1, il tecnico Fabio Liverani ha chiesto all’attaccante di subentrare, alla disperata ricerca di un gol valevole i tre punti. A questa richiesta, il classe ’96 ha deciso di rifiutare l’ingresso in campo creando così un polverone senza precedenti.

Una decisione, quella dell’ex attaccante del Villarreal, che come rivela La Gazzetta dello Sport rischia di avere degli strascichi extracampo molto importanti. Già nell’intervista post partita ai microfoni di DAZN, Liverani ha annunciato con una calma olimpica la decisione di non voler più contare su Dia nelle prossime partite, ponendolo così fuori rosa. Sarà quindi ancora un calciatore della Salernitana, ma solo formalmente.

Il presidente Iervolino nelle ultime ore pare però voler prendere ulteriori provvedimenti disciplinari. Come riporta ancora la rosea, infatti, l’intenzione della Salernitana è quella di rivolgersi al Collegio Arbitrale: i granata vogliono infliggere al giocatore senegalese una multa pari al suo stipendio fino alla conclusione della stagione.

 

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969