Connect with us

La nostra prima pagina

Alla scoperta di Yann Karamoh

Pubblicato

:

Mentre l’Inter è partita con la quarta in campionato, la dirigenza continua a lavorare sul mercato in queste ultime ore. Anche se i grandi colpi sognati dai tifosi nerazzurri non sono arrivati, si sta cercando di riempire le ultime lacune della rosa da disposizione di Luciano Spalletti. L’ultimo giocatore scritto sul taccuino di Sabatini e Ausilio, in tal senso, porta il nome di Yann Karamoh. Esterno d’attacco del Caen classe 1998, sarà nerazzurro con la formula prestito con obbligo di riscatto fissato a 5,5 milioni di euro. Uno sconto rispetto alle precedenti richieste del club francese, che pochi mesi fa partiva da una valutazione di 10 milioni di euro.

Karamoh, come tanti altri talenti di questa raggiante generazione bleu, ha percorso tutta la trafila delle giovanili della Francia: dall’Under 16 all’Under 21. Manca soltanto il debutto con la nazionale maggiore.

CHI È YANN KARAMOH?

Karamoh è un esterno d’attacco che si muove prevalentemente sulla fascia destra, anche se saltuariamente ha ricoperto anche il ruolo di “falso nueve”. Fisico non comune per ricoprire quella zona di campo: il giocatore del Caen è alto 185 centimetri. Più che nello scatto nel breve, la sua velocità si fa sentire con ampie falcate. Nonostante l’altezza, però, è anche molto agile.

Piede destro, non disdegna comunque di rientrare sul sinistro per mettere in area dei cross insidiosi. Nella stagione con il Caen ha mostrato di essere capace a svolgere un doppio importante ruolo: percorrere tutta la fascia per arrivare sul fondo e crossare, ma anche attaccare l’area di rigore alle spalle della difesa quando l’azione si volge sulla parte opposta del campo.

È il classico velocista che vive di strappi e fiammate durante la partita. Deve affinare parecchio il controllo di palla, il passaggio ed i movimenti tattici utili alla manovra collettiva della squadra. Naturalmente, a 19 anni, la sua pecca più grande è la poca continuità, ma non potrebbe essere altrimenti. È senza dubbio il classico diamante allo stato grezzo su cui lavorare, tipico colpo di Walter Sabatini. In Francia è paragonato a Kylian Mbappé, sia per la conformazione fisica che per lo stile di gioco.

NUMERI

Dal Caen all’Inter, sicuramente un salto di qualità importante per Yann Karamoh. È bastato un solo anno in Ligue 1 per convincere i nerazzurri a puntare su di lui. Cresciuto nel Racing Club de France, si è poi trasferito al Caen nel 2011. Già nel 2015 gli viene presentato il primo contratto da professionista, firmato ad appena 17 anni. Nella scorsa stagione è stato immediatamente impiegato in prima squadra, subentrando nella prima partita di campionato e ritrovandosi titolare già dalla seconda. Nella scorsa Ligue 1 ha collezionato 35 presenze e messo a referto 5 gol e 4 assist. Numeri di certo non al di fuori dalla media, ma che assumono un valore importante se si tiene in considerazione che si parla di un calciatore di appena 19 anni. Inoltre, è il giocatore che nella scorsa Ligue 1 ha completato più dribbling (51).

https://www.youtube.com/watch?v=DKk3JVHDwAQ

COSA PUÒ DARE A QUESTA INTER?

Questa è la domanda che ci poniamo non solo noi, ma anche i tifosi nerazzurri. Se l’Inter dovesse ufficializzare il suo acquisto (visite mediche svolte in mattinata), verrebbe subito aggregato alla prima squadra di Luciano Spalletti. Con la chance della prima squadra, Karamoh si andrebbe a posizionare nel ruolo ricoperto attualmente da Antonio Candreva, per dare a Spalletti un’alternativa e insidiare il giocatore della Nazionale italiana con una sana competizione, complice anche l’infortunio di Cancelo, capace di giocare in quel ruolo come visto nell’ultima uscita dei nerazzurri all’Olimpico.

Non è il colpo che fin dal primo anno può spostare gli equilibri di una squadra come l’Inter, in ricostruzione dopo molti anni difficili. Nel contesto di un mercato più ricco ed esperto però, Karamoh potrebbe rappresentare quella scheggia impazzita capace di dare spensieratezza ed imprevedibilità all’attacco ma soprattutto all’ambiente in quel di Milano.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Ora scricchiola la panchina di Flick: Tuchel il primo nome

Pubblicato

:

Germania

Il futuro dell’attuale tecnico della Germania, Hans-Dieter Flick, dopo la clamorosa eliminazione ai gironi di Qatar 2022 potrebbe essere all’epilogo.

