Connect with us

Flash News

Dionisi annuncia: “Berardi è indisponibile, domani equilibrio e umiltà”

Pubblicato

:

Sassuolo

Alla vigilia della difficile sfida contro l’Inter, l’allenatore del Sassuolo Alessio Dionisi ha parlato alla stampa in occasione della conferenza di rito. Queste le parole del tecnico toscano sulla partita che si giocherà domani a Reggio Emilia alle ore 15: “Domani giochiamo con una delle squadre candidate alla vittoria finale, che lotterà fino alla fine e ne sono sicuro. Dovremo scendere in campo con equilibrio e umiltà domani”. 

Sull’Inter: “Non è un Inter dai due volti. Con la Roma meritava di vincere, con il Barcellona ha fatto una partita da Inter. Sono state due gare diverse, due atteggiamenti diversi e credo che l’Inter abbia fatto bene in entrambe le sfide, poi dopo si tende a parlare del risultato positivo e negativo. Mi aspetto un’Inter che verrà da noi per vincere e noi la affronteremo per vincere”. 

Su Berardi, assente dalla quarta giornata: “Purtroppo domani non sarà disponibile, si sta avvicinando il momento, spero possa essere la prossima partita. Lui è una perdita importante, ora la squadra non sta facendo pensare troppo a lui. Io ci penso, spero rientri presto”. 

Su Pinamonti: “Penso che sentisse di più la partita precedente. Se ne parla tanto quando un giocatore fa bene ma non fa gol, in questo caso un attaccante. Ma mi devo abituare io, quest’anno si parlerà tanto dei giocatori che ci sono, deve essere bravo Andrea a fregarsene di questo. Se si parla di un giocatore è perché si hanno aspettative e lui sta facendo bene”. 

Sui 5 clean sheets registrati nelle prime 8 giornate di campionato: “In questo momento devo dire che il grande merito va dato ai ragazzi, vedo un atteggiamento diverso, le partite sono una continuità degli allenamenti. L’atteggiamento ti dà qualcosa, se metti un atteggiamento positivo nella partita anche in fase difensiva ti ritrovi qualcosa, i ragazzi ci stanno credendo. Per me conta ottenere i risultati, cercare un equilibrio migliore rispetto a quello mostrato sul campo e i ragazzi stanno dimostrando di volerlo. Noi vogliamo ottenere risultati attraverso il gioco ma a volte si ottiene limitando gli avversari, non è sminutivo questo. Domani gli avversari sulla carta sono più forti di noi ma dovremo essere bravi quando non avremo la palla”. 

Sul suo Sassuolo: “La partita di domenica contava tanto, arrivava dopo la sosta, poteva sembrare una partita semplice anche se non lo è stato. Difficile pensare che contro l’Inter si possa entrare in campo con superficialità. Dobbiamo entrare in campo con consapevolezza, equilibrio e umiltà”.

Sui cambiamenti del Sassuolo rispetto alla scorsa stagione: “Si vive il momento pensando al domani. L’allenatore deve mettere i giocatori nel ruolo giusto e poi nelle condizioni migliori, infine rendere la squadra più prestativa possibile. Quasi tutti gli allenatori vorrebbero far gol, giocare alto, ecc. A me piacerebbe, dobbiamo adeguarci alle nostre qualità, agli avversari e alla partita, adeguarci alla partita è la cosa importante e la dimostrazione è domenica dove la Salernitana ha osato tanto, non c’era la possibilità di fare tanto fraseggio nella metà campo offensiva, la partita si fa in due. Domani gli avversari magari la faranno anche tanto, dovremo essere bravi, per me l’obiettivo più grande è che la squadra si adegui alla partita, non facendosi condizionare dagli episodi, e che abbia un equilibrio. Siamo cresciuti in questo, dovremo essere equilibrati”.

Sulle nomination al Galà del calcio, in cui non figura neanche un giocatore del Sassuolo: “Non mi interessa, sinceramente. Normale che si tenda ad esaltare le squadre che hanno vinto, si viene giudicati dall’esterno per i risultati, non è un problema per me e non deve esserlo nemmeno per i tesserati del Sassuolo”.

Sulla rischio di esaltarsi troppo: “Un po’ di rischio c’è, è una cosa che non mi piace. Io vorrei che non fosse così. So che non è facile, tanti giornali di calcio scrivono ogni giorno, di conseguenza dobbiamo essere al di sopra di questo. Viene a pennello la partita contro l’Inter, una squadra più forte di noi sulla carta. Difficile pensare che si possa andare in campo con superficialità in campo domani, altrimenti faremmo la fine che abbiamo fatto contro il Milan nel finale della scorsa stagione”. 

Una chiusura sulle possibili novità di formazione e sulla situazione degli infortunati: “Ad oggi non lo so ancora. Ci alleneremo oggi pomeriggio, le scelte le farò in funzione dell’allenamento. È bello poter scegliere, in alcuni momenti del campionato questo può non esserci, perché le scelte nelle gare precedenti erano ridotte, speriamo di scegliere bene perché le ultime scelte sono state positive. Gli indisponibili sono gli stessi della partita precedente. Berardi non ci sarà, dobbiamo valutare Traore. Non vale la pena forzare, abbiamo l’allenamento di oggi per capire se sarà della partita, nì, disponibile forse”. 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Spal-Modena, le formazioni ufficiali: torna Diaw e sfida La Mantia

Pubblicato

:

Brescia

La Spal ospita il Modena, reduce dalla vittoria in un altro derby contro il Parma. La squadra di De Rossi nell’ultimo turno ha perso con il Brescia e vuole ripartire vincendo in casa. Il Modena invece è tornato alla vittoria che mancava dal 15 ottobre. Nei canarini torna Diaw a guidare l’attacco e viene confermato Renzetti dopo la grandissima prestazione di Parma. Per la Spal La Mantia e Moncini guideranno l’attacco con Meccariello, obiettivo di mercato del Modena, in difesa.

