Connect with us
Scambio Bernardeschi-Rakitić, Paratici frena: "Nulla di concreto"

Flash News

Scambio Bernardeschi-Rakitić, Paratici frena: “Nulla di concreto”

Pubblicato

:

Prima dell’inizio del posticipo domenicale tra Juventus e Parma, Fabio Paratici, come di consueto, si è concesso ad alcune interviste pre-partita. Diversi i temi affrontati dal dirigente bianconero, tra i quali il ricordo di Anastasi, bandiera della Juventus e scomparso pochi giorni fa, e il presunto scambio Bernardeschi-Rakitić con il Barcellona.

“Stiamo parlando con il club catalano per due ragazzi molto promettenti (Matheus Pereira e Marques, ndr). Stiamo procedendo con questo tipo di operazione. Per quanto riguarda Bernardeschi, Rakitic e tutto quello che si è sentito, posso solo dire che è stata una cosa uscita questa estate, in termini proprio di ragionamenti generali, parlando di giocatori, vari, ma non c’è stato nessun interesse concreto né da parte nostra, né da parte loro“.

Paratici coglie l’occasione anche per ricordare il compianto Pietro Anastasi, ex calciatore di Juventus e Inter, scomparso all’età di 71 anni pochi giorni fa, e motivo per cui prima della gara dell’Allianz Stadium verrà rispettato un minuto di silenzio.

“Siamo vicini alla famiglia Anastasi. Anastasi non è stato solo un calciatore della Juve o delle altre squadre in cui ha militato, ma è anche stato un giocatore di tutta Italia. È stato un riferimento, un grande campione. L’altra sera stavo guardando con i miei figli la puntata di Gigi Riva e mi sono scoperto a spiegare ai miei figli chi fossero questi campioni che hanno ispirato un po’ tutti noi amanti del calcio”.

(Fonte immagine in evidenza: profilo Instagram @juventus)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Lukaku cerca la svolta per rimanere all’Inter, il derby può essere la chiave

Pubblicato

:

Lukaku Inter

La stagione di Romelu Lukaku all’Inter fino a questo momento non è andata come si attendeva, con il belga a lungo out per infortunio e praticamente mai a disposizione di Simone Inzaghi. Le aspettative erano diverse da entrambe le parti, con l’Inter che sperava di ricostituire la LuLa, il tandem Lukaku-Lautaro che tanto bene aveva fatto in passato. D’altra parte, l’ex Chelsea che sperava di ritrovare un ruolo da protagonista assoluto dopo la parentesi negativa a Londra.

La Gazzetta dello Sport fa sapere che chi è vicino a Lukaku assicura il massimo impegno da parte del numero 90. Il suo intento è guadagnarsi sul campo la permanenza a Milano e il prolungamento del prestito che l’Inter ha intavolato con il Chelsea. Il derby contro il Milan può rappresentare una di quelle chiavi per cui una stagione può svoltare, cancellando quanto di negativo c’è stato fino a prima del fischio d’inizio. Cinque reti segnate ai rossoneri in altrettante partite: Lukaku quando vede il Milan si scatena.

La condizione fisica va migliorando, e anche se viaggia verso una partenza dalla panchina, l’intenzione di Lukaku è quella di portare l’Inter alla vittoria grazie ai suoi gol che tanto mancano ai tifosi dell’Inter.

Continua a leggere

Flash News

Sassuolo, Laurentié spiazzato da Berardi: ”Pensava che meritassi di segnare”

Pubblicato

:

Sassuolo

Siamo tutti a conoscenza della roboante vittoria del Sassuolo contro il Milan a San siro: un sonoro 5-2 che ha distrutto psicologicamente la squadra di Pioli. E pensare che i neroverdi fino a quella partita avevano vinto solo 4 volte, collezionando ben 10 sconfitte. Durante la partita però, c’è stato uno strano evento.

Al primo minuto del secondo tempo. Siamo sul 3-1 per il Sassuolo. Armand Laurienté, ben servito dall’ormai ex compagno Traoré, brucia sullo scatto Calabria e viene steso. Rigore inevitabile. È quel che accade che spiazza tutti. Sul dischetto del rigore non va Domenico Berardi, il rigorista designato del Sassuolo, ma proprio Laurienté. Tiro, gol.

A spiegare il tutto è stato proprio lo stesso Laurentié in un’intervista alla Gazzetta dello Sport:

”Il dribbling è la mia interpretazione del gioco. Ho iniziato così sin da piccolo e tutti parlavano di quelli. Rigore contro il Milan? Berardi pensava che mi meritassi di segnare e per lui è stato un grande gesto e non me lo aspettavo. Della partita contro i rossoneri ricorderò sempre il silenzio dopo ogni nostro gol, è stato incredibile. Periodo negativo? Capita a tutte le squadre e noi tra infortuni e poca condizione non abbiamo fatto bene. Dionisi? Ci ha sempre detto di credere in noi stessi. Lui è sempre stato convinto che le cose sarebbero cambiate. Io vorrei trovare continuità e i gol per aiutare la squadra”.

 

Continua a leggere

Flash News

Pereyra non recupera: le scelte di Sottil per Torino-Udinese

Pubblicato

:

Pereyra

Roberto Pereyra non sarà disponibile per la gara di campionato che vedrà impegnata l’Udinese contro il Torino. Il Tucu non è riuscito a recuperare dall’infortunio, e come riporta il Messaggero Veneto sono bastate un paio di esercitazioni durante l’allenamento di ieri per far capire che è meglio evitare di forzare per allontanare lo spettro della ricaduta. Obiettivo recupero per il Sassuolo dunque.

Sottil per la sua Udinese deve fare i conti anche con l’indisponibilità anche Nestorovski in avanti, mentre sulla linea di centrocampo Samardzic dovrebbe essere confermato al fianco di uno tra Arslan e Lovric. Probabile impiego a gara in corso per il nuovo acquisto Thauvin.

Continua a leggere

Calciomercato

La rivelazione di Stefano Antonelli: “Era tutto fatto per Deulofeu al Tottenham”

Pubblicato

:

Deulofeu

Gerard Deulofeu, uno dei protagonisti della prima parte di stagione dell’Udinese, sarebbe stato molto vicino al trasferimento al Tottenham. Questa la dichiarazione rilasciata dall’intermediario dell’operazione, Stefano Antonelli, a TMW.

Durante la sessione di calciomercato invernale dunque, Deulofeu avrebbe lasciato l’Udinese per volare oltremanica e raggiungere Antonio Conte agli Spurs, ma l’infortunio al ginocchio dell’ex canterano del Barcellona ha bloccato tutto. Queste le parole di Antonelli:

LE PRETENDENTI – “Non è andato alla Roma ma soprattutto al Tottenham che è stata la squadra più vicina. Non se n’è parlato ed è stato giusto così, è stata una trattativa riservata“.

LA TRATTATIVA SALTATA – “Un’operazione praticamente conclusa. Poi il calciatore per un risentimento fisico ha dovuto fare una pulizia al ginocchio e così è saltato tutto“.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969