L’ex allenatore del Bayer Monaco non ha nessuna intenzione di lasciare il posto di commissario tecnico della Nazionale tedesca, ma secondo Nicolò Schira la Federcalcio della Germania sta valutando di cambiare la guida tecnica e tra i canditati per la panchina c’è  Thomas Tuchel, che al momento si trova senza una panchina dopo essere stato esonerato dal Chelsea.

Vedremo se queste indiscrezioni daranno il via a una vera e propria trattativa per l’arrivo di Tuchel sulla panchina della Nazionale, anche perché il nome dell’ex tecnico dei Blues è quello che raccoglie più consensi in casa federale.

 

Continua a leggere

Flash News

Dumfries: “Depay anima della Nazionale, vogliamo vendicarci con l’Argentina”

Pubblicato

:

Dumfries

Dopo l’ottima prestazione contro gli Stati Uniti, condita da due assist e un gol, Denzel Dumfries ha parlato aVoetbalZone del Mondiale in Qatar. L’esterno dell’Inter ha detto la sua tutto il gruppo Oranje: “Questo è un gruppo unico. In ogni caso, perché giochiamo tutti in altri club e ci vediamo solo qui in Nazionale. Quando vedi come interagiamo gli uni con gli altri e come il gruppo interagisce tra loro, è speciale.

L’ala olandese si è concentrata a parlare anche dell’uomo simbolo di questa Nazionale, Memphis Depay: “Ha un ruolo importante in questo processo: parla con tutti e ci mancherebbe molto se non fosse qui con noi“.

Secondo Dumfries, l’attaccante del Barcellona ha un ruolo chiave anche per la religione: “E anche qui, il primo che ha davvero dato inizio è stato Memphis. Qualche anno fa ha chiamato insieme alcuni ragazzi che volevano pregare. Chiunque volesse partecipare era libero di aderire e quel gruppo continuava ad allargarsi. Cody Gakpo, per esempio, è molto coinvolto nella sua fede e cerca di includermi in essa, condividere certe esperienze o stimolarmi. Spesso mi unisco a lui per iniziare conversazioni e per discutere sulla fede. Preghiamo in gruppo prima della partita. La fede può dare molta forza e ci permette di rafforzarci a vicenda. In questo modo ottieni un legame più stretto”.

Dumfries ha poi fatto il punto della situazione sull’Argentina, avversario nei quarti di finale di questo Mondiale: “È un bellissimo match, ovviamente, vogliamo vendicarci per la partita del 2014. Dobbiamo prepararci in modo ottimale questa settimana per battere l’Argentina. È una buona squadra con molte qualità individuali, ma penso che abbiamo anche una squadra davvero fantastica e ho molta fiducia in essa. Questa settimana analizzeremo a fondo come possiamo giocare in questi spazi”.

Continua a leggere

Calciomercato

Il Monza pensa a Lucca per gennaio: le ultime

Pubblicato

:

Monza

Il Monza di Galliani e Berlusconi ha messo gli occhi su Lorenzo Lucca. L’ex calciatore del Pisa, che in estate è passato all’Ajax, fu preso in prestito con diritto riscatto. I lancieri su Lucca hanno dunque la precedenza sull’acquisto a titolo definitivo, ma nel caso in cui gli olandesi decidessero non esercitare questa opzione ecco che potrebbero entrare in gioco i brianzoli.

Già a gennaio, secondo TUTTOmercatoWEB, potrebbe esserci un tentativo per portare alla corte di Mister Palladino la punta italiana, anche se in quel caso ci sarebbe da trovare un accordo anche con la società di Amsterdam.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Il Portogallo passeggia sulla Svizzera: il tabellone definitivo dei quarti di finale!

Pubblicato

:

Pronostico Portogallo-Svizzera

Il Portogallo avvisa le concorrenti di essere un’autentica macchina da guerra, demolendo una Svizzera mai in partita, ma comunque non l’ultima Nazionale nel ranking FIFA. Vittoria più che convincente per 6-1, con la tripletta del 2001 Goncalo Ramos, schierato titolare al posto di Cristiano Ronaldo. A segno anche Leao nel finale,

Nel pomeriggio il Marocco ha scritto la storia del calcio nazionale e africano, battendo la Spagna ai rigori e raggiungendo i quarti di finale del Mondiale. E’ la quarta squadra africana della storia del torneo ad entrare nelle migliori otto.

Ecco l’elenco completo dei quarti di finale, alla luce delle partite odierne:

Quarto di finale 1 – Argentina-Olanda (venerdì 9/12 ore 20)

Quarto di finale 2 – Croazia-Brasile (venerdì 9/12 ore 16)

Quarto di finale 3 – Inghilterra-Francia (sabato 10/12 ore 20)

Quarto di finale 4 – Marocco-Portogallo (sabato 10/12 ore 16)

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969