LE FORMAZIONI UFFICIALI

SPAL (3-5-2): Alfonso; Peda, Meccariello, Dalle Mura; Dickmann, Valzania, Esposito, Proia, Celia; La Mantia, Moncini. All. De Rossi

MODENA (4-3-1-2): Gagno; Oukhadda, Silvestri, Pergreffi, Renzetti; Armellino, Gerli, Poli; Tremolada; Diaw, Falcinelli. All. Tesser

Continua a leggere

Calcio Internazionale

La probabile formazione dell’Inghilterra: un ballottaggio in attacco

Pubblicato

:

Inghilterra

Dopo la brillante vittoria contro il Galles, Southgate sembra orientato a confermare contro il Senegal il 4-3-3 che ha soddisfatto i tifosi inglesi e a riproporre alcuni giocatori che hanno riposato nella partita di martedì sera. Il ballottaggio principale riguarda le ali che assisteranno Kane, con Saka, che era rimasto in panchina contro il Galles dopo le buone prestazioni con Iran e Stati Uniti, Rashford e Foden, autori dei gol nell’ultima partita, che si spartiranno i due posti rimanenti: uno di loro rimarrà in panchina e secondo Sky Sports il giocatore dell’Arsenal è in vantaggio.

Pochi dubbi per quanto riguarda difesa e centrocampo: Southgate presenterà la retroguardia di fiducia composta da Shaw, Maguire, Stones e Trippier davanti a Pickford e il centrocampo dinamico con Rice, Henderson e la stellina Bellingham, protagonista di un eccellente mondiale finora.

PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3): Pickford; Trippier, Stones, Maguire, Shaw; Henderson, Rice, Bellingham, Saka, Rashford, Kane.

Continua a leggere

Flash News

Zielinski carica la Polonia: “Possiamo battere la Francia”

Pubblicato

:

Napoli

Oggi alle ore 16 andrà in scena FranciaPolonia, il terzo ottavo di finale dei Mondiali. In conferenza stampa, per la Nazionale biancorossa è intervenuto Piotr Zieliński, centrocampista di proprietà del Napoli. Queste le sue dichiarazioni sul match odierno:

“L’atmosfera è giusta, possiamo giocarcela. Ci crediamo, possiamo batterli e andare ai quarti. Daremo tutto. Loro sono i campioni in carica ma anche noi siamo una buona squadra.  Dove giocherò? Beh, io sono un centrocampista.  Posso giocare  in tante posizioni. Il mister deciderà quale sarà la posizione migliore per aiutare la squadra ed io sono pronto a dare il mio contributo”.

Continua a leggere

Flash News

Juventus, nuove intercettazioni di Cherubini: “Paratici è pericoloso”

Pubblicato

:

Nedved

Sono momenti concitati in casa Juventus. Nuove intercettazioni, riportate dalla Gazzetta dello Sport, avrebbero reso noti i movimenti di mercato dei bianconeri. Pare che la gestione di Paratici fosse caratterizzata anche per alcune spese folli. A rivelarlo è Federico Cherubini, ex ds della Vecchia Signora, in un’intercettazione: “Fabio ha drogato il mercato. Anche Kulusevski o Chiesa che sono ottimi giocatori, ma quando li abbiamo comprati noi li abbiamo pagati troppo. Kulusevski aveva fatto cinque mesi in Serie A e l’abbiamo pagato 35 più 9 di bonus: sono 44”.

Inoltre, l’acquisto dello svedese viene nominato tra quelli “senza senso” dall’attuale d.s., insieme alle operazioni di Muratore, Romero e Demiral, mai dichiarate a bilancio. Dal 2018 al 2021,inoltre, Paratici poteva firmare su operazioni di massimo 50 milioni: “Se Fabio si svegliava la mattina e aveva mal di testa o beveva un bicchiere poteva firmare 20 milioni senza dirlo a nessuno. Era pericoloso. Il cappello sopra Fabio io l’avrei messo a sua tutela – Prosegue Cherubini – perché è campione del mondo, trequartista, numero 10… però viene valorizzato da chi gli dà equilibrio da sopra, che ogni tanto gliene stoppa uno di affare. Lui a un certo punto non aveva più questo filtro. Non agiva per la Paratici srl, ma per la Juve eh. Ha fatto un fuori giri! E ti ha portato a fare delle operazioni che in un contesto di normalità non puoi fare… Spinazzola-Pellegrini non puoi farlo”.

Inoltre, come dichiarato da lui stesso, Cherubini sarebbe andato in crisi: “Ho avuto delle sere che tornavo a casa e mi veniva da vomitare solo a pensarci. Mi sentivo che mi stavo vendendo l’anima perché ero complice di alcune cose”